Per farvi riflettere su come hanno “colonizzato” il cibo che arriva sulle nostre tavole: il pomodoro “Datterino”, un’eccellenza Siciliana? Nei supermercati, anche siciliani, trovi quello africano o cinese ad oltre 4 euro al Kg. Mentre in Sicilia i contadini lo abbandonano nei campi per non regalarlo a 0,30-0,40 Euro al Kg…!

pomodoro

 

 

.

 

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

 

.

 

Per farvi riflettere su come hanno “colonizzato” il cibo che arriva sulle nostre tavole: il pomodoro “Datterino”, un’eccellenza Siciliana? Nei supermercati, anche siciliani, trovi quello africano o cinese ad oltre 4 euro al Kg. Mentre in Sicilia i contadini lo abbandonano nei campi per non regalarlo a 0,30-0,40 Euro al Kg…!

Ancora un’accusa de I Nuovi Vespri:

In Sicilia il ‘Datterino’ cinese o africano a oltre 4 euro al Kg! Ecco come difenderci

Per riflettere su come hanno ‘colonizzato’ anche il cibo che arriva sulle nostre tavole vi invitiamo a riflettere sul pomodorino ‘Datterino’ senza indicazione di provenienza (in realtà africano o cinese) che nei grandi centri commerciali e nei supermercati siciliani si vende a oltre 4 euro al Kg. Facciamo il nostro piccolo ‘viaggio’: partiamo da Pachino e Porto Palo di Pachino, in provincia di Siracusa dove… 

 Da una parte, nel territorio di Pachino e Porto Palo di Pachino, in provincia di Siracusa, ci sono i produttori del Datterino, il pomodorino di pezzatura un po’ più piccola del Ciliegino, che non trovano mercato: quando va bene vendono il proprio prodotto a 0,30-0,40 euro al Kg. Dall’altra parte ci sono i supermercati della Sicilia, dove il Datterino si vende in confezioni da 250 grammi. Costo: 1,09 euro. In pratica a 4,4 euro al Kg! E senza indicazione di provenienza.

Egregi lettori, ecco a voi un esempio di ‘colonizzazione’ economica della Sicilia in particolare e dell’Italia in generale. Ci sono i produttori di Datterino della Sicilia – soprattutto della provincia di Siracusa – che sono costretti a farsi derubare il proprio prodotto. E ci sono i consumatori siciliani, che acquistano un pomodoro Datterino che arriva da chissà dove (prodotto chissà come).

Vi raccontiamo come funziona il gioco. Ormai da anni il Datterino viene prodotto anche nel Nord Africa e in Cina. Se già i nostri agricoltori (ci riferiamo agli agricoltori siciliani), che sono molto bravi, debbono fare molta attenzione a che tipo di pesticidi utilizzare e a come utilizzarli (soprattutto nel Datterino di serra, prodotto fuori stagione), voi non potete minimamente immaginare che prodotti chimici utilizzano in Nord Africa e in Asia per produrre il Datterino!

Ma tanto: chi è che controlla la salubrità delle derrate alimentari che arrivano in Italia? E’ sufficiente che arrivino, in prima battuta, in un porto dell’Unione Europea a zero controlli per poi poter circolare liberamente nel resto dell’Unione Europea. Olè!

Quindi in Italia controlli zero. Sapete quanto costa ai commercianti il Datterino Nord Africano, cinese o, in generale, asiatico? Molto, ma molto meno dei 30-40 centesimi di euro – che già è un prezzo stracciato! – pagato agli agricoltori di Pachino e di Porto Palo di Pachino.

Dopo di che il Datterino che arriva da mezzo mondo, acquistato a prezzi stracciati dai nostri bravi commercianti – Datterino del quale nessuno ha controllato la salubrità – viene sistemato in confezioni da mezzo Kg, o da 250 grammi (per fare ‘scena’ è meglio la confezione da 250 grammi, che rende più ‘prezioso’ il prodotto) e via alla vendita nei supermercati e nei grandi centri commerciali agli ignari consumatori che vanno sempre di fretta e non possono certo riflettere su queste cose…

Nella stragrande maggioranza dei casi il Datterino (ma anche il pomodorino Ciliegino di Pachino e il pomodorino Piccadilly) viene confezionato senza indicazione di provenienza. La cosiddetta ‘tracciabilità’ in buona parte non esiste. E là dove esiste nessuno ne controlla la veridicità.

I nostri lettori, a questo punto, si chiederanno: in tutto questo bailamme truffaldino che fine fa il Datterino di Pachino e di Porto Palo di Pachino? Chiedetelo agli stessi agricoltori. O lo vendono per pochi ‘spiccioli’ – cioè a 30-40 centesimi di euro al Kg – o non lo vendono affatto.

Come è successo per i produttori di grano duro della Sicilia e, in generale, del Sud Italia, l’obiettivo è quello di farli fallire e di prendersi i loro terreni.

Il meccanismo è semplice: gli agricoltori, vendendo il prodotto a 30-40 centesimi al Kg, non riprendono nemmeno i costi e si indebitano con le banche. Queste ultime si rivolgono ai Tribunali per i provvedimenti esecutivi.

E li si apre il capitolo delle esecuzioni immobiliari: la banca è creditrice il 10 mila euro e il terreno vale 100 mila euro? Bene. Il terreno – o anche l’abitazione – si vende 20 mila euro, la banca si prende i 10 mila euro e ‘qualcuno’ si prende tutto il resto…

Non stiamo dicendo nulla di nuovo: nel gennaio del 2011 la rivolta dei Forconi inizia proprio da questo angolo della provincia di Siracusa: a ribellarsi sono proprio i piccoli produttori di pomodorino Ciliegino e Datterino e, in generale, di ortaggi che si battono contro un sistema che li stritola.

Come potete vedere, basta recarsi in un supermercato della Sicilia e cercare il Datterino, confezione di 250 grammi al prezzo di 1 euro e 09. Il resto viene da sé…

Per smantellare questo sistema non ci vorrebbe molto. Basterebbe potenziare i mercati contadini, cioè i mercati locali, accorciando la filiera, ovvero mettendo in contatto i produttori con i consumatori.

Si tratterebbe di ridurre – e fin dov’è possibile eliminare – la produzione spesso avvelenata che arriva da fuori dalla regione. 

Basterebbe organizzare una produzione nazionale – in Sicilia e nelle regioni vicine – di Datterino e di Ciliegino commisurata al fabbisogno interno. L’export lasciamolo fare ai cinesi e alle multinazionali che operano in Africa: che si avvelenino tra loro.

Ci guadagnerebbero sia i nostri agricoltori che i nostri consumatori.

I primi – gli agricoltori – venderebbero Datterino e Pomodorino a 1 euro al Kg, più del doppio del prezzo attuale.

I secondi – i consumatori – acquisterebbero Datterino e Pomodorino a 1 euro al Kg invece che a oltre 4 euro al Kg.

Ma tutto ciò è difficile, quasi impossibile a causa di una classe politica miope o di ascari continua a incentivare l’apertura di Grandi centri commerciali.

E non dimenticate che a livello Europea hanno rispolverato il CETA

 

 

 

Tratto da I Nuovi Vespri

Per farvi riflettere su come hanno “colonizzato” il cibo che arriva sulle nostre tavole: il pomodoro “Datterino”, un’eccellenza Siciliana? Nei supermercati, anche siciliani, trovi quello africano o cinese ad oltre 4 euro al Kg. Mentre in Sicilia i contadini lo abbandonano nei campi per non regalarlo a 0,30-0,40 Euro al Kg…!ultima modifica: 2019-08-16T22:25:58+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento