Qualcuno osa sfidare la lobby della Sanità? – Dovete operarvi per una spalla rotta? Nessun problema, basta aspettare poco più di UN ANNO… Ma se potete pagare 23 mila euro, l’operazione la fate entro otto giorni NELLO STESSO OSPEDALE PUBBLICO!

 

Sanità

 

.

SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti

.

.

 

Qualcuno osa sfidare la lobby della Sanità? – Dovete operarvi per una spalla rotta? Nessun problema, basta aspettare poco più di UN ANNO… Ma se potete pagare 23 mila euro, l’operazione la fate entro otto giorni NELLO STESSO OSPEDALE PUBBLICO!

 

Qualcuno osa sfidare la lobby della sanità?

 

Fate una prova: fingete di avere una spalla rotta e dover fare un intervento chirurgico per istallare una protesi. Ipotizziamo di essere in una Regione “virtuosa” come la Toscana: secondo le linee guida regionali (quasi identiche in ogni Regione), a ciascun paziente in attesa di un intervento viene dato un codice di priorità che varia da A1per i casi più gravi che necessitano intervento immediato fino a D per quelli che possono attendere.

Se avete la spalla rotta e la situazione è grave ma non gravissima vi assegneranno il codice B, massimo 60 giorni di attesa per l’operazione. Ma tale attesa è solo teorica, e nella realtà questo tempo non è mai rispettato: in una Regione “virtuosa” come la Toscana, per esempio, si prevede una attesa di almeno 1 anno e 2 mesi per questo tipo di interventi, sei volte quanto previsto dalla normativa regionale. Ma c’è una scappatoia: pagare. Se infatti siete disposti a spendere 23 mila euro (questo il costo di una operazione protesica di spalla al Careggi), lo stesso medico che vi ha visitato nello stesso ospedale pubblico dove siete in visita vi può operare quando volete, entro otto giorni dalla visita.

Questo sistema, disciplinato da ultimo dalla legge 189 del 2012, si chiama “intra-moenia” e consente l’esercizio di attività libero professionale intramuraria da medici di ospedali pubblici trasformando, così, il luogo pubblico in una clinica privata a disposizione del professionista.

Secondo la normativa vigente il paziente, in questo caso, deve pagare interamente l’equipe medica, il personale anche infermieristico di supporto, i costi pro-quota per l’ammortamento e la manutenzione delle apparecchiature nonché assicurare la copertura di tutti i costi diretti e indiretti sostenuti dalle aziende. Il medico e l’ospedale che ospita tale attività guadagnano sul paziente facendo leva sul suo stato di bisogno: il professionista sarà libero di farsi remunerare come un collega di una clinica privata e l’ospedale potrà chiudere i bilanci in attivo grazie al significativo contributo del paziente. Questo sistema pone una serie di problematiche giuridiche, economiche e, soprattutto, etiche.

Secondo il XX Rapporto Pit Salute di Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato (Tdm) pubblicato a fine dicembre, le liste d’attesa negli ospedali pubblici si allungano sempre di più con attese medie di 13 mesi per una mammografia, un anno per una colonscopia, stesso periodo per una visita oncologica o neurologica.

A trarre un vantaggio diretto da questo stato di cose sono proprio i medici che esercitano la libera professione negli ospedali oltre agli stessi ospedali perché spesso il paziente, sconfortato dai lunghi tempi per un esame o un intervento, procedono in “intra-moenia” ricorrendo a prestiti e debiti pur di potersi operare.

Il meccanismo è perverso perché si basa su un doppio ruolo affidato dalla legge alla stessa persona: da un lato c’è il medico in quanto dirigente pubblico dell’ospedale che dovrebbe assicurare il rispetto delle linee guida regionali e che avrebbe come obiettivo per la propria performance la riduzione delle liste d’attesa; dall’altro c’è lo stesso medico in quanto libero professionista che ha interesse a tenere lunghe le attese così da incentivare i pazienti a ricorrere a lui privatamente. Si tratta di un meccanismo favorito dallo Stato stesso che, in tal modo, grazie al costo dell’intra-moenia, può coprire taluni costi del servizio sanitario.

È proprio in ciò la perversione di fondo di tale sistema che avvantaggia una specifica lobby a danno della tutela della salute dei cittadini.

È un punto che varrebbe la pena essere inserito nel programma del prossimo governo: ma chi governerà avrà la forza di fare gli interessi della comunità?

fonte: https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/qualcuno-osa-sfidare-la-lobby-della-sanita/

 

 

 

 

fonte: https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/qualcuno-osa-sfidare-la-lobby-della-sanita/

 

 

Pesticidi e salute, sono i bambini a pagare il prezzo più alto

 

Pesticidi

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

 

Pesticidi e salute, sono i bambini a pagare il prezzo più alto

Il costo più alto dei pesticidi? Lo pagano i bambini. Ad affermarlo è l’Unicef con un report pubblicato a gennaio e dedicato proprio ad approfondire l’impatto dei pesticidi sulla salute dei più piccoli.

Per capire di cosa si sta parlando, bisogna anzitutto tenere presente che nell’età dello sviluppo esistono specifiche “finestre di vulnerabilità”, cioè passaggi critici durante i quali «l’esposizione a sostanze tossiche può causare lesioni devastanti» come si legge nello studio intitolato “Understanding the impacts of pesticides on children”.

Nei primi dodici anni di vita, per fare un esempio, «è probabile che la stessa quantità respirata di una sostanza chimica sia dieci volte più tossica per un bambino che per un adulto».

Le forme di esposizione agli agenti chimici sono molteplici. Il bambino può incominciare a essere vulnerabile prima ancora della nascita (“born pre-polluted”): sostanze tossiche e interferenti ormonali possono accumularsi nel sangue delle donne incinte, così come nella placenta e nel latte materno. Tracce di Ddt, che possono rimanere nel suolo per centinaia di anni, sono state ritrovate nei fluidi amniotici, nella placenta, nel cordone ombelicale e nei feti.

Anche il consumo di frutta e verdura contaminata, naturalmente, incide moltissimo, talvolta a dispetto delle normative che impongono un limite massimo ai residui. Vi abbiamo parlato di recente di quanto il problema sia sentito, ad esempio, nel Sud Est asiatico: in Thailandia, secondo quanto riscontrato dal Pesticide Action Network nel 2016, tracce di pesticidi pericolosi banditi dal commercio sono state ritrovate in percentuali enormi, dal 35% al 100% dei campioni analizzati, nei prodotti venduti dai locali mercati e supermercati.

C’è infine una questione ancora più delicata, perché tocca un aspetto critico in una tragedia ancora più vasta, quella del lavoro minorile. Si stima che l’agricoltura assorba da sola il 71% del lavoro minorile, cioè che circa 108 milioni di bambini e bambine facciano parte di una manodopera invisibile e spesso sfruttata o, appunto, esposta a gravi pericoli per la salute.

Il settore agricolo è infatti uno dei tre più a rischio per quanto riguarda le malattie professionali: sempre secondo le stime, il 59% dei 68 milioni di bambini impiegati in mansioni pericolose lavora nei campi.

Un’indagine sulla filiera del cacao, condotta nel 2002, ha concluso che 284mila bambini lavorano nella trasformazione del cioccolato e 153mila di loro hanno irrorato pesticidi senza nessuna protezione. Nell’industria del cotone, sei dei sette principali produttori sono stati coinvolti nelle tratte del lavoro minorile, anche forzato.

Nel 2010, il Pesticide Action Network ha dichiarato che le vittime di avvelenamento acuto da pesticidi variano tra un minimo di 1 milione e un massimo di 41 milioni di persone ogni anno. Un quadro davvero molto difficile da circoscrivere, tanto da indurre lo Special Rapporteur delle Nazioni Unite per il Diritto al Cibo ad affermare «non ci sono statistiche attendibili e globali sul numero di persone soggette alla contaminazione da pesticidi».

Quel che si può invece affermare per certo è che, ancora una volta, a soffrire di più sono i lavoratori e i consumatori dei Paesi poveri. Sebbene in queste aree vengano messi in commercio solo il 25% dei pesticidi diffusi a livello mondiale, è qui che si concentrano il 99% dei casi di morte dovuta al loro utilizzo.

 

fonte: http://www.slowfood.it/pesticidi-e-salute-sono-i-bambini-a-pagare-il-prezzo-piu-alto/

 

Pesticidi neurotossici trovati nell’87% dei neonati (come ridurre l’esposizione)

Siamo abituati a pensare che solo il glifosato sia potenzialmente dannoso per la salute umane e per le colture, in realtà esistono tutta una serie di pesticidi che sempre più spesso finiscono nelle nostre tavole e quindi nel nostro corpo.
Qualche settimana fa avevamo parlato di come la campagna #ipesticididentrodinoi attraverso un esperimento aveva dimostrato che basterebbero due settimane di una dieta con prodotti senza pesticidi per abbattere e in alcuni casi azzerare il contenuto di sostanze inquinanti.

Oggi l’esposizione a pesticidi, erbicidi e insetticidi è aumentata notevolmente o semplicemente se ne parla di più. Di certo è che dall’Unione europea non arrivano risposte rassicuranti, ricordiamo che neanche un mese fa i paesi hanno salvato l’erbicida Roundup della Monsanto che sta avvelenando il mondo.

Ma come dicevamo, non è solo il glifosato a preoccupare. Ad esempio il chlorpyrifos secondo alcuni ricercatori potrebbe alterare lo sviluppo del cervello e causare danni cerebrali, anomalie neurologiche, ridotto quoziente intellettivo e aggressività nei bambini. Negli adulti, invece, la sostanza chimica sarebbe collegata al morbo di Parkinson e al cancro del polmone.

Il clorpirifos viene usato dal lontano 1965 nelle colture di grano, mais, frutta e verdura, come mele, ciliegie, fragole, broccoli, cavolfiori e tanti altri. Tutti cibi che dai campi arrivano nel nostro organismo. Il pesticida è usato non solo in America ma anche in Europa con dei limiti sui residui. Secondo uno studio, l’87% dei neonati eredita il clorpirifos dal cordone ombelicale.

Nonostante ciò l’EPA che è l’agenzia per la protezione dell’ambiente negli Stati Uniti, non ha rimosso il pesticida dal mercato, esattamente come è successo in Europa per il glifosato. E anche in questo caso, migliaia di cittadini avevano firmato una petizione per eliminarlo dalle colture.

E anche qui, si parla di conflitti d’interesse e di studi non propriamente indipendenti, ma già nel lontano 2014 era stato sollevato il problema relativo al clorpirifos quando uno studio aveva dimostrato che le donne incinte esposte al clorpirifos durante il secondo trimestre avevano un rischio aumentato del 60% di dare alla luce un bambino autistico.

Un altro studio aveva misurato i livelli di clorpirifos nel plasma materno e il cordone ombelicale di donne e bambini che vivevano in una comunità agricola, rilevando che in alcuni casi nel sangue materno ce n’era fino al 70,5% e nel cordone ombelicale fino all’87,5%.

Come ridurre l’esposizione ai pesticidi? 

Come abbiamo detto più volte, i pesticidi vengono utilizzati nell’agricoltura intensiva per proteggere le coltivazioni dai parassiti, al fine di ottenere raccolti più abbondanti. La frutta e la verdura non vengono intaccate dai parassiti, ma su di esse permangono sostanze chimiche potenzialmente dannose per la salute. e diverse ricerche lo dimostrano.

Se da un lato è impossibile evitare l’esposizione esistono tuttavia degli accorgimenti che possiamo prendere nella vita di tutti i giorni per ridurre il contatto. Ecco alcuni suggerimenti:

  • Mangiare prodotti biologici e cibi fermentati
  • Lavare bene frutta e verdura prima di consumarla
  • Conoscere quali sono i vegetali più contaminati
  • Se si ha la possibilità coltivare il proprio orto
  • Togliersi le scarpe prima di entrare in casa per tenere lontani agenti nocivi

fonte: https://www.greenme.it/vivere/speciale-bambini/26051-pesticidi-neonati-chlorpyrifos

Smog, la battaglia Europea dei Cinquestelle: non multate i cittadini, multate chi inquina e i partiti amici dei petrolieri! 

 

Smog

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Smog, la battaglia Europea dei Cinquestelle: non multate i cittadini, multate chi inquina e i partiti amici dei petrolieri!

Smog: non multate i cittadini, multate chi inquina (e i partiti amici dei petrolieri)

di Piernicola Pedicini, europarlamentare Efdd – MoVimento 5 Stelle, e Davide Crippa, deputato MoVimento 5 Stelle

Un miliardo di euro di multa. E’ la spada di Damocle che incombe sull’Italia, e potrebbe essere il primo provvedimento europeo  che dovrà affrontare il nuovo governo: il deferimento davanti alla Corte di Giustizia europea al pagamento della salatissima sanzione per troppo smog. Un altro “regalo” della premiata ditta Gentiloni-Galletti. Il loro cosiddetto piano smog non ha convinto – guarda un po’ – l’Europa. Però non è giusto che a pagare le inettitudini del governo siano ancora una volta i cittadini. Per questo lanciamo un appello alle Istituzioni europee: non multate i cittadini. Loro sono già vittime dell’incapacità dei partiti nel trovare soluzioni concrete per ridurre l’inquinamento in Italia. 

I Governi di centrodestra e centrosinistra hanno sistematicamente violato per ben 12 anni la Direttiva sulla qualità dell’aria. Le elezioni del 4 marzo hanno dimostrato che i cittadini non si fidano più di questa classe dirigente e hanno scelto il Movimento 5 Stelle che ha un programma forte e ambizioso per la riduzione dell’inquinamento nel nostro Paese. Siamo per la chiusura degli inceneritori e delle centrali a carbone, per la mobilità sostenibile, per il trasporto merci su ferro, per orientare la vita in città e gli spostamenti prediligendo il trasporto pubblico alimentato da fonti rinnovabili e sostenibili.

Il programma ambiente del Movimento 5 Stelle combinato con quello trasporti e energia offrono un ventaglio di soluzioni concrete. I dati delle emissioni inquinanti prodotte nel nostro Paese dicono che nel 2016 in Italia lo smog è aumentato: il Pm10 del 13%, il Pm2.5 dell’8%. Dopo anni di cali ininterrotti sono tornati a salire anche gli ossidi di azoto, i gas prodotti dagli scarichi delle automobili e dai tir. Lombardia e Veneto hanno fatto registrare il più alto numero di sforamenti. Campania a e Sicilia sono invece i buchi neri: non forniscono nessun dato da anni.

L’articolo 35 della Carta dei diritti fondamentali dell’Ue sancisce: “nella definizione e nell’attuazione di tutte le politiche ed attività dell’Unione è garantito un livello elevato di protezione della salute umana”. L’articolo 37: “un livello elevato di tutela dell’ambiente e il miglioramento della sua qualità devono essere integrati nelle politiche dell’Unione e garantiti conformemente al principio dello sviluppo sostenibile”. Faremo di tutto per garantire che la tutela della salute e dell’ambiente non siano più lettera morta. I cittadini italiani hanno diritto, al pari di tutti gli altri cittadini europei, a respirare aria pulita, a mangiare cibo sano, a non vedere i propri figli ammalati di cancro per le troppe Terre dei Fuochi che ereditiamo. Non è con le multe che si risolvono i problemi. L’Italia ha scelto la discontinuità rispetto alle politiche suicide di centrodestra e centrosinistra. Questo cambiamento va rispettato.

 

tratto da: http://www.efdd-m5seuropa.com/2018/03/smog-non-multate-i-c.html

Meno prodotto e peggior qualità allo stesso prezzo. Come ci fregano i big dell’alimentare

 

alimentare

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Meno prodotto e peggior qualità allo stesso prezzo. Come ci fregano i big dell’alimentare

 

Non solo Ferrero. Dopo che aveva fatto il giro del mondo la notizia che la Nutella aveva ridotto la quantità di cacao e nocciole, aumentando lo zucchero, tanto da costringere il produttore italiano a spiegare alla stampa tedesca che di tanto in tanto l’azienda procede a piccole modifiche negli ingredienti senza, tuttavia, alterarne qualità e gusto, ora tocca ad altri big dell’alimentare. Una tentazione, a quanto pare, troppo forte per chi per far crescere i propri guadagni utilizza qualunque arma, anche quelle meno trasparenti.

Il downgrade della qualità

Ed è sempre un’associazione europea a stanarli, la tedesca Verbraucherzentrale che ha monitorato la composizione dei prodotti negli ultimi 9 anni osservando un “grave impoverimento” delle ricette.
Verbraucherzentrale ha rilevato che Mondelēz aveva ridotto la quantità di nocciole nel suo Milka Nussinial 9,5% dal precedente 14% e la crema di nocciola è diventata una crema “alla nocciola”.
Vitalis Fruit Muesli dell’azienda Dr. Oetker contiene più frutta zuccherata di prima, ma la quantità di cereali integrali si è ridotta dal 52% al 47,5%. Non si salva neppure Unilever, che nella sua margarina Rama ha scambiato l’olio di colza con…acqua: la percentuale di olio con omega-3 è scesa al 36% dal 46% iniziale.

La catena tedesca REWE ha tagliato il miele nei suoi cereali di farro soffiato biologici di un terzo, dal 30% al 20%, ma in realtà ha cambiato il nome da “Farro di papa” a “Miele di miele” nello stesso periodo.
La bevanda alla mandorla Provamel di Alpro ha ora quasi un quarto di mandorle in meno rispetto al passato, con un contenuto che scende dal 6,5% al 5%, mentre Kellogg’s ha “drasticamente” ridotto la quantità di nocciole nei suoi Tresor Choco Nut (dal 4,5% di nocciole al 2% attuale). “Anche la percentuale di cioccolato si è ridotta”, ha aggiunto l’associazione dei consumatori tedesca.

La difesa “bizzarra” dei produttori

Verbraucherzentrale, ovviamente, ha chiesto ragione ai produttori che, in sintesi, hanno tutti dichiarato che si tratta di aggiustamenti tecnologici per accontentare i gusti dei consumatori che cambiano. Ragioni “bizzarre” o “forse mezze verità”, secondo l’associazione.
Un portavoce dell’associazione ha dichiarato: “Alcuni dicono che in questo modo ottengono una nuova consistenza o un gusto migliore. Ci sono però casi in cui è molto chiaro che le aziende volevano solo ridurre i costi di produzione, magari diminuendo le nocciole che sono molto costose”.

Meno qualità, meno peso stessa spesa

Come non bastasse, alcuni prodotti hanno subito anche un ridimensionamento di peso. “In almeno cinque casi, i produttori non solo hanno fatto calare la qualità del prodotto, ma hanno anche ridotto il peso.”
Gli esempi non mancano: Milka Nussini, Dr Oeker Vitalis muesli alla frutta, caramelle al cioccolato Arko,muesli alla ciliegia e cioccolato Kölln e polvere di cappuccino Krüger.
“Per lo stesso prezzo, i consumatori dovevano pagare in media oltre il 20% in più per questi cinque prodotti “, ha spiegato l’associazione tedesca.

 

fonte: https://ilsalvagente.it/2018/03/02/meno-prodotto-e-peggior-qualita-allo-stesso-prezzo-come-ci-fregano-i-big-dellalimentare/32524/?utm_content=buffer1c1d8&utm_medium=social&utm_source=twitter.com&utm_campaign=buffer

Tutte le bugie sullo zucchero. Un film già visto: una lobby che fa sparire i dati degli studi

zucchero

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Tutte le bugie sullo zucchero. Un film già visto: una lobby che fa sparire i dati degli studi

 

La lobby degli zuccheri si è comportata come quella del tabacco e come ha fatto più tardi anche quella delle bevande gassate e dolci: ha nascosto e oscurato dati che già 50 anni fa dimostravano che un eccesso di saccarosio (il comune zucchero bianco) nella dieta è associato a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari e di tumori della vescica.

Questo il pesante j’accuse lanciato dalle colonne di PLoS One dagli epidemiologi dell’Università della California di San Francisco, entrati in possesso dei documenti di quella che negli anni sessanta era la fondazione della principale associazione dei produttori, la International Sugar Research Foundation o ISRF, americana. Quest’ultima aveva infatti commissionato e finanziato diversi studi sull’argomento. In particolare, nel 1965 aveva pagato per uno studio, poi pubblicato sul New England Journal of Medicine, che concludeva negando l’esistenza di un legame tra un alto consumo di zucchero e un alto livello di grassi nel sangue e, di conseguenza, un aumento del rischio cardiovascolare, e attribuendo gli effetti visti a un’alterazione del microbiota dovuta alla dieta normale.

In seguito sempre l’ISRF aveva promosso il Project 259, un insieme di studi su animali riguardo i rapporti tra zucchero e grassi nella dieta, condotto dai ricercatori dell’Università di Birmingham, in Gran Bretagna, tra il 1967 e il 1971, che era giunto a una conclusione chiara: rispetto ai ratti alimentati con una dieta equilibrata (e normale, in base agli standard delle sperimentazioni sugli animali) contente soia, cereali, pesce bianco, amidi, vitamine e oligoelementi, quelli nutriti con cibo ad elevato contenuto di zuccheri mostravano un aumento di trigliceridi e un innalzamento di un enzima chiamato betaglucuronidasi, noto per favorire il tumore della vescica e sensibile anch’esso ai cambiamento della microflora intestinale causati dalla dieta.

I dati del Project 259, però, non sono mai stati pubblicati, per ingiustificati ritardi (questa la scusa addotta allora), visto che il programma era stato portato avanti per 27 mesi, quando quel genere di esperimenti ne richiede solo tre. Secondo gli autori californiani, rendere noti i legami tra zucchero e trigliceridi, sia pure ottenuti sugli animali, avrebbe quasi certamente dato il via a indagini analoghe sull’uomo, anche perché il metabolismo è molto simile. Inoltre, nel tempo, l’ISRF ha sponsorizzato oltre 300 studi, e sempre secondo loro è probabile che distorsioni, insabbiamenti e scorrettezze siano celate anche in altri tra i risultati pubblicati.

Pronta, come sempre, la risposta dell’associazione che nel tempo ha sostituito l’ISRF, la Sugar Association, che ha preso il posto dell’ISRF, con base a Londra e che spesso ha agito insieme alla sua omologa americana, la World Sugar Association: “lo studio (di PLoS) discute una ricerca molto vecchia e non è uno studio ma un commento a quest’ultima: una collezione di speculazioni e assunzioni su eventi accaduti cinque decadi fa, proposta da persone notoriamente critiche nei confronti dell’industria dello zucchero, pagate da persone altrettanto critiche. In base alle nostre indagini il Project 159 è stato chiuso per tre ragioni, nessuna delle quali riguarda il merito della questione: un significativo ritardo, la fine dei fondi e la sovrapposizione con la ristrutturazione dell’ISRF. C’era il progetto di riprendere in collaborazione con la British Nutrition Foundation, ma ciò non è accaduto, e non sappiamo perché”.

Probabilmente occorreranno ulteriori (e indipendenti) approfondimenti per capire che cosa sia successo negli ultimi 50 anni, visto ancora nel gennaio 2016 la Sugar Association ha emesso un comunicato stampa in cui criticava dati pubblicati su Cancer Research che dimostravano un nesso tra zucchero e sviluppo di tumori. In ogni caso – concludono gli autori – è indispensabile chiarire il ruolo del microbioma in relazione alle diverse diete e ai lipidi nel sangue, e quello degli zuccheri nella produzione della betaglucuronidasie in ultima analisi nell’insorgenza di tumori vescicali.

 

 

fonte: http://www.ilfattoalimentare.it/zucchero-lobby-fa-sparire-dati.html

Come il governo Renzi ha truffato gli Italiani: per evitare il referendum sulle trivelle promise di concordare con le Regioni i progetti petroliferi. Poi, con la complicità del silenzio dei media, ha cambiato le regole!

referendum

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Come il governo Renzi ha truffato gli Italiani: per evitare il referendum sulle trivelle promise di concordare con le Regioni i progetti petroliferi. Poi, con la complicità del silenzio dei media, ha cambiato le regole!

Leggi anche: Trivelle entro le 12 miglia dalla costa? Ora si può! Il governo si rimangia le promesse pre-referendum…!

La scoperta del Coordinamento nazionale No Triv

Il governo ha aggirato il referendum trivelle nel silenzio generale

Per evitare il referendum sulle trivelle, il governo aveva accettato di concordare con le Regioni i progetti petroliferi. Ma pochi mesi dopo ha cambiato le regole

Il colpo di mano silenzioso sulle trivelle risale al 2016

(Rinnovabili.it) – Da oltre un anno è stato picconato un altro pezzetto della legislazione modificata per venire incontro alle richieste del referendum sulle trivelle. Nessuno se ne era accorto, ma ora in una nota il Coordinamento nazionale No Triv denuncia i possibili profili di incostituzionalità di una norma varata a giugno 2016 dal governo Renzi, passata sotto silenzio. «Nel riesaminare il fascicolo riguardante la raffineria di Taranto dove confluirà il petrolio del mega giacimento Tempa Rossa, è emersa una norma del 2016 rimasta nascosta nelle pieghe del decreto legislativo 30 giugno 2016, n. 127 – spiegano gli attivisti – La norma in questione cancella una delle principali conquiste delle Regioni e del movimento No Triv ottenute con la previsione, in Legge di Stabilità 2016, dell’obbligo del raggiungimento di un’Intesa in senso “forte” tra Stato e Regioni ai fini dell’approvazione di progetti ‘petroliferi’».

In sostanza, la “manina” governativa ha ammorbidito le regole che imponevano allo stato di concordare con gli enti locali i dettagli dei progetti nel settore oil&gas, rendendo la consultazione con le Regioni quasi un atto formale. Forse una mossa che intendeva preparare il terreno per l’accentramento delle competenze previsto dal referendum costituzionale che si sarebbe tenuto da lì a sei mesi. Dalle urne però, come è noto, è uscito un secco no alla proposta.

«Questa norma è di dubbia legittimità costituzionale – spiegano infatti i No Triv – anche alla luce dell’esito del

referendum costituzionale che ha ribadito che lo Stato non può in alcun modo prevaricare le Regioni nelle scelte che concernono l’energia e il governo del territorio».

Il Coordinamento nazionale No Triv -aggiunge il cofondatore, Enrico Gagliano – denuncia il tradimento della volontà di milioni di cittadine e di cittadini che hanno sostenuto la battaglia No Triv e quella per la difesa del Titolo V della Costituzione. Faremo pressioni con ogni mezzo sulle Regioni affinché pongano la questione sul tavolo della Conferenza Stato-Regioni per una tempestiva correzione della norma. Le forze politiche che nel 2016 non proferirono parola contro il governo in occasione di questo incredibile affronto alla democrazia e a beneficio dei soliti noti, spieghino il perché di tale svista e si mettano velocemente all’opera con atti concreti, prima e, soprattutto, dopo le elezioni».

Intanto qualcosa si è mosso già questa mattina: Piero Lacorazza, consigliere della Regione Basilicata e capofila dell’alleanza delle Regioni per il referendum sulle trivellazioni, annuncia su Twitter di aver scritto al presidente lucano Marcello Pittella, affinché avvii un approfondimento ed eventuali iniziative nella Conferenza Stato-Regioni.

 

fonte: http://www.rinnovabili.it/ambiente/governo-aggirato-referendum-trivelle-333/

 

Vergognoso – la Commissione Europea ignora completamente la richiesta ufficiale di un milione di cittadini sul Glifosato. Un raggiro ignobile per favore le Lobby contro la volontà e sulla pelle della Gente

 

Commissione Europea

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Vergognoso – la Commissione Europea ignora completamente la richiesta ufficiale di un milione di cittadini sul Glifosato. Un raggiro ignobile per favore le Lobby contro la volontà e sulla pelle della Gente

Glifosato, la Commissione Europea dice no ad un milione di cittadini

Quindici pagine di verboso nulla per dire “no”. È arrivata la risposta che la Commissione Europea ha dato all’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) con la quale oltre un milione di europei ha chiesto di vietare il Glifosato, il diserbante più contestato del mondo. E’ stata resa pubblica negli stessi giorni in cui l’UE ha – al contrario – rinnovato l’autorizzazione all’uso del glifosato.

COSA CHIEDEVA L’ICE, INIZIATIVA DEI CITTADINI EUROPEI SUL GLIFOSATO
L’ICE, conosciuta anche con l’acronimo inglese ECI (European Citizens Initiative) non é una delle solite petizioni. E’ invece uno strumento istituzionale tramite il quale un milione di cittadini europei può chiedere all’UE di modificare la sua normativa. In questo caso, oltre alla proibizione del glifosato, si chiedeva all’UE di istituire obiettivi vincolanti per la riduzione dell’uso dei pesticidi e di basare la valutazione dei pesticidi stessi solo su studi pubblicati. L’autorizzazione UE del glifosato é infatti la conseguenza di studi effettuati dalle aziende che producono questa sostanza e mai resi pubblici: dunque mai sottoposti alla valutazione della comunità scientifica internazionale.

LA RISPOSTA DELLA COMMISSIONE EUROPEA
La risposta della Commissione Europea all’ICE sostiene che non c’é alcun motivo per mettere in discussione la valutazione scientifica dell’UE secondo la quale il glifosato é sicuro e non c’é dunque alcuna possibilità di far scattare un divieto. Ribadisce che lo IARC (l’agenzia per la ricerca sul cancro delle Nazioni Unite) ha classificato il glifosato come “probabilmente cancerogeno” perché ha preso in considerazione solo gli studi pubblici, mentre l’UE ha tenuto conto anche degli studi segreti effettuati… dalle aziende che… producono il glifosato (!!!) e dunque – così sostiene la Commissione – ha utilizzato una mole di dati più ampia. La Commissione Europea ricorda poi che il regolamento UE sui prodotti fitosanitari fornisce esplicitamente alle aziende produttrici la possibilità di presentare alla UE “informazioni riservate” (traduzione: gli studi segreti effettuati da loro stesse), sottolineando che queste informazioni non vengono divulgate perché i trattati europei proteggono la proprietà intellettuale.

GLI STUDI SEGRETI SUL GLIFOSATO EFFETTUATI DALLE AZIENDE
Però non l’ha mica ordinato il medico, di usare le “informazioni riservate” per stabilire se un pesticida e sicuro o meno. Questo é esattamente il nocciolo della questione, e su questo nocciolo la Commissione Europea non spende una parola. La sua risposta contiene solo promesse piuttosto vaghe di maggior trasparenza e lascia aleggiare la possibilità che in futuro vengano diffusi i dati grezzi utilizzati dagli studi segreti. Non c’é neanche un grammo di polpa attaccata a quest’osso. I dati grezzi sono già ora ottenibili, sebbene con una procedura piuttosto complicata, e sono stati infatti ottenuti quelli del glifosato. Una revisione indipendente ha ravvisato prove di cancerogenicità anche nei dati grezzi degli studi segreti: eppure ciò non é bastato per impedire il rinnovo dell’autorizzazione.

NO ANCHE ALLA RICHIESTA DI RIDURRE L’USO DEI PESTICIDI
Quanto all’ultima richiesta dell’ICE – istituire obiettivi vincolanti per la riduzione dell’uso dei pesticidi – la Commissione Europea dice con sfacciata semplicità che l’UE non ha questo obiettivo, ma si propone piuttosto un “uso sostenibile dei pesticidi”: i quali com’é noto finiscono nei nostri corpi e danneggiano il cervello dei bambini. L’ipocrita etichetta “sostenibile” non cancella questa insostenibile, vergognosa verità.

di Dario Tamburrano, EFDD – M5S Europa

fonte: http://www.efdd-m5seuropa.com/2017/12/glifosato-la-commiss.html

La triste storia della Mitragyna Speciosa, la pianta vietata perchè nuoce gravemente alle lobby!!

 

Mitragyna Speciosa

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

La triste storia della Mitragyna Speciosa, la pianta vietata perchè nuoce gravemente alle lobby!!

La pianta sacra e curativa dell’Asia diventa illegale anche in Italia
Qualcuno qualche mese fa ha pubblicato sulla home di Facebook un’articolo in inglese, incuriosito apro:
L’articolo parla di Kratom, nome scientifico “Mitragyna speciosa“, un albero asiatico che può raggiungere anche i 30 metri di altezza, noto per le sue proprietà medicinali.
Traduco parte dell’articolo:
“La Drug Enforcement Agency degli Stati Uniti con 
un avviso di intenti (PDF)  vuole posizionare la pianta asiatica chiamatakratom nella Tabella I delle sostanze illegali. 
 
Il Kratom fino ad ora, veniva venduto in appositi bar e su internet, sotto forma di foglie da consumare come thè. 
L’effetto principale è quello di fornire una sensazione 
di estremo rilassamento e sensazioni di pace e serenità. 
Molti utenti web, hanno segnalato l’efficacia delle foglie 
di quest’albero, nell’aiutarli a vincere la dipendenza da alcolismo, oppio, eroina, ossicodone, idrocodone e la morfina.”
Ma non è finita qui, il Kratom
(nome thailandese tradizionale) è noto anche per sconfiggere il dolore cronico, a quanto pare infatti esso è uno degli antidolorifici naturali più efficaci che esistano, lavorando bene con le emicranie, i dolori articolari, quello vascolari e i dolori muscolari.
Tutto questo senza causare la dipendenza nota invece dei medicinali antidolorifici forti, normalmente prescritti dai medici. 
 
“Con l’intento federale di posizionare il Kratom 
e i suoi componenti attivi nella Tabella I, la DEA sta ignorando volutamente la crescente letteratura scientifica sul potenziale 
uso medico benefico derivato da questa pianta.
Il Kratom contiene anche “catechina” utile a controllare i livelli di zucchero nel sangue per i diabetici. Altri effetti di kratom sono le proprietà anti-virali e anti-batteriche che possono stimolare il sistema immunitario. La bevanda tradizionale derivata da quest’albero, è stata da secoli utilizzata dalle popolazioni native come un socializzante naturale, poiché sembra che essa stimoli le conversazioni e metta di buon umore.
Infine questa pianta è utile anche contro l’insonnia, poiché sembra favorire il sonno, liberando la mente dai pensieri ossessivi.
A quanto pare il Kratom è divenuto illegale anche in Italia, come attesta questo documento:
Questa primavera invece era stata già illegalizzata in Inghilterra, dove  nel giro di una decina d’anni, tale pianta era divenuta sempre più popolare.
La solita, banale, scusa, sarà quella di “lo facciamo per tutelare la vostra salute“, e allora perché creano milioni di farmaci con un intero foglietto di effetti collaterali ? Perché spingere gli esseri umani a consumare prodotto artificiali, quando la Natura ci offre tutto gratuitamente? Se davvero tenessero così tanto alla nostra salute come vogliono farci credere, perché non favoriscono mai le auto elettriche? Perché ci fanno vivere in un mondo inquinato? Perché abbiamo ancora le centrali nucleari? Perché installano potenti ripetitori vicino alle nostre case, bombardandoci di dannose onde elettromagnetiche? Perché permettono che il nostro cibo venga trattato con sostanze chimiche che si accumulano poco a poco nel nostro organismo?
Perché continuano a vietare piante presenti in questo pianeta da migliaia d’anni prima dell’uomo? Non hanno forse più diritto di noi di esistere?! E noi non abbiamo forse il diritto di curarci con loro?
Insomma, sembra ci sia in atto un vero e proprio complotto contro la medicina naturale. Che sia a causa del fatto che questa pianta cura la dipendenza da eroina, l’alcolismo e la depressione, senza bisogno di ricorrere a farmaci costosi?
Fatto sta che questa “Guerra alla Natura” nata negli U.S.A sotto il nome di “proibizionismo” e diffusa poi alle sue varie colonie come l’Italia, va avanti ormai da 100 anni, il tutto con il chiaro scopo di bandire le cure gratuite di Madre Natura, considerate “sacre” dai nativi di tutto il mondo, ma odiate a quanto pare dalle industrie chimiche/farmaceutiche.
Non vi resta che lasciarvi con questo documentario illuminante:

Tratto da: http://curiosity2017.blogspot.it/2017/05/la-triste-storia-della-mitragyna.html

Auto elettrica – Ecco la super batteria della Fisker EMotion. Si ricarica in un minuto e consente 800 km di autonomia. Sarà la fine della dittatura delle lobby dei carburanti?

Auto elettrica

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Auto elettrica – Ecco la super batteria della Fisker EMotion. Si ricarica in un minuto e consente 800 km di autonomia. Sarà la fine della dittatura delle lobby dei carburanti?

Si ricaricherà in un minuto per percorrere 800 km con una sola carica. È la nuova fantastica auto-batteria della Fisker EMotion, che stando a quanto confermato dalla casa produttrice sarà sulle auto dal 2023.

Secondo quanto riportato da Green Car Congress, Fisker ha depositato proprio nei giorno scorsi il brevetto per una nuova batteria che garantisce queste eccezionali prestazioni.

Gli ioni di litio sono ancora la scelta numero uno per le batterie ricaricabili che alimentano i dispositivi tascabili, i laptop e i veicoli elettrici, tuttavia aumenta la necessità di una maggiore durata, soprattutto nel settore delle auto elettriche.

Nel caso della Fisker, questa impressionante combinazione di autonomia e tempo di ricarica è dovuta all’utilizzo di elettrodi tridimensionali che permettono al dispositivo di contenere 2,5 volte la densità di energia di una equivalente batteria agli ioni di litio.

Fisker sostiene che questa tecnologia consentirà di percorrere oltre 500 miglia (circa 800 km) con una singola carica e con tempi di ricarica oggi inimmaginabili, addirittura più veloci di un pieno di benzina o GPL.

Anche se non sappiamo ancora quando e dove la batteria sarà utilizzata, l’ipotesi più plausibile è che la vedremo in azione tra 5 anni, nel 2023, sulla nuova Emotion, probabile concorrente di Tesla. Quest’ultima, attualmente, necessita di 9 minuti per ricaricarsi e percorrere con una sola carica 200/220 km.

Tuttavia, il prezzo dell’auto non sembra essere proprio alla portata di tutti visto che si aggira attorno ai 130mila euro.

Ma siamo solo ai primi passi. L’auto elettrica comincia ad essere realtà, a dare prestazioni adeguate e convincenti e presto saranno anche competitive nei prezzi.

È l’inizio della fine della dittatura delle lobby dei carburanti?

Boicottiamo Nestlé – La numero 1 nell’uccisione dei neonati !

 

Nestlé

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Boicottiamo Nestlé – La numero 1 nell’uccisione dei neonati !

“Ogni giorno nei paesi poveri del mondo muoiono 4.000 bambini poichè non sono allattati al seno. Questa non è una nostra tesi, ma un dato dell’UNICEF”Baby Milk Action
“Molte persone oggi credono nelle superstizioni moderne, queste includono l’allattamento col biberon. Queste superstizioni non sono meno dannose di alcune insalubri superstizioni antiche. Ma mentre alcune antiche supestizioni hanno le loro radice nell’ignoranza, quelle moderne traggono la loro sorgente dall’avidità. E noi sappiamo che il profitto ha forti e potenti interessi”Un ex Segretario generale della Sanità delle Filippine
“Un bambino allattato con latte in polvere è 25 volte più a rischio di morire di dissenteria di uno allattato al seno, in posti dove l’acqua non è sicura.”UNICEF
Come ripetutamente segnalato dall’UNICEF la Nestlè viola il codice internazionale redatto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dalla stessa UNICEF, che proibisce la promozione dell’uso di latte in polvere per l’alimentazione dei neonati.
L’uso di tale latte, in sostituzione a quello materno, fornito gratuitamente negli ospedali nei primi giorni di allattamento, crea nel lattante disaffezione al latte materno. Ciò ha causato e causa la morte di un altissimo numero di bambini nei primi mesi di vita, poichè nel terzo mondo il latte in polvere viene preparato con acqua spesso malsana. Fonti dell’UNICEF parlano di più di 1.000.000 neonati morti all’anno nel Sud del mondo perchè non più nutriti al seno.
Nestlé è uno dei simboli della globalizzazione, della distruzione di ciò che non è mercato globale, ma anzi uno dei promotori dell’appiattimento globale, per favorire i loro profitti di grandi economie, prodotti unificati per tutti i consumatori del pianeta, un po’ come il McDonald’s, di cui è infatti sempre più spesso partner, anche con Disney, per aggredire i piccoli consumatori del nord del mondo.
Una delle ultime azioni contro tutti noi (esclusi gli azionisti Nestlè) è stato quello di far passare la possibilità di etichettare come cioccolato, prodotti fatti anche senza il cacao, quindi sempre più da un lato cibo uscito dai compilatori di materia* e dall’altro un nuovo mezzo per far ribbassare i prezzi ai contadini del sud del mondo produttori di cacao.
Nestlé è il più grande produttore di cibo mondiale, il gigante del settore agroalimentare, con stabilimenti in più di 80 paesi ed un giro d’affari di circa 52 miliardi di dollari. Con un budget pubblicitario di circa 8 miliardi di dollari all’anno, Nestlè ha un notevole vantaggio sulle donne che producono naturalmente il latte per i loro neonati e non hanno “una fortuna” da investire per promuovere la bontà del loro prodotto.
Nestlè ha infatti dalla fine del 1999 iniziato una vera e propria operazione di contropropaganda, a partire dalla Gran Bretagna, che cercasse di ridare lustro al marchio della compagnia oramai logorato dai 23 anni di boicottaggio, che si sono fatti sentire ed hanno lasciato il segno nell’opinione pubblica, e che hanno posto problemi, come quello di avere campagne pubblicitarie bloccate perchè giudicate ingannevoli dalla Advertising Standard Authority o dal fatto che il parlamento europeo vorrebbe convocare delle multinazionali in audizioni pubbliche per gli abusi e i danni da queste causate negli anni. Nestlè è la prima compagnia che vorrebbero mettere in questa scomoda posizione.
Così Nestlè ha cercato di incrementare, e molto pubblicizzare, le sue iniziative di beneficienza verso attività dedicate ai bambini ed alle chiese. La loro nuova tattica comprende anche arrivare a mettere la pubblicità su media abbastanza rispettati per i loro contenuti attenti (come “The Big Issue”) per recuperare immagine anche nei settori che più sono stati attenti ai motivi del boicottaggio e per cercare di cancellare l’immagine che si è diffusa negli anni ossia che Nestlè tragga i suoi massimi profitti succhiando con avidità dai paesi del terzo mondo (ma in effetti è così). Ed anche per far recedere le chiese che si sono molto impegnate nelle campagne di boicottaggio a causa della devastante pratica di diffondere il latte in polvere nei paesi poveri con la susseguente mortalità dovuta a diarrea, che non si verificherebbe con l’allattamento al seno (secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità più di un milione di bambini muoiono ogni anno a causa di una nutrizione con biberon/latte in polvere fatta in modo non igienico, solitamente a causa delle acque non potabili).
In pratica un bambino ogni 30 secondi.
Nestlé controlla il 40% del mercato mondiale del latte per bambini, pubblicizzandolo con molta aggrssività nei paesi del terzo mondo, cercando anche di scoraggiare l’allattamento al seno. Chiaramente dopo un piccolo periodo di allattamento da biberon il latte della madre si asciuga e non viene più prodotto dall’organismo… un nuovo consumatore è nato.
Nestlè “incoraggia” gli operatori della sanità a spingere i suoi prodotti. Lo fanno facendo donazioni, per esempio agli ospedali del Gabon (Africa), malgrado il governo di quel paese abbia chiesto alla Nestlé di farla finita. Nelle Filippine la compagnia ha dovuto subire lo scandalo di essere stata scoperta a “affittare” delle infermiere diplomate in funzione di “educatrici sanitarie” per andare per le case e convincere le madri ad usare i prodotti Nestlé. Ignorando i consigli della Organizzazione Mondiale della Sanità che raccomanda che i cibi complementari debbono essere utilizzati dopo i sei mesi di vita, i prodotti Nestlè sono etichettati come utilizzabili dopo la seconda settimana di vita. Le etichette non forniscono informazioni chiare, e, in alcuni casi, in lingue che le madri non possono capire.
Nestlè esporta il suo latte nelle “colonie” fin dal 1873, sono 126 anni che la compagnia ignora le leggi. Attualmente Nestlè è sotto processo in India per via delle etichette, ma per fare un altro esempio, nel 1939 la compagnia esportava i suoi prodotti in Singapore e Malesia etichettati come “ideali per bambini delicati”, mentre era stata vietata la commercializzazione in Gran Bretagna per via dei casi di cecità e rachitismo.
Allattamento al seno : alcuni fatti
  • L’allattamento al seno è andato declinando rapidamente tra gli anni 1960/70, con l’espansione del mercato del latte in polvere. In Messico si è passati dal 100% al al 40 %, in Cile dal 90% di allattati al seno si è passati al 5%, a Singapore dall’80% al 5% (fonte: UK Food Group)
  • L’allattamento al seno è vitale non solo per l’apporto nutrizionale, ma soprattutto per la sua funzione di trasmissione di anticorpi e quindi protezione contro le malattie.
  • Nei paesi sviluppati il cibo in più che deve assumere la madre per allattare, viene a costare meno di un decimo del cibo artificiale per il bambino.
  • La gente povera solitamente dilusce troppo il latte in polvere spesso con acqua malsana, causando così, per lo meno malnutrizione.
  • Una recente ricerca del British Medical Council ha riscontrato che il latte di mucca, quello da 26p a pinta va altrettanto bene per i bambini sopra i sei mesi di vita del latte in polvere che costa circa 5 sterline per 10 pinte.
Nestlé produce quasi tutto quello che nel settore alimentare può essere confezionato e venduto. Qui di seguito c’è l’impressionante serie di marchi e prodotti commercializzati dalla Nestlè, che è comunque in continua espansione e come uno squalo continua ad ingoiare società più piccole. Quindi questa lista è spesso in ritardo nel segnalare le nuove acquisizioni. Avete però a disposizione un bel numero di prodotti da boicottare, sconsigliare, trasformare le pubblicità… etc. etc. ;->
  • Soft drinks: One-O-One, Chinò, Aranciata S. Pellegrino, Acqua Brillante Recoaro, Beltè, Gingerino Recoaro, Nestea, Nestè, Sanbitter
  • Acqua: Acqua Vera, S. Bernardo, S. Antonio, S. Pellegrino, Perrier, Claudia, Panna, Pejo, Levissima, Lora recoaro
  • Gelati: Motta, Alemagna, Antica gelateria del corso, McDonald’s McFlurry
  • Surgelati: Surgela, Mare fresco, Valle degli Orti
  • Pasta e riso: Buitoni, Pezzullo, Curtiriso, Bella Napoli
  • Biscotti e simili: Dorè, Cheerios,
  • Caffè e simili: Nescafè, Orzoro, Nesquik, Malto Kneipp
  • Dolci: KitKat, Galak, Lion, Crunch, Smarties, After Eight, Quality Street, Toffee, Polo
  • Formaggi, latticini: Locatelli (Pizzaiola), Fiorello, Fruttolo, Formaggino Mio,
  • Cibi per animali: Friskies, Buffet
  • Salumi: King
  • Cioccolato: Perugina (Cacao, Le Ore Liete, Baci Perugina), Nestlè (Cioccoblocco, Galak)
  • Brodo: Maggi
  • Cosmetici: L’Oreal
  • Varie: Diger Seltz

Nestlé Scheda tratta da Mini guida al consumo critico e al boicottaggio 1998 realizzata da“Movimento gocce di giustizia

  • Oltre che essere il principale produttore di latte in polvere, controlla fra il 35 ed il 50% del maercato mondiale, è la maggiore società agroalimentare del mondo.
  • Trasgredisce sotto molti punti di vista il codice OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) sul latte in polvere nel Sud del mondo. promuove l’uso del latte in polvere attraverso la pubblicità, gli sconti sugli acquisti e la distribuzione di campioni gratuiti sia al personale sanitario che alle madri, favorendo così l’insuccesso dell’allattamento naturale, cosicchè il bambino viene a dipendere dal latte artificiale. Comperare il latte può costare più della metà dell’intero reddito familiare. Le madri sono costrette a diluire il latte in polvere e questo porta alla malnutrizione. Infine l’acqua che serve a diluire il latte è spesso malsana, ciò causa diarrea, disidratazione e morte di un milione e mezzo di bambini ogni anno , come denuncia l’Unicef.
  • E’ uno dei più grandi commercianti di caffè e cacao, pertanto è uno dei massimi responsabili delle gravi condizioni in cui versano milioni di contadini del sud del mondo a causa dei suoi metodi commerciali totalmente ispirati alla logica del profitto.
E’ in corso un boicottaggio internazionale coordinato da Baby Milk Action per indurla a sospendere le violazioni del codice di regolamentazione commerciale elaborato dall’OMS in materia di latte in polvere.
Nestlé scheda tratta da Boycott!
NESTLE’ S.A. FATTURATO: 36.530 MILIARDI DI LIRE
AVENUE NESTLE’ 55
CH-1800 VEVEY
SVIZZERA
Secondo l’UNICEF un milione e mezzo di bambini muoiono ogni anno poiché non vengono nutriti con il latte materno. E molti milioni in più di bambini si ammalano seriamente. L’allattamento al seno materno fornisce il migliore inizio alla vita per tutti i bambini, ma in una società di poveri costituisce un’indispensabile fonte di sopravvivenza. Le società che producono latte per bambini promuovono il loro prodotto presso mamme ed operatori sanitari, poiché si rendono conto che, se non riescono a far attecchire l’allattamento artificiale, non fanno affari. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e l’UNICEF hanno un Codice Internazionale che proibisce ogni forma di promozione di latte per bambini. La Nestle’ viola questo codice più frequentemente degli altri concorrenti.
Una delle strategie di maggior successo della Nestle’ consiste in forniture gratuite di latte agli ospedali: allattare con il biberon i neonati favorisce l’insuccesso dell’allattamento naturale. Il bambino viene infatti a dipendere dal latte artificiale. Una volta a casa la madre deve comprare il latte da sé. In molte società ciò può costare più della meta’ dell’intero reddito familiare. Le madri povere a volte diluiscono eccessivamente il latte in polvere e ciò porta alla malnutrizione. In condizioni di poverta’ l’acqua mischiata al latte e’ spesso malsana; porta a diarrea, disidratazione e spesso alla morte. Il primo boicottaggio della Nestle’ venne sospeso nel 1984, quando la Nestle’ promise di rispettare il Codice Internazionale. La Nestle’ rinnegò subito la sua promessa, cosicché il boicottaggio venne nuovamente attivato nel 1988, concentrando l’azione sul prodotto più venduto e famoso della Nestlè, il Nescafè. La Nestlé ora ammette che le forniture gratuite sono dannose, ma si rifiuta di bloccarle negli ospedali, a meno che i governi facciano leggi in materia. La Nestle’ e’ impegnata a far diminuire l’allattamento al seno materno allo scopo di vendere più latte in polvere. Una risoluzione del 1986 dell’Assemblea Mondiale della Sanità aveva stabilito che: “nessuna fornitura, gratuita o con sussidio, di latte in polvere per bambini deve essere data agli ospedali o ai reparti maternità; il piccolo ammontare necessario dovrà essere acquistato dalle istituzioni”.
Il boicottaggio della Nestlè sta funzionando ?
La Nestle’ e’ chiaramente preoccupata per il danno alle sue vendite e alla sua reputazione. Il boicottaggio è appoggiato a livello internazionale da migliaia di persone, nonchè da centinaia di organizzazioni, inclusa la Chiesa d’Inghilterra. Il boicottaggio continuera’ finche’ la Nestle’ interromperà tutte le sue irresponsabili pratiche di commmercializzazione. Cosa puoi fare: – Non acquistare più Nescafè, e scrivi alla Nestle’ dicendo che sostieni il boicottaggio. – Distribuisci volantini sul boicottaggio. – Chiedi a qualsiasi gruppo comunitario, sindacati, chiese ed altre organizzazioni di unirsi alla campagna.
COSA COMBINA NEL MONDO LA NESTLE’
REGIMI OPPRESSIVI: Nestlè ha filiali in Brasile, Cina, Colombia, Egitto, El Salvador, Guatemala, Honduras, India, Indonesia, Kenya, Libano, Messico, Papua Nuova Guinea, Filippine, Senegal, Sri Lanka, Turchia. L’Oreal è presente anche in Perù e Marocco.
RELAZIONI SINDACALI: nel 1989 i lavoratori di una fabbrica di cioccolato a Cacapava, Brasile, fecero sciopero. I lavoratori si lamentavano delle misere condizioni di lavoro, compresa la discriminazione verso le donne, la mancanza di indumenti protettivi e le inadeguate condizioni di sicurezza. Entro due mesi dall’inizio dello sciopero la compagnia aveva licenziato 40 dei suoi operai, compresa la maggior parte degli organizzatori dello sciopero.
COMMERCIALIZZAZIONE IRRESPONSABILE: recenti mosse della Nestlè nel campo del latte in polvere per neonati comprendono un’ulteriore violazione del Codice dell’OMS, cioè la pubblicità del suo nuovo latte ipo-allergenico, Good Start, negli USA. Si è saputo che alcuni neonati hanno sofferto di shock ‘anafilattici’, con pericolo per le loro vite, dopo essere stati nutriti con questo prodotto. Vedi anche il boicottaggio sotto.
TEST SU ANIMALI: L’Oreal è attualmente oggetto di boicottaggio per il suo uso continuato di test sugli animali. La stessa Nestlè è stata recentemente criticata dalla BUAV (antivivisezionisti inglesi) per aver fatto test di cancerogenicità del suo caffè su topi.
CAMPAGNA DI BOICOTTAGGIO:
la Nestlè è attualmente oggetto di un boicottaggio mondiale per la pubblicità irresponsabile del latte in polvere, e L’Oreal per i test sugli animali.
fonte: http://www.tmcrew.org/csa/l38/multi/nestle.htm
tratto da: http://curiosity2017.blogspot.it/2017/03/boicottiamo-nestle-la-numero-1.html