Richard Gere senza peli sulla lingua: “Il decreto sicurezza? Non volevo credere alle mie orecchie. Una cosa indegna” – “Siete cambiati voi italiani, vi siete incattiviti”

 

 

Richard Gere

 

 

.

 

 

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

 

 

.

 

Richard Gere senza peli sulla lingua: “Il decreto sicurezza? Non volevo credere alle mie orecchie. Una cosa indegna” – “Siete cambiati voi italiani, vi siete incattiviti”

 

«Site cambiati voi italiani, avete perso il sorriso, la gioia di vivere, vi siete incattiviti». A parlare è Richard Gere, intercettato da Avvenire al suo ritorno dal blitz sulla “Sea Watch“, la nave della Ong spagnola “Open Arms” che l’attore americano sovvenziona da alcuni anni. «So che ho fatto e sto facendo la cosa giusta – assicura Gere – Ci sono esseri umani che soffrono, che scappano da orrori e torture. E per fortuna ci sono angeli che tentano di salvarli. Bene io sto dalla parte degli angeli come dovremmo essere tutti».

Richard Gere e la questione migranti: «Il decreto sicurezza? Una cosa indegna»

Richard Gere, che oggi compie 70 anni, non è nuovo a iniziative di questo genere. Il suo impegno politico e civile inizia negli anni Settanta, quando sposa le battaglie per i diritti civili e delle minoranze etniche; poi l’incontro con il Dalai Lama e la conversione al Buddismo che lo porta, nel 1993, a denunciare dal palco degli Oscar le “azioni orribili” della Cina in Tibet. Tra le passioni dell’attore-filantropo c’è da sempre quella per l’Italia, un Paese che lui stesso ammette di amare molto ma che, assicura, negli ultimi anni ha trovato profondamente cambiato, vittima di un clima di intimidazione e paura.

Raccontando le motivazioni che lo hanno spinto a salire sulla Sea Watch, Gere spiega che mentre si trovava in vacanza in Italia un amico di vecchia data gli aveva spiegato in cosa consisteva il decreto sicurezza che in quei giorni stava al centro del dibattito pubblico. «Non volevo credere alle mie orecchie. Una cosa indegna. Incompatibile con una società civile. Criminalizzare uno dei valori fondamentali, la solidarietà? Arrestare gli aneli? Non esiste», ha detto l’attore.  Da qui la decisione di chiamare Open Arms e di dire ai responsabili dell’associazione che voleva salire a bordo della nave ed esprimere pubblicamente il proprio sostegno all’iniziativa.

 

 

 

Richard Gere senza peli sulla lingua: “Il decreto sicurezza? Non volevo credere alle mie orecchie. Una cosa indegna” – “Siete cambiati voi italiani, vi siete incattiviti”ultima modifica: 2019-09-01T20:54:26+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento