La moderna industria alimentare sta distruggendo il pianeta

 

industria alimentare

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

La moderna industria alimentare sta distruggendo il pianeta

 

Se il pensiero chiave di un magistrato come Falcone nel tentativo di scardinare l’impero della mafia siciliana era “follow the money”, Stefano Liberti per ricostruire chi sono i padroni del cibo col quale nutriamo il nostro corpo ed i nostri desideri ha seguito la filiera di quattro prodotti chiave: la carne di maiale, la soia, il tonno in scatola ed il pomodoro concentrato. La conclusione dell’autore, giornalista e scrittore di livello internazionale che ha scritto inchieste e documentari premiati a vari livelli, è che l’industria alimentare sta distruggendo il pianeta. Insomma: l’attuale modello di produzione del cibo necessario a sfamare i miliardi di persone sulla terra (saranno nove miliardi nel 2050) non è più sostenibile. 

I 2 anni di inchiesta in giro per il mondo sono racchiusi nel libro “I signori del cibo, viaggio nell’industria alimentare che sta distruggendo il pianeta”, pubblicato da Minimum Fax, in cui l’autore racconta che il cibo è diventato il nuovo terreno di conquista di grandi aziende che vedono solo una nuova possibilità per speculare. La finanza globale ha da tempo fiutato l’affare, insieme alle multinazionali del settore, trasformando il pianeta in terra di conquista ed il cibo in semplice merce, svuotandolo del proprio valore, eliminando la stagionalità dei prodotti e piegando le logiche produttive ad una sola variabile: i soldi.

Qual è la cosa più sconvolgente di cui ti sei reso conto nei tuoi due anni di lavoro?

In generale la cosa che mi ha colpito di più sono i movimenti estremi ed irrazionali del cibo attraverso il pianeta. Quando ho iniziato a fare questa ricerca non immaginavo di spingermi così lontano. In particolare una delle cose più sconvolgenti riguarda gli allevamenti intensivi di maiali e le metodologie di smaltimento dei reflui e cioè questi enormi laghi di deiezioni di suini che ho visto negli Stati Uniti. È una cosa che personalmente mi ha sconvolto e mi ha spinto anche ad andare oltre per raccontarlo nel libro.

Tra l’altro con grossi problemi di smaltimento a livello ambientale…

L’allevamento intensivo è una bomba ad orologeria pronta a scoppiare perché produce un consumo di suolo spaventoso perché gli animali all’interno degli allevamenti devono essere nutriti con cereali e legumi come mais e soia che devono essere coltivati su estensioni enormi, ed al contempo produce una quantità di scarti altamente inquinanti spaventosa. Necessariamente pongono un problema di sostenibilità e secondo me è una grande emergenza che è poco discussa nel dibattito attuale, in tutto il mondo ma anche in Italia.

Con conseguenze che ricadranno sulle generazioni futuro, no?

Il sistema alimentare industrializzato incentrato su queste produzioni a larga scala, consuma più risorse di quante ne rigenera e quindi necessariamente produce dei danni che ricadranno sulle prossime generazioni. Poi dipende, quelli che ho scelto io nel libro sono prodotti emblematici: una carne, un pesce, un frutto ed un legume. Ma i viaggi e gli incontri che ho fatto io in realtà sono riproducibili per gran parte del sistema alimentare globalizzato, la cui caratteristica principale è che il cibo è sempre di più una commodity, può essere prodotto in modo simile in tutto il mondo e diventa effettivamente identico in tutto il mondo, con le conseguenze che dicevamo prima.

Si produce sempre di più con costi sempre minori, ignorando la qualità, le conseguenze sull’ambiente ed i diritti di chi lavora nelle varie filiere, è corretto?

Il dibattito mondiale è molto incentrato sul fatto che la popolazione aumenta, con stime che parlano di oltre 9 miliardi di persone nel 2050, e per far fronte alla crescita si deve aumentare la produttività e quindi produrre più cibo, mantenendo l’attuale sistema di produzione e commercio. Io credo invece che bisognerebbe cambiare il paradigma e produrre in modo diverso. Innanzitutto riducendo i consumi e la produzione di carne industriale e degli allevamenti intensivi che hanno un consumo di suolo, un potenziale inquinante ed un bilancio energetico fortemente negativo, a livello globale. E poi ridurre anche gli sprechi, perché sostanzialmente un terzo del cibo che viene prodotto viene sprecato o durante la fase stessa di produzione o in quella del consumo.

In questo modo si potrebbe evitare di aumentare la produttività e al contempo poter sfamare tutta la popolazione mondiale. Quando si parla di sovrappopolazione in realtà bisognerebbe considerare prima questi aspetti: come modificare il meccanismo di produzione rendendolo più sostenibile, mantenendo lo stato delle risorse del pianeta in equilibrio ed evitando gli sprechi e le produzioni meno sostenibili.

L’italiano medio oggi è libero di scegliere cosa mangiare, o la sua scelta è influenzata dai grandi gruppi finanziari che controllano la produzione di cibo?

Il punto centrale da cui sono partito è che quando una persona va in un supermercato, non ottiene tutta una serie di informazioni che gli permetterebbe di fare una scelta consapevole. Quando acquisti un prodotto non sai da dove viene, da dove vengono gli ingredienti o quali processi industriali ha subito prima di arrivare sullo scaffale. E quindi si fanno una serie di scelte che sono determinate dalla variabile più evidente, e quindi il prezzo del prodotto, oppure da una serie di accorgimenti del produttore o del distributore come un packaging allettante, ma in realtà le informazioni reali non le hai.

Quindi siamo apparentemente liberi, perché possiamo scegliere un prodotto al posto di un altro, ma abbiamo un deficit di informazioni che dovrebbe essere colmato. Queste informazioni dovrebbe essere fornite in modo che ognuno di noi possa fare delle scelte più consapevoli.

Ad esempio?

Consideriamo il pomodoro prodotto in Cina che viene trasformato e ritrasformato, oppure il pomodoro cresciuto in un’azienda italiana, che impiega lavoratori con contratti giusti, che fa un consumo di acqua consapevole e riduce le emissioni di CO2, allora io posso anche scegliere di prendere quello cinese perché lo pago meno, però lo faccio consapevolmente.

Ma al momento queste informazioni non le ho, anche perché dietro ad ogni prodotto c’è un sistema, un’economia, delle persone. L’emergenza di oggi è cercare di contrastare il cibo anonimo e di ridare un’identità a ciò che mangiamo in modo che tutti noi possiamo ridare valore a ciò che consumiamo facendo scelte consapevoli nel momento in cui lo acquistiamo.

Nel mondo quasi nulla viene consumato dove viene prodotto e sta scomparendo la stagionalità di frutta e verdura, come mai?

Il cibo in realtà ha sempre viaggiato nel corso dei secoli. Ma il livello a cui siamo arrivati oggi è patologico, in tutto il mondo, per cui troviamo i limoni argentini che costano meno di quelli coltivati in Campania, ed è un’aberrazione. Altro grave problema è che sono di fatto scomparse le stagioni, per cui noi dobbiamo avere sempre tutto a disposizione. Siamo a gennaio e troviamo sempre e comunque i pomodori che sono notoriamente estivi. Ovviamente i pomodori a gennaio sono molto meno buoni, perché fatti in serra, costano molto di più, ma rispondono ad una domanda del consumatore.

Bisognerebbe partire dalle scuole e rieducare le persone sul fatto che ci sono delle stagionalità, dei prodotti che sono presenti in alcuni mesi dell’anno e in altri no, se no viviamo una sorta di presente in cui c’è sempre tutto. Per ritrovare un rapporto diretto con il pianeta, dobbiamo consumare in modo più consapevole.

Cosa significa il fatto che oggi ci sono solo grandi gruppi che hanno fagocitato i piccoli e medi attori della filiera?

Dalle filiere che ho analizzato io ho capito che sostanzialmente quando il cibo diventa solo una merce, quelli che vincono sono dei grandissimi gruppi che hanno la possibilità di fare produzioni su larga scala, che hanno la possibilità di fare delle economie di scala e che quindi hanno la possibilità di vendere a costi più bassi, intervenendo sulla riduzione del costo del lavoro, dei trasporti e via dicendo. Sostanzialmente mandano fuori mercato tutti coloro che magari affrontano una produzione più sostenibile, che però è più costosa per produttore e consumatore.

Negli ultimi anni nel sistema alimentare globale i piccoli e i medi gruppi sono stati fagocitati dai grandi gruppi che li hanno acquisiti. Quindi il sistema alimentare così come i singoli prodotti alimentari sono controllati da grandi gruppi che in effetti hanno dentro di loro una serie di marchi diversi che appartengono di fatto alle stesse persone.

È un regime oligopolistico che è preoccupante. Poi ci sono tutta una serie di produzioni piccole o piccolissime, che invece agiscono in tutt’altro modo e continuano ad avere un mercato, anche se marginale, ma che è in crescita ed è un fenomeno interessante.

 

 

tratto da: http://www.dolcevitaonline.it/la-moderna-industria-alimentare-sta-distruggendo-il-pianeta/

Una pittura assorbente contro lo smog: Airlite, la vernice 100% naturale che purifica l’aria.

smog

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

 

Una pittura assorbente contro lo smog: Airlite, la vernice 100% naturale che purifica l’aria.

 

Smog e pittura assorbente: Airlite, la vernice che purifica l’aria

Smog e pittura assorbente: una vernice 100% naturale che mangia lo smog riducendo l’inquinamento atmosferico, sia esterno sia interno

 

I numeri dei danni provocati dall’inquinamento atmosferico sono inquietanti. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), ogni anno al mondo si registrano 3 milioni di morti premature provocate da una scarsa qualità dell’aria. In attesa dei risultati che si spera arrivino dagli accordi globali per la lotta al cambiamento climatico e dalle misure che sono state lanciate a livello nazionale volte a ridurre le emissioni inquinanti puntando su incentivi alle rinnovabili, politiche di efficienza energetica e promozione della mobilità sostenibile, scienza e tecnologia sono scese da tempo in campo con soluzioni al servizio dell’ambiente. Sono tante le idee e le innovazioni che negli ultimi anni sono state proposte con l’obiettivo di dare una risposta concreta e rapida per contrastare l’inquinamento, rendendo l’aria delle nostre città e delle nostre case più respirabile.

Smog e pittura assorbente: Airlite, vernice mangia smog

Su queste pagine vi abbiamo parlato di tessuti speciali che sfruttano le nanotecnologie per assorbire, bloccare e disgregare le molecole inquinanti presenti nell’atmosfera, di torri e aspirapolveri giganti pensati per catturare l’aria inquinata e restituirla purificata. Un’altra importante novità arriva dall’Italia. Non si tratta in realtà di una vera novità, perché l’innovazione è stata sviluppata per la prima volta più di 10 anni fa, ma tutti in questi anni di test e sperimentazioni ne hanno consentito il lancio ufficiale, grazie a risultati che sembrano più che entusiasmanti. Parliamo di Airlite, una pittura speciale in grado di assorbire gli agenti inquinanti purificando l’aria che respiriamo. Una soluzione molto semplice per ridurre lo smog e pittura assorbente.

Riduce l’inquinamento atmosferico fino all’88,8%

Si tratta di una vernice in polvere a cui, aggiungendo una soluzione liquida che contiene biossido di titanio e che è in grado di attivarsi a contatto con la luce, sia naturale sia artificiale, riesce a trasformare gli agenti inquinanti in molecole di sale. Stando ai risultati, Airlite ha effetto sia sugli inquinanti che fanno male alla salute, sia su quelli che causano l’effetto serra: in particolare elimina i pericolosi gas, gli ossidi di azoto (NOx) e di zolfo (SOx). La riduzione dell’inquinante NO2, in particolare, è di oltre l’80% in laboratorio e del 50% in ambiente reale.

Smog e pittura assorbente: elimina i batteri nocivi

Tra i benefici di Airlite c’è anche il fatto di riuscire a eliminare, stando ai test, il 99,9% di batteri presenti presenti sulla superficie, compresi i cosiddetti superbatteri. I batteri vengono eliminati dalla doppia azione dell’ossidazione superficiale e dall’elevata alcalinità della superficie, che combinate  impediscono ai batteri di sopravvivere.

Questo permette di ridurre in modo significativo la carica batterica totale in ogni ambiente, rendendo possibile una elevata salubrità ambientale, unita a un maggiore benessere e confort abitativo. Una soluzione particolarmente indicata per ambienti, come quelli ospedalieri, che necessitano di essere sterili.

Respinge polvere e sporco

Altra caratteristica della vernice mangia smog è quella di impedire allo sporco di depositarsi sulle pareti. Come? L’azione di Airlite, da una parte decompone le sostanze oleose depositate sulla superficie, impedendo alle polveri e alla sabbia di aderire alla parete. Dall’altra, crea un sottile strato superficiale di acqua (grazie a una proprietà chiamata idrofilia), che impedisce alle polveri e alle altre particelle di sedimentare sulla superficie, facendole rimbalzare via. In poche parole l’innovazione smog e pittura assorbente crea un invisibile film protettivo che impedisce allo sporco e alla polvere presenti nell’aria di depositarsi sulle superfici.

Aiuta a ridurre i consumi energetici

La vernice può anche essere vista come un ottimo alleato per ridurre i consumi energetici legati al raffrescamento.  Airlite riflette la maggior parte della radiazione solare infrarossa, impedendo il passaggio eccessivo di calore. Questo si traduce in ambienti molto più freschi nella stagione estiva con un risparmio di energia elettrica per il condizionamento dell’aria stimato tra il 15 e il 50%.

fonte: http://www.green.it/smog-pittura-assorbente-airlite-la-vernice-purifica-laria/

24Bottles – dal genio Italiano, la bottiglia in acciaio 18/8 alla moda, leggera e sostenibile che potrebbe stroncare “l’abuso” di plastica

bottiglia

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

 

24Bottles – dal genio Italiano, la bottiglia in acciaio 18/8 alla moda, leggera e sostenibile che potrebbe stroncare “l’abuso” di plastica.

 

Secondo le stime, ogni anno più del 30% della plastica prodotta viene dispersa nell’ambiente, impattando gravemente sull’habitat naturale e sulla biodiversità. In questo scenario, il consumo di bottiglie di plastica è in crescita e, numeri alla mano, l’Italia detiene il primato del più alto consumo di acqua in bottiglia, con 208 litri di acqua bevuti. Produrre, trasportare e riciclare le bottiglie di plastica è costoso, sia in termini economici che ambientali. La situazione ha spinto anche la Commissione Europea a ridefinire la direttiva sulle acque potabili, stilando un programma per garantire maggiori informazioni e puntando alla sensibilizzazione dei cittadini. L’obiettivo a lungo termine è ridurre, entro il 2030, i 25 milioni di tonnellate di plastica consumati annualmente nel territorio dell’Unione, fissando al 30% la percentuale del riciclo. Ma com’è possibile risolvere il problema? Ne abbiamo parlato con Matteo Melotti e Giovanni Randazzo, fondatori di 24Bottles, brand italiano di design che contribuisce alla diminuzione del consumo di plastica con una bottiglia alla moda, leggera e sostenibile in acciaio 18/8.

Da dove nasce l’idea di creare 24Bottles?

Ci siamo incontrati lavorando in banca e siamo diventati amici da subito. In uno dei nostri viaggi insieme, abbiamo visitato una meravigliosa baia siciliana il cui paesaggio era stato rovinato da sacchi di immondizia e  rifiuti abbandonati sia lungo i sentieri che sulla spiaggia. Da lì è nato il desiderio di impattare positivamente nella vita delle persone, contribuendo alla risoluzione del problema ambientale che affligge il Pianeta.

L’insoddisfazione sul posto di lavoro ci ha dato la spinta finale per fare il grande passo. Abbiamo iniziato informandoci per capire quale fosse il prodotto ideale che combinasse i nostri obiettivi: eco-sostenibilità, rispetto dell’ambiente e influenzare le abitudini della comunità sociale.

Le bottiglie 24Bottles coniugano la sostenibilità ambientale al design, cosa volete comunicare?

Le bottiglie sono il veicolo attraverso il quale esprimiamo i nostri valori e quelli della nostra community. Da subito abbiamo fatto in modo di coniugare il lato estetico al principio etico, facendo leva sul primo per raggiungere dei risultati in termini di buone abitudini e rispetto dell’ambiente. L’idea della bottiglia riutilizzabile ovviamente non è originale, ma originali sono il design e la qualità dei nostri prodotti. Abbiamo cercato di portare la borraccia fuori dall’immaginario “outdoor”, creando delle bottiglie dal design elegante che si adattassero alle esigenze della vita e allo stile della città. Per questo, per esempio, abbiamo fatto in modo di ridurre al minimo il peso delle bottiglie, in modo che siano davvero comode e facili da portare sempre con sé.

La ricerca dei materiali rende il vostro prodotto unico e ricercato, raccontateci come nascono le bottiglie 24Bottles e il loro impatto sull’ambiente.

I nostri originali design nascono principalmente da lunghi brainstorming in cui ci confrontiamo per cercare di rispondere ad una specifica necessità. L’impatto dei rifiuti plastici, in particolare degli oggetti e imballaggi usa e getta, è grave ed allarmante. Il nostro obiettivo è contribuire a diminuire lo spreco e il consumo di bottiglie di plastica, innescando abitudini responsabili che tengano conto dell’ambiente. Siamo partiti dalla produzione, spesso sottovalutata, che invece ha un ruolo predominante in termini di impatto ambientale. Basti pensare che la produzione di una singola bottiglia di plastica da 500ml genera 80 grammi di CO2 nell’atmosfera. Per questo sulle nostre Urban Bottle si trova il numero -0,08: sta a indicare la CO2 che si evita di disperdere nell’ambiente ogni volta che si riempie la nostra bottiglia.

A questo proposito, in che modo bilanciate l’impatto ambientale dei vostri processi produttivi?

Abbiamo coinvolto un ente certificatore indipendente per valutare l’impatto ambientale dei nostri prodotti. Una volta avuto il risultato in mano abbiamo considerato diverse opzioni per compensare la CO2. Ad oggi ci siamo appoggiati a Treedom, società attraverso la quale abbiamo creato una foresta di 1500 alberi su 5 diversi paesi. Oxygen, questo il nome della nostra foresta, azzera l’impatto ambientale dei nostri prodotti. Inoltre, Treedom coinvolge la comunità locale, creando lavoro nei paesi in cui sono presenti i nostri alberi.  La gestione è infatti affidata ai contadini che ovviamente possono sfruttare e godersi i frutti, veri e propri, del loro lavoro per avviare le proprie attività commerciali dove c’è più bisogno.

In che modo 24Bottles fa la differenza?

A livello pratico cerchiamo di proporre sempre la soluzione più semplice e comoda per risolvere un problema. Le nostre bottiglie in acciaio sono le più leggere sul mercato: tutti possono portarsela dietro senza sentirne il peso. Inoltre, siamo gli unici a proporre prodotti completamente a impatto zero grazie alla compensazione della CO2. E soprattutto, a differenza di altri brand, i nostri design sono originali, studiati e realizzati da noi dalla A alla Z in modo da poter perfezionare i nostri prodotti in qualsiasi momento per venire incontro alle esigenze del nostro pubblico.

Quali sono gli ostacoli principali che un’azienda come la vostra, attenta alla sostenibilità ambientale, incontra?

Entrambi proveniamo da settori lontani dal mondo del design industriale e della moda. Inizialmente non avevamo nessun tipo di conoscenza del settore retail e di cosa significasse fare impresa. Ciò che ci ha consentito di crescere sono state una vision molto limpida e una grande passione. Tuttavia, il vero ostacolo è stato riuscire a entrare nel mercato italiano, essendoci dovuti creare uno nostro spazio da zero. L’Italia è stato infatti un paese ostico da coinvolgere perché, dati alla mano, è da sempre uno dei maggiori consumatori di acqua in bottiglia. Nel nord Europa, ad esempio in Germania, siamo riusciti a farci notare permettendoci di crescere da subito. Oggi abbiamo un ottimo riscontro anche nel nostro paese, grazie alla qualità, al passaparola e alla comunicazione sui social.

Quali sono le vostre prospettive future?

La nostra priorità è diventare sempre più efficienti e specializzati: vogliamo consolidare la nostra esperienza e diventare un punto di riferimento nel mondo per quanto riguarda le bottiglie in acciaio. Attualmente stiamo lavorando a nuove linee di bottiglie, nuovi colori, nuove fantasie e nuovi accessori. Cerchiamo di proporre qualcosa di nuovo almeno ogni 6 mesi in corrispondenza delle stagioni della moda, perché prima di tutto noi ci consideriamo tali. Inoltre a livello di mercato, abbiamo cominciato a distribuire i nostri prodotti in Asia e in Australia. Per il prossimo futuro il grande salto sarà entrare nel competitivo mercato Usa.

fonte: http://www.green.it/24bottles-lalternativa-sostenibile-alle-bottiglie-plastica-intervista-ai-fondatori-matteo-melotti-giovanni-randazzo/

Wair, la fantastica sciarpa anti smog che filtra l’aria, rileva l’inquinamento e segnala i percorsi urbani meno nocivi.

 

smog

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Wair, la fantastica sciarpa anti smog che filtra l’aria, rileva l’inquinamento e segnala i percorsi urbani meno nocivi.

Wair, la prima sciarpa antismog che filtra e rileva l’inquinamento
Ciclisti, motociclisti e pedoni, è arrivata Wair. La sciarpa anti-smog che filtra le sostanze nocive nell’aria e con un’app segnala i percorsi urbani meno inquinati.

Ogni giorno respiriamo enormi quantità di sostanze nocive che causano una serie di effetti negativi sul nostro organismo: l’ozono e gli ossidi d’azoto che irritano i bronchi; l’idrocarburo e i particolati (PM10, PM2,5 e PM1,0), responsabili di problemi alle vie respiratorie; i metalli pesanti e il monossido di carbonio, altamente tossici; il diossido di zolfo che danneggia la pelle.

Partendo da questa realtà che interessa le città di tutto il mondo, l’azienda francese Wair, con l’aiuto di alcuni specialisti, ha sviluppato una sciarpa antismog in grado di purificare l’aria respirata. Ideata nel 2014 da Caroline Van Renterghem in seguito a problemi respiratori causati dal picco di inquinamento registrato a Parigi durante lo stesso anno, è pensata principalmente per motociclisti, ciclisti e pedoni che possono ordinarla online sulla piattaforma di crowdfunding Ulule.

Come funziona Wair

Dotata di una maschera composta da due filtri che catturano fino al 99 per cento di sostanze inquinanti, la sciarpa antismog permette di respirare un’aria più pulita e salutare.

La maschera, costituita internamente da schiuma e rivestita in pelle vegetale, è stata progettata in collaborazione con l’agenzia Pulse & Pulpe con l’intento di creare una struttura che si adattasse a qualsiasi forma di viso, garantendo massimi livelli di comfort e vestibilità.

Un accessorio ecologico alla moda

La sciarpa antismog di Wair, disponibile in tre modelli differenti da personalizzare scegliendo tra fantasie e colori vari, presenta un design estetico moderno e rispettoso dell’ambiente. I tessuti impiegati nella realizzazione, infatti, sono il cotone biologico e il poliestere riciclato.

L’applicazione connessa alla sciarpa antismog

Attivando il meccanismo di geolocalizzazione attraverso il proprio smartrphone, l’applicazione Sup’airman by Wair, direttamente collegata alla sciarpa, è in grado di comunicare tutte le informazioni inerenti al tasso d’inquinamento presente nella zona che si sta percorrendo. Ma non solo. Si tratta di un vero e proprio supporto che suggerisce i percorsi meno inquinati, avvisa l’utente quando è necessario indossare la sciarpa o sostituire il filtro e fornisce ottimi consigli per tutelare al meglio la salute all’interno delle città.

tratto da: https://www.lifegate.it/persone/stile-di-vita/donne-maasai-impresa-sociale-conceria-oikos

Ecco perché le api stanno scomparendo: sono attratte dai cocktail di pesticidi, che le uccidono!

 

api

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Ecco perché le api stanno scomparendo: sono attratte dai cocktail di pesticidi, che le uccidono!

 

Un esperimento tanto semplice quanto inquietante, almeno per i risultati che ha dato. Quello condotto da tre scienziati dell’Illinois e appena pubblicato su Scientific Reports. L’équipe, infatti ha proposto alle api uno sciroppo di zucchero normale e una miscela dolce con diversi fungicidi ed erbicidi a diverse concentrazioni. Assieme a queste altre opzioni, tra le quali acqua zuccherata mescolata con sostanze chimiche presenti in natura.
Ebbene le api hanno scelto proprio il cocktail di veleni. Le stesse sostanze chimiche, insomma, che ne stanno mettendo in pericolo la sopravvivenza a livello globale. Oltre al clorotalonil, un potente fungicida, le “cavie” hanno optato per acqua, zucchero e glifosato, secondo quanto riporta l’esperimento.

E si tratta di una constatazione molto preoccupante, soprattutto perché segna un pericolo molto grave per le api. Questi insetti, infatti, sono noti per poter “fiutare” le sostanze chimiche potenzialmente pericolose, in pratica valutare la qualità del cibo e utilizzare le sostanze fitochimiche come spunti per prendere decisioni su cosa è per loro commestibile.

Se questa capacità, come dimostra l’esperimento, viene meno proprio nei confronti dei pesticidi, la loro sopravvivenza è ad alto rischio.

Esattamente come accade per i neonicotinoidi, pesticidi oramai tristemente famosi per aver decimato questi insetti, il nettare ai fitofarmaci riportato in alveare può mettere a rischio l’intera colonia abbreviare la durata della vita delle api esposte e devastare l’organizzazione dell’alveare.

 

fonte: https://ilsalvagente.it/2018/01/10/le-api-attratte-dai-cocktail-di-pesticidi-che-le-uccidono/30132/

Con il 2018 arriva sul mercato Tua, l’auto elettrica tutta Italiana, “Made in Puglia”, bella, economica e superecologica

auto elettrica

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Con il 2018 arriva sul mercato Tua, l’auto elettrica tutta Italiana, “Made in Puglia”, bella, economica e superecologica

 

Ad aprile 2018 a Roma arriverà una tappa del campionato del mondo di Formula E: bolidi monoposto che sfrecceranno a oltre 200 km orari in un circuito capitolino interamente (e unicamente) alimentati a batteria. Il mercato dell’auto elettrica italiana non si ferma però qui. C’è ad esempio un forte impegno verso il car sharing  e anche verso la produzione di macchine elettriche made in Italy.

Minicar made in Bari

Qualche giorno fa, in occasione della Fiera del Levante è stata presentata Tuala prima auto elettrica italiana, leggi anche come il primo modello di automobile interamente costruito in Italia.

Auto elettrica italiana: orgoglio del sud

Tua è progettata dalla Tua Industries, ed è realizzata interamente in alluminio; pesa poco per essere un’automobile (circa 600 kg) ed ha un’autonomia di 200 km per ogni ricarica. Il debutto sul mercato è fissato per il secondo semestre del prossimo anno con un prezzo che dovrebbe aggirarsi attorno ai 10 mila euro.

L’auto elettrica italiana che salva azienda e dipendenti

A Modugno, dove oggi si sta per iniziare a produrre la Tua, fino a qualche tempo fa si producevano carrelli industriali. Poi la crisi, la cassa integrazione e la decisione di chiudere lo stabilimento per trasferirsi ad Amburgo. Da qui il periodo più buio: le tensioni, le occupazioni, i presidi e le paure da cui è emersa la voglia di non arrendersi di un gruppo di operai che ha saputo far fronte alla crisi, che ha saputo farsi famiglia.

Il 2015 e la svolta

Nel 2015 un fondo statunitense ridisegna il destino degli operai di Modugno. La Lcv Capital Management, un gruppo d’investimento statunitense ha riacceso le speranze delle famiglie dei dipendenti ed è arrivato l’accordo tra il ministero e la Lcv-Tua Autoworks con cui vene varato il piano per la riconversione dello stabilimento di Modugno.

Una storia di rivalsa sociale, ancora prima della storia di Tua, l’auto elettrica italiana

Michele Emiliano presidente della Regione puglia racconta a Puglia Reporter la sua esperienza su questa bella storia italiana:

“Questa vicenda è iniziata quando ero sindaco di Bari con un presidio vicino alla fabbrica perché una grande multinazionale, che aveva sostanzialmente preso brand, fatturato e apparecchiature, voleva chiudere l’attività per acquisire le quote di mercato. L’orgoglio degli operai ha impedito questo destino. Abbiamo provato in tutti i modi a trovare un progetto di reindustrializzazione, e oggi siamo arrivati al prototipo finalmente autorizzato dagli organismi competenti”.

E poi continua proprio durante la presentazione dell’auto elettrica prodotta da TUA Industries durante la Fiera del Levante:

“Ci sono ancora difficoltà perché si tratta di mandare a regime una produzione che non è semplice e che ha bisogno di una importante capitalizzazione. Sto verificando la volontà degli imprenditori italiani ad andare avanti nel progetto, noi continueremo a sostenerli perché, al di là del significato del mantenimento occupazionale, è diventato un progetto industriale veramente interessante. La prima auto italiana totalmente elettrica. Questa auto potrebbe consentire a tutte le forze di polizia municipale in Italia di muoversi nei centri abitati colpiti dai superamenti dei PM10, almeno riducendo le emissioni delle auto pubbliche. Peraltro è un’auto comoda e silenziosa”.”È un’auto italiana e pugliese e questo chiude anche tutto il circuito dell’automotive pugliese e barese perché non avevamo ancora una produzione come questa, di un’auto intera. Come sempre combatteremo con tutta l’energia per difendere questo progetto neonato”.

Non manca molto al momento della verità. Entrare nel mercato a metà 2018 significa iniziare presto i lavori. Sapremo quindi a breve quanto questa bella storia fatta con tutti gli ingredienti positivi che una bella storia deve avere (sostenibilità, correttezza politica, speranza, famiglie che non si arrendono) potrà raccontare di noi nel mondo. Di un gruppo di persone che non si sono arrese e che hanno creato un mezzo di trasporto che renderà il mondo dei loro figli un mondo migliore.

tratto da: http://www.green.it/auto-elettrica-italiana/

L’energia dalle onde potrebbe alimentare il mondo intero!

energia

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

L’energia dalle onde potrebbe alimentare il mondo intero!

Secondo molti esperti l’energia dalle onde potrebbe rappresentare la nuova frontiera delle energie rinnovabili. Occorre tempo ed investimenti ma l’energia che ne deriverebbe potrebbe soddisfare l’intera popolazione mondiale.

A forma di ciambella, di giganteschi serpenti, enormi palloni sommersi, i dispositivi in grado di generare energia dalle onde hanno “mille” forme diverse ma un fattore comune: sono in grado di trasformare l’energia cinetica del modo ondoso in energia elettrica. Una tecnologia ancora giovane ma con un potenziale in grado di soddisfare, secondo qualcuno,  il fabbisogno mondiale di energia.  Al largo dell’isola di Oahu nelle Hawaii, il Lifesaver sembra una sorta di ciambella di colore giallo che si muove seguendo il movimento delle onde; nonostante le sue sembianze il dispositivo è un concentrato di tecnologia, pieno di ingranaggi, cavi ed elettronica in grado di convertire il moto ondoso in energia.

Lifesaver (fonte: mdpi.com)

I dispositivi che generano energia dalle onde sono maturi?

Se l’energia eolica ha una laurea, l’energia dalle onde è ancora in prima elementare”. Con queste parole Luis Vega, direttore della Hawaii National Marine Renewable Energy Centre, esprime il grado di maturità del Lifesaver; ma se i risultati dovessero dare ragione a questa tecnologia ancora poco conosciuta e sfruttata, presto potremmo vedere schiere di dispositivi al largo delle nostre coste in grado di soddisfare il nostro fabbisogno energetico.  Attualmente non esiste il convertitore di moto ondoso perfetto, “esistono mille disegni diversi” afferma Reza Alam, ricercatore dell’University of California, Berkeley. “Non siamo ancora arrivati al punto in cui si è affermato un paradigma tecnologico dominante. Può darsi che non ce ne sia uno” aggiunge Ted Brekken, ricercatore della Oregon State University. Ogni “modello” ha un suo modo di produrre energia: il Lifesaver è basato su un generatore elettrico spinto dal movimento oscillante dei cavi che partono dal dispositivo e arrivano fino al fondo dell’oceano; il Pelamis wave power produce energia dalle onde grazie ad un sistema idraulico che si attiva grazie ai movimenti dei diversi segmenti di cui è composto; il CETO grazie al moto ondoso aziona una pompa che eroga acqua ad alta pressione che serve ad azionare una turbina idroelettrica in riva.
Non importa quale tecnologia venga utilizzata, ma una cosa è certa: l’energia dalle onde è una risorsa preziosa che potrebbe contribuire a ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili.

Pelamis wave power
I vantaggi ed ostacoli dell’energia prodotta dal moto ondoso

L’energia dalle onde presenta un vantaggio enorme rispetto all’energia solare o all’energia eolica: può essere sfruttata 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Le onde derivano indirettamente dal sole, la radiazione solare provoca un gradiente di pressione d’aria che origina vento che a sua volta, a contatto con la superficie del mare, produce le onde. Alam definisce l’energia dal moto ondoso come una “forma di energia solare molto densa”. Recenti studi dimostrano che ogni metro quadro di un  pannello solare riceve fra 0,2 e 0,3 kW di energia solare; ogni metro quadro di una pala eolica assorbe fra 2 e 3 kW. Ogni metro di costa della California potrebbe ricevere 30 kW di energia delle onde.
Negli Stati Uniti si stima che l’energia dal moto ondoso potrebbe produrre fino a 1.170 TWh all’anno, un terzo del fabbisogno energetico del Paese; è per questo che il DOE, Department of Energy, continua a stanziare fondi per spingere la ricerca su questa fonte di energia ancora poco sfruttata.
Nonostante il suo potenziale, l’energia dal moto ondoso presenta non poche difficoltà da un punto di vista tecnico. L’ambiente marino è un “territorio ostile”, vento, acqua salata ed onde violenti possono mettere a dura prova anche i sistemi più robusti. Anche solo per testare nuovi dispositivi è necessario l’utilizzo di navi ed apparecchiature subacquee che fanno lievitare il costo delle tecnologia. Probabilmente occorrerà ancora un decennio per avere convertitori di energia dalle onde efficienti ed economicamente sostenibili. Dobbiamo continuare ad investire nella ricerca se vogliamo porre fine all’utilizzo dei combustibili fossili.

 

 

fonte: http://www.green.it/l-energia-dalle-onde-alimentare-mondo-intero/

 

Sulle nostre teste, nell’atmosfera, nell’aria ci sono ancora le scorie nucleari della guerra fredda!

scorie nucleari

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Sulle nostre teste, nell’atmosfera, nell’aria ci sono ancora le scorie nucleari della guerra fredda!

 

Ancora sopra di noi le scorie nucleari della guerra fredda

Da più di 50 anni, le particelle di plutonio radioattivo dei test nucleari degli anni Cinquanta e Sessanta sono nella stratosfera, tra 20 e 50 km al di sopra delle nostre teste. Si pensava che fossero già tutte precipitate al suolo nel corso dei decenni ma, dopo l’eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajökull avvenuta nel 2010, sono sorti i primi dubbi. Le eruzioni vulcaniche, infatti, possono far precipitare queste particelle radioattive nella parte più bassa dell’atmosfera, la troposfera. Lo afferma uno studio svizzero pubblicato questo mese su Nature Communications. Secondo la ricerca elvetica, tuttavia, non ci sarebbe da preoccuparsi per possibili conseguenze sulla salute umana.

Tra il 1945 e il 1998, un piccolo numero di paesi del mondo ha affermato la propria potenza militare facendo deflagrare bombe atomiche in test all’aria aperta. Le dinamiche della Guerra fredda hanno portato prima Stati Uniti e Unione Sovietica, poi Francia e Regno Unito, e in seguito Cina e India, a gareggiare in esplosioni atomiche. Una volta venute meno le esigenze della Guerra fredda, le esplosioni sono andate decrescendo, ma le scorie radioattive di più di duemila test nucleari sono rimaste nella stratosfera. Si è poi aggiunta la radioattività causata da eventi come l’esplosione, nel 1964, del satellite statunitense SNAP-9A, alimentato a plutonio, che ha riversato sul pianeta scorie che si sono unite alle particelle presenti nell’aria, l’aerosol. Nella troposfera, che si estende verticalmente dal suolo per circa 17-20 km, queste particelle vengono eliminate nel giro di qualche settimana o mese.

Ma un insieme di fattori può ostacolare questo smaltimento. È il caso della tropopausa, lo strato di atmosfera che separa la troposfera dalla stratosfera. La tropopausa funge da barriera e trattiene la maggior parte delle particelle più radioattive nella stratosfera per un tempo che varia da uno a quattro anni, come dimostrato da studi effettuati negli anni Sessanta e Settanta. Le particelle più grandi, dal diametro tra uno e dieci milionesimi di metro, si depositano invece più rapidamente, rimanendo nella stratosfera per qualche settimana o mese. Poiché i test nucleari sono stati condotti molto tempo fa, si pensava che tutte queste particelle radioattive presenti nella stratosfera dovessero ormai essersi depositate.

Tuttavia, dopo l’eruzione dell’Eyjafjallajökull, fisici e climatologi hanno cominciato ad avere qualche dubbio. Il gruppo svizzero, campionando l’aerosol della troposfera, vi ha trovato elevate concentrazioni di radionuclidi. In particolare, i livelli di cesio e plutonio erano di tre volte più alti di quelli presenti nell’aria in prossimità del suolo. Questi dati contraddicono precedenti studi sull’aerosol, che avevano trovato livelli bassi in tutta la troposfera. José Corcho Alvarado e colleghi, dell’Ospedale universitario di Losanna, hanno confrontato i dati raccolti dopo l’eruzione con quelli conservati dalle autorità militari svizzere a partire dagli anni Settanta. Il gruppo ha poi creato un modello della distribuzione delle particelle radioattive nell’atmosfera sopra la Svizzera per tutto il periodo.

Dal modello è emerso che la maggior parte del plutonio atmosferico si sarebbe depositata sul territorio svizzero tra il 1964 e il 1968, confermando l’ipotesi che i test nucleari e l’esplosione del satellite siano state le maggiori fonti di radionuclidi. “Una frazione significativa di quel plutonio è comunque nella stratosfera da decenni”, scrivono i ricercatori. Quanto al plutonio radioattivo finito nelle ceneri del vulcano, l’eruzione avrebbe portato a contatto col ghiaccio migliaia di tonnellate di roccia fusa, originando una forte esplosione che avrebbe portato vapore e particelle nell’aria, facendo precipitare nelle zone più basse della stratosfera polveri sottili e gas come il biossido di zolfo. Le particelle di ceneri e zolfo si sarebbero attaccate al plutonio e al cesio nella stratosfera e li avrebbero trascinati nella troposfera.

“La forte eruzione vulcanica islandese ha ridistribuito i radionuclidi derivati dalle attività umane nella bassa atmosfera”, conclude lo studio. Innocua per la salute umana, la radioattività presente potrebbe invece essere utile a studiare il movimento delle particelle nell’atmosfera, poiché i radionuclidi possono dare indicazioni sulle modalità di circolazione dell’aria.

fonte: https://oggiscienza.it/2014/01/16/ancora-sopra-di-noi-le-scorie-nucleari-della-guerra-fredda/

Dalla Svezia l’auto elettrica con 5 anni di ricariche gratis. Insomma tra i fessi che vogliono rimanere schiavi delle lobby restiamo solo noi…!

 

auto elettrica

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Dalla Svezia l’auto elettrica con 5 anni di ricariche gratis. Insomma tra i fessi che vogliono rimanere schiavi delle lobby restiamo solo noi…!

 

Dalla Svezia l’auto elettrica con 5 anni di ricariche gratis

La startup svedese Uniti lancia un’auto elettrica che, grazie a un accordo con E.ON, sarà venduta con 5 anni di elettricità gratis ricavata da fotovoltaico

Cinque anni di elettricità gratis se acquisti un’auto elettrica. È la proposta aggressiva di Uniti, startup svedese che domani lancerà la city car appena sviluppata con un evento pubblico. Grazie ad una partnership con la E.ON, la piccola auto a zero emissioni sarà anche a zero spese di ricarica per i clienti del gestore che decideranno di acquistarla non appena arriverà sul mercato. Non solo: l’energia elettrica con cui il mezzo verrà rifornito, in caso di ricarica domestica, sarà garantita da fonti rinnovabili, in particolare dal fotovoltaico.

Il responsabile innovazione di Uniti, Tobias Ekman, ha affermato che «si tratta di un nuovo approccio. Sappiamo che la maggior parte delle ricariche, in particolare per questi tipi di veicoli, avverrà a casa. Queste soluzioni sono quindi particolarmente sostenibili».

L’auto elettrica realizzata dalla startup svedese è composta da una scocca in fibra di carbonio riciclabile, con un interno in materiali compositi organici. L’azienda ha lavorato per digitalizzare l’esperienza di guida, e descrive il mezzo come “l’automobile per smartphone”. All’interno è equipaggiata con uno schermo che mostra le funzioni di navigazione e sicurezza, e il conducente può interagire con l’auto in maniera molto simile al telefono cellulare, grazie a punti di interazione digitalizzati.

Anche la commercializzazione del veicolo è tutta particolare. Uniti prevede di venderlo in modo simile all’e-commerce: sarà acquistabile direttamente online programmando la consegna a casa o in punti vendita di dispositivi elettronici.

Il debutto mondiale è in agenda per domani, 7 dicembre, a Landskrona, in Svezia. È prevista una diretta che si può seguire a questo link. La startup ha già ricevuto quasi 1.000 pre-ordini sul suo sito web, anche se il prezzo non è avvicinabile per tutte le tasche. La city car con tutti gli optional costa 19.900 euro, ma esistono anche modelli più abbordabili. Le prime consegne avverranno nel 2019.

 

fonte:

-http://www.rinnovabili.it/mobilita/svezia-auto-elettrica-ricariche-gratis-333/

Produrre energia pulita ed a basso costo dalle condutture idriche cittadine? Si può! Ma è una di quelle tecnologie che alle Lobby non piace…!

 

energia

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Produrre energia pulita ed a basso costo dalle condutture idriche cittadine? Si può! Ma è una di quelle tecnologie che alle Lobby non piace…!

 

Produrre energia pulita ed a basso costo dalle condutture idriche cittadine? Si può! Ma è una di quelle tecnologie che alle Lobby non piace…!

Energia gratuita: ormai è realtà, ma in Italia nessuno ne parla. Ecco come produrla!

Le condutture comunali delle grandi città trasportano enormi quantità di acqua. Perché allora non sfruttare questo flusso per produrre energia gratuita?

Le condutture comunali delle grandi città trasportano ogni giorno enormi quantità di acqua. Perché allora non sfruttare il costante flusso che attraversa queste infrastrutture urbane per produrre energia pulita?

L’idea, di certo non nuova, è stata messa in pratica nella città di Portland, nell’Oregon, dalla Lucid Energy. La società ha realizzato delle turbine di mini idroelettrico perfettamente integrabili alle condutture idriche cittadine. Per poter produrre energia pulita LucidPipe Power System, questo il nome del sistema, rimpiazza alcuni tratti esistenti della tubatura tradizionale alimentata a gravità.

Quando l’acqua vi scorre attraverso fa ruotare la turbina ad asse verticale inserita centralmente, che a sua volta è collegata ad un generatore elettrico all’esterno del condotto. Gli ingegneri che hanno ideato il progetto spiegano come le mini turbine idroelettriche riescano a svolgere il loro lavoro senza diminuire in maniera significativa la portata dell’acqua, e senza quindi interferire con l’efficienza della pipeline.
Il sistema installato a Portland, diverse turbine in serie per una potenza complessiva di 200 kW, è stato finanziato privatamente dalla Harbourton Alternative Energy, e la sua installazione è stata completata proprio in questi mesi.
Attualmente il progetto sta testando l’affidabilità e l’efficienza di questo speciale impianto di mini idroelettrico, verificando anche che i sensori e il sistema di controllo intelligente funzionino correttamente.
QUI il video
Il passo successivo sarà quindi quello di iniziare la produzione di energia pulita a piena capacità entro marzo. Una volta a regime la LucidPipe dovrebbe produrre una media di 1.100 MWh l’anno, una quantità sufficiente per alimentare circa 150 abitazioni.
Non si tratta di una prima assoluta, dal momento che la società lo aveva già testato nel 2012 a Riverside, in California dove ancora oggi l’impianto pilota rifornisce la rete comunale con 20 MWh, ma se il progetto dovesse mantenere le promesse iniziali, Lucid Energy ha già in mente di esportare la best practies in tutti gli USA.
fonte: http://curiosity2017.blogspot.it/2017/04/produrre-energia-pulita-ed-basso-costo.html