Attenzione – La scienza in soccorso dei golosi: Più cioccolato si mangia meno grassi si depositano sul corpo…!

cioccolato

 

cioccolato

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

 

Attenzione – La scienza in soccorso dei golosi: Più cioccolato si mangia meno grassi si depositano sul corpo…!

Più cioccolato si mangia meno grassi si depositano sul corpo

Studio mostra che non fa ingrassare

Il cioccolato non fa ingrassare: il più grosso studio mai condotto finora su un campione di adolescenti europei mostra che al crescere dei consumi di cioccolato diminuiscono i grassi totali distribuiti sul corpo dei giovani (grasso superfluo distribuito su tutto il corpo e in particolare sull’addome), indipendentemente dall’attività fisica svolta e dalla dieta dei giovani.

E’ quanto dimostra uno studio condotto presso l’Università di Granada e pubblicato sulla rivista Nutrition. Lo studio fa parte del progetto HELENA (Healthy Lifestyle in Europe by Nutrition in Adolescence), finanziato dall’Unione Europea.

Gli esperti hanno monitorato i consumi di cioccolato di quasi 1500 adolescenti di sei paesi europei e visto che, indipendentemente da alimentazione ed attività fisica svolta, il consumo di cioccolato è inversamente proporzionale ai grassi corporei, stimati e misurati in vario modo (attraverso l’indice di massa corporea, il girovita e una misura particolare che si fa chiamata ‘analisi della bioimpedenza’). Insomma più cioccolato consumavano, meno grassi erano i giovani.

Secondo gli esperti il motivo è da ricercarsi negli antiossidanti del cioccolato, le catechine, che potrebbero favorire la salute corporea e un corretto metabolismo, compensando il contenuto calorico del cioccolato.

fonte: Ansa

http://www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/alimentazione/2013/11/08/Piu-cioccolato-mangia-meno-grassi-depositano-corpo_9587129.html

Attenzione – La scienza in soccorso dei golosi: Più cioccolato si mangia meno grassi si depositano sul corpo…!ultima modifica: 2017-04-08T23:06:51+00:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento