Manovra: ecco la ‘tassa’ di 10 euro su tutti i concorsi. Anche il Codacons contro questo ultima vergognosa vigliaccata di un governo che specula schifosamente sulla pelle di chi non può godere di un suo diritto come quello del lavoro!

Manovra

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Manovra: ecco la ‘tassa’ di 10 euro su tutti i concorsi. Anche il Codacons contro questo ultima vergognosa vigliaccata di un governo che specula schifosamente sulla pelle di chi non può godere di un suo diritto come quello del lavoro!

MANOVRA: ‘TASSA’ 10 EURO SU TUTTI CONCORSI SCUOLA

CODACONS: BALZELLO VERGOGNOSO. GOVERNO VUOLE FARE CASSA SU DIRITTO AL LAVORO

La tassa da 10 euro da applicare su tutti i concorsi relativi alla scuola, è per il Codacons un provvedimento immorale teso a far cassa speculando sul diritto al lavoro. Lo afferma l’associazione, commentando quanto contenuto in un articolo della Bozza della Legge di Bilancio.
“Si tratta di un balzello vergognoso – spiega il presidente Carlo Rienzi – Già oggi chi affronta un concorso nel settore della pubblica istruzione è costretto a sostenere costi ingenti tra testi di preparazione, trasporti, trasferimenti, alloggi in albergo, ecc. A ciò il Governo vorrebbe aggiungere una ulteriore tassa da 10 euro a candidato, di cui non si capisce francamente il senso né cosa la giustifichi. Al contrario sembra un mero espediente per permettere allo Stato di fare cassa, con l’aggravante di pesare su un diritto fondamentale dei cittadini: quello al lavoro”.
“Per tale motivo – prosegue Rienzi – contestiamo duramente il provvedimento e siamo pronti ad impugnarlo nelle sedi opportune se dovesse essere confermato”.

fonte: https://codacons.it/manovra-tassa-10-euro-tutti-concorsi-scuola/

Manovra: ecco la ‘tassa’ di 10 euro su tutti i concorsi. Anche il Codacons contro questo ultima vergognosa vigliaccata di un governo che specula schifosamente sulla pelle di chi non può godere di un suo diritto come quello del lavoro!ultima modifica: 2017-10-19T22:55:43+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento