Viaggio nelle terapie intensive di Cremona e Monza, il cuore della battaglia contro il Covid-19 – Guardate questo, se vi viene voglia di fare una passeggiata fuori casa…

 

Covid-19

 

 

.

 

 

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

 

.

 

 

Viaggio nelle terapie intensive di Cremona e Monza, il cuore della battaglia contro il Covid-19 – Guardate questo, se vi viene voglia di fare una passeggiata fuori casa…

Da Youmedia

Vi portiamo nel cuore della battaglia contro il Covid-19, nelle terapie intensive di Cremona e Monza dove ogni giorno continuano ad arrivare decine di malati che restano aggrappati alla vita grazie a un respiratore. La Lombardia resta la regione più colpita d’Europa dall’emergenza Coronavirus e diverse strutture sanitarie, tra cui il San Gerardo di Monza, sono state costrette a trasformare interi reparti in sale rianimazione per combattere con tutti i mezzi a disposizione un nemico ancora sconosciuto.
Medici e infermieri che senza sosta supervisionano le condizioni dei pazienti, guidano in prima linea la sfida più difficile della storia italiana dal dopoguerra. Ogni singolo respiro in quelle stanze è come una vittoria: “Siccome loro sono curarizzanti – ha raccontato un’infermiera – praticamente loro la muscolatura per la respirazione non ce l’hanno più. Vengono aiutati da questa macchina e questa macchina respira per loro. Poi pian pianino vengono svezzati e loro cominciano a respirare da soli. Se migliorano, se gli scambi migliorano e faranno sempre a meno della macchina. Però in questo momento stanno respirando con la macchina, quindi loro sono come se fossero completamente inermi. Sia per la muscolatura, per tutto. Quindi noi dobbiamo cercare di capire di quello che hanno bisogno.”

 

 

 

fonte: https://youmedia.fanpage.it/video/aa/Xnz_Q-Sw39XS9SEF

 

Viaggio nelle terapie intensive di Cremona e Monza, il cuore della battaglia contro il Covid-19 – Guardate questo, se vi viene voglia di fare una passeggiata fuori casa…ultima modifica: 2020-03-27T23:09:51+01:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento