USA, 11 miliardi per risarcire chi si è preso il cancro per il diserbante al glifosato Roundup. In Europa il glifosato (vietato quando era Monsanto e poi consentito quando è diventato Tedesco della Bayer) si può utilizzare: e la gente può prendersi il cancro!

 

glifosato

 

 

 

.

 

 

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

 

.

 

 

USA, 11 miliardi per risarcire chi si è preso il cancro per il diserbante al glifosato Roundup. In Europa il glifosato (vietato quando era Monsanto e poi consentito quando è diventato Tedesco della Bayer) si può utilizzare: e la gente può prendersi il cancro!

Il produttore tedesco di farmaci e pesticidi ha trovato un accordo con il 75% delle controparti, corrispondenti a 125.000 richieste di risarcimento già presentate o non ancora depositate. I casi risolti rappresentano circa il 95% di quelli attualmente in attesa di giudizio

Bayer raggiunge un accordo da quasi 11 miliardi di dollari per archiviare la vicenda dell’erbicida Roundup, al centro di ondate di cause per danni negli Stati Uniti per l’accusa di essere cancerogeno. Bayer aveva ereditato la saga del Roundup con l’acquisizione della statunitense Monsanto, avvenuta nel 2018 per 63 miliardi di dollari.

Il gruppo tedesco ha concluso un’intesa che copre 95.000 casi, tre quarti dei 125.000 americani che si considerano ad oggi vittime dell’erbicida. Se si considerano le denunce pronte per l’appuntamento in tribunale, il patteggiamento ne risolve il 95 per cento.

La vicenda ha per anni scosso il gruppo e i suoi vertici, sulla scorta di verdetti che hanno visto Bayer bocciata dalle giurie nonostante abbia difeso la sicurezza del Roundup. Il suo componente chiave è il glifosato, sospettato di provocare il linfoma non-Hodgkin.

L’accordo prescrive un pagamento tra gli 8,8 e i 9,6 miliardi per risolvere le battaglie legali in corso. Altri 1,25 miliardi saranno destinati a un’intesa per coprire future denunce e a finanziare studi sui rischi associati al glifosato.

Gli altri patteggiamenti – Separatamente, la Bayer ha detto di aver accettato di pagare circa 820 milioni di dollari per liquidare la maggior parte delle richieste di risarcimento per l’acqua contaminata da bifenili policlorurati, o PCB, e fino a 400 milioni di dollari per risolvere le richieste di risarcimento relative ai danni causati da dicamba, un altro diserbante.

Contro i querelanti che ritengono l’erbicida responsabile dei loro tumori, la Bayer, che nega ogni nesso di causalità, ha già perso diverse cause.

L’accordo non chiude però tutte le cause in corso negli. Vi sono ancora 30 mila casi in cui gli avvocati devono ancora concordare un’intesa.

In Europa la questione del divieto d’utilizzo del glifosato è spaventosamente contraddittoria. Prima – quando era Monsanto – era vietato, poi quando è diventato Bayer, è stato “sdoganato”.

Il primo ottobre del 2019, la Corte di Giustizia Ue ha riaperto il caso sulla base della causa presentata dal Tribunale penale di Foix (Francia) dopo la protesta dei “Mietitori volontari anti ogm dell’Ariège”.

Il gruppo ambientalista era stato accusato di aver danneggiato dei bidoni di Roundup, contenente glifosato, nella città di Pamiers. Da qui è seguita la domanda di chiarimenti alla Corte Ue da parte della giustizia francese sulla validità della normativa europea inerente l’utilizzo dell’erbicida.

Ma il risultato della corte europea è stato quantomeno sconcertante: “Non sussiste alcun elemento capace d’inficiare la liceità dell’uso del glifosato”.

Prodotto dalla Monsanto e introdotto nel 1974, dalla sua immissione nel mercato con il nome di “Roundup”, ne sono state spruzzate sui campi milioni di tonnellate. Si tratta di un prodotto economico e semplice da utilizzare.

Nel 2015, l’agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc), che fa parte dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), inserisce il glifosato nella lista delle sostanze “probabilmente cancerogene”, quindi nel gruppo 2A.

Ma a novembre del 2015 l’agenzia europea EFSA pubblica una valutazione del glifosato che contrasta con la conclusione della IARC: il glifosato non sarebbe genotossico (vale a dire non danneggerebbe il DNA) e non rappresenterebbe un rischio di indurre nell’uomo il cancro.

Nel 2017, il Guardian ha scoperto che molte pagine del rapporto dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) per la valutazione dei rischi dell’uso del glifosato, erano sono state copiate dalla richiesta di rinnovo dell’autorizzazione da parte delle aziende che lo producono.

Poi nel 2018, la proprietà e la vendita del Roundup passa da Monsanto a Bayer, cioè da una multinazionale statunitense ad una tedesca. E in Europa per la vendita del Roundup si aprono porte prime chiuse o socchiuse.

A poco più di due anni di distanza dalla decisione sul rinnovo dell’autorizzazione Ue all’erbicida più diffuso al mondo – ma sotto accusa per la potenziale cancerogenicità – gli stati europei si sono messi decisamente in ordine sparso in vista della sua possibile messa al bando nel 2022, quando scadrà il permesso dimezzato a cinque anni per favorire un compromesso l’agricoltura sarebbe rimasta di fatto senza alternative.

In Italia, il Decreto del 9 agosto 2016 del Ministero della Salute non mette al bando i prodotti fitosanitari contenenti la sostanza attiva glifosato. Semplicemente, ne modifica le condizioni d’impiego. Ad oggi, le limitazioni sull’uso dell’erbicida Roundup riguardano:

  • l’uso non agricolo su suoli che presentano una percentuale di sabbia superiore all’80%, nelle aree vulnerabili, nelle zone di rispetto e nelle aree frequentate dalla popolazione quali parchi, giardini, campi sportivi e aree ricreative, cortili e aree verdi all’interno di plessi scolastici, aree gioco per bambini e aree adiacenti alle strutture sanitarie;
  • l’uso in antecedente la raccolta teso solo a ottimizzare il raccolto o la trebbiatura.

Per tutti gli altri casi, invece, i prodotti fitosanitari contenenti il potente erbicida continuano a essere autorizzati e ampiamente utilizzati.

 

USA, 11 miliardi per risarcire chi si è preso il cancro per il diserbante al glifosato Roundup. In Europa il glifosato (vietato quando era Monsanto e poi consentito quando è diventato Tedesco della Bayer) si può utilizzare: e la gente può prendersi il cancro!ultima modifica: 2020-06-26T23:24:59+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento