Latte in polvere in Africa, sotto accusa il business di Nestlé e Danone – E qui parliamo di fare soldi sulla pelle di bambini che si ammalano o muoiono!

 

Latte in polvere

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Latte in polvere in Africa, sotto accusa il business di Nestlé e Danone – E qui parliamo di fare soldi sulla pelle di bambini che si ammalano o muoiono!

 

Da Il Salvagente:

Latte in polvere in Africa, sotto accusa il business di Nestlé e Danone

Un’accusa pesante che riporta alle campagne di decenni fa contro la pesante pressione a favore del latte in polvere nei paesi in via di sviluppo. È quella mossa dall‘Ong tedesca Aktion gegen die Hunger (Azione contro la fame), che in un recente rapporto punta il dito contro  Nestlé, Danone, e i principali produttori mondiali del sostituto del latte materno. I giganti alimentari fanno campagne pubblicitarie e informative a supporto del loro prodotto, spiega l’organizzazione tedesca in un recente rapporto. Ma, come riporta Der Spiegel, la somministrazione di prodotti artificiali al posto del latte materno può avere conseguenze negative, come si può osservare in Camerun: molti bambini sono cronicamente malnutriti, la loro crescita e lo sviluppo sono in ritardo, ogni decimo soffre di grave malnutrizione. La ragione principale di ciò è la scarsa igiene, la mancanza di accesso all’acqua pulita e le possibilità di refrigerazione. I sostituti del latte materno in queste condizioni spesso portano a malattie diarroiche – una delle cause più comuni di morte nei bambini.

Ignorato il codice internazionale dell’Oms

Già Nestlé nei primi anni ’70 fu accusata di uccidere più bambini con i suoi sostituti del latte di quanti ne avrebbe risparmiato. E nel 1981 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha stabilito nel Codice internazionale sulla commercializzazione dei sostituti del latte materno che non deve essere pubblicizzati al pubblico questi prodotti e che gli operatori sanitari non devono ricevere nessun incentivo per promuoverli, e infine che alle donne in gravidanza o neo-madri non possono essere concessi campioni gratuiti. Ma, a quanto risulta ad Aktion gegen die Hunger, oggi quasi nessuna azienda si attiene a queste prescrizioni, in mercato in costante espansione che raggiungerà oltre 58 miliardi di euro di fatturato il prossimo anno. L’Ong e altre organizzazioni hanno studiato come i principali produttori di sostituti del latte materno, Nestlé, Danone, FrieslandCampina, Kraft Heinz, Abbot e Reckitt Benckiser commercializzano i loro prodotti. Hanno raccolto esempi dal Camerun, dal Burkina Faso, dal Bangladesh, dall’Indonesia, dalla Tailandia, dall’Etiopia, dall’India e da molti altri paesi e ora hanno pubblicato i risultati in un rapporto.

Le violazioni

Hanno trovato numerose violazioni del codice del latte dell’Oms: Il personale ospedaliero e le farmacie ricevono denaro, regali o assistenza tecnica dai produttori per raccomandare sostituti del latte materno; i rappresentanti dell’azienda visitano regolarmente le stazioni sanitarie e promuovono i loro prodotti; gli annunci pubblicitari e i manifesti pubblicizzano i produttori con false promesse sulla salute; le impronte dell’imballaggio e le istruzioni per l’uso non sono scritte nella lingua locale; nelle pratiche mediche, i produttori emettono doni promozionali come penne o blocchetti per appunti con i loghi dei loro prodotti; in India, il denaro avrebbe dovuto riversarsi ai medici, i medici in Iraq hanno ricevuto premi come laptop o borse di studio.

I rischi per la salute dei bambini

Scrive Der Spiegel, “Secondo le organizzazioni che trattano l’argomento, il marketing ha un impatto: in tutti i paesi esaminati, dove i tassi di mortalità per malnutrizione sono molto alti tra i bambini sotto i cinque anni, una grande percentuale di giovani madri dichiara di aver ricevuto alimenti per l’infanzia dagli operatori sanitari”. Secondo la rivista medica “The Lancet” gli scienziati hanno avvertito già più di due anni fa che il passaggio dall’allattamento al latte artificiali ha “conseguenze catastrofiche per la salute delle generazioni successive”. Con l’allattamento al seno, ogni anno possono essere salvati più di 820mila bambini nel mondo.

La difesa delle aziende

Le aziende si stanno difendendo contro le accuse. FrieslandCampina, Reckitt Benckiser e Kraft Heinz hanno sottolineato che si attengono al Codice etico dell’OMS e rispettano le raccomandazioni per l’allattamento esclusivo durante i primi sei mesi di vita. Abbot e Nestlé scrivono di rispettare le leggi dei paesi in cui operano.Tuttavia, alcuni paesi non hanno implementato il codice Oms correttamente. Danone sottolinea che le proprie normative sono spesso più severe delle leggi locali. Ciononostante, è possibile che “le violazioni isolate delle nostre politiche e istruzioni avvengano a livello locale”.

 

fonte: https://ilsalvagente.it/2018/05/18/latte-in-polvere-in-africa-sotto-accusa-il-business-di-nestle-e-danone/36358/

Latte in polvere in Africa, sotto accusa il business di Nestlé e Danone – E qui parliamo di fare soldi sulla pelle di bambini che si ammalano o muoiono!ultima modifica: 2018-05-19T13:12:13+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento