Quando la Gabanelli a Report parlava di vaccini: “Vaccini al mercurio”, ma anche all’alluminio e… Agghiacciante…!!

Gabanelli

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Quando la Gabanelli a Report parlava di vaccini: “Vaccini al mercurio”, ma anche all’alluminio e…

Nei vaccini c’e’ il mercurio: e’ contenuto in un conservante che si chiama Tiomersale, ovvero timerosal, mercuriotiolato, etilmercuriotiosalicilato, sodio timerfonato. Lo si puo’ trovare nei vaccini contro il tetano, difterite e pertosse, antiepatite A, antiepatite B e antiinfluenzale. Negli Stati Uniti l’ente di controllo sui farmaci, la FDA, ha intimato che il timerosal venga eliminato dai vaccini, gia’ dal 99. In Italia invece ce lo teniamo. Perche’?
Lo sanno negli ambulatori vaccinali delle USL, che c’e’ il mercurio nei vaccini?
“Si’, era noto da tempo che esistevano questi composti mercuriali – dice la dottoressa Luisella Grandori, responsabile del centro vaccinale di una USL di Modena. “Non ce ne eravamo mai preoccupati perche’ la convinzione era che le quantita’ di mercurio contenute nei vaccini non fossero neanche in maniera dubitativa pericolose. Anche il nostro Ministero della Sanita’ ci aveva tranquillizzato al riguardo”.

Ma qual e’ la quantita’ pericolosa?

In America le autorita’ sanitarie si sono attivate perche’ si e’ visto che somministrando molti vaccini tutti insieme si superavano le soglie di sicurezza. In Italia invece il nostro Ministero della Sanita’ ci informa che si tratta di quantita’ di mercurio estremamente piccole, non in grado di determinare effetti dannosi. Ma da noi e’ stata fissata una soglia di sicurezza come in America?
No. Almeno, non ancora.

Come si fa a dire che la quantita’ non e’ pericolosa se non e’ stato determinato un livello di pericolosita’?

Forse, le nostre autorita’ si basano sui parametri internazionali. E allora vediamo se in Italia siamo in regola almeno con le soglie di sicurezza internazionali, quando vengono somministrati ai bambini 25 microgrammi di mercurio con l’antidiftotetanica e 12,5 con l’antiepatite B.
“Facendo la somma si vede che vengono assunti 37,5 microgrammi di mercurio” dice Andrea Valeri, medico omeopata, “una quantita’ che corrisponde a 70 volte la soglia di sicurezza fissata dall’Epa, l’ente di protezione ambientale americano”.

Se prendiamo le indicazioni dell’Organizzazione mondiale della Sanita’, che con 3,3 microgrammi per chilo sono meno restrittive, si vede che in Italia per un bambino di 5 chili le superiamo almeno di due volte. Bisogna dire che l’OMS fissa un margine di sicurezza fino a 10 volte la soglia indicata, ma allo stesso tempo ammette che un neonato con i vaccini riceve dosi di mercurio che potrebbero destare preoccupazione e quindi approva la mossa delle autorita’ americane di far rimuovere il thimerosal dai vaccini.

Ufficialmente non ci sono prove di danni neurologici o renali causati dal thimerosal contenuto nei vaccini.

Il dubbio e’: i danni da mercurio non risultano perche’ non si verificano o perche’ non vengono riconosciuti?
Prendiamo il caso della bimba Veronica Gozzi, di Parma: 48 ore dopo la vaccinazione antipertosse, comincia a sentirsi male. “Piangeva in continuazione, poi ha avuto un blocco psicomotorio” dice la madre, Ivana Gozzi. “Abbiamo fatto la risonanza magnetica ed e’ risultato che ha avuto un danno al cervello. La cosa assurda e’ che proprio uno dei medici che 5 anni fa ci hanno rassicurato dicendo che non era un danno da vaccino, recentemente ci ha consigliato di far domanda di risarcimento per sospetto danno da vaccino”.
I danni da mercurio si possono riconoscere se il personale medico e’ preparato a riconoscerli. Secondo il dottor Andrea Valeri, questo non e’ il caso piu’ frequente. “La problematica del mercurio e’ di difficile riconoscibilita’, inoltre teniamo conto che l’esame di tossicologia non e’ neanche presente nella facolta’ di medicina. Addirittura nel libro che consultano i medici per sapere i dosaggi dei farmaci, l'”Informatore farmaceutico”, alla voce Anatoxal Dite Berna, vaccino antidiftotetanico, e’ riportato che c’e’ del mercurio, ma non e’ riportato quanto ce n’e'”.

Abbiamo cercato di avere un’intervista su questo argomento del mercurio nei vaccini con il nostro Ministero della sanita’, ma ci e’ stata negata.

La motivazione e’ che i funzionari non hanno tempo o sono troppo timidi per rispondere di persona. Ma al funzionario non era stato chiesto di venire in trasmissione, sarei andata io da lui e avrebbe dedicato massimo mezz’ora ad una pubblica informazione.

Nel fax inviatoci, leggiamo che il Consiglio superiore di sanita’ non autorizza motivi di allarme per eventuali rischi alla salute. Ma allora perche’ molte USL, pediatri e ospedali hanno scelto comunque di prendere delle precauzioni?
“So che molte USL hanno fatto la scelta di vaccinare senza Tiomersal ” ci informa la dottoressa Luisella Grandori. “Cosi’ come molti pediatri di base, soprattutto al Sud. Perche’ no? Infatti una precauzione, soprattutto nei piccolissimi, e’ doverosa”.

Quindi sarebbe possibile oggi in Italia vaccinare senza tiomersal? Si’.

E allora visto che si puo’, perche’ non somministrare solo vaccini senza Tiomersal?
“La verita’ e’ che probabilmente esistono scorte consistenti di vaccini con Tiomersal che devono essere utilizzate” dice Claudia Benatti dell’associazione Vaccinetwork. Ma allora togliere il mercurio dai vaccini sarebbe un problema economico?
“No, non e’ un problema di scorte da smaltire” contesta la dottoressa Grandori. ” Si potrebbe vaccinare senza Tiomersal ma bisogna fare tre iniezioni invece di due, e questo per alcune USL puo’ costituire un problema organizzativo. Se noi avessimo oggi disponibile come hanno in America un vaccino antiepatite B senza tiomersal, noi potremmo fare tutte le vaccinazioni senza somministrare alcun mercurio. Se ci fosse un motivo di allarme, noi come azienda USL non avremmo nessun problema a cambiare il vaccino cosi’ come abbiamo fatto per il polio”.
Il polio? Perche’, cos’e’ successo con l’antipolio? Andiamo a vedere: nella primavera del 99 le nostre autorita’ hanno cambiato strategia vaccinale. Ora si fanno le prime due dosi di antipolio con un tipo di vaccino, il Salk, che non provoca la malattia. Con il vaccino tipo Sabin infatti si erano verificati 13 casi in 10 anni di polio contratta dal vaccino stesso.

Anche della vaccinazione con l’antipolio Sabin si diceva che non era pericolosa

“E pensare che lo avevo anche chiesto, al momento della vaccinazione, se questi vaccini sono veramente sicuri: mi avevano detto che tutt’al piu’ poteva venirgli la diarrea” ricorda Cinzia Miniucchi, di Rieti. Suo figlio Mattia due giorni dopo la vaccinazione si e’ paralizzato. “Questo vaccino Sabin poi non era piu’ necessario da tanto tempo, perche’ da molti anni non si verificano casi di polio da virus selvaggio. E allora mi chiedo: perche’ lo Stato ha voluto ammalare i nostri figli?”.
Giriamo la domanda al Ministero della Sanita’. Poiche’ ci hanno detto che i funzionari sono troppo impegnati o troppo timidi per rispondere di persona, dobbiamo leggervi il solito fax, che dice che la vaccinazione contro la polio non e’ mai stata sospesa in Italia, anche se dal 1988 non si registrano casi, perche’ il rischio di importazione del virus rimane alto anche a causa degli immigrati irregolari.
Si riconosce che dopo il cambiamento del vaccino non si e’ piu’ ammalato nessuno a causa del vaccino stesso.

E a chi ci e’ gia’ andato di mezzo, almeno viene dato un risarcimento?

Il risarcimento consiste in un vitalizio di circa un milione e duecentomila lire al mese, incassabile alla maggiore eta’. Alle famiglie viene rimborsato soltanto dal 6 al 10% delle spese attuali per le cure ai figli ammalati di polio. Alcuni hanno preferito le vie legali, come Aldo Formis, di Casalmaggiore (Cremona), che si e’ visto riconoscere dal giudice un risarcimento di quasi 3 miliardi per la polio contratta dal figlio.
“Il giudice nella sentenza dice che noi non siamo stati un caso isolato, solo sfortunato” fa notare il signor Formis.

Quanti sono i casi accertati di danno da vaccino e quanti sono quelli che hanno fatto richiesta di indennizzo?

A questa domanda , da noi formulata il 9 agosto al Ministero della Sanita’, nel fax di risposta arrivato il 6 settembre ci rimandavano a un altro ufficio, e quando l’abbiamo fatto presente ci hanno risposto che dovevamo rimandare il fax e attendere l’indomani.
Abbiamo atteso ancora, ma questa risposta non siamo in grado di darvela perche’ non ci e’ mai arrivata.
Cosi’ come non e’ mai arrivata la legge sull’obiezione di coscienza alle vaccinazioni obbligatorie, che era stata annunciata ben due anni fa. E’ bloccata al Senato per “questioni tecniche”. E intanto ecco cosa succede ai genitori che si rifiutano di far vaccinare i figli: rischiano di vedersi sottratta la patria potesta’.

QUI il video e la fonte

Cambiamenti climatici – Un altro immane pericolo di cui nessuno parla: la fusione dei ghiacci può liberare 800mila tonnellate di mercurio intrappolate nel permafrost dell’Alaska – Una catastrofe ambientale di una gravità che non potete neanche immaginare

 

mercurio

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Cambiamenti climatici – Un altro immane pericolo di cui nessuno parla: la fusione dei ghiacci può liberare 800mila tonnellate di mercurio intrappolate nel permafrost dell’Alaska – Una catastrofe ambientale di una gravità che non potete neanche immaginare

Lo studio dell’US Geological Survey

La fusione dei ghiacci può liberare un pericoloso killer

Le temperature si alzano, la fusione dei ghiacci avanza e il permafrost si ritira. Ma sotto si nascondono quasi un milione di tonnellate di mercurio

Un killer molto pericoloso ha dormito per milioni di anni nel permafrost dell’Alaska. Ma con la fusione dei ghiacci potrebbe uscire dal letargo, con conseguenze sconosciute sugli ecosistemi di tutto il mondo. Si tratta del mercurio, immagazzinato in enormi quantità nel permafrost dell’emisfero nord, che secondo una nuova ricerca della US Geological Survey sarebbe il più grande serbatoio di questo elemento mai visto. In questa fetta di pianeta, si trova sepolto quasi il doppio del mercurio presente in tutti gli altri suoli, l’oceano e l’atmosfera messi insieme.

 Il cambiamento climatico può agire da sveglia per il mostro dormiente: temperature dell’aria più calde potrebbero fondere gran parte dello strato di ghiaccio permanente, e causare il rilascio di una grande quantità di mercurio che potrebbe influenzare gli ecosistemi anche a migliaia di chilometri di distanza. Il mercurio si accumula nelle catene alimentari acquatiche e terrestri e ha effetti neurologici e riproduttivi sugli animali.

 

Per la precisione, lo studio ha rilevato circa 793 mila tonnellate di mercurio intrappolate nel permafrost settentrionale. Una cifra circa 10 volte superiore alla quantità di tutte le emissioni di mercurio causate dall’uomo negli ultimi 30 anni, se si prende come linea di base la stima delle emissioni 2016. Se finisce in acqua, l’elemento può essere assorbito da microrganismi e trasformato in metilmercurio, una tossina pericolosa che causa effetti neurologici che vanno dalla menomazione motoria ai difetti alla nascita.

Paul Schuster, idrologo dell’US Geological Survey di Boulder (Colorado) e primo autore dello studio, ritiene che la ricerca dia ai politici e agli scienziati nuovi numeri con cui lavorare e calibrare i loro modelli mentre iniziano a studiare questo nuovo fenomeno in modo più dettagliato.

La fuga dovuta al riscaldamento globale potrebbe infatti avere conseguenze di vasta portata, colpendo paesi lontanissimi. Il mercurio rilasciato nell’atmosfera può percorrere infatti grandi distanze, e colpire comunità ed ecosistemi a migliaia di chilometri dal sito di rilascio.

 

 

fonte: http://www.rinnovabili.it/ambiente/fusione-dei-ghiacci-pericoloso-killer-333/

È ALLARME: cambiamenti climatici, con l’aumento delle temperature la concentrazione di mercurio nel pesce che mangiamo tutti i giorni aumenta fino a 7 VOLTE!

 

pesce

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

È ALLARME: cambiamenti climatici, con l’aumento delle temperature la concentrazione di mercurio nel pesce che mangiamo tutti i giorni aumenta fino a 7 VOLTE!

Ansa:
Con cambiamenti climatici, mercurio fino a +7 volte nei pesci

Ricercatori in Svezia individuano nuova modalità contaminazione

L’aumento delle temperature causato dai cambiamenti climatici potrebbe alzare fino a sette volte i livelli di mercurio presenti nei pesci che mangiamo. E’ la conclusione alla quale sono giunti ricercatori svedesi ed americani che hanno pubblicato la loro ipotesi, comprovata sperimentalmente, sulla rivista Sciences Advances. Il mercurio è l’unico metallo liquido a temperatura ambiente ed è uno dei più tossici per l’uomo. La più comune forma di esposizione è quella di mangiare pesce contaminato e l’Oms lo ha inserito tra le 10 minacce più gravi alla salute, perché può provocare danni al sistema nervoso, digestivo e immunitario, così come a polmoni, reni, pelle e occhi. Sin dall’inizio dell’era industriale la presenza del mercurio nell’ecosistema è cresciuta, secondo gli esperti, dal 200% al 500% soprattutto a causa dell’uso dei carburanti fossili, ma adesso con l’aumento delle temperature – e il conseguente aumento di precipitazioni – soprattutto nell’emisfero settentrionale la concentrazione di mercurio potrebbe crescere di un ulteriore 300%-600% in base a modalità finora non ipotizzate ed emerse dallo studio dell’università di Umea.

“Con i cambiamenti climatici – ha spiegato Jeffra Schaefer, coautrice dello studio condotto dalla università svedese di Umea e ricercatrice Usa della Rutgers University – ci aspettiamo un aumento delle precipitazioni in molte aree dell’emisfero settentrionale, con un conseguente aumento del deflusso delle acque nei mari. Questo significa che ci sarà un grande rilascio di mercurio negli ecosistemi costieri che sono i principali luoghi di sostentamento per i pesci che la gente mangia”. In pratica il deflusso porta in mari e laghi materiale organico che favorisce lo sviluppo di batteri a scapito del fitoplancton. “Quando i batteri diventano abbondanti nelle acque marine e lacustri – spiega Erik Bjorn, autore principale dello studio e ricercatore dell’Umea University – si verifica la crescita di un nuovo tipo di organismi che si ciba di questi batteri”. Il problema, sottolinea il ricercatore svedese, è che ad ogni nuovo ‘gradino’ nella catena alimentare l’accumulo di mercurio, nella forma altamente tossica di metilmerucurio, “aumenta 10 volte”. I ricercatori svedesi lo hanno scoperto ricreando le condizioni ambientali di un estuario del Golfo di Botnia, nella Svezia orientale, in un edificio di due piani.

Secondo lo studio, con un aumento del deflusso delle acque nei mari del 15%-30%, previsto nello scenario peggiore dei cambiamenti climatici dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc), le concentrazioni di metilmercurio potrebbero aumentare fino al 600% nell’emisfero settentrionale che sarebbe la parte più colpita nel mondo. Mediterraneo, la parte centrale del Nord America e l’Africa meridionale potrebbero invece registrare delle diminuzioni. A livello internazionale si è registrato negli ultimi anni un aumento degli sforzi per contenere la minaccia del mercurio, con la convenzione sottoscritta da 139 dal 2013, detta di ‘Minamata’ dalla città giapponese dove nel 1956 venne scoperta una malattia che colpisce il sistema nervoso provocata dal mercurio. I ricercatori sperano che la convenzione abbia successo. Ma “se non facciamo niente per ridurre le concentrazioni di mercurio, questo va aggiungersi a tutti gli altri problemi e le conseguenze potrebbero essere molto gravi”, conclude Bjorn.

Fonte: http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/clima/2017/01/29/con-cambiamenti-climatici-mercurio-fino-a-7-volte-nei-pesci-_3cf36423-4e94-468b-85a3-22730d58204d.html

In Germania hanno analizzato 16 comunissimi vaccini: quello che ci hanno trovato dentro è scioccante, dal mercurio all’arsenico e perfino l’uranio!

vaccini

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

In Germania hanno analizzato 16 comunissimi vaccini: quello che ci hanno trovato dentro è scioccante, dal mercurio all’arsenico e perfino l’uranio!

Vaccini e Germania: fiale analizzate e una verità scioccante
Vaccini e Germania: fiale analizzate e una verità scioccante

Nel 2016, sono stati donati migliaia di euro ad una società no-profit di Herrenberg, nelle vicinanze di Stoccarda, denominata AGBUG e.V. per ricercare gli elementi contenuti nei vaccini attuali.

In origine, si intendeva indagare i vaccini per il loro contenuto di mercurio, ma andando avanti, l’associazione ha poi chiesto di estendere le indagini a tutti gli elementi ricercabili.

A questo scopo sono state inviate 16 differenti fiale di vaccini al laboratorio clinico ed ambientale Micro Trace Minerals, con sede in Germania, fondato nel 1975, che opera nel campo dell’analisi dei minerali e dei metalli tossici.

AGBUG ha ora pubblicato i risultati del primo lotto sul suo sito web (vedasi figura 1 )

I 16 vaccini analizzati sono:

  1. Afluria 2015/16 [vaccino antinfluenzale] ,
  2. Bexsero [vaccino antimeningococco sierogruppo B,  soggetto a monitoraggio addizionale] ,
  3. Cervarix [vaccino bivalente antipapillomavirus umano],
  4. Gardasil [vaccino quadrivalene antipapillomavirus umano],
  5. Gardasil 9 [vaccino 9-valente antipapillomavirus umano] ,
  6. Hexyon [nuovo vaccino esavalente,  soggetto a monitoraggio addizionale] ,
  7. Influvac 2016/2017 [vaccino antinfluenzale] ,
  8. Menjugate [vaccino antimeningococco sierogruppo C] ,
  9. Menveo [vaccino antimeningococco coniugato sierogruppo A, C, W135 e Y+
  10. Neis-Vac C [vaccino antimeningococco sierogruppo C],
  11. Prevenar 13 [vaccino antipneumococco 13-valente] ,
  12. Rotarix [vaccino antirotavirus],
  13. Rotateq [vaccino antirotavirus],
  14. Synflorix [vaccino antinfluenzale],
  15. Tetanol Pur [vaccino antitetanico],
  16. Tetanus Impfstoff Mérieux [vaccino antitetanico]

AGBUG e. V. ha pubblicato da qualche giorno i risultati sul suo sito web.

risultati2 test

8 febbraio, 2017: Tutti i risultati dei 16 vaccini investigati sono riassunti in una sola pagina

risultati3 test

Una prima valutazione (8 febbraio 2017) evidenzia quanto segue:

  1. Tutti i 16 vaccini verificati contengono piccole tracce di mercurio.
  2. Otto dei 16 vaccini contengono piccole tracce di nichel.
  3. Sei dei 16 vaccini contengono piccole tracce di arsenico.
  4. 15 di 16 vaccini contengono piccole tracce di uranio.
  5. Tutti i 16 vaccini contengono piccole tracce di alluminio, anche se non dichiarato.
  6. Gardasil, Gardasil 9 e Synflorix, contengono il doppio di alluminio come indicato.
  7. Il contenuto di alluminio nei cosiddetti vaccini inattivati è da 1000 a 6000 volte superiori al limite per l’acqua potabile

Tutti questi vaccini analizzati in Germania dimostrano ancora una volta che siamo in presenza di farmaci inquinati sui quali i controlli di sicurezza sono quanto meno insufficienti.

Le domande sono ora molteplici e la voglia di chiarezza è sempre più grande.

Quali danni causano queste sostanze in persone allergiche? In che modo gli effetti patogeni delle sostanze contenute nei vaccini agiscono ( sappiamo benissimo che agiscono in maniera sinergica tra loro) ?

Perché queste sostanze patogene sono  incluse in tutti i vaccini ?

Non dimentichiamo che diversi medici e scienziati hanno sottolineato la tossicità dell’alluminio sul nostro sistema immunitario eppure, lo iniettiamo nei nostri figli , sottoponendoli a vaccinazione dove il medesimo è presente in tracce. Ovviamente  la controparte continua a sostenere l’assoluta non tossicità di tali elemente grazie alla loro presenza in micro parti.

Questo vale anche per gli individui immunocompromessi?

 

*****************************
Per accedere all’originale tedesco articolo clicca QUI

fonte: http://www.vacciniinforma.it/2017/02/15/vaccini-e-germania-fiale-analizzate-e-una-verita-scioccante/5037

Mercurio – il nostro veleno preferito

Mercurio

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Mercurio – il nostro veleno preferito

 

Quante scatolette di tonno vengono acquistate ogni giorno al supermercato? Quanti bambini vengono vaccinati ogni giorno? Quanti amalgami dentali ogni giorno vengono inseriti nella bocca di ignari o inconsapevoli esseri umani? Se ci prendessimo la briga di trovare questi dati, scopriremmo che il mercurio è il nostro veleno preferito.

Sarebbe anche opportuno che i genitori si facciano rimuovere gli amalgami dentali prima di concepire un figlio.

Così la pensa anche Karen Wright, autrice dell’articolo che pubblico qui sotto.

Un po’ di mercurio è tutto ciò che l’uomo ha bisogno di farla finita con se stesso in silenzio, lentamente, e sicuramente

di Karen Wright, illustrazione di Don Foley, traduzione di Luciano Gianazza

Cominciamo con un dato di fatto semplice:

Il mercurio è tossico e pericoloso in modo inimmaginabile.

Una goccia su una mano può essere irreversibilmente fatale.

Una goccia in un lago di grandi dimensioni può rendere il pesce nocivo da mangiare.

Spesso indicato come argento vivo, il mercurio è l’unico comune metallo che è liquido a temperatura ambiente. Gli alchimisti, tra cui il giovane Sir Isaac Newton, credevano che era fonte d’oro. In epoca moderna, è diventato un ingrediente comune di vernici, diuretici, pesticidi, batterie, lampadine fluorescenti, creme per la pelle, agenti antifungini, vaccini per i bambini, e, naturalmente, termometri. Probabilmente ce n’è un po’ nella tua bocca in questo momento: le cosiddette otturazioni dentali d’argento sono per metà di mercurio.

Il mercurio è anche un sottoprodotto di numerosi processi industriali. Negli Stati Uniti le centrali elettriche a carbone da sole ne pompano circa 50 tonnellate in aria ogni anno. Quel mercurio poi piove dal cielo negli oceani, laghi, fiumi e torrenti, dove si concentra nella carne di pesci, frutti di mare, foche e balene. Lo scorso anno la Food and Drug Administration ha rilevato che c’è così tanto mercurio nel mare che le donne in età fertile dovrebbero limitare severamente il consumo dei pesci più grandi dell’oceano. L’avvertimento arriva troppo tardi per molte madri. Un sondaggio a livello nazionale del Centers for Disease Control dimostra che una su 12 donne in età fertile ha già livelli pericolosi di mercurio nel sangue e che almeno 600.000 bambini negli Stati Uniti potrebbero essere a rischio. Ma questo fa sorgere una domanda cruciale: a rischio di cosa?

Tipi di Tonno

Una fonte particolarmente comune di esposizione di basso livello di mercurio è il tonno. Per il fatto che sono grandi, longevi predatori, i tonni accumulano più mercurio nei loro tessuti dei pesci più piccoli dalla vita più breve. Quando viene esaminato per rilevare i livelli di mercurio in parti per milione, i tranci di tonno bianco, che raggiunge l’età adulta in cinque anni contengono circa quattro volte più mercurio del tonno striato che viene pescato in esemplari più giovani.

In Giappone i neonati da madri contaminate dal mercurio nella Baia di Minamata nel 1956, avevano gravi disabilità neurologiche incluse sordità, cecità, ritardo mentale e paralisi cerebrale. Negli adulti, l’avvelenamento da mercurio può causare intorpidimento, barcollamenti, demenza e morte. “Non è un segreto che l’esposizione al mercurio è altamente tossica”, dice il tossicologo Alan Stern, che ha collaborato alla stesura del rapporto 2000 sulla tossicità del mercurio del National Research Council. Ma le esposizioni di alto livello come quelle di Minamata non possono aiutare gli scienziati a determinare se sei otturazioni d’argento e un panino settimanale di insalata di tonno sarà veleno per te o un bambino non ancora nato. “La domanda è, quali sono gli effetti dei bassi livelli di esposizione?”

Nuovi dati ora suggeriscono che possono verificarsi effetti a livelli inferiori di esposizione più di quanto si sospettasse. Alcuni studi mostrano che i bambini che sono stati esposti a piccole quantità di mercurio quando erano ancora nell’utero hanno riflessi meno pronti, deficit del linguaggio e capacità di concentrazione ridotta. Negli adulti, gli studi recenti hanno dimostrato un possibile legame tra le malattie cardiache e il mercurio ingerito dal consumo di pesce. Altri gruppi sostengono che l’esposizione al mercurio è responsabile per il morbo di Parkinson, sclerosi multipla, l’Alzheimer, e il tasso crescente di autismo.

Come e in quale forma il mercurio infligga danni non è ancora chiaro. Eppure gli scienziati e politici concordano sul fatto che una maggiore regolamentazione è imperativa. L’Environmental Protection Agency ( EPA) prevede di finalizzare questo mese la sua controversa prima regola sulla riduzione delle emissioni di mercurio dagli impianti energetici, e i delegati della Nations Environment Programme si sono incontrati alla fine di febbraio per discutere una convenzione internazionale che limita l’uso del mercurio e le emissioni.

Un decennio fa, ricercatori e legislatori hanno convenuto che il piombo, un altro metallo pesante, era dannoso per i bambini a un sesto del livello precedentemente stabilito. Ma sono occorsi decenni agli scienziati per stabilire la portata e la impercettibilità dell’avvelenamento da piombo. Il mercurio è un contaminante ormai onnipresente. L’americano medio può averne diversi microgrammi in ogni litro di sangue, e la quantità di mercurio nell’atmosfera è forse triplicata dall’inizio dell’era industriale. Qualunque cosa debba essere fatta per proteggere l’umanità dalla sua storia d’amore con l’argento vivo, è meglio che accada presto.

Nell’agosto 1996 Karen Wetterhahn, professoressa di chimica al Dartmouth College di Hanover, New Hampshire, ha versato alcune gocce di un composto di laboratorio chiamato dimetilmercurio su una delle sue mani. Indossava guanti in lattice da laboratorio, così non se ne preoccupò granché. Un collega la incontrò a una conferenza nel novembre successivo. “Disse che pensava che le stesse venendo l’influenza”, riporta Vas Aposhian, tossicologo della University of Arizona. Quando invece alla Wetterhahn fu diagnosticato l’ avvelenamento da mercurio, a gennaio, era troppo tardi. Nonostante il successivo trattamento che contribuì ad espellere il metallo dal suo corpo, cadde in uno stato vegetativo nel mese di febbraio e morì nel giugno successivo.

Gli scienziati sono perplessi nel dare una spiegazione perché il mercurio richiede spesso mesi di tempo perché manifesti i suoi effetti. “Se sapessimo quello, sapremmo molto di più su come il mercurio avveleni cervello”, dice Tom Clarkson, un tossicologo presso l’Università del Rochester Medical Center.

Il grado di tossicità del mercurio dipende dalla forma e dal canale di esposizione. Si può ingerire il liquido sotto forma di mercurio elementare, senza molta paura perché non può facilmente penetrare il rivestimento dello stomaco e dell’intestino. D’altra parte, il mercurio liquido evapora a temperatura ambiente, e quando se ne inalano i vapori vanno a finire dai polmoni direttamente nel sangue e infine nel cervello. Un termometro rotto è in grado di rilasciare abbastanza vapori di mercurio da avvelenare l’aria di una stanza – una ragione per cui in alcune città e in diversi stati viene scoraggiata la vendita dei termometri a mercurio.

Il mercurio si lega anche con altri elementi in sali e composti organici di varia tossicità. Il Dimetilmercurio, la sostanza che ha avvelenato Karen Wetterhahn, è una forma sintetica di mercurio organico che raramente si trova fuori da un laboratorio. Un composto organico semplice chiamato metilmercurio è di maggiore preoccupazione perché il metilmercurio è la forma che troviamo nella carne dei pesci.

Il pesce è una delle due fonti più comuni di esposizione al mercurio negli adulti. Anche se le concentrazioni di mercurio nell’aria e nell’acqua sono in aumento, sono ancora troppo piccole per destare allarme. Ma i batteri trasformano il mercurio nei laghi e negli oceani in una forma che si accumula nei tessuti viventi. Il plancton raccoglie i batteri e a sua volta viene mangiato dai pesci piccoli. Con ogni pasto, la concentrazione di mercurio sale. Poi pesci più grandi mangiano i pesci piccoli, aumentando ancora di più le concentrazioni nei loro tessuti. I pesci al vertice della catena alimentare accumulano più mercurio. Le specie individuate dal recente consiglio consultivo della FDA – grandi predatori come tonno bianco, squalo e pesce spada, possono avere 100 volte più mercurio nei loro tessuti dei pesci più piccoli.

Il metilmercurio nel pesce passa prontamente dall’intestino umano nella circolazione sanguigna e da lì in tutti gli organi e tessuti. E sembra agire più potentemente sul cervello, perché il composto è fortemente attratto dalle molecole di grasso chiamate lipidi, e il cervello ha il più alto contenuto di lipidi di qualsiasi organo. Il metilmercurio attraversa la barriera protettiva emato-encefalica legandosi a un qualsiasi aminoacido essenziale di proteine trasportatrici (carrier) introducendosi così nelle cellule cerebrali. Una volta all’interno delle cellule cerebrali, viene convertito in una forma inorganica che si attacca a molte proteine strutturali e a enzimi, essenziali per le varie funzioni delle cellule, disabilitandoli. “Può distruggere la funzione biologica di qualsiasi proteina a cui si lega”, dice Boyd Haley, biochimico presso l’Università del Kentucky.

I ricercatori hanno imparato quanto mercurio il corpo può tollerare dagli studi di vittime di avvelenamenti catastrofici, come i giapponesi che si ammalarono mangiando il pesce pescato nella Baia di Minamata e gli iracheni che mangiarono grano trattato con un conservante a base di metil-mercurio nei primi anni ’70. Ma questi studi non rivelano quanto poco mercurio ci vuole per causare danni. Al momento della sua diagnosi, Karen Wetterhahn aveva 4.000 microgrammi di mercurio per litro nel sangue. Una dieta con costanti quantità di pesce può generare un livello di mercurio di circa 25 microgrammi di mercurio per litro di sangue. Questo è molto al di sotto una dose letale, ma ancora può essere nociva.

Le preoccupazioni riguardo alla tossicità dei bassi livelli di mercurio danno adito a ricorrenti discussioni su un’altra fonte di esposizione al mercurio onnipresente: otturazioni dentali d’argento. Il mercurio elementare, che costituisce la metà delle otturazioni d’argento, rilascia vapori di mercurio, proprio come fa il mercurio liquido. Il vapore degli amalgami dentali è la fonte primaria della quantità da 1 fino a 8 microgrammi di mercurio per litro di sangue, vale a dire, secondo alcune fonti, la media della quantità presente nel sangue di un adulto americano. Tale importo supera in maniera inquietante il livello attuale di non nocività di 5,8 microgrammi per litro fissato della Environmental Protection Agency. Ma il livello di sicurezza dell’EPA si basa sull’esposizione al metilmercurio, di cui si sa di più. Nessun studio sull’uomo ha valutato l’esposizione prolungata a bassi livelli di vapori di mercurio. Uno studio accenna a inafferrabili anomalie neurali e comportamentali di dentisti, che collettivamente utilizzano 300 tonnellate di amalgami di mercurio ogni anno e che spesso hanno da due a cinque volte la concentrazione tipica di mercurio nelle urine.

Storia

Il mercurio era noto agli antichi cinesi e indù, l’elemento è stato trovato in tombe egizie del 1500 a.c.

Fonte

Il mercurio si trova raramente libero in natura ma si trova nei minerali, principalmente cinabro. L’elemento, che esiste nella sua forma naturale come una miscela di sette isotopi stabili, è più spesso trovato vicino a vulcani e sorgenti geotermiche. Il metallo è ottenuto riscaldando il cinabro in una corrente d’aria e condensandone il vapore.

Usi

Il mercurio forma facilmente delle leghe, chiamate amalgami, con altri metalli come oro, argento e stagno. L’elemento ha molti usi nel settore chimico, come ad esempio nella produzione di idrossido di sodio e cloro tramite elettrolisi di una soluzione salina, così come nel fare insegne luminose pubblicitarie, commutatori a mercurio, e parti di apparati elettrici. E ‘anche usato per rendere sensibili strumenti di misura per i laboratori. Viene usato anche in odontoiatria, nella produzione di batterie e catalizzatori. A causa della tossicità del mercurio, molti di questi usi sono sotto esame.

“Penso che il metilmercurio nel pesce sia probabilmente la nostra esposizione meno tossica, per quanto non trascurabile”, afferma Haley, che trasmette informazioni sui pericoli delle otturazioni dentali.

La non nocività delle otturazioni di argento e mercurio non è mai stata sottoposta a test. “Il problema dell’amalgama non sarà mai risolto finché non facciamo una sperimentazione clinica, come quelle che facciamo con altri dispositivi medici”, dice Aposhian.

“Non è affatto chiaro che cosa sta succedendo con gli amalgami dentali”, dice Stern, il quale fa notare che la questione è resa complicata dalla possibilità di insorgenza di panico e cause legali. “E’ una fossa dei serpenti”.

Una delle lezioni di Minamata è che gli effetti del mercurio, come pure quelli del piombo, sono più gravi sul feto che sulle donne che ne sono portatrici, o sugli adulti in generale. Nell’evento giapponese, donne senza sintomi evidenti di intossicazione hanno dato alla luce bambini gravemente disabili. “E’ stato subito evidente c’è una grande differenza nella suscettibilità tra il cervello in sviluppo e il cervello di un adulto”, dice Philippe Grandjean, epidemiologo presso l’Università della Harvard School of Public Health. “L’aver visto le gravi intossicazioni di Minamata ci ha fatto chiedere se il mercurio poteva essere come il piombo”.

Studi sul piombo hanno dimostrato che il quoziente intellettivo diminuisce di circa due o tre punti per ogni raddoppio dell’esposizione prenatale e postnatale precoce. Per vedere se il mercurio ha effetti comparabili, Grandjean, insieme a Weihe Pál presso University of Southern Denmark, sta conducendo il più grande studio mai fatto fino ad oggi sulla cognizione e il comportamento dei bambini in una popolazione abitualmente esposta a bassi livelli di mercurio. Il suo lavoro nelle isole Fær Øer della Danimarca comprende 1.000 coppie madre-figlio e si estende per un periodo di quasi 20 anni. In un anno gli isolani delle Fær Øer, consumano 1.000 globicefali (una specie di balene), o una balena ogni 50 abitanti. “Appartengono ad una delle popolazioni che mangiano più i pesci in tutto il mondo,” dice Grandjean.

La carne di balena è uno dei cibi più altamente contaminati, perché le balene sono al vertice della catena alimentare. Nonostante questo, il contenuto di mercurio nella carne di balena è notevolmente inferiore a quello del pesce ipertossico del disastro ecologico di Minamata. Un precedente studio su mangiatori di carne di squalo in Nuova Zelanda ha rilevato che a livelli relativamente alti di mercurio nei capelli di una madre durante la gravidanza corrisponde a una perdita di tre punti di QI del suo bambino. Alti livelli, in quello studio, sono stati identificati come sei parti per milione soprattutto nel fusto del capello.

Grandjean ha fatto una serie di sofisticati test cognitivi e sullo sviluppo dei bambini delle Færøer di 7 e 14 anni. I suoi risultati indicano che il quoziente intellettivo scende di 1,5 punti per ogni raddoppio di esposizione prenatale al mercurio. Il National Research Council Report 2000 ha concluso che il rischio documentato da Grandjean “è probabile che sia sufficiente a provocare un aumento del numero di bambini che dovranno lottare per stare al passo a scuola.”

Il pesce preferito

Nel 1953 un ispettore verificò dei campioni di tonno in scatola in un conservificio della California. Negli Stati Uniti il tonno in scatola è la terza voce fra gli alimentari più comunemente acquistati, dopo lo zucchero e il caffè, in base alle vendite in dollari per quantità di spazio sugli scaffali dedicati al prodotto. Uno studio dell’EPA ha riportato che l’ammontare medio di mercurio, misurato in parti per milione, nelle seguenti varietà di tonno in scatola era:

  • Tonno striato: 0,08 parti per milione;
  • tonno bianco in scatola: 0,34 ppm,
  • tonno fresco o congelato: 0,30 ppm.

Un comunicato dell’EPA del 2004 menziona cinque tipi di pesci e molluschi che sono a basso contenuto di mercurio: gamberetti, tonno striato in scatola, salmone, merluzzo giallo e il pesce gatto. Il comunicato mette in guardia i consumatori dal mangiare squalo, pesce spada, sgombro re, e tilefish (lett. “pesce piastrella”) perché tutti contengono alti livelli di mercurio.

“Abbiamo imparato che ci sono riscontri sui bassi livelli di esposizione”, dice Grandjean. “Non sono di enorme gravità, ma certamente non trascurabili.”

Eppure, in un’altro grande studio epidemiologico a lungo termine condotto nelle isole Seychelles nell’Oceano Indiano, Clarkson finora non ha trovato alcun effetto, dell’esposizione prenatale a bassi livelli di mercurio nel pesce, sullo sviluppo neurologico. “Non possiamo escludere effetti a partire da 20 parti per milione o anche 12 parti per milione”, osserva. Ma conclude non vi è alcun rischio graduato che si estende ai livelli più bassi di esposizione.

La relazione del Consiglio della ricerca 2000 ha valutato gli studi delle Færøer, Seychelles e Nuova Zelanda, e ha raccomandato che l’EPA stabilisca gli standard di sicurezza basandosi sui risultati di Grandjean. L’agenzia lo ha fatto. Poi, per lasciare un margine di sicurezza, ha aggiunto un fattore di incertezza di 10 volte – un margine di sicurezza per la protezione contro incognite scientifiche e differenze individuali nella risposta ad una tossina. Il fattore di incertezza abbassa la soglia a una cifra di 5,8 microgrammi per litro di sangue e 1,2 parti per milione nei capelli.

Il problema con i fattori di sicurezza è che creano un limbo tossicologico tra le dosi palesemente nocive e livelli che sono stati dichiarati sicuri. Così, quando il Centers for Disease Control fa un sondaggio scopre che una su 12 donne americane in età fertile – l’8 per cento – ha livelli ematici di mercurio al di sopra della soglia di sicurezza, le conseguenze non sono chiare, sia per loro che per i bambini che portano in grembo. L’epidemiologo Tom Sinks dice: “Non sappiamo se sussiste una condizione di pericolo.”

“Lo scopo di un fattore di sicurezza è quello di proteggere le persone”, dice Clarkson. “Non si può girarci intorno per utilizzarlo come indicazione di chi è a rischio. Se sei appena sopra di esso, non sei necessariamente nei guai.”

Questo modo di stabilire dei livelli, con varie discrepanze tra i diversi studi sulla popolazione, lascia ai legislatori molto spazio di manovra. La FDA, per esempio, utilizza uno standard di sicurezza più rilassato per il mercurio sulla base di studi fatti fra gli anni 1970 e 1980. Mentre il livello di sicurezza EPA per l’esposizione giornaliera è di 0,1 microgrammi per chilogrammo (circa 2,2 libbre) di peso corporeo, lo standard della FDA è di circa 0,4 microgrammi per chilogrammo al giorno. La differenza è una quantità quadrupla di mercurio.

La preoccupazione per la precoce esposizione al mercurio non finisce al momento della nascita. Fino a poco tempo fa, molti bambini hanno ricevuto in periodi prestabiliti iniezioni di mercurio tramite il programma vaccinale statale obbligatorio. Il mercurio proveniva da un composto chiamato thimerosal, che è stato usato come conservante nei vaccini e altri farmaci dal 1930. Nel 1999 l’FDA ha raccomandato che il thimerosal non venga più utilizzato nei vaccini pediatrici, e i produttori lo hanno rimosso da tutti, tranne che dal vaccino contro l’influenza. Ma alcuni scienziati e molti genitori dei più danneggiati sono convinti che il thimerosal nei vaccini per l’infanzia ha già causato, o almeno catalizzato, l’epidemia di autismo degli Stati Uniti.

Si stima che circa 400.000 americani oggi hanno l’autismo, una malattia neurologica una volta rara caratterizzata da ritiro sociale, difficoltà di comunicazione, e involontari, ripetitivi movimenti. Sebbene i numeri esatti sono oggetto di dispute, il tasso di diagnosi sembra essere salito bruscamente negli ultimi dieci anni. In California l’incidenza di autismo nel 2002 è stato sei volte superiore rispetto al 1987.

Durante questo periodo, i funzionari della sanità federale hanno aggiunto quattro nuovi tipi di vaccini per il programma di immunizzazione infantile, e la quantità di mercurio normalmente somministrato ai neonati nei primi sei mesi di vita è più che raddoppiato. Per tutto il 1990, un bambino di tre mesi poteva ricevere fino a 63 microgrammi di mercurio in una singola somministrazione vaccinale – circa 100 volte il livello quotidiano di sicurezza dell’EPA. Dall’età di 6 mesi, i bambini regolarmente vaccinati sono stati esposti ad almeno 188 microgrammi di mercurio in una serie di almeno nove iniezioni. Anche se nel 1999 interventi della FDA hanno ridotto tale esposizione, alcuni vaccini influenzali per bambini contengono ancora12,5 microgrammi di mercurio per dose, più di 10 volte il quotidiano livello di sicurezza EPA per un bambino dal peso di 10 chili.

Otturazioni al mercurio

Gli amalgami dentali, noti anche come otturazioni d’argento, sono composti da circa il 50 per cento di mercurio. Studi su persone con otturazioni dentali contenenti mercurio mostrano una correlazione tra il numero e le dimensioni delle otturazioni e la quantità di mercurio escreta nelle urine. Il rapporto suggerisce che il mercurio è derivato da vapori di mercurio rilasciato dalle otturazioni. E’ stato constatato anche che il livello di mercurio nel tessuto cerebrale dei feti, neonati e bambini piccoli è anche direttamente proporzionale al numero di amalgami che la madre ha.

Prove circostanziali mostrano che il mercurio ha a che fare con l’autismo. Alcuni dei sintomi di autismo e dell’avvelenamento da mercurio sono simili, e Haley ha raccolto prove da campioni di capelli che i bambini autistici non si liberano del mercurio dai loro corpi in maniera efficiente come la maggior parte dei bambini. Ritiene che sia possibile che abbiano una predisposizione genetica che permette di accumulare più mercurio nei loro tessuti. Questo potrebbe renderli più vulnerabili ai vaccini contenenti mercurio e alla continua esposizione di basso livello causata da otturazioni dentali delle loro madri. “Mi sorprende che nessuno abbia mai esaminato i tessuti di bambini autistici, per verificare se contengono mercurio in eccesso”, ha detto Aposhian rivolgendosi a una commissione presso l’Istituto di Medicina di Washington, DC, lo scorso anno. “Questa è una cosa che dovrebbe davvero essere fatta.”

Ci sono altre fonti di incertezza. La forma di mercurio in thimerosal, un composto organico chiamato etil-mercurio è il meno studiato fra tutte le forme di Mercurio. Quando gli scienziati sostengono sulla sua tossicità, in genere si basano su dati provenienti da metilmercurio, che non ha la stessa forma di esposizione. Gli esperti non sono d’accordo nemmeno sul fatto che l’etilmercurio possa attraversare la barriera emato-encefalica. (Probabilmente lo fa.) “Non ci sono buoni mezzi per misurare l’etilmercurio nei tessuti,” ha detto Polly Sager tossicologo dell’Istituto Nazionale delle Allergie e Malattie Infettive al comitato dell’Istituto di Medicina.

L’Istituto di Medicina ha concluso lo scorso maggio che non si può affermare che vi sia un nesso causale tra il mercurio nei vaccini e l’autismo, ma molti ricercatori indipendenti si sono lamentati che il loro accesso ai database federali dei vaccini, che potrebbe fornire la prova di un legame, era stato ripetutamente bloccato. Alcuni scienziati, tra Haley e il neurofarmacologo Richard Deth della Northeastern University di Boston, continuano a studiare i possibili meccanismi della connessione fra mercurio e autismo. Deth ha segnalato l’anno scorso, ad esempio, che nelle cellule nervose umane il thimerosal blocca una reazione chimica chiamata metilazione che è fondamentale per l’attività dei geni e che è viene bloccata anche a seguito di esposizione al piombo.

Il rapporto che per primo diede un all’erta sulla connessione tra vaccini e autismo è stato pubblicato sulla rivista medica britannica The Lancet nel 1998. Era una rapporto su otto bambini i cui problemi comportamentali erano emersi entro due settimane dal ricevimento del vaccino morbillo-parotite-rosolia. The Lancet e la maggior parte dei coautori dell’articolo, infine disconobbero lo studio perché il suo autore non aveva fatto sapere che era anche pagato per condurre una ricerca per dei genitori che intendevano citare in giudizio i produttori di vaccini. Tuttavia il numero dei genitori nel Regno Unito disposti a vaccinare i propri bambini è sceso dal 90 per cento nel 1998 a meno dell’80 per cento nel 2004.

Difficoltà nei test.

L’esposizione al mercurio cronica di basso livello è difficile da quantificare perché le analisi del sangue, urine e capelli riflettono solo la recente esposizione acuta, non l’esposizione passata. Se l’avvelenamento da mercurio acuto è diagnosticato, somministrando sostanze che si legano al mercurio in composti e lo rimuovono dai tessuti – un processo chiamato chelazione – è possibile rimuovere il mercurio elementare o inorganico. Tuttavia con la chelazione non è possibile rimuovere il metilmercurio.

Il mercurio ha una forte affinità per il cervello, in particolare il cervello del feto. E’ stato dimostrato che il metilmercurio altera la costruzione di componenti strutturali del cervello chiamati microtubuli e influenza lo sviluppo dei neuroni.

Fonte: Our Preferred Poison

tratto da: https://www.medicinenon.it/il-nostro-veleno-preferito

 

La fantastica soluzione dell’Unione Europea: troppo mercurio nel pesce? Raddoppiare i limiti consentiti e problema risolto! …Così loro possono continuare a vendere il loro tonno. E chissenefrega se poi la gente crepa!

 

mercurio

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

La fantastica soluzione dell’Unione Europea: troppo mercurio nel pesce? Raddoppiare i limiti consentiti e problema risolto! …E chissenefrega se poi la gente crepa!

La Commissione europea vuole allentare i limiti di mercurio per alcune specie di pesci. L’Ong tedesca Foodwatch ha appreso da addetti ai lavori del settore che la decisione arrivare a breve. Per alcune specie ittiche sarebbe previsto addirittura un aumento del 100 percento, cioè due volte di più rispetto alla quantità di mercurio tollerata fin’ora. Il mercurio è altamente tossico, soprattutto per le donne incinte e per i bambini allattati da madri sovraesposte a questa sostanza. Per questo già alcuni tipi di pesce sono sconsigliati per le donne incinte. Con dei valori limite più alti, molti dei pesci contaminati che oggi vengono ritirati dal mercato, potrebbero rimanere in bella vista sul banco della pescheria.

Tutto per vendere più pescespada e tonno

“Perché la Commissione europea vuole allentare i limiti di mercurio?” si chiede l’Ong, che prova a rispondere così: “Ci sono ragioni prevalentemente economiche”. Al momento, la soglia per i grandi pesci predatori come tonno e pescespada (1 milligrammo per chilogrammo di pesce) che sono quelli che accumulano più mercurio, fa sì che circa la metà di questi pesci non possa essere venduta. “La soluzione della Commissione europea: La soglia viene semplicemente incrementata a due milligrammi per kg di pesce, e così la maggior parte dei pesci possono essere venduti legalmente” aggiungono gli attivisti tedeschi. In cambio, il limite per alcune specie di pesci, soprattutto quelle più piccole, verrà ridotto. “Un chiaro specchietto per le allodole: Dato che questi pesci sono comunque meno accusati contenere mercurio” afferma FoodWatch.

La lettera di protesta

Foodwatch aveva, già nel 2015 svelato i piani della Commissione europea per allentare i limiti di mercurio in alcune specie ittiche. Già più di 40.000 persone provenienti da Germania e Paesi Bassi hanno scritto alla Commissione europea e hanno chiesto di abbandonare questo piano. Adesso che la decisione appare immimente, l’Ong invita tutti a partecipare alla protesta inviando una lettera alla Commissione Ue attraverso il form messo a disposizione sul sito di Foodwatch.