La tassa sulle merendine? Non era una cattiva idea: dove l’hanno attuata non c’è stato calo delle vendite, ma la riduzione della quantità di zuccheri nei prodotti!

 

tassa sulle merendine

 

 

.

 

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

 

.

 

La tassa sulle merendine? Non era una cattiva idea: dove l’hanno attuata non c’è stato calo delle vendite, ma la riduzione della quantità di zuccheri nei prodotti!

 

Nei giorni scorsi si è discusso di possibili tasse su merendine e soft drink.

Ed è arrivata anche la conferma dell’efficacia delle imposte sullo zucchero: l’ultimo rapporto dell’agenzia per la salute pubblica inglese (Phe) sui progressi compiuti  in merito agli sforzi per ridurre lo zucchero dell’industria alimentare e delle bevande rivela che la tassa sullo zucchero è stata di certo molto più efficace dei sistemi volontari nel rendere più salutare il cibo. Al contrario i programmi volontari di riduzione dello zucchero da parte del settore alimentare, non hanno funzionato.

Numeri incoraggianti

Come riporta FoodNavigator,  l’ultima relazione biennale del Phe sui suoi obiettivi di riduzione del 20% dello zucchero in tutte le categorie alimentari entro il 2020 mostra che una riduzione complessiva del 2,9% (peso medio ponderato delle vendite per 100 g) dal 2015. Se si prende in considerazione i prodotti consumati fuori casa, c’è un taglio del 4,9%. Alcune categorie di alimenti hanno mostrato maggiori progressi. Lo yogurt e il formaggio fresco a marchio proprio del produttore, e cereali per la colazione hanno ridotto lo zucchero del 10,3% e dell’8,5% rispettivamente.

Lo zucchero nelle bevande scende di quasi il 29%

Tuttavia, si sono registrati progressi molto maggiori nel settore delle bevande analcoliche, che sono coperti dal prelievo per le bevande analcoliche (SDIL). Qui, c’è stata una riduzione dello zucchero del 28,8% per 100 ml nei prodotti a marchio proprio del rivenditore e del produttore e una riduzione del 27,2% per 100 ml per le bevande consumate fuori casa. Il rapporto ha inoltre rilevato un passaggio dei consumatori verso prodotti a base di zucchero pari o inferiori a zero, con zucchero proveniente da bibite in calo in tutti i gruppi socioeconomici. 30.133 tonnellate di zucchero sono state rimosse senza ridurre le vendite di bevande analcoliche, con un conseguente aumento di circa 37,5 miliardi di chilocalorie in meno ogni anno.

La resistenza dei produttori

Le imprese del settore alimentare hanno tre opzioni per raggiungere l’obiettivo del 20% di PHE: ridurre i livelli di zucchero (riformulazione), produrre porzioni più piccole o incoraggiare i consumatori ad acquistare prodotti a basso o nullo zucchero.

Il problema di biscotti, cioccolato e altri “intrinsecamente zuccherati”

Ma Christopher Snowden, del think tank dell’Institute of Economic Affairs, ha affermato che tagliare lo zucchero da “prodotti intrinsecamente zuccherati” era un compito impossibile. Ha twittato il “Target è stato raggiunto solo in due categorie: yogurt (presumibilmente hanno ricollocato il grasso) e cereali per la colazione (che possono sostituire lo zucchero con la fibra). “Non vi è stata sostanzialmente alcuna riduzione del contenuto di zucchero di prodotti intrinsecamente zuccherati, ad es. dolci, biscotti, cioccolato, perché è impossibile produrre un sostituto appetibile. Una questione che andrà affrontata.

Il no di Federalimentare

“Come Paese abbiamo portato fino all’Onu una battaglia contro le etichette a colori che bollano come insalubri determinati cibi e adesso ci facciamo promotori di una legge che sostiene esattamente il contrario?”. Così Ivano Vacondio, presidente di Federalimentare, si esprime sull’ipotesi di tassare merendine e bibite gassate. “Se questa proposta dovesse passare – spiega Vacondio – si verificherebbe un’ulteriore depressione dei consumi interni, che hanno già perso 10 punti percentuali in 10 anni e che non accennano a migliorare, con un danno a importante ai settori produttivi nazionali. Sarebbe un boomerang per l’economia italiana e per il Made in Italy che, fino a pochi mesi fa, si è fatto portabandiera della lotta contro l’etichetta fronte pacco (il “nutriscore” francese e il semaforo inglese), sistemi che mettono al bando determinati alimenti, contro i quali l’Italia ha sempre sostenuto che non esistono cibi salubri e cibi insalubri, ma solo diete equilibrate e diete non equilibrate e che l’importante non è eliminare dalla propria dieta alcuni cibi ma mangiare tutto nella giusta quantità”.

 

 

tratto da: https://ilsalvagente.it/2019/09/23/inghilterra-con-sugar-tax-meno-29-di-zuccheri-nelle-bevande/

La tassa sulle merendine? Non era una cattiva idea: dove l’hanno attuata non c’è stato calo delle vendite, ma la riduzione della quantità di zuccheri nei prodotti!ultima modifica: 2019-10-05T19:25:01+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento