Limoni Argentini e Italiani a confronto. Non c’è paragone, però i primi li trovate a 3 Euro nei supermercati, i secondi marciscono sui nostri alberi!

limoni

 

 

 

.

 

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

 

.

 

Limoni Argentini e Italiani a confronto. Non c’è paragone, però i primi li trovate a 3 Euro nei supermercati, i secondi marciscono sui nostri alberi!

 

Perchè importiamo limoni dall’Argentina?

Sono due le motivazioni principali e ufficiali della Grande Distribuzione Organizzata (GDO) a questa “sostituzione” di prodotto e all’importazione dei limoni da Argentina e talvolta Uruguay

la prima è che la produzione italiana non sia sufficiente per il fabbisogno di tutto l’anno in Italia. Smentisco subito questa falsa motivazione, infatti possiamo assicurare che i limoni italiani (della Costiera Amalfitana o della Sicilia) si trovano tutto l’anno nella maggior parte dei supermercati e ai mercati cittadini o nei Gruppi di Acquisto Solidale (GAS)!

la seconda motivazione è che in estate i limoni siciliani non sono succosi come nella fruttificazione invernale. Le regole del commercio vogliono l’omologazione del gusto. In verità pur se meno succosi, i limoni estivi italiani sono ottimi (provare per credere).

 

La questione ambientale ed etica

Non so a voi, ma a noi fa venire fastidio l’idea delle migliaia di chilometri  che questi limoni devono compiere, su navi e camion, per andare in giro in tutto il mondo. Quante tonnellate di carburante vengono impiegate? Quanto CO2 viene prodotto e quanto inquinamento si produce? Oltretutto vengono colti veramente verdissimi. La maturazione continua dopo il distacco dall’albero, ma solo grazie a prodotti chimici che vengono spruzzati nei frutti, e gas di maturazione vari.

Direte, siamo nel libero mercato, se non li vuoi non li compri. Va bene. Ma il punto è un altro: si tratta di inquinamento mondiale (leggasi avvelenamento, che pagheremo tutti con la morte per malattia prima o poi, inclusi coloro che oggi producono, inquinano e si arricchiscono a dismisura) e si tratta di togliere lavoro a chi produce i limoni in Italia, solo perchè il limone in estate avrebbe un’altro sapore rispetto a quello d’inverno.

L’Italia che importa limoni dall’Argentina è un po’ come se gli olandesi importassero tulipani dal Congo, una vera assurdità!

 

Trattamenti sulla buccia dei limoni

E poi… i limoni argentini sono trattati con conservanti, pesticidi e fungicidi… Tra questi ricordiamo:

E904 (Gommalacca): si tratta di una secrezione dell’insetto Kerria lacca, presente nelle foreste della Thailandia, ed è raccolto dalla corteccia degli alberi su cui lo deposita per ottenere una salda presa sull’albero. Essendo commestibile, la gommalacca è stata usata come agente lucidante per pillole e caramelle. A questo fine, è classificata come additivo alimentare con il numero E904 e viene ancora usata come rivestimento della frutta per impedirne il deperimento dopo la raccolta. Allergia: additivo suscettibile d’indurre allergie o reazioni di ipersensibilità.

E914: Cera polietilenica ossidata – Categoria: Agente di rivestimento – Giudizio: Accettabile  – Allergia: non sembra provocare allergie o reazioni di ipersensibilità

Imazalil: si tratta di un pesticida che dopo il trattamento sulle piante rimane depositato soprattutto sulla buccia anche se spesso è possibile rinvenirlo all’interno della polpa. La buccia se ne impregna e non è possibile eliminarlo, per questo si scrive “buccia non edibile” su limoni e altri agrumi che lo contengono. Gli effetti di questo pesticida? Colpisce prevalentemente fegato e sistema nervoso. Resta a lungo nel suolo e nei frutti.

Ortofenilfenolo: È usato nell’industria come conservante (specie contro muffe e putrefazioni) e in agricoltura come fungicida…

E che dire della buccia dei nostri limoni italiani invece? Prendiamo ad esempio il limone di Amalfi IGP: questo prodotto, oltre a seguire le regole del disciplinare, deve avere la buccia edibile e ciò significa niente trattamenti dopo la raccolta!

Consiglio: acquistate limoni italiani tutto l’anno!

Mangiare limoni nostrani ci permette di sfruttare la parte più nobile del limone, la buccia: ricchissima in oli essenziali, la possiamo grattugiare nei risotti mescolandola a parmigiano grattato; il sapore e’ paradisiaco e il suo potere antivirale enorme

Utile inoltre sapere che chi usa con regolarità il limone non conosce nè colesterolo alto nè influenza; il succo infatti abbassa fortemente la colesterolemia e combatte virus ben più importanti dei virus raffreddativi quali ad esempio il virus della Epatite C , il tutto grazie ad una sostanza chiamata naringenina.

Come abbiamo detto prima, i limoni italiani sono comunque disponibili tutto l’anno sia al supermercato che al mercato o nei GAS, sta a noi diventare consumatori consapevoli e decidere di continuare ad acquistare solo il prodotto italiano. Leggendo con attenzione le etichette dei limoni presenti al supermercato si può trovare chiaramente la dichiarazione dell’origine del prodotto.

Se qualcuno avesse ancora qualche dubbio sulla grande differenza qualitativa fra limoni italiani e argentini, faccia pure un semplice esperimento definitivo: acquistare un limone argentino e uno italiano, sentirne il profumo, la consistenza e infine il sapore. Saranno i fatti stessi a parlare!

 

tratto da: https://ciboserio.it/limoni-dallargentina-no-grazie/

 

 

Limoni Argentini e Italiani a confronto. Non c’è paragone, però i primi li trovate a 3 Euro nei supermercati, i secondi marciscono sui nostri alberi!ultima modifica: 2019-11-30T18:13:03+01:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento