Attenzione – Non sono i grassi a far male al cuore, ma gli zuccheri!

 

grassi

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Attenzione – Non sono i grassi a far male al cuore, ma gli zuccheri!

Secondo i ricercatori un’alimentazione ricca di carboidrati è tra le più nocive, tanto che aumenterebbe del 28% il rischio di morte prematura.

Contrordine: una dieta che comprenda anche adeguate dosi di grassi (saturi e insaturi) non aumenta i rischi di mortalità; anzi, li riduce!

Sono ormai anni che l’assunzione di grassi contenuti negli alimenti è osteggiata dalla medicina, giacché queste sostanze vengono accusate di causare danni al sistema cardiovascolare e di contribuire all’insorgenza di disturbi come l’aterosclerosi o eventi come ictus e infarti. I grassi saturi e insaturi farebbero male se il loro apporto totale supera il 30%, oppure se quello dei soli grassi saturi supera il 10%, queste le linee guida; almeno sino a oggi. Un recente studio, condotto dalla canadese Università di Hamilton e pubblicato su The Lancet, ha però rimesso tutto in discussione: non sarebbero i grassi ad elevare i tassi di mortalità, quanto piuttosto i carboidrati contenuti in pane, pasta, eccetera.

Lo studio che ha portato i ricercatori canadesi a questa conclusione si chiama PURE (Prospective Urban Rural Epidemiology) ed è stato da poco presentato al Congresso della European Society of Cardiology a Barcellona. Si tratta di una ricerca osservazionale che nasce con l’intento di valutare quale sia l’impatto dell’urbanizzazione sulla prevenzione primaria attuata per mezzo dell’attività fisica, dello stile di vita e della dieta; nonché su fattori di rischio come obesità, ipertensione e l’insorgenza di malattie cardiovascolari. PURE è durato dodici anni ed ha coinvolto 154 mila soggetti, di ambo i sessi e di età compresa tra i 35 e i 70 anni, reclutati in 18 Paesi di tutti e cinque i continenti: dunque uno dei più grandi e completi studi epidemiologici in ambito di cardiologia.

I partecipanti sono stati divisi in fasce a seconda della dieta seguita e ne sarebbe risultato che: nella fascia alta del consumo di grassi i partecipanti mostrano una riduzione del 23% del rischio di mortalità totale, una riduzione del 18% del rischio di ictus e del 30% del rischio di mortalità per cause non cardiovascolari. Ogni tipo di grasso è stato associato a una riduzione del rischio di mortalità: -14% per i grassi saturi, -19% per i grassi monoinsaturi, -29% per quelli polinsaturi. Lo studio avrebbe inoltre dimostrato che sarebbe l’elevata assunzione di carboidrati a causare un maggior rischio di mortalità cardiovascolare: chi non mangia grassi generalmente li sostituisce con carboidrati – pane, pasta e riso – tenendo fuori dalla dieta nutrienti importanti e, secondo lo studio, un’alimentazione ricca di carboidrati è tra le più nocive, tanto che aumenterebbe del 28% il rischio di morte prematura.

Stando allo studio, insomma, a non andare d’accordo sono piuttosto cuore e carboidrati e i ricercatori consigliano di assumere il 35% di calorie proprio dal grasso: per gli uomini 30 grammi al giorno, per le donne 20.

tratto da: http://salute.ilgiornale.it/news/26050/grassi-rischio–carboidrati-mortalit/1.html

Lo zucchero danneggia il cuore e aumenta il colesterolo. Gli studi nascosti per 50 anni!

zucchero

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Lo zucchero danneggia il cuore e aumenta il colesterolo. Gli studi nascosti per 50 anni!

 

Ricercatori della University of California hanno scoperto gli studi nascosti per oltre 50 anni che dimostrano che è lo zucchero il vero responsabile dei problemi cardiaci (colesterolo e danni al cuore). I risultati vennero pilotati dalla Sugar Research Foundation per far accusare i grassi ed aumentare il consumo di zucchero.

Decine di scienziati, negli anni 60, furono pagati dall’industria americana dello zucchero per nascondere il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l’attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di San Francisco e pubblicati sul magazine Jama Internal Medicine. [1]

La verità che emerge è sconvolgente: la lobby dello zucchero avrebbe pilotato per più di cinquant’anni studi sul ruolo dell’alimentazione sui problemi cardiaci. “Sono stati in grado di sviare il dibattito sullo zucchero per decenni”, ha detto al New York Times, Stanton Glantz, professore di medicina e autore del paper uscito su Jama.

Nel 1954 il Presidente della Sugar Research Foundation, Henry Hass, spiegava l’opportunità strategica per l’industria dello zucchero di aumentare la quota di mercato dello zucchero stimolando i cittadini ad avere una dieta a basso contenuto di grassi. Quello che è sconcertante è che i ricercatori sono stati pagati per coprire i danni dello zucchero sulle malattie cardiache ed incolpare i grassi saturi il cui consumo è legato al livello di colesterolo. [2]

In realtà studi recenti dimostrano che i livelli di glicemia nel sangue sono un maggiore indicatore del rischio di malattie cardiache rispetto al livello di colesterolo. [3] Come abbiamo visto in articoli precedenti, il colesterolo è fondamentale per la formazione degli ormoni e viene usato per riparare i danni alle arterie prodotti dall’infiammazione indotta dallo zucchero, farine raffinati e oli di semi. [4]

Solo coloro che per motivi genetici hanno livelli di colesterolo alle stelle (un fenomeno molto raro) dovrebbero usare i farmaci, altrimenti basta lavorare sulla dieta. Le statine oggi comunemente usate per abbassare i livelli di colesterolo in realtà aumentano il rischio di malattie cardiache e danneggiano il cervello. [5] Tutti effetti collaterali che potrebbero essere evitati dirigendosi verso una dieta davvero vicina alla natura che evita questi cibi inventati.

I documenti trovati dimostrano che nel 1967 diversi ricercatori ricevettero circa 50.000 dollari ed oggi non sono più vivi. Uno dei tre esperti è D.Mark Hegsted, che nella sua lunga carriera diventò capo della divisione che si occupa di nutrizione al Dipartimento dell’Agricoltura statunitense. Il suo gruppo pubblicò le linee guida sull’alimentazione nel 1977.

Ma anche se i documenti fanno riferimento a avvenimenti accaduti quasi 50 anni fa, sono fondamentali perché il dibattito tra zuccheri e grasso è al centro delle speculazioni della comunità scientifica anche oggi. Per decenni i ricercatori hanno spinto gli americani a consumare prodotti con basso contenuto di grassi, ma ricchi di zuccheri, che hanno aumentato il numero di obesi e hanno fatto schizzare alle stelle i problemi di colesterolo e morti per disturbi cardiaci.

Basta poco zucchero ogni giorno per avere tutti questi danni che si accumulano e peggiorano nel tempo. Lo zucchero è un cibo inventato che non è mai esistito nella storia. Il nostro corpo scompone i carboidrati delle verdure e cereali per produrre il glucosio necessario per le sue funzioni. Quando introduciamo lo zucchero tagliamo tutta una serie di processi chimici che hanno come risultato un aumento enorme della glicemia, insulina e coinvolge anche le ghiandole surrenali, il microbiota e i processi infiammatori e danni cerebrali.

 

via Dionidream

Riferimenti
[1] Stanton A. Glantz, PhD et al. Sugar Industry and Coronary Heart Disease Research. A Historical Analysis of Internal Industry Documents. JAMA Intern Med. September 12, 2016
[2] Hass  HB. What’s new in sugar research. Proceedings of the American Society of Sugar Beet Technologists. 1954. Accessed October 10, 2015.
[3] Ostrander  LD  Jr, Francis  T  Jr, Hayner  NS, Kjelsberg  MO, Epstein  FH.  The relationship of cardiovascular disease to hyperglycemiaAnn Intern Med. 1965;62(6):1188-1198.
[4] Colesterolo alto? La causa è nel tuo intestino
[5] Statine: I farmaci per il colesterolo causano malattie cardiache e neurodegenerative

Grassi, zuccheri e sale: Come l’industria alimentare ci inganna

industria alimentare

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Grassi, zuccheri e sale: Come l’industria alimentare ci inganna

 

Grassi, dolci e salati ben combinati fanno vendere molto bene. Il mix perfetto per renderci dipendenti dal cibo. Togli dai cibi processati più di un poco di sale, o zucchero, o grasso e non rimane nient’altro.

Mangiare un cibo altamente appetibile attiva i circuiti oppioidi (gli stessi che vengono sollecitati da ogni tipo di droga) e tale attivazione sviluppa una sorta di dipendenza e ci porta a consumare di più quel cibo in un circolo vizioso che ne aumenta sempre di più il consumo. 

Nei supermarket l’inganno è organizzato con sistematicità. Basti pensare che l’associazione dei consumatori tedesca Foodwatch ha individuato 1.514 prodotti che nei supermercati sono presentati in modo da attirare i bambini. Circa il 73% è costituito da merendine piene di zuccheri o grassi.

I produttori di cibo spazzatura non si limitano a sfruttare questi tre ingredienti, il cui abuso è così rischioso per la nostra salute, ma studiano in modo rigoroso le quantità, la composizione, addirittura la grandezza dei singoli elementi: sale super fine per sollecitare meglio le papille gustative, particelle di grasso distribuite in modo particolare, e zucchero o derivati con un potere dolcificante aumentato di 200 volte. Vengono effettuati anche test di risonanza magnetica per capire quali aree del cervello sono coinvolte e come aggiustare la quantità di zuccheri, sale e grassi in modo da “accendere” le aree collegate al piacere. La chiave utilizzata per attirare il cliente, ma soprattutto per poi indurlo a consumare ulteriormente il prodotto, è quella delle sostanze per le quali il nostro cervello è evolutivamente condizionato. Ovviamente a farne le spese è la salute dei consumatori.

Cosa fare quindi per ridurre lo stimolo irresistibile a mangiare sempre di più? Prima di tutto incominciare ad essere consapevoli dell’imbroglio. E liberarsi da questa schiavitù gestita da altri che hanno solo da guadagnarci sarà un notevole passo avanti.

Reagire si può, con poche importanti regole. Mangiare più possibile cibi cucinati con le proprie mani, pesando gli alimenti e sforzandosi di cucinare senza sale, grassi e zuccheri aggiunti. Abbiamo il potere di compiere delle scelte. Siamo noi a decidere cosa acquistare. Siamo noi a decidere quanto mangiare.