Fukushima 6 anni dopo: “Non è ancora chiaro cosa stia realmente accadendo all’interno”…!

Fukushima

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Fukushima 6 anni dopo: “Non è ancora chiaro cosa stia realmente accadendo all’interno”…!

 

Le tenebre di Fukushima

di Robert Hunziker

Gli effetti delle radiazioni del triplo crollo della centrale nucleare di Fukushima Daiichi si fanno sentire in tutto il mondo. Sia che intacchino la vita marina che gli esseri umani, si accumulano nel tempo. L’impatto si sta lentamente attenuando solo per mostrare i suoi veri colori in una data futura imprevedibile. È così che funzionano le radiazioni, lente ma sicuramente distruttive; serve tempo per identificarne i rischi, nel senso che una fusione nucleare ha l’impatto, per decenni, di 1.000 incidenti industriali regolari, forse di più.

Sono passati sei anni da quando il triplo crollo totale si verificò a Fukushima Daichii l’11 marzo 2011, al giorno d’oggi soprannominato “311”. Col passare del tempo, è facile per il mondo in generale perdere la cognizione delle gravi implicazioni del più grande disastro industriale del mondo; fuori dal campo visivo funziona così.

Secondo le stime del governo giapponese e della TEPCO (Tokyo Electric Power Company), lo smantellamento andrà effettuato di decennio in decennio – molto probabilmente quattro decenni – con un costo fino a 21 trilioni di ¥ (189 miliardi di dollari). Tuttavia, questa è la parte più semplice da comprendere sulla storia del disastro nucleare di Fukushima. La parte difficile e dolorosa è in gran parte nascosta alla visione pubblica attraverso una severa restrittiva legge nazionale sulla segretezza (Legge sulla protezione dei segreti appositamente designati, legge n. 108/2013), la pressione politica a bizzeffe e la paura di esporre la verità sui pericoli inerenti le fusioni dei reattori nucleari. I potenti interessi impliciti lo vogliono nascondere.

Dopo il passaggio dell’atto di segretezza del governo del 2013 – che afferma che i funzionari o altri che “svelano segreti” dovranno affrontare fino a 10 anni di prigione, e coloro che “istigano fughe”, specialmente i giornalisti, saranno soggetti a una pena detentiva fino a 5 anni – il Giappone è sceso sotto la Serbia e il Botswana nell’indice World Press Freedom di Reporters Without Borders. L’atto di segretezza, fortemente criticato dalla Japanese Federation of Bar Association (Federazione giapponese delle associazioni di avvocati), è un atto spudorato di totalitarismo abbottonato nel momento stesso in cui i cittadini hanno bisogno e infatti richiedono trasparenza.

Lo stato attuale, secondo Mr. Okamura, un manager TEPCO, a novembre 2017 è questo: “Stiamo affrontando quattro problemi: (1) ridurre le radiazioni sul sito (2) arrestare l’afflusso di acque sotterranee (3) recuperare il fuel rod e (4) recuperare il combustibile nucleare fuso. “(Fonte: Martin Fritz, L’illusione della normalità a Fukushima, Deutsche Welle-Asia, 3 novembre 2017)

In breve, non sono cambiate molte cose in quasi sette anni negli stabilimenti, anche se decine di migliaia di lavoratori hanno ripulito la campagna di Fukushima, lavato le strutture, rimosso il terriccio e conservatolo in grandi sacchi di plastica nera, che si estendono da un capo all’altro di Tokyo e Denver, e ritorno.

Accade che, tristemente, la completa fusione nucleare sia quasi impossibile da sistemare perché, in parte, nessuno sa come reagire. Ecco perché Chernobyl ha sigillato l’area che circonda il suo tracollo nel 1986. Seguendo la stessa linea, secondo il direttore di Fukushima Daiichi Shunji Uchida: “I robot e le macchine fotografiche ci hanno già fornito preziose immagini. Ma non è ancora chiaro cosa stia realmente accadendo all’interno.”(Fonte: Martin Fritz, L’illusione della normalità a Fukushima, Deutsche Welle-Asia, 3 novembre 2017)

Sette anni e loro non sanno ancora cosa sta succedendo lì dentro. È il dilemma della Sindrome della Cina del bollente corion radioattivo fuso che scava l’interno della Terra? Sta contaminando le falde acquifere? Nessuno sa, nessuno può sapere, che è uno dei maggiori rischi della fusione nucleare, nessuno sa cosa fare. Non esiste una playbook per il 100% di disastri. Fukushima Daiichi lo dimostra.

“Quando si verifica un grave disastro radiologico e colpisce vaste aree di terreno, non può semplicemente essere ripulito riparato.” (Fonte: Hanis Maketab, Environmental Impacts of Fukushima Nuclear Disaster Will Last ‘decades to centuries’ – Greenpeace, Asia Correspondent, 4 marzo 2016).

Nel frattempo, l’industria nucleare mondiale ha piani di crescita ambiziosi, circa 50-60 reattori attualmente in costruzione, per lo più in Asia, e 400 o più piante planimetrate. I sostenitori di Nuke affermano che Fukushima è in fase di pulizia, quindi di non preoccuparsi perché le Olimpiadi arriveranno tra un paio d’anni, inclusi gli eventi che si terranno nel cuore di Fukushima, e l’economia agricola locale fornirà cibo fresco.

Le Olimpiadi sono la punta di diamante di Abe per dimostrare al mondo che tutto va bene nel più pericoloso, e fuori controllo, sito di incidenti industriali. E sì, è ancora fuori controllo. Tuttavia, il governo Abe non ne è interessato. Comunque sia, i rischi sono molteplici e probabilmente non ben compresi. Per esempio, cosa succederebbe se un altro terremoto causasse ulteriori danni a strutture nucleari già danneggiate che sono tenute precariamente insieme a speranze e preghiere, soggette a massicce esplosioni di radiazioni? Cosa succederebbe? Dopo tutto, il Giappone è un territorio sismico, che ne definisce anche i confini geografici. Il Giappone ha normalmente 400-500 terremoti in 365 giorni, o circa 1,5 terremoti al giorno.

Secondo il Dr. Shuzo Takemoto, professore del Dipartimento di Geofisica della Scuola di specializzazione in Scienze dell’Università di Kyoto: “Il problema dell’Unità 2 … Se dovesse accadere un grande terremoto, verrebbe distrutta e disperderebbe il combustibile nucleare rimanente e i suoi detriti , rendendo l’area metropolitana di Tokyo inabitabile. Le Olimpiadi di Tokyo nel 2020 saranno quindi completamente fuori questione.” (Shuzo Takemoto, Potential Global Catastrophe of the Reactor No. 2 at Fukushima Daiichi, 11 febbraio 2017).

Dato che le Olimpiadi si terranno non lontano dal luogo dell’incidente nucleare di Fukushima Daiichi, vale la pena sapere cosa aspettarsi, ovvero le ripercussioni nascoste alla vista pubblica. Dopo tutto, è altamente improbabile che il Comitato Olimpico Giapponese affronterà i fattori di rischio di radiazioni per gli atleti e per gli imminenti spettatori. Il che fa sorgere una domanda: quali criteri ha seguito l’International Olympic Committee (IOC) nel selezionare il Giappone per le Olimpiadi estive del 2020 a fronte di tre tracolli nucleari al 100% totalmente fuori controllo? Come minimo, sembra una decisione spericolata.

Questo articolo, in parte, si basa su uno studio accademico che mette in luce gravi preoccupazioni sulla trasparenza in generale, sulle condizioni di salute della forza lavoro TEPCO e sulle morti improvvise, così come sui prossimi giochi olimpici, richiamando alla mente la domanda: la decisione di organizzare le Olimpiadi in Giappone nel 2020 è un atto di follia e un rozzo tentativo di coprire le devastazioni delle radiazioni?

Quindi, un’anteprima di ciò che sta accadendo dietro le quinte, così come all’interno, è offerta dal ricercatore Adam Broinowski, PhD (autore di 25 importanti pubblicazioni accademiche e Post Doctoral Research Fellow presso l’ Australian National University): “Informal Labour, Local Citizens and the Tokyo Electric Fukushima Daiichi Nuclear Crisis: Responses to Neoliberal Disaster Management ” (Lavoro informale, cittadini locali e la crisi nucleare di Tokyo Electric Fukushima Daiichi: risposte alla gestione dei disastri neoliberali), Australian National University, 2017.

Il titolo dello studio del dott. Broinowski fornisce un indizio intrinseco nel conflitto, nonché dell’opportunismo, che pone il capitalismo neoliberale applicato ai principi della “gestione delle calamità”. (Naomi Klein ha esplorato un concetto simile in The Shock Doctrine: The Rise of Disaster Capitalism, Knopf Canada, 2007).

La ricerca del Dr. Broinowski è dettagliata, completa e complessa. Il suo studio inizia scavando nell’impatto del capitalismo neoliberale, portando alla ribalta un’equivalenza del lavoro schiavistico con l’economia giapponese, specialmente in riferimento a ciò che egli chiama “lavoro informale”. Descrive in modo preminente l’assalto del lato dell’offerta sulle tendenze neoliberali in tutta l’economia del Giappone. Le esplosioni nucleari di Fukushima portano semplicemente a galla tutte le verruche e le imperfezioni endemiche del marchio neoliberale del capitalismo.

Secondo il professor Broinowski: “Il disastro in corso alla centrale nucleare di Fukushima Daiichi (FDNPS), gestita dalla Tokyo Electric Power Company (TEPCO), dall’11 marzo 2011 può essere riconosciuto come parte di un fenomeno globale che è stato in fase di sviluppo per qualche tempo. Questo disastro si è verificato all’interno di un cambiamento sociale e politico iniziato a metà degli anni ’70 (economia dal lato dell’offerta, che si riflette fortemente sull’attuale quadro fiscale americano in esame) e che è diventato più acuto nella recessione del Giappone dei primi anni ’90 con la diminuzione della crescita economica e con una maggiore deregolamentazione e finanziarizzazione dell’economia globale. Dopo 40 anni di fedeltà aziendale in cambio di contratti a vita garantiti dai sindacati aziendali, mentre le protezioni tariffarie venivano ulteriormente innalzate e la forza lavoro era sempre più casualizzata, quelli maggiormente colpiti da un regime di benessere indebolito erano lavoratori irregolari, o quello che potremmo chiamare “lavoratori informali.”

In breve, i 45.000-60.000 lavoratori reclutati per decostruire e decontaminare Fukushima Daiichi e il luogo circostante per lo più venivano dalla strada, castoff dell’impatto del neoliberismo su “… sindacati indipendenti, resi impotenti, un numero crescente di disoccupati, giovani non qualificati e precari (liberi) insieme a lavoratori occasionali più anziani, vulnerabili e senzatetto (questi gruppi costituivano insieme circa il 38% della forza lavoro nel 2015) si sono trovati non solo (a) privi di assicurazione o (b) privi di protezione ma anche in molti casi (c) privati di bisogni primari. Con l’aumento della deindustrializzazione e della fuga di capitale, le dimostrazioni pubbliche di frustrazione e rabbia di questi gruppi si sono manifestate nei disordini di Osaka del 1992.”(Broinowski)

Le rivolte di Osaka di 25 anni fa descrivono il crollo della classe operaia nella società moderna, un problema che si è riversato nelle elezioni politiche nazionali in tutto il mondo, in quanto populismo / nazionalismo dettarono vincitori / vinti. A Osaka 1.500 lavoratori impetuosi assediarono una stazione di polizia (in qualche modo simile al film iconico di John Carpenter del 1976 Assault on Precinct 13) per l’oltraggio dei legami tra la polizia e i potenti “yakuza” giapponesi o gangster che corrompono la polizia per chiudere un occhio davanti ai sindacati, o ancora gangster che vengono pagati per reclutare, spesso con la forza, lavoratori per lavori manuali poco remunerativi per l’industria.

È così che TEPCO porta i lavoratori a lavorare in posti ad alto rischio e sensibili di radiazioni. Lungo la strada, i subappaltatori rastrellano la maggior parte del denaro stanziato per i lavoratori, determinando uno stile di vita subumano per i lavori più rischiosi e più pericolosi per la vita dei giapponesi, forse il lavoro più rischioso per la vita umana al mondo.

Il Giappone ha una lunga storia di assemblaggio e reclutamento di manodopera non qualificata a prezzi economici, il che è tipico di quasi tutti i grandi progetti industriali moderni. Il lavoro è semplicemente un’altra merce da utilizzare e poi buttare via. La Tokyo Electric Power Company (“TEPCO”) di Fukushima Daiichi aderisce a quelle pratiche di impiego feudale vecchie come il mondo. Assumono lavoratori tramite strati di subappaltatori al fine di eludere le responsabilità su incidenti, assicurazione sanitaria e standard di sicurezza, penetrando negli strati sociali inferiori che non hanno voce nella società.

In quanto tale, la TEPCO non è legalmente obbligata a segnalare incidenti industriali quando i lavoratori sono assunti tramite reti complesse o reti di subappaltatori; ci sono circa 733 subappaltatori per TEPCO. Ecco il processo: TEPCO impiega un subappaltatore “shita-uke”, che a sua volta impiega un altro subappaltatore “mago-uke” che si affida ai mediatori del lavoro “tehaishilninpu-dashi.” Alla fine della giornata, chi è responsabile per la salute e la sicurezza dei lavoratori? Chi è responsabile della segnalazione di casi di malattia da radiazioni e / o morte causati dall’esposizione alle radiazioni?

Basandosi su prove aneddotiche provenienti da fonti attendibili in Giappone, ci sono buone ragioni per ritenere che la TEPCO, così come il Governo giapponese, sopprima la conoscenza pubblica delle malattie dei lavoratori legate alle radiazioni e del loro decessso, così come la nasconde alla popolazione civile di Fukushima. In tal modo, essenzialmente, all’opinione pubblica mondiale – grazie, per esempio, anche agli entusiasti / sostenitori del pro-nuke – si sottolinea la sicurezza della produzione di energia nucleare a causa di così pochi morti segnalati in Giappone. Ma, ancora una volta, chi è responsabile della segnalazione delle morti dei lavoratori? Risposta: A parte un caso occasionale di morte da parte di fonti ufficiali, nessuno!

Inoltre, TEPCO non segnala i decessi dei lavoratori che si verificano al di fuori del luogo di lavoro, anche se la morte è un risultato diretto di eccessiva esposizione alle radiazioni sul posto di lavoro stesso. Ad esempio, se un lavoratore con malattia da radiazioni diventa troppo malato per andare a lavorare, morirà ovviamente a casa e quindi non sarà riportata come una morte correlata al lavoro. Di conseguenza, i sostenitori del pro-nucleare sostengono che Fukushima dimostra quanto sia sicura l’energia nucleare, anche quando va in tilt, perché ci sono così pochi morti – se non nessuno – da essere irrilevanti. Questa è una bugia in grassetto che viene discussa nel seguito: Fukushima Darkness – Parte 2.

“Come un lavoratore ha dichiarato a Fukushima Daiichi: ‘TEPCO è Dio. I principali appaltatori sono i re e noi siamo gli schiavi. In breve, Fukushima Daiichi illustra chiaramente la riproduzione sociale, lo sfruttamento e la disponibilità del lavoro informale nella protezione statale del capitale, delle società e dei loro beni. “(Broinowski)

In effetti, il Giappone è uno stato corporativo totalitario in cui gli interessi aziendali sono protetti dalla responsabilità di strati di subappaltatori e da interessi acquisiti di potenti organismi politici e leggi sul segreto di stato estremamente severe. Pertanto, si ritiene che le questioni di sicurezza e salute che riguardano il nucleare, inclusi i decessi, siano sottostimate e probabilmente non riportate affatto nella maggior parte dei casi. Pertanto, la visione del mondo dell’energia nucleare, rappresentata in Giappone a Fukushima Daiichi, è orribilmente distorta a favore della difesa nucleare.

Fonte: counterpunch
Tratto da: ComeDonChisciotte

via Informare per Resistere

La bomba ecologica di cui nessuno parla: nell’oceano un milione di tonnellate di acqua radioattiva proveniente da Fukushima.

 

Fukushima

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

La bomba ecologica di cui nessuno parla: nell’oceano un milione di tonnellate di acqua radioattiva proveniente da Fukushima.

Nel Pacifico 1 milione di tonnellate di acqua radioattiva di Fukushima

Oltre sei anni dopo il disastro nucleare di Fukushima, il Giappone non ha ancora deciso come smaltire il milione di tonnellate di acqua radioattiva attualmente stoccata presso la centrale di Daiichi in 900 grandi serbatoi.

Secondo gli esperti che lavorano per il governo, si dovrebbe procedere a un rilascio graduale nel vicino Oceano Pacifico dopo aver effettuato un trattamento in grado di rimuovere tutti gli elementi radioattivi ad eccezione del trizio, che secondo loro è sicuro in piccole quantità.

Ma i pescatori locali temono che i consumatori non acquisteranno pesce catturato nell’area se ciò dovesse accadere, e la loro attività che sta ancora lottando per ripartire dopo lo tsunami, sarebbe ulteriormente danneggiata.

Gli ultimi test multipli hanno dimostrato che la maggior parte dei pesci catturati vicino a Fukushima sono sicuri da consumare. Ma giustamente la popolazione è ancora riluttante. Va detto anche che conservare a lungo l’acqua radioattiva nei serbatoi non è affatto sicuro visto che un altro terremoto o uno tsunami potrebbero provocarne una immediata fuoriuscita.

Ogni giorno la quantità di acqua radioattiva a Fukushima aumenta di 150 tonnellate.L’acqua di raffreddamento deve essere pompata nei reattori per evitare che si surriscaldino. Quindi filtra dalle camere di contenimento e si raccoglie nei serbatoi insieme all’acqua sotterranea che penetra attraverso le crepe negli edifici del reattore. A causa delle forti piogge, l’afflusso delle acque sotterranee aumenta in modo significativo, incrementandone il volume. Alla fine 210 tonnellate di queste acque possono essere trattate e riutilizzate per il raffreddamento dei reattori ma 150 tonnellate vengono messe nei serbatoi in attesa di conoscere la loro sorte.

Per ovviare al problema, la Tokyo Electric Power Co (Tepco), l’utility che gestisce l’impianto di Fukushima ha scavato dozzine di pozzi per pompare l’acqua freatica prima che raggiunga gli edifici del reattore e ha costruito un “muro di ghiaccio” sotterraneo di discutibile efficacia con il parziale congelamento del terreno attorno ai reattori.

Un altro panel governativo ha raccomandato l’anno scorso alla Tepco di diluire l’acqua fino a circa 50 volte e rilasciarne circa 400 tonnellate al giorno in mare, un processo che richiederebbe quasi un decennio prima di essere completato. Il rilascio di acqua triturica radioattiva è consentito in altre centrali nucleari.

Tra le possibili alternative c’è anche l’attesa. Si potrebbe rilasciare l’acqua dal 2023in poi, quando metà del trizio presente al momento del disastro sarà naturalmente scomparso. A quel punto bisognerebbe incrociare le dita e sperare che non si verifichino altri terremoti.

 

 

tratto da: https://www.greenme.it/informarsi/ambiente/25839-acqua-radioattiva-fukushima

Greenpeace: dicono che il disastro di Fukushima sia finito. Ma non è così.

 

 

Fukushima

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

 

Greenpeace: dicono che il disastro di Fukushima sia finito. Ma non è così.

 

Nucleare, dicono che il disastro di Fukushima sia finito. Ma non è così

L’11 marzo di sei anni fa più di 15mila persone morirono e la vita di altre decine di migliaia di persone cambiò per sempre. Il Giappone nord-orientale fu colpito da un violento terremoto, seguito da un enorme tsunami che spazzò via una dopo l’altra le città costiere. Poi, nei giorni successivi, arrivò la notizia sconvolgente dell’incidente ai reattori nucleari della centrale di Fukushima Daiichi.

Un disastro nucleare che continua ancora oggi. I sopravvissuti all’incidente continuano a vivere con il timore per la salute delle loro famiglie e con l’incertezza sul futuro. E sono le donne ad affrontare le conseguenze più pesanti. Donne che continuano a farsi domande senza avere risposte che siano in grado di alleviare il profondo senso di rabbia e di ingiustizia.

A partire dalle due settimane successive al disastro nucleare, e per tutti questi sei anni, Greenpeace ha condotto campagne di misura della radioattività nella regione contaminata. L’ultima indagine ha raccolto dati sia all’interno che all’esterno di alcune case selezionate nel villaggio di Iitate, situato a circa 30-50 km dalla centrale nucleare di Fukushima. In alcune di queste abitazioni, chi dovesse eventualmente tornarvi potrebbe ricevere una dose di radiazioni equivalente a una radiografia del torace a settimana. E questo assumendo che la popolazione rimanga nella parte di territorio decontaminata, visto che il 76 per cento della superficie totale di Iitate non è stato bonificato e rimane altamente contaminato.

Nonostante questo, il governo guidato da Shinzo Abe intende revocare a breve – a cavallo tra fine marzo e inizio aprile – gli ordini di evacuazione dal villaggio di Iitate e da altre aree, a un anno dalla fine dell’erogazione dei risarcimenti per le famiglie di quelle zone. Verrà inoltre annullato il sostegno per l’alloggio a chi è stato evacuato al di fuori delle zone designate. Una decisione che, per chi dipende economicamente da questo supporto, potrebbe significare il ritorno forzato in aree contaminate.

Le donne e i bambini sono i più colpiti da quanto accaduto sei anni fa. Sono infatti fisicamente più vulnerabili agli impatti del disastro e all’esposizione alle radiazioni. L’evacuazione ha inoltre smembrato comunità e famiglie, privando donne e bambini di reti sociali e fonti di sostegno e protezione. Insieme a un forte divario salariale – il Giappone è terzo nella disparità di reddito di genere, secondo le più recenti classifiche dell’Ocse – per le donne sfollate, soprattutto per le madri sole con figli a carico, il rischio povertà è molto più alto rispetto agli uomini.

Nonostante le avversità, o forse proprio per queste, le donne rappresentano la più grande speranza di cambiamento. Nonostante siano politicamente ed economicamente ai margini, le donne si sono poste in prima fila per chiedere cambiamenti al governo e all’industria nucleare.

Per proteggere i propri figli e per garantire un futuro libero dal nucleare per le future generazioni, le madri di Fukushimae dintorni sono mobilitate contro le politiche e le decisioni paternalistiche del governo. Sono alla testa dei movimenti antinucleari, organizzano manifestazioni e sit-in davanti agli uffici del governo, guidano le battaglie legali, testimoniano in tribunale, si sono unite per difendere i loro diritti.

Noi lottiamo assieme alle donne che sono in prima fila nella lotta antinucleare, per i loro diritti e per il loro futuro.

 di Yuko Yoneda – direttrice di Greenpeace Giappone
fonte: https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/03/11/nucleare-dicono-che-il-disastro-di-fukushima-sia-finito-ma-non-e-cosi/3443253/

I danni irreparabili provocati dal disastro nucleare di Fukushima e di cui nessuno parla più…

 

Fukushima

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

I danni irreparabili provocati dal disastro nucleare di Fukushima e di cui nessuno parla più…

 

Stiamo parlando di un disastro nucleare che è assolutamente senza precedenti, ed è in costante peggioramento. I seguenti sono 28 segni che la costa occidentale del Nord America è assolutamente bombardata con radiazioni nucleari di Fukushima e l’umanità è a rischio. Ogni singolo giorno, 300 tonnellate di acqua radioattiva da Fukushima entrano nell’Oceano Pacifico. Ciò significa che la quantità totale di materiale radioattivo rilasciato da Fukushima è in costante aumento, ed è in costante aumento (la radioattività NdT) nella nostra catena alimentare.
 
In definitiva, tutto ciò che riguarda le radiazioni nucleari sopravviverà a tutti noi con un margine molto ampio. Stanno dicendo che potrebbe richiedere fino a 40 anni per ripulire il disastro di Fukushima, e nel frattempo innumerevoli persone innocenti svilupperanno il cancro e altri problemi di salute a causa di esposizione a livelli elevati di radiazioni nucleari.
 
Stiamo parlando di un disastro nucleare che è assolutamente senza precedenti, ed è in costante peggioramento. I seguenti sono 28 segni che la costa occidentale del Nord America è assolutamente fritta dalle radiazioni nucleari di Fukushima …
 
1. Gli orsi polari, foche e trichechi lungo la costa dell’Alaska sono affetti da perdita di pelo e ferite aperte …
Esperti della fauna selvatica stanno studiando se la perdita di pelo e ferite aperte rilevati in nove orsi polari nelle ultime settimane è diffusa e correlata ad incidenti simili tra foche e trichechi.
Gli orsi, 33 avvistati, sono stati trovati pressi di Barrow, in Alaska, durante il lavoro di indagine di routine lungo la costa artica. I test hanno mostrato che avevano “alopecia o perdita di pelo e altre lesioni cutanee”, l’US Geological Survey ha detto in una dichiarazione .

2. C’è una epidemia di leoni marini morti lungo la costa della California.
Al rookeries isola al largo della costa della California del Sud, il 45 per cento dei cuccioli nati nel mese di giugno sono morti, ha detto Sharon Melin, un biologo della fauna selvatica per il National Marine Fisheries Service con sede a Seattle.Normalmente, meno di un terzo dei cuccioli sarebbero morti. E ‘diventato così pessima la situazione nelle ultime due settimane che la National Oceanic and Atmospheric Administration ha dichiarato un “evento insolito di mortalità.”

3. Lungo la costa del Pacifico del Canada e dell’Alaska, la popolazione di salmone rosso è a un minimo storico . Molti stanno incolpando Fukushima.

4. Qualcosa sta causando a molte specie di pesce lungo la costa ovest del Canada il sanguinamento dalle loro branchie, pance e bulbi oculari .

5. Un vasto campo di detriti radioattivi da Fukushima, che è circa la dimensione della California ha attraversato l’Oceano Pacifico e sta iniziando a entrare in collisione con la costa occidentale.

6. Viene previsto che la radioattività delle acque costiere al largo della costa occidentale degli Stati Uniti potrebbe 

raddoppiare nel corso dei prossimi 5-6 anni.

7. Gli esperti hanno scoperto livelli  molto elevati di cesio-137 nel plancton che vive nelle acque dell’Oceano Pacifico tra le Hawaii e la costa occidentale.

8. Un test in California, ha scoperto che 15 su 15 dei tonni rossi esaminati sono stati contaminati con radiazioni da Fukushima.

9. Già nel 2012, il Vancouver Sun ha riferito che il cesio-137 veniva trovato in una percentuale molto alta dei pesci che il Giappone stava vendendo in Canada …
• 73 per cento di sgombro testato
• 91 per cento del halibut
• il 92 per cento delle sardine
• 93 per cento del tonno e anguilla
• 94 per cento del merluzzo e acciughe
• 100 per cento della carpa, alghe marine, squali e coda di rospo

10. Le Autorità canadesi stanno rilevando livelli estremamente elevati di radiazioni nucleari in alcuni campioni di pesce esaminati.
Alcuni campioni di pesce testati fino ad oggi hanno fatto registrare livelli molto alti di radiazioni: un campione di branzino raccolto nel mese di luglio, per esempio, ha avuto 1.000 becquerel per chilogrammo di cesio.

11. Alcuni esperti ritengono che abbiamo potuto vedere casi elevati di cancro lungo la costa occidentale solo da persone che mangiano pesce contaminato …
“Guardate quello che sta succedendo ora: Stanno scaricando enormi quantità di radioattività nell’oceano – nessuno si aspettava questo nel 2011,” Daniel Hirsch, docente di politica nucleare presso l’Università di California-Santa Cruz, ha detto Global Security Newswire . “Potremmo avere un gran numero di tumori da ingestione di pesce.”

12. BBC News ha recentemente riportato che i livelli di radiazioni intorno Fukushima sono ” 18 volte più elevato “di quanto si credesse.

13. Uno studio finanziato dall’UE ha concluso che Fukushima ha rilasciato fino ad ora 210 quadrilioni becquerel di cesio-137 in atmosfera.

14. La radiazione atmosferica da Fukushima ha raggiunto la costa occidentale degli Stati Uniti nel giro di pochi giorni nel 2011.

15. A questo punto, 300 tonnellate di acqua contaminata si riversano nell’Oceano Pacifico da Fukushima ogni singolo giorno.
(Ad) Guarda SHADE la Motion Picture in 1080p straordinaria qualità Blu-ray – Guarda ora

16. Un ricercatore di chimica marina dell’Agenzia giapponese di Meteorological Research Institute del dice che “30 miliardi di becquerel di cesio radioattivo e 30 miliardi di becquerel di stronzio radioattivo” vengono rilasciate nell’Oceano Pacifico da Fukushima ogni singolo giorno .

17. Secondo la Tepco, un totale compreso tra 20 mila miliardi e 40.000 miliardi di becquerel di trizio radioattivo sono stati riversati nell’Oceano Pacifico dopo il disastro di Fukushima ha iniziato.

18. Secondo un professore dell’Università di Tokyo, 3 gigabecquerels di cesio-137 scorrono nella porta di Fukushima Daiichi ogni singolo giorno .

19. Si stima che, rispetto a Chernobyl,  fino a 100 volte di più di radiazioni nucleari sono state rilasciate in mare a Fukushima rispetto a quanto è stato rilasciato durante l’intero disastro di Chernobyl.
20. Uno studio recente ha concluso che un grande aggregato di cesio-137 dal disastro di Fukushima inizierà a fluire nelle acque costiere degli Stati Uniti all’inizio del prossimo anno …
Simulazioni oceaniche hanno mostrato che la massa di cesio radioattivo-137 rilasciato dal disastro di Fukushima nel 2011 potrebbe iniziare a scorre nelle acque costiere degli Stati Uniti a partire nei primi mesi del 2014 con un picco nel 2016.

21. Viene previsto che livelli significativi di cesio-137 si raggiungeranno in ogni angolo del Pacifico entro il 2020 .

22. Viene previsto che l’intero Oceano Pacifico sarà presto contaminato con “livelli di cesio da 5 a 10 volte superiore” rispetto a quello che abbiamo visto durante l’epoca di pesanti prove di bombe atomiche nell’oceano Pacifico molti decenni fa.

23. Le immense quantità di radiazioni nucleari entrati in acqua nel Pacifico hanno provocato l’ambientalista-attivista Joe Martino ad emettere il seguente avviso …
“I vostri giorni fatti di mangiare pesce dell’Oceano Pacifico sono finiti.”

24. Lo iodio-131, cesio-137 e stronzio-90 che sono costantemente in arrivo da Fukushima stanno andando a influenzare la salute di coloro che vivono nell’emisfero nord per un tempo molto, molto lungo. Basta considerare quello che Harvey Wasserman aveva da dire su questo …
Lo Iodio-131, per esempio, può essere ingerito nella tiroide, dove emette particelle beta (elettroni) che danni tissutali. Una piaga di tiroidi danneggiate è già stato segnalato tra ben il 40 per cento dei bambini nella zona di Fukushima. Tale percentuale non può che andare più in alto. In via di sviluppo tra i giovani, può arrestare la crescita sia fisica che mentale. Tra gli adulti che provoca una vasta gamma di disturbi secondari, tra cui il cancro.
Il Cesio-137 da Fukushima è stato trovato in pesci pescati lontani come la California. Si diffonde in tutto il corpo, ma tende ad accumularsi nei muscoli. 
Il fine vita dello stronzio-90 è di circa 29 anni. Imita il calcio e va nelle nostre ossa.

25. Secondo un recente rapporto di Infowars Planet , la costa della California si sta trasformando in una “zona morta” …
La costa della California sta diventando come una zona morta. 
Se non sei stato su una spiaggia della California ultimamente, probabilmente non sapete che le rocce sono innaturalmente pulita – non c’è quasi più fuco, cirripedi, ricci di mare, ecc più e le pozze di marea sono allo stesso modo stranamente privi di granchi, lumache e altri segni di vita … e soprattutto rispetto a 10 – 15 anni fa, quando era consigliabile indossare scarpe da tennis su una gita al mare, al fine di evitare di tagliarsi i piedi per tutte le cose – conchiglie rotte, ossa, vetro, legni, ecc 
Ci sono anche giorni in cui  mi trovo in difficoltà a trovare anche una mezza dozzina di gabbiani sulla spiaggia della contea. 
È ancora possibile trovare un paio di gabbiani nelle aree pic-nic e vicini ad alcuni dei ristoranti (con posti a sedere all’aperto) per il cibo, naturalmente, ma, quando ripenso a 10 – 15 anni fa, i cieli e tutte le spiagge erano letteralmente riempiti con i gabbiani e del loro starnazzare inquietante. 
Ora è tutto innaturalmente tranquillo.

26. Uno studio condotto l’anno scorso è giunto alla conclusione che le radiazioni dal disastro nucleare di Fukushima potrebbe influenzare negativamente la vita umana lungo la costa occidentale del Nord America dal Messico all’Alaska “per decenni”.

27. Secondo il Wall Street Journal, la pulizia di Fukushima potrebbe richiedere fino a 40 anni per il completamento .

28.Il professore di Yale Charles Perrow avverte che se la pulizia di Fukushima non viene gestita con il 100% di precisione, l’umanità potrebbe essere minacciata per “migliaia di anni “…
 
“Le condizioni della piscina dell’unità, a 100 metri dal suolo, sono pericolose, e se due aste qualsiasi dovessero toccarsi potrebbero provocare una reazione nucleare che sarebbe incontrollabile. La radiazione emessa da tutte queste sbarre, se non sono continuamente al fresco e mantenute separate, richiederebbe l’evacuazione delle zone circostanti Tokyo. A causa della radiazione presso il sito dove sono contenute 6375 barre nel lotto in comune, se non venissero raffreddate continuamente, le conseguenze potrebbero essere un processo di fissione che minaccerebbe l’umanità per migliaia di anni “.

 
Stai iniziando a capire perché così tante persone sono così profondamente preoccupati per quello che sta succedendo a Fukushima?

Fukushima: scoperte nuove sostanze radioattive accumulate in fondo al mare

 

Fukushima

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Fukushima: scoperte nuove sostanze radioattive accumulate in fondo al mare

 

Nuove fonti di radioattività a Fukushima. A scoprirle sono stati gli scienziati del Woods Hole Oceanographic Institution e della Seiya Nagao of Kanazawa University, che hanno scovato un luogo incredibile in cui si sono accumulate sostanza radioattive provenienti dalla centrale di Daiichi.

La radioattività si è spinta nelle sabbie e nelle acque salmastre fino a 60 miglia (circa 97 km) di distanza dalla costa. Le sabbie hanno assorbito e trattenuto il cesio radioattivo liberato nel 2011 a seguito del terremoto che colpì il Giappone e lentamente lo stanno rilasciando nell’oceano.

Il team di ricerca guidato da Virginie Sanial, Ken Buesseler e Matthew Charette ha ipotizzato che i livelli elevati di cesio-137 immessi nel 2011 siano stati trasportati lungo la costa dalle correnti oceaniche. Nelle settimane che seguirono l’incidente, onde e maree trasportano il cesio in queste acque, contaminandole. La sua corsa è poi arrivata fino alle coste dove il cesio si è “bloccato” sulla superficie dei granuli di sabbia, diventati una vera e propria spugna. Quest’ultima è rimasta sulle spiagge, spingendo pian piano il cesio nelle profondità.

Il team ha campionato otto spiagge a una distanza di quasi 100 km dalla centrale nucleare di Fukushima Daiichi tra il 2013 e il 2016 scoprendo che i livelli di cesio nelle acque sotterranee erano fino a 10 volte superiori rispetto a quelli che si trovavano nell’acqua all’interno del porto della centrale nucleare stessa.

Nessuno si aspettava di rilevare i livelli più elevati di cesio nelle acque sotterranee a molte miglia di distanza dalla centrale di Fukushima. Gli scienziati hanno stimato che la quantità di acqua contaminata che scorre nell’oceano e che proviene da questa sorgente di acqua salmastra sommersa, è grande quanto le altre due fonti conosciute.

Il cesio ha una emivita lunga e persiste nell’ambiente. Nelle loro analisi delle spiagge, gli scienziati hanno rilevato non solo il cesio-137, che potrebbe provenire da Daiichi o da armi nucleari testate negli anni ’50 e ’60, ma anche cesio-134, la cui origine è necessariamente legata all’incidente di Fukushima.

“Solo il tempo rimuoverà lentamente il cesio dalle sabbie degradandolo naturalmente” ha detto Sanial. “Ci sono 440 reattori nucleari operativi nel mondo, di cui circa la metà lungo la costa. “Nessuno è esposto a queste acque, quindi non c’è pericolo per la salute pubblica ma questo nuovo e imprevisto percorso dello stoccaggio e del rilascio di radionuclidi verso l’oceano dovrebbe essere preso in considerazione nella gestione delle aree costiere in cui si trovano le centrali nucleari”.

Fukushima, un disastro che non avrà mai fine.

Francesca Mancuso

 

fonte: https://www.greenme.it/informarsi/ambiente/25275

Quello che i media non Vi fanno sapere: il Gran Sasso è la nuova Fukushima! Sotto il Gran Sasso da anni in corso esperimenti che sprigionano radiazioni come quelle di un disastro nucleare!

Gran Sasso

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Quello che i media non Vi fanno sapere: il Gran Sasso è la nuova Fukushima! Sotto il Gran Sasso da anni in corso esperimenti che sprigionano radiazioni come quelle di un disastro nucleare!

Sotto il Gran Sasso radiazioni pari ad un ¼ di quelle sprigionate a Fukushima

Sox è parte dell’esperimento Borexino “noto” almeno dal 2007 ma…

PESCARA. Lo sapevano tutti, non lo sapeva nessuno. “Tutti” gli scienziati ne parlano da oltre 10 anni, sui giornali si scrive da altrettanto tempo, eppure “nessuno” del volgo sapeva con precisione di cosa si trattasse.

E’ la storia dell’esperimento Sox (parte di quello denominato Borexino, finanziato con milioni di euro dall’Europa  e dal Governo)  che è stato nascosto agli abruzzesi mostrandolo al mondo e omettendo alcuni particolari che oggi non appaiono più così “trascurabili”.

Il primo particolare celato è che i Laboratori del Gran Sasso (vanto nel mondo e ritrovo delle eccellenze scientifiche) non sono sicuri, non sono adeguati alle norme, le camere dove si stoccano e maneggiano sostanze pericolose non sono isolate dall’acquedotto che abbevera 700mila persone ed infatti dal 2002 vi sono state contaminazioni (poche quelle  note).

Il secondo particolare è che gestire sostanze radioattive in queste condizioni equivale ad un azzardo bello e buono il cui costo potrebbe andare ben al di là delle centinaia di milioni pubblici già spesi.

Forse per questo nessuno ha avuto interesse a spiegare che sotto il Gran Sasso arriveranno fonti radioattive degne di una centrale nucleare e nella fattispecie pari ad un quarto della radioattività sprigionatasi a Fukushima.

In compenso dall’esperimento ne deriveranno sonni più tranquilli per tutti gli scienziati che da decenni si interrogano su Borexino, elettroni ed i misteri della micromateria potendo avere risposte in ogni caso certe.

Di fatto nei laboratori di fisica nucleare del Gran Sasso è in corso dal 2013 la predisposizione l’esperimento Sox che dovrebbe terminare nell’estate 2018 e utilizzerà una potente sorgente radioattiva di Cerio 144 proveniente da combustibile radioattivo di un reattore nucleare russo.

La descrizione delle attività è riportata sul sito del programma Cordis dell’Unione Europea e da pubblicazioni dei ricercatori coinvolti.

L’esperimento Sox è frutto di una collaborazione internazionale tra enti di ricerca e università.

Si tratta di una ricerca sui neutrini che impiegherà per oltre un anno all’interno dei Laboratori al di sotto dell’impianto Borexino, altro esperimento già in corso da anni; questa sorgente radioattiva da 100/150 mila curie sarà incapsulata nel più grande contenitore di tungsteno mai prodotto, in Cina, da 19 cm di spessore, per schermare le radiazioni gamma.

 

RADIAZIONI PARI A ¼ DI FUKUSHIMA

L’attività radioattiva della sorgente è pari a circa un quarto del Cesio 137 radioattivo emesso nell’oceano da Fukushima, come riporta il rapporto tecnico della Iaea sull’incidente.

Il trasporto della sorgente prodotta a partire dal combustibile, avverrà dal sito nucleare di Mayak, tristemente nota per essere la città dove nel 1957 avvenne un grave incidente, attraverso la Francia in un contenitore fornito dalla Areva, colosso transalpino del nucleare.

Il percorso della sorgente radioattiva di Cesio 144 prevede il trasporto via treno da Mayak a San Pietroburgo e da qui via nave fino a Le Havre in Francia.

Qui un trasporto su gomma condurrà il contenitore da venti tonnellate, in cui è inserito a sua volta il cilindro, di tungsteno al Gran Sasso.

Il carico del primo materiale di prova è giunto oggi intorno alle ore 12 in leggero anticipo sulla tabella di marcia nei laboratori, forse per paura di una protesta ambientalista che non c’è stata, nonostante da due giorni ormai si parla improvvisamente di questo esperimento senza alcun contributo ufficiale dei Laboratori e delle istituzioni pubbliche.

In alcune dichiarazioni il direttore Stefano Ragazzi ha smentito l’arrivo di materiale radioattivo mentre invece qualcosa di radioattivo è arrivato e sarà utilizzato in una prova o simulazione.

 

L’ALLARME DEL FORUM H2O

«I Laboratori, classificati già ora come Impianto a Rischio di Incidente Rilevante, sono stati oggetto nel passato, anche recente, di fuoriuscite di sostanze non radioattive ma tossiche come il trimetilbenzene», ha dichiarato Augusto De Sanctis, del Forum H2O.

«La prova del trasporto di cui si ha notizia in questi giorni – ha proseguito De Sanctis – stante ai documenti della prefettura di L’Aquila, comunque pare aver comportato il trasporto di materiale irraggiato, immaginiamo che il contenitore per il trasporto futuro della vera sorgente radioattiva. L’acqua del Gran Sasso è non solo utilizzata per bere da centinaia di migliaia di persone in quattro province ma alimenta torrenti e fiumi che sono un patrimonio tutelato dal parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e da siti di interesse comunitario. Già nel 2002 con lo sversamento di trimetilbenzene proprio da Borexino e più recentemente nell’agosto 2016 con il Diclorometano, si è avuta dimostrazione della possibilità di queste sostanze di raggiungere addirittura l’acquedotto. A nulla sono serviti gli 84 milioni spesi per la messa in sicurezza dal Commissario Delegato Balducci a metà degli anni 2000».

 

I LAVORI NEL LABORATORIO

Il contenitore di tungsteno da record che conterrà la sorgente radioattiva sarà trasportato alla base del gigantesco contenitore che è il fulcro dell’esperimento Borexino.

Lo spostamento della delicatissima sostanza avverrà su binari all’interno di un tunnel costruito per finire sotto l’impianto esistente di un metro per un metro e di 10 metri di lunghezza.

I lavori sono stati eseguiti nei mesi scorsi ma anche su questo aspetto è calato il riserbo.

 

L’ESPERIMENTO

Borexino offre un’opportunità unica per eseguire uno studio sulle oscillazioni di neutrini a breve distanza. Questa è l’idea alla base di SOX (Short distance neutrino Oscillations with boreXino).
L’esperimento SOX aspira alla completa conferma o a chiara smentita delle cosiddette “anomalie di neutrini”, prove circostanziali della sparizione di neutrini elettronici che sono state osservate a LSND, MiniBOone, con i reattori nucleari e con i rivelatori di neutrini solari al Gallio.
Se SOX avrà successo, dimostrerà inequivocabilmente l’esistenza della componente sterile dei neutrini e aprirà una nuova era nel campo della fisica delle particelle fondamentali e della cosmologia. L’osservazione di un segnale fisico significherebbe, infatti, la scoperta della prima particella oltre il modello standard elettrodebole.
In caso di risultato negativo, SOX avrà comunque il pregio di poter chiudere il lungo dibattito circa la veridicità delle anomalie di neutrini, proverà l’esistenza di nuova fisica nelle interazioni di neutrini a bassa energia, misurerà il momento magnetico del neutrino ed infine servirà come ottima calibrazione in energia per Borexino consentendo in futuro misure di neutrini solari ad altissima precisione.
L’esperimento SOX utilizzerà un innovativo generatore di antineutrini composto da 144Ce. Questo generatore sarà dislocato nei pressi del rivelatore Borexino e produrrà decine di migliaia di interazioni di antineutrini nel volume interno del rivelatore Borexino. L’inizio dell’esperimento SOX è previsto per il 2018, la presa dati durerà circa 18 mesi.
L’esperimento Borexino-SOX è gestito da una collaborazione internazionale di circa 140 scienziati provenienti dall’Italia (Sezioni INFN e Università di Milano, Ferrara, Genova, Perugia, Napoli, Laboratori Nazionali del Gran Sasso e GSSI), dalla Francia (CEA Saclay e APC Parigi), dalla Germania (TUM Monaco, MPI-K Heildelberg, TU Dresda, Università di Tuebingen, Amburgo e Mainz), dalla Russia (JINR Dubna, Università Lomosonov Mosca, Kurchatov Institute Mosca e NPI S. Pietroburgo), dalla Polonia (Università Jagellonian), dall’Ucraina (Kiev INR) e dagli Stati Uniti (Università di Princeton, Hawaii, Massachusetts Amherst, Houston, UCLA e Virginia Polytechnic Institute).
Responsabili del progetto
Marco Pallavicini (INFN Genova)
Gioacchino Ranucci (INFN Milano)

fonte: http://www.primadanoi.it/gallery/cronaca/574546/sotto-il-gran-sasso-radiazioni-pari-ad-un-di-quelle-sprigionate-a-fukushima.html

Dal rapporto di Greenpeace: gli impatti ambientali del disastro nucleare di Fukushima avranno effetti per secoli!

 

Fukushima

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Dal rapporto di Greenpeace: gli impatti ambientali del disastro nucleare di Fukushima avranno effetti per secoli!

Studio Greenpeace: da Fukushima impatti per secoli
Gli impatti ambientali del disastro nucleare di Fukushima Daiichi avranno effetti per secoli su foreste, fiumi ed estuari. È quanto emerge da “Radiation reloaded”, nuovo rapporto diffuso da Greenpeace Giappone.

Gli impatti ambientali del disastro nucleare di Fukushima Daiichi avranno effetti per secoli su foreste, fiumi ed estuari. È quanto emerge da “Radiation reloaded”, nuovo rapporto diffuso da Greenpeace Giappone, secondo cui gli elementi radioattivi a lunga vita sono stati assorbiti da piante e animali, riconcentrati tramite le catene alimentari, e trascinati a valle verso l’Oceano Pacifico da tifoni, da inondazioni e dallo scioglimento della neve.

«Il Programma di decontaminazione del governo giapponese non avrà quasi nessun impatto sulla riduzione del rischio ecologico legato all’enorme quantità di radioattività emessa nel disastro nucleare di Fukushima», afferma Kendra Ulrich, senior campaigner nucleare di Greenpeace Giappone. «Già oltre 9 milioni di metri cubi di scorie nucleari sono sparsi su almeno 113 mila siti nella Prefettura di Fukushima. Questo mentre il governo Abe vuol far passare la favola che cinque anni dopo l’incidente nucleare la situazione stia tornando alla normalità. E, purtroppo per le vittime, ciò significa che gli viene raccontato che possono tornare in sicurezza in ambienti in cui i livelli di radiazione sono spesso ancora troppo elevati e circondati da una pesante contaminazione».

Con il rapporto lanciato oggi, basato su un grande volume di ricerche scientifiche indipendenti effettuate nelle zone colpite nell’area di Fukushima, l’organizzazione ambientalista denuncia anche la posizione profondamente sbagliata dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica e del governo Abe, sia in termini di rischi di decontaminazione che di rischi per l’ecosistema. Lo studio si basa inoltre sulle analisi dell’impatto ambientale della catastrofe nucleare di Cernobyl, per trarre un’indicazione del possibile futuro delle aree contaminate in Giappone.

Le analisi mostrano come evidenti i seguenti impatti ambientali:

  • Elevate concentrazioni di radioelementi riscontrate nelle nuove foglie e, almeno nel caso del cedro, anche nel polline;
  • Aumento di mutazioni nella crescita degli abeti con l’aumento dei livelli di radioattività;
  • Mutazioni ereditarie riscontrate nelle farfalle tipo Pseudozizeria maha, Dna danneggiato nei vermi nelle zone altamente contaminate e riduzione della fertilità nella rondine comune;
  • Diminuzione dell’abbondanza di 57 specie di uccelli nelle aree a maggiore contaminazione, evidenziata da uno studio di quattro anni;
  • Elevati livelli di contaminazione da cesio riscontrati nei pesci d’acqua dolce di importanza commerciale;
  • Contaminazione radiologica degli estuari che rappresentano uno degli ecosistemi più importanti.

«Ancora non si vede la fine di questa drammatica vicenda per le comunità di Fukushima», continua Ulrich. «Quasi 100 mila persone non sono tornate a casa e molti non saranno mai in grado di farlo. La maggior parte dei cittadini si oppone al riavvio dei reattori nucleari, e molti di essi chiedono lo sviluppo delle fonti rinnovabili, le uniche opzioni sicure e pulite in grado di soddisfare le esigenze del Giappone. Il governo giapponese dovrebbe mettere gli interessi dei suoi cittadini prima di ogni altro», conclude.

Dal marzo 2011 ad oggi Greenpeace ha condotto 25 indagini radiologiche su Fukushima. Nel 2015, si è concentrata sulla contaminazione delle montagne boscose nel distretto di Iitate, a nord-ovest della centrale nucleare di Fukushima Daiichi. Sia le analisi di Greenpeace che ricerche indipendenti hanno dimostrato come la radioattività si muova dai bacini montani contaminati, fino a entrare negli ecosistemi costieri.Il fiume Abukuma, uno dei più grandi del Giappone, che scorre in gran parte attraverso prefettura di Fukushima, nei primi cento anni dopo l’incidente potrebbe scaricare in mare 111 TBq di Cesio-137 e 44 TBq di Cesio-134.

Attualmente un team di ricercatori di Greenpeace Giappone sta studiando la contaminazione radioattiva dei sedimenti oceanici e alla foce del fiume sulla costa di Fukushima. L’indagine sottomarina è condotta da una nave di ricerca giapponese, con l’appoggio della Rainbow Warrior. Il disastro di Fukushima rappresenta il più grande rilascio di radioattività nell’oceano. Insieme all’incidente nucleare di Cernobyl è l’unico di livello 7 mai verificatosi sinora.

Leggi il report “Radiation reloaded” (pdf)

Attenzione – Cibo radioattivo dal Giappone: l’Unione Europea intende azzerare i controlli…!!

 

Cibo radioattivo

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Attenzione – Cibo radioattivo dal Giappone: l’Unione Europea intende azzerare i controlli…!!

 

di Piernicola Pedicini, Efdd – MoVimento 5 Stelle Europa

“La Commissione europea vuole eliminare una serie di controlli sui prodotti alimentari importati da alcune aree del Giappone. Questi controlli erano stati decisi dopo il disastro nucleare di Fukushima. Siamo sconcertati. Gli studi scientifici dicono che il tempo di dimezzamento della radioattività dopo un incidente nucleare è di ben 700 milioni di anni. Sono passati appena 6 anni da Fukushima, un lasso di tempo troppo breve per poter essere sicuri.

Nella Commissione Ambiente, Salute e Sicurezza alimentare del Parlamento europeo abbiamo espresso il nostro sdegno a questa proposta della Commissione: il cibo che mangiamo e quello che entra nel mercato europeo deve essere sicuro. Non bastano i controlli in Giappone, servono anche quelli all’ingresso in Europa. Come ha dimostrato il caso delle uova contaminate, i controlli non sono mai troppo pochi! A volte le normative non bastano: bisogna fare i conti con la realtà della corruzione e degli interessi commerciali in gioco.

Dopo l’esplosione di Fukushima tonnellate di acqua contaminata dalle radiazioni sarebbero state riversate in mare. I principali alimenti a rischio sono i pesci, il tonno e le vongole. Sotto attenzione anche il riso. I controlli speciali, decisi all’indomani del disastro nucleare, non devono essere rimossi.

I cittadini italiani sanno chi difende davvero la salute dei loro salute. Noi non dimentichiamo che pochi anni fa il governo Berlusconi propose un decreto per il ritorno al nucleare dell’Italia, seguiti a ruota dalla Lega. Questi disastri e le conseguenze che portano devono essere da monito. Per questo, in più di una circostanza, il popolo italiano si è espresso contro l’utilizzo del nucleare. Il futuro sono le fonti rinnovabili. Noi continuiamo a lavorare per costruire e realizzare un Paese diverso“.

di Piernicola Pedicini, Efdd – MoVimento 5 Stelle Europa

VIDEO. Ecco l’intervento di Piernicola Pedicini in Commissione. Sol il gruppo Efdd difende davvero la salute dei cittadini.

fonte: http://www.movimento5stelle.it/parlamentoeuropeo/2017/09/cibo-radioattivo-dal.html

Anonymous lancia l’allarme: la più grande minaccia per l’umanità e la Terra sono le fughe radioattive di Fukushima!

Anonymous

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Anonymous lancia l’allarme: la più grande minaccia per l’umanità e la Terra sono le fughe radioattive di Fukushima!

 

In un breve video, informativo,Anonymous ha spiegato perché è importante essere consapevoli di ciò che sta avvenendo presso la centrale nucleare di Fukushima Daiichi.

E questo messaggio non poteva venire in un momento migliore, a causa del fatto che i recenti livelli di radiazione del reattore numero due sono stati riportati come “inimmaginabili “.

Dopo sei anni da quando è avvenuto il disastro nucleare di Fukushima Daiichi, dopo uno tsunami che ha colpito il Giappone, la radiazione continua a inquinare l’ambiente e sta prendendo strada nella catena alimentare.

Non solo, ma secondo diversi rapporti, la radiazione sta aumentando piuttosto che estinguersi.

Secondo Anonymous:

Il pianeta Terra è contaminato da elementi radioattivi velenosi. E, di conseguenza, il DNA degli esseri viventi con il deterioramento, accelerano l’estinzione della specie e del pianeta, compresi noi.  Centinaia di milioni di persone dovranno morire di tumori e malattie causate dall’esposizione alla radiazione “. Inoltre, affermano che ” Milioni di mamme subiranno aborti, a causa delle deformazioni dei loro bambini “.

Continuano a spiegare come i media mainstream siano rimasti quasi silenziosi dall’evento, per quanto riguarda l’incidente . Durante un periodo di tempo molto breve, il video continua a mostrare vari incidenti di fallout fino dal disastro 2011.

Essi mostrano come i media, americani e non , hanno continuato a distrarre la popolazione da ciò che deve seguire a questo disastro.

Si prega di condividere questo video con tutti quelli che sono conosci, è di fondamentale importanza che cominciamo a premere sui poteri istituzionali per fare qualcosa prima che sia troppo tardi.

La radiazione del reattore nucleare di Fukushima è al livello più elevato dalla sua fusione del 2011 
Le straordinarie letture dei livelli radioattivi pongono pressione sull’operatore Tepco nei suoi sforzi per la disattivazione della centrale nucleare, i livelli di radiazione estremamente elevati sono stati registrati all’interno di un reattore danneggiato presso la centralenucleare di FukushimaDaiichi, da quasi sei anni da quando l’impianto ha subito una tripla fusione.

L’operatore dell’impianto, Tokyo Electric Power (Tepco), ha detto che le letture registrate atmosferiche, raggiungono fino a 530 sieverts l’ora, all’interno del recipiente di contenimento del reattore n. 2, uno dei tre reattori che hanno provocato una crisi quando l’impianto è stato paralizzato da un enorme tsunami che ha colpito la costa nordorientale del Giappone nel marzo 2011.

Le straordinarie letture di radiazioni evidenziate dalla scala dei valori che affrontano migliaia di lavoratori , in quanto l’aumento di pressione  basata da Tepco per avviare la decommissioning o disattivazione dell’impianto , è un processo che dovrebbe durare circa quattro decadi.

Anche se viene preso in considerazione un margine di errore del 30 per cento, la lettura recente, descritta da alcuni esperti come “inimmaginabile“, è molto superiore al record precedente di 73 segmenti l’ora rilevati dai sensori nel 2012.

Tepco ha sottolineato, tuttavia, che la fotocamera che aveva esplorato più profondamente all’interno del reattore si era concentrato su un solo punto. I livelli di radiazione in altri punti filmati dalla fotocamera sono stimati  essere molto più bassi, hanno aggiunto.

Una singola dose di uno sievert è sufficiente a causare malattie e nausea da radiazioni ; 5 sieverts ucciderebbe metà degli esposti entro un mese e una singola dose di 10 sieverts sarebbe fatale entro poche settimane.

Tepco ha anche detto che l’analisi delle immagini aveva rivelato un foro in una grata metallica sotto lo stesso recipiente di pressione del reattore. Il foro di un metro è stato probabilmente creato dal combustibile nucleare  fuso e che poi è penetrato nello scafo dopo che lo tsunami ha bloccato il sistema di raffreddamento di sostegno di Fukushima Daiichi.

Può essere stato causato dal combustibile nucleare che si sarebbe fuso e ha generato un buco nel vaso, ma è solo un’ipotesi in questo stadio“, afferma il portavoce della Tepco Tatsuhiro Yamagishi ad AFP.

Crediamo che le immagini catturate forniscano informazioni molto utili, ma abbiamo ancora bisogno di indagare dato che è molto difficile comprendere pienamente la condizione reale all’interno“.

La presenza di radiazioni pericolosamente elevate complicherà gli sforzi per smantellare in sicurezza l’impianto.

Un robot a controllo remoto che la Tepco intende inviare nel contenitore di contenimento del reattore No 2 è stato progettato per resistere all’esposizione a un totale di 1000 sievert , il che significa sopravvivere per meno di due ore prima che inizi a malfunzionare.

La ditta ha dichiarato che le radiazioni non sono fuoriuscite al di fuori del reattore, aggiungendo che il robot sarebbe ancora utile perché si sposta da un punto all’altro e incontra radiazioni di diversi livelli.

Tepco e la sua rete di società partner di Fukushima Daiichi devono ancora identificare la posizione e la condizione del combustibile fuso nei tre reattori più gravi. La rimozione in modo sicuro rappresenta una sfida senza precedenti nella storia del nucleare.

Si ritiene che le quantità di combustibile fuso accumulato nella parte inferiore dei contenitori di contenimento dei reattori danneggiati, ha una radiazione pericolosamente elevata e ha impedito agli ingegneri di misurarne con precisione lo stato dei depositi di carburante.

All’inizio di questa settimana, l’utility ha rilasciato immagini di grumi scuri che si trovano al di sotto del reattore n. 2 che ritiene possa essere carburante di uranio fuso – la prima scoperta del genere dopo il disastro.

Nel mese di dicembre, il governo ha dichiarato che il costo stimato per la disattivazione dell’impianto e la decontaminazione dell’area circostante, nonché il pagamento di compensazioni e la conservazione dei rifiuti radioattivi, era salito a 21,5 tn yen (150 miliardi di euro), quasi il doppio di una stima pubblicata nel 2013.

La grande scoperta Italiana: il NUCLEARE ECOLOGICO…che fine ha fatto?

scoperta Italiana

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

La grande scoperta Italiana: il NUCLEARE ECOLOGICO…che fine ha fatto?

NUCLEARE ECOLOGICO: SCOPERTA ITALIANA

Nucleare ecologico: scoperta italiana. Il recupero della sovranità nazionale passa anche dall’indipendenza energetica.

Da Paese distrutto che aveva pure perso la guerra ed era prevalentemente agricolo, in pochissimi anni l’Italia è diventata la quinta potenza industriale del pianeta. L’espressione “miracolo economico” fu coniata espressamente per noi.
Fu un balzo in avanti strepitoso. Cos’avremmo potuto fare se avessimo avuto anche il petrolio? In effetti, l’inizio dei nostri guai è rappresentato proprio dai due shock petroliferi del 1973 e del 1979.
Ma – pur poveri di materie prime – abbondiamo in materia grigia. Il “genio” è la nostra grande risorsa. E dovremmo ritrovare anche per questo un po’ di sano orgoglio italiano.
Perché poi sono gli altri a riconoscere le nostre eccellenze che noi magari ignoriamo. C’è un caso proprio nel settore cruciale dell’energia.

Sorpresa USA

In un atto del Congresso degli Stati Uniti della primavera 2016, si legge che l’Italia ha un primato straordinario nel campo delle nuove reazioni nucleari, che in America chiamano Reazioni Nucleari a Lieve Energia, in inglese Low Energy Nuclear Reactions (LENR).
Leggiamo quel passo della Commissione Forze Armate della Camera dei Rappresentanti (la Camera dei deputati Usa):

“La Commissione è al corrente dei recenti sviluppi positivi nell’evoluzione delle reazioni nucleari a lieve energia (LENR), che producono energia rinnovabile ultra-pulita e a basso costo, con forti implicazioni per la sicurezza nazionale. Per esempio, secondo la Defense Intelligence Agency (DIA), se le LENR dovessero funzionare, sarebbero ‘una tecnologia dirompente in grado di rivoluzionare la produzione e conservazione di energia’. La Commissione è inoltre a conoscenza di quanto scoperto dall’Agenzia per i Progetti di ricerca avanzata per la Difesa (DARPA), secondo cui altri Paesi, inclusi Cina e India, stanno portando avanti programmi di LENR, mentre il Giappone ha appena creato un fondo di investimento per promuovere questa tecnologia”.

Il documento prosegue così:

“La DIA ha inoltre accertato che Giappone e Italia sono leader in questo settore, mentre Russia, Cina, Israele e India stanno stanziando ingenti risorse per lo sviluppo delle LENR. Al fine di meglio comprendere le implicazioni per la sicurezza nazionale di queste evoluzioni, si chiede al Segretario della Difesa di fornire alla presente Commissione per le Forze Armate della Camera dei Rappresentanti, il 22 settembre 2016, un rapporto sull’utilità militare dei recenti avanzamenti in materia di LENR”.

La Commissione chiede di conoscere anche “lo stato corrente della ricerca negli Stati Uniti” in questo settore e “in quale relazione essa sia con il lavoro effettuato in ambiti internazionali”. Così è stato affidato proprio al ministero della Difesa Usa il compito di conquistare il primato della ricerca in questo settore.
E l’Italia che oltreoceano è definita “leader” nella scoperta di queste nuove forme di energia?

Pochi sanno che…

Già nel 2009 (governo Berlusconi) il Parlamento italiano aveva approvato la legge 99/2009 che, programmando il ritorno al nucleare, apriva la strada alle nuove reazioni nucleari scoperte e brevettate dal Cnr.

Tutta questa vicenda scientifica e tecnologica è ricostruita nel libro – appena uscito – di Fabio Cardone, “La futura energia. Dall’atomica alle reazioni nucleari ultrasoniche” (Di Renzo editore, pp. 144, euro 14).

Le particolarità di queste scoperte – che in pratica mostrano la possibilità di ottenere reazioni nucleari mediante gli ultrasuoni e in generale mediante la pressione – sono molte e importanti.
Fra l’altro si ipotizzano perfino applicazioni di queste scoperte nel campo della medicina. Ma soprattutto questo modo di produzione dell’energia nucleare spazza via tutti i problemi che si sono evidenziati con le attuali centrali nucleari.
In sostanza oggi l’energia nucleare copre circa un quinto del fabbisogno mondiale di energia, ma ha il problema della sicurezza degli impianti, dello smaltimento delle scorie radioattive e dell’approvvigionamento dell’uranio visto che ce ne vorrebbe un milione di tonnellate l’anno e oggi ne viene prodotto mezzo milione (inoltre si pone il problema dell’esaurimento dell’uranio stesso e della dipendenza geopolitica dai paesi produttori).

Le reazioni nucleari ultrasoniche eliminano totalmente questo problema in quanto non hanno bisogno di uranio:

“per liberare energia necessitano di sali di ferro e il ferro è molto comune in natura. Inoltre” spiega Cardone nel libro citato “gli esperimenti hanno dimostrato che le reazioni nucleari ultrasoniche non producono scorie radioattive e nemmeno radioattività residua e questo risolverebbe il problema dei rifiuti pericolosi”.

Non solo.

“Gli esperimenti hanno indicato anche un’altra sorprendente possibilità: la distruzione delle sostanze radioattive mediante la loro trasformazione in sostanze inerti, prive di radioattività”.

In pratica, secondo i calcoli, si ottiene in 90 minuti quello che altrimenti avrebbe richiesto due anni e questo risolverebbe il problema dello smaltimento delle scorie prodotte finora dalle tradizionali centrali nucleari (quindi si avrebbe uno straordinario beneficio ecologico).
Tanto che – dopo l’approvazione della legge 99/2009 – la Regione Abruzzo, con una delibera del 2010 (approvata all’unanimità), ha chiesto al Governo di poter avere nel territorio regionale l’impianto per sviluppare la tecnologia finalizzata a disattivare le sostanze radioattive. In collaborazione con Ansaldo nucleare e Sogin (Società per la gestione degli impianti nucleari).
La Sogin nel 2010 aveva definito anche un piano di sviluppo. Sennonché nel marzo 2011, a seguito di un devastante terremoto e conseguente maremoto in Giappone, si ebbe il disastro della centrale nucleare di Fukushima.

Immediata fu la ripercussione in Italia dove un referendum si abbatté sulla legge 99/2009 facendo sospendere l’applicazione dell’art. 14 (quello sul nucleare) fino al 2016.
È ormai scaduto da un anno il termine e – come dimostra il documento del Congresso americano – tutti i grandi paesi industriali stanno correndo a investire su quelle nuove forme di energia nucleare.

E ora?

Il libro di Cardone riapre la riflessione sulle applicazioni di quelle scoperte. L’autore osserva:

“È stato valutato che ogni prototipo industriale può costare 100 milioni di euro e può avere soltanto un’applicazione specifica: produzione di energia, distruzione di sostanze radioattive, trasformazione delle sostanze”.

Quanto tempo potrebbe occorrere per passare alla realizzazione di un impianto industriale? Naturalmente dipende dall’entità degli investimenti. Ma anche “un programma lento e a lungo termine” non va oltre i 10 o 15 anni.

Fra l’altro si deve sottolineare che i notevoli risultati di queste ricerche sono stati conseguiti senza finanziamenti specifici, cioè senza ulteriore aggravio di spesa per le casse pubbliche.
Infatti:

“tutto ciò che riguarda queste ricerche” spiega Cardone nel libro “era di proprietà dello Stato Italiano, la macchina era proprietà dell’Esercito Italiano” e “i brevetti relativi alla macchina e ai suoi procedimenti di proprietà del Cnr”.

Considerati i tanti sprechi pubblici in Italia, in tutti i settori, è davvero significativo che poi si facciano scoperte importanti in modo così economico, si può dire praticamente a costo zero.
Ora sta al nostro Paese trarne tutti i benefici. Già altre volte è accaduto che importanti scoperte di scienziati italiani siano state poi implementate e sfruttate da altri Paesi (il caso più clamoroso è proprio quello di Enrico Fermi e del nucleare). Sarebbe desolante se ciò dovesse ripetersi anche in questo caso.
Ma se il governo non riprende subito in mano la materia (visto che è finita la sospensione) è sicuro che gli altri non staranno a guardare e ci sorpasseranno.
Quello dell’indipendenza energetica, fra l’altro, è un grande obiettivo politico che dovrebbe appassionare non solo i cosiddetti sovranisti, ma chiunque abbia minimamente a cuore il futuro dell’Italia. È il classico tema bipartisan.


Da “Libero”, 2 aprile 2017


Fonte: antoniosocci.com


 

Autore:  Antonio Socci

 

tratto da: http://www.nexusedizioni.it/it/CT/nucleare-ecologico-scoperta-italiana-5488