In due secoli l’uomo ha distrutto un equilibrio climatico che esisteva da 50 milioni di anni…!

equilibrio climatico

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

 

In due secoli l’uomo ha distrutto un equilibrio climatico che esisteva da 50 milioni di anni…!

 

Il cambiamento climatico ciclicamente torna a fare notizia. Anche se è un problema costante e urgente sembra che ce ne ricordiamo solo di tanto in tanto. Lo scorso 15 dicembre, a Katowice, in Polonia, si è conclusa la Cop 24, la conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite. Le premesse non erano delle migliori: due mesi fa, infatti, un report pubblicato dall’Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change), il principale organismo internazionale per la valutazione dei cambiamenti climatici, ha lanciato un nuovo allarme. La commissione scientifica, formata da 91 scienziati provenienti da 40 diversi Stati, ha esaminato oltre 6mila studi scientifici, arrivando alla conclusione che, se le emissioni di gas serra continueranno a questo ritmo, l’atmosfera subirà un riscaldamento di 1,5 gradi entro il 2040, facendo alzare sensibilmente il livello del mare – con il conseguente allagamento di molte zone costiere – e facendo aumentare la siccità e la povertà in molte zone del mondo. Un risultato che mette in discussione anche l’Accordo di Parigi del 2015, in cui si era stabilito di mantenere l’aumento medio della temperatura mondiale al di sotto dei 2°C rispetto ai livelli preindustriali. Ma a quanto pare questo non basta più. La Cop24 di Katowice avrebbe dovuto prima di tutto valutare le azioni intraprese, dopo l’Accordo di Parigi, dai 198 Paesi membri per ridurre le emissioni di gas serra, e discutere di nuove strategie da adottare per frenare il cambiamento climatico. Come già preannunciato dagli scienziati, il tempo a nostra disposizione per cercare alternative ai combustibili fossili e ridurre le emissioni di diossido di carbonio, ormai, sta per scadere. Dopo 13 giorni di faticose trattative e negoziati, i delegati di 200 Stati hanno concordato, di nuovo, un insieme di regole comuni per tentare di tradurre in realtà gli impegni presi con l’Accordo del 2015, ma di azioni concrete per fermare o rallentare i cambiamenti climatici non se n’è vista ancora nessuna.

In questa situazione desolante, un nuovo studio, pubblicato lunedì scorso sulla rivista PNAS afferma che se il riscaldamento globale continuasse a essere ignorato nel 2030 la Terra potrebbe tornare alle condizioni di 3 milioni di anni fa. In quel periodo, il Pliocene, le temperature erano più alte di 2-4 gradi, il livello del mare era più alto di circa 20 metri rispetto a ora e le calotte polari erano molto più piccole. A pensarci bene è una situazione non troppo diversa da quella attuale: la temperatura sul nostro pianeta, attualmente, è più alta di un grado rispetto a quella registrata tra il 1850 e il 1900, e questo è dovuto in gran parte alle emissioni di gas imputabili a invenzioni umane, come le automobili e le fabbriche. Alcuni di questi gas, tra cui il diossido di carbonio e il metano, intrappolano il calore nell’atmosfera, producendo un “effetto serra” che riscalda l’intero pianeta.

Oggi stiamo vivendo “uno degli scenari più difficili di sempre”, ha spiegato alla CNN Kevin D. Burke, primo autore dello studio e dottorando al Nelson Institute for Environmental Studies dell’Università del Wisconsin-Madison. “È un periodo in cui il cambiamento climatico sta avvenendo in modo molto rapido. Qualsiasi cosa si possa fare per limitare le emissioni è di estrema importanza“.

Burke e i suoi colleghi hanno stilato delle proiezioni climatiche a dieci, venti e trent’anni, confrontando gli scenari climatici previsti dai modelli dell’Ipcc con quelli, testimoniati da dati geologici, di diversi periodi del passato: il periodo storico, cioè il Ventesimo secolo; quello pre-industriale, intorno al 1850; l’Olocene, circa 6mila anni fa; l’ultimo periodo Interglaciale, circa 125mila anni fa; il Pliocene, circa 3 milioni di anni fa, e l’Eocene, circa 50 milioni di anni fa.

 

fonte: https://thevision.com/scienza/cambiamento-climatico-terra/

 

In due secoli l’uomo ha distrutto un equilibrio climatico che esisteva da 50 milioni di anni…!ultima modifica: 2019-01-06T10:30:19+01:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento