Perchè queste notizie i Tg non le danno? Costretti a mangiare OGM per legge! La Corte Europea IMPONE gli OGM in Italia!

 

OGM

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Perchè queste notizie i Tg non le danno? Costretti a mangiare OGM per legge! La Corte Europea IMPONE gli OGM in Italia!

 

La Corte Europea impone gli OGM in Italia: è polemica sul mais Mon810

Una sentenza della Corte di Giustizia Europea ha stabilito che gli OGM non possono essere vietati in Italia: il caso del mais Mon810.

Negli ultimi tempi è tornato prepotentemente al centro delle cronache lo spinoso caso che vede contrapposta l’Italia alle istituzioni comunitarie: l’oggetto del contendere riguarda infatti la coltivazione degli OGM (Organismi Geneticamente Modificati) e anche una sentenza della Corte di Giustizia Europea, in cui si ignora sostanzialmente quanto stabilito quattro anni fa da un decreto che metteva al bando il mais Mon810 della Monsanto, la multinazionale statunitense attiva nel settore delle biotecnologie agricole. Ma è utile ripercorrere questa intricata vicenda sin dall’inizio per capire meglio i contorni che ha assunto di recente.

LE COLTIVAZIONI OGM DI FIDENATO – Come è noto, tutto nasce nel 2009 con la decisione di Giorgio Fidenato, un imprenditore agricolo friulano, di coltivare nei suoi terreni in provincia di Pordenone il mais Mon810una varietà genericamente modificata della Monsanto e prodotta per combattere le perdite di raccolto causate dagli insetti. Nonostante agisse senza violare le norme dell’EFSA (European Food Safety Authority), Fidenato ha dovuto fare i conti con le norme in vigore nel nostro Paese che, sin dal 2001, impongono il rilascio di un’autorizzazione per le colture OGM. Dalla decisione dell’agricoltore di non sottostare al decreto del 2001 è nata una disputa legale protrattasi fino ai giorni nostri, tanto che lo stesso Fidenato coltiva ancora il Mon810 (nonostante il decreto interministeriale del 2013 firmato dall’allora Ministro delle Politiche Agricole, Nunzia De Girolamo), forte della decisione della Corte Europea del 2015.

L’INTERROGAZIONE IN COMMISSIONE AGRICOLTURA – La “querelle” nasce proprio dal fatto che la decisione della Corte con sede in Lussemburgo, dando ragione a Fidenato, ha minato l’autorità del Governo in carica nel 2013 e ha esautorato il nostro Paese dal poter decidere su una materia delicata. Di recente, alla Camera è stata presentata dalla deputata Serena Pellegrino una interrogazione in Commissione Agricolturasul rischio che si possano riaprire degli spiragli per le coltivazioni degli OGM. Secondo la Pellegrino, le parole del Ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, chiariscono che “in Italia è stato disposto in via definitiva il divieto di coltivazione di tutti i mais transgenici in corso di autorizzazione per l’immissione in commercio”. Sulla stessa linea è anche la Coldiretti che si rifà alla Direttiva Europea n. 412 del 2015, nella quale si dava all’Italia la possibilità di decidere autonomamente sugli OGM, sconfessando così il tribunale lussemburghese.

GLI SVILUPPI GIUDIZIARI – Tuttavia, la vicenda giudiziaria iniziata dopo che i campi di Fidenato erano stati sottoposti a sequestro (e prima che il Tribunale di Pordenone chiedesse l’intervento della Corte Europea), è ben lungi dall’essere conclusa, anche se si moltiplicano le evidenze circa le conseguenze negative delle coltivazioni del Mon810 sulla biodiversità e sull’incremento dell’inquinamento “genetico”. A far temere un colpo di coda sono le motivazioni della sentenza che dà ragione all’agricoltore: “Non sussistono prove scientifiche a supporto delle misure di emergenza richieste e viene meno anche il principio di precauzione”. Insomma, bisognerebbe attendere che gli OGM in questione si dimostrino nocivi prima di vietarli: un paradosso che, però, in futuro potrebbe aprire ad iniziative sulla scia di quella di Fidenato; questi ha intanto annunciato che la questione “verrà portata di nuovo alla Corte in sede pregiudiziale”. In attesa del nuovo capitolo giudiziario, da una recente indagine la posizione dei cittadini italiani emerge però in maniera netta: l’80% non si fida delle colture biotech e raramente porta in tavola prodotti transgenici.

Il Team di Breaknotizie

fonte: http://www.breaknotizie.com/la-corte-europea-impone-gli-ogm-in-italia-e-polemica-sul-mais-mon810/

Ogm, la Corte Europea contro l’Italia: “Non può vietare le coltivazioni geneticamente modificate” – Insomma la nostra salute calpestata non solo per gli interessi dei nostri politici, ma pure per gli interessi della casta Europea!

 

Ogm

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Ogm, la Corte Europea contro l’Italia: “Non può vietare le coltivazioni geneticamente modificate” – Insomma la nostra salute calpestata non solo per gli interessi dei nostri politici, ma pure per gli interessi della casta Europea!

Ogm, la Corte europea contro l’Italia: “Non può vietare le coltivazioni geneticamente modificate”

Secondo i giudici europei non possono essere impedite se non di fronte a prove certe di rischi per la salute umana, animale e per l’ambiente. Il caso riguarda l’agricoltore Giorgio Fidenato che piantò mais modificato autorizzato dall’Ue ma vietato da un decreto del 2013. La Coldiretti: “Sentenza superata da legge 2015”

Impossibile vietare la coltivazione Ogm, senza prove certe che faccia male alla salute. A dirlo è la Corte Europea in una sentenza del 13 settembre in cui specifica che se sui prodotti geneticamente modificati non ci sia certezza di grave rischio per la salute umana, degli animali o per l’ambiente, né la Commissione né gli Stati membri hanno la facoltà di adottare misure di emergenza quali il divieto della coltivazione. La giustizia europea risponde così al caso di Giorgio Fidenato, un agricoltore penalmente perseguito in Italia, perché nel 2014 piantò mais geneticamente modificato. Una pratica permessa dall’Ue ma vietata da un decreto interministeriale del 2013.

In sostanza, il decreto italiano viene bocciato perché illegittimo. Il motivo sta tutto nel “principio di precauzione“, che deve basarsi sulla certezza dell’esistenza del rischio, senza la quale non è possibile eludere o modificare le disposizioni già esistenti per gli alimenti geneticamente modificati, oggetto di una valutazione scientifica completa prima di essere immessi in commercio.

Secondo Coldiretti, però, la decisione della corte è obsoleta e si riferisce ad un quadro normativo ormai passato e del tutto superato. Nel 2015, infatti, è stata approvata una direttiva che permetteva ai paesi europei di vietare la semina Ogm anche se autorizzata a livello Ue. L’Italia è tra i 17 Stati membri che hanno scelto questa possibilità. Il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo fa sapere che “per l’Italia gli organismi geneticamente modificati in agricoltura non pongono solo seri problemi di sicurezza ambientale, ma soprattutto perseguono un modello di sviluppo che è il grande alleato dell’omologazione e il grande nemico del Made in Italy”.

Non solo. Da un’indagine Coldiretti divulgata in occasione della sentenza della Corte europea, emerge che “quasi 8 cittadini su 10 – il 76 per cento – si oppongono oggi al biotech nei campi che in Italia sono giustamente vietati in forma strutturale dalla nuova normativa”, comunica la confederazione degli agricoltori.

Per l’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica la decisione della Corte Europea di Giustizia dell’Unione europea è “potenzialmente rivoluzionaria”. L’Ue “ha condannato l’Italia per proibizioni immotivate sugli Ogm”. In una nota sottolinea la “vittoria odierna dell’agricoltore friulano Giorgio Fidenato, iscritto Associazione Luca Coscioni, e dei Taboga” e come la sua “disobbedianza civile” “sollevi l’enorme problema politico generale della necessità di porre al centro delle decisioni normative e politiche le evidenze scientifiche“. Spetta ora al giudice nazionale risolvere la causa conformemente alla decisione della Corte. La decisione vincola però gli altri giudici nazionali ai quali verrà sottoposto un problema simile.  Secondo l’associazione “non basterà invocare il ‘principio di precauzione’ per proibire, ci vorranno delle prove”.

L’agricoltore friuliano Giorgio Fidenato, in passato aveva più volte aveva tentato di seminare mais transgenico e aveva impugnato il decreto dell’esecutivo che vieta la coltura del mais geneticamente modificato in Italia. Nel febbraio 2015 il Consiglio di Stato aveva respinto il ricorso dell’imprenditore che poi, si è rivolto alla Corte di Giustizia europea.

fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/09/13/ogm-la-corte-europea-contro-litalia-non-puo-vietare-le-coltivazioni-geneticamente-modificate/3854262/