Alla pochezza di Vittorio Feltri, risponde la grandezza dai Napoletani. Un breve video, pieno di ironia e con un pizzico di autoironia, per capire chi è piccolo piccolo e chi è Grande Grande…

Vittorio Feltri

.

 

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

 

.

Alla pochezza di Vittorio Feltri, risponde la grandezza dai Napoletani. Un breve video, pieno di ironia e con un pizzico di autoironia,  per capire chi è piccolo piccolo e chi è Grande Grande…

Se dici Vittorio, ti vengono in mente i grandi Gassman, Mezzogiorno e De Sica, oppure Alfieri e Arrigoni.

A Napoli amiamo moltissimo, ad esempio, anche Vittorio Marsiglia, attore, cabarettista, macchiettista e personaggio televisivo. Ne potremmo citare davvero tanti, ma il Vittorio che ci interessa è fa di cognome Feltri…

Invece, quando dici “Eduardo” tutti sanno che è lui, non c’è bisogno di aggiungere il cognome. Al solo pronunciare il nome, chiunque si alza in piedi – se ha il cappello se lo toglie – e pensa ad uno dei più grandi uomini di teatro del ‘900, drammaturgo immenso, immortale.

Orbene quando Vittorio (non uno di quelli famosi, ma uno dozzinale, uno dei tanti, uno che sarà forse ricordato perchè il giornale che dirige è abbastanza buono per incartare il pesce al mercato, Vittorio feltri, insomma), dopo aver tacciato di “inferiori” i meridionali  ha rincarato la dose su twitter (“Antonio Esposito mi dà del pirla su Fatto dicendo che il Sud è la culla della civiltà. Vero. Ma ora vista la sua arretratezza gestita dalle mafie ne è diventata la bara. Da qui la sua inferiorità sociale ed economica”), è spuntata la “risposta” proprio di Eduardo.

Un video molto ironico, con un pizzico di autoironia, montato ad arte, che riprende la scena tratta da “L’oro di Napoli” (film di Vittorio De Sica) in cui Eduardo interpreta Don Ersilio Miccio, un uomo che vende saggezza.

Per pochi spiccioli dà consigli risolutivi a fidanzati gelosi, militari innamorati e parrocchiani in cerca di una frase a effetto. Tuttavia il problema principale del quartiere riguarda il Duca Alfonso Maria di Sant’Agata dei Fornari (anche in questo caso parliamo di uno stronzo), che imperversa con la sua auto dispensando sguardi feroci, spocchia e vessando i poveri commercianti nei dintorni quando passa con la sua auto.

Don Ersilio, senza esitare, trova la “cura”, una cura adatta anche a questo tizio… come abbiamo detto che si chiama? Ah, sì, Vittorio:

 

 

 

 

Alla pochezza di Vittorio Feltri, risponde la grandezza dai Napoletani. Un breve video, pieno di ironia e con un pizzico di autoironia, per capire chi è piccolo piccolo e chi è Grande Grande…ultima modifica: 2020-05-02T17:54:19+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento