Deforestazione: ecco come McDonald’s e Nestlé contribuiscono ai roghi in Amazzonia!

 

Deforestazione

 

 

.

 

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

 

.

 

Deforestazione: ecco come McDonald’s e Nestlé contribuiscono ai roghi in Amazzonia!

Il rogo dell’Amazzonia e l’oscuramento dei cieli da San Paolo, in Brasile, a Santa Cruz, in Bolivia, hanno catturato l’attenzione del mondo intero. Gran parte della colpa degli incendi è giustamente caduta sul presidente brasiliano Jair Bolsonaro per aver incoraggiato direttamente l’incendio delle foreste e il sequestro delle terre delle popolazioni indigene.

Ma l’incentivo alla distruzione proviene anche da grandi aziende internazionali di carne e soia come JBS e Cargill, e da marchi globali come Stop & Shop, Costco, McDonald’s, Walmart / Asda e Sysco che acquistano da loro e vendono al pubblico. Sono queste aziende che stanno creando la domanda internazionale che finanzia gli incendi e la deforestazione. La ong Might Earth ha fotografato le aziende nascoste dietro gli incendi in Amazzonia e per ciascuna ha tracciato un profilo. Mighty Earth spiega che la distruzione per ingrandire e rinnovare pascoli e piantagioni (i roghi servono anche a bruciare coltivazioni precedenti) è funzionale al business delle grandi compagnie internazionali. Quelle specializzate nella produzione, come JBS, Bunge e Cargill, o quelle più attive nella trasformazione e distribuzione, come Stop & Shop, Costco, McDonald’s, Walmart/Asda, Carrefour, Nestlé, Burger King e Sysco, che acquistano il prodotto per trasformarlo e venderlo al pubblico. Nomi che, in qualche caso, dicono molto anche ai consumatori italiani.

McDonald’s: McDonald’s è probabilmente il cliente più grande e più importante di Cargill. I ristoranti McDonald’s sono essenzialmente vetrine di Cargill. Cargill non fornisce solo pollo e manzo a McDonald’s, ma prepara e congela anche hamburger e McNugget, che McDonald’s semplicemente riscalda e serve.

Burger King / Restaurant Brands International: la pratica di Burger King di vendere carne legata a Cargill e ad altri cacciatorpediniere forestali ha fatto guadagnare al gigante del fast food uno zero sulla scorecard della deforestazione di Union of Concerned Scientists. Burger King ha chiesto a Cargill di smettere di distruggere le foreste nella loro catena di approvvigionamento … ma il temine per cambiare è il 2030. È anche un cliente importante di JBS. Burger King fa parte della catena Restaurant Brands International (RBI) che comprende anche Tim Horton e Popeye.

Nestlé: con sede in Svizzera, Nestlé è la più grande azienda di alimenti e bevande al mondo. Nestlé è stata tra le prime aziende a prendere impegni a zero deforestazione, ma ha iniziato a monitorare effettivamente le sue catene di approvvigionamento nove anni dopo nel 2019 – e solo per l’olio di palma, non per la soia o la polpa / la carta.Recentemente certificando il 77 percento della sua catena di approvvigionamento come privo di deforestazione, Nestle continua ad acquistare da Cargill per il suo marchio per alimenti per animali domestici, Nestlé Purina Petcare. I dati di Bloomberg mostrano anche Nestlé come uno dei principali clienti di Marfrig.

Carrefour: la società francese Carrefour è una delle più grandi catene di supermercati del mondo, la maggior parte proprietaria delle più grandi catene di supermercati del Brasile, a rischio di deforestazione causata dal bestiame. Ha collegamenti significativi con la catena di fornitura a Cargill e JBS. Carrefour si è impegnata ad eliminare la deforestazione dai suoi prodotti entro il 2020, ma la politica non si applica ai prodotti di carne bovina trasformati o congelati, il che significa che solo circa metà della distribuzione di carni bovine Carrefour in Brasile è coperta dalla sua politica di deforestazione zero. Secondo la Chain Reaction Research, il 35 percento delle carni bovine da esso campionate proveniva da macelli situati all’interno dell’Amazzonia legale, di cui un 2,3 percento da macelli ad alto rischio.

 

 

tratto da: https://ilsalvagente.it/2019/09/17/deforestazione-come-mcdonalds-e-nestle-contribuiscono-ai-roghi-in-amazzonia/

 

Deforestazione: ecco come McDonald’s e Nestlé contribuiscono ai roghi in Amazzonia!ultima modifica: 2019-09-20T22:59:53+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento