Stiamo sottovalutando l’effetto cocktail di pesticidi e interferenti endocrini

 

effetto cocktail

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

 

Stiamo sottovalutando l’effetto cocktail di pesticidi e interferenti endocrini

 

A preoccuparsi del cocktail di pesticidi che ingeriamo o, più in generale, al quale siamo esposti quotidianamente, non sono solo ambientalisti e consumatori. Anche gli scienziati hanno forti dubbi che sostanze che, a basse dosi risultano sicure, possano interagire una volta che sono assieme e potenziare gli effetti reciproci. E lo dicono a chiare lettere in un articolo appena uscito su Horizon, il magazine della Commissione europea dedicato a ricerca e innovazione.

“Siamo esposti a migliaia di sostanze chimiche allo stesso tempo, spesso a basse dosi, ma in alcuni casi possono interagire e potenziare gli effetti reciproci”, ha detto la dottoressa Joelle Ruegg, tossicologa molecolare presso l’Istituto di medicina ambientale dell’Istituto Karolinska. a Stoccolma, in Svezia.

Di particolare interesse sono gli interferenti endocrini, sostanze chimiche artificiali che interferiscono con il nostro sistema ormonale. Esempi di queste sostanze sono gli ftalati e il bisfenolo A utilizzati nelle materie plastiche, ma anche i pesticidi. Hanno influenze sottili, anche in minuscole quantità, pur non essendo letali per le cellule o gli animali nei test di laboratorio a dosi elevate. Questo li rende difficili da studiare, spiegano i ricercatori .

Non è un mistero che quando gli scienziati testano una di queste sostanze chimiche in laboratorio, potrebbero non rilevare alcun impatto dannoso, mentre se aggiungo la presenza contemporanea di altre molecole trovano combinazioni in grado di causare danni. Ignorare questi cocktail può farci ignorare importanti effetti sulla salute. “

SE NON TENIAMO CONTO DELLE MOLTE SOSTANZE CHIMICHE CHE HANNO UN EFFETTO SIMILE SUL SISTEMA ORMONALE, STIAMO SOTTOVALUTANDO IL RISCHIO”, SPIEGA LA DOTTORESSA RUEGG.

La Ruegg ha collaborato a uno studio europeo chiamato EDC-MixRisk sull’impatto delle miscele chimiche sulla salute e lo sviluppo dei bambini. Questo studio ha misurato i livelli di esposizione di 41 sostanze chimiche nel sangue e nelle urine di oltre 2.000 donne incinte in Svezia. Quando le sostanze chimiche sono state testate una per una nelle cellule e negli animali, c’erano pochi effetti, m quando sono state testate miscele di 8 o 15 composti su animali ai livelli trovati nelle donne, lo sviluppo sessuale e il metabolismo di pesci e topi sottoposti a test sono stati influenzati. “Abbiamo visto effetti in molti dei nostri modelli a livelli paragonabili a quello che potremmo misurare nelle donne incinte”, ha affermato Ruegg.

Sulla base dei livelli nelle donne incinte, l’11% dei bambini era a rischio di avere problemi con lo sviluppo sessuale a causa di miscele. Il rischio, però, sarebbe stato solo dell’1% se la valutazione riguardasse solo singole sostanze chimiche, una alla volta.

Tradizionalmente, le sostanze chimiche sono regolamentate come composti singoli, spesso sotto leggi separate o da diversi regolatori, che non riflettono il modo in cui le incontriamo.

“Ma all’organismo non interessa se si tratta di un pesticida o plastificante, o se si trova nel cibo o nelle bevande. Sarà importante affrontare le miscele insieme “, ha spiegato Ruegg.

La dott.ssa Marike Kolossa-Gehring, biologa e tossicologa presso l’Agenzia tedesca per l’ambiente di Berlino, è d’accordo. “Dai nostri dati scopriamo che ogni persona che vive in Europa ha da 200 a 300 sostanze chimiche (rilevabili nel sangue o nelle urine) e quindi dobbiamo indagare sull’effetto delle miscele”, ha affermato.

Kolossa-Gehring coordina un progetto chiamato HBM4EU che misura le sostanze chimiche prodotte dall’uomo nelle persone e indaga sulle possibili implicazioni sulla salute. Il progetto ha stilato un elenco di 18 sostanze prioritarie , comprese le miscele chimiche, che i suoi scienziati devono studiare per fornire migliori informazioni ai responsabili politici.

“I NOSTRI SISTEMI CONSOLIDATI SI CONCENTRANO SU SINGOLE SOSTANZE, MA SAPPIAMO DAGLI ESPERIMENTI (NELLA LETTERATURA TOSSICOLOGICA) CHE MENTRE UNA SOSTANZA CHIMICA NON PUÒ ESERCITARE ALCUN EFFETTO, SE UNIAMO DIECI DI TALI SOSTANZE CHIMICHE, VEDIAMO UN EFFETTO”, HA AFFERMATO LA DOTTORESSA KOLOSSA-GEHRING.

Miscele di sostanze chimiche che distruggono il sistema endocrino, ad esempio, possono influenzare lo sviluppo sessuale e neurologico dei feti, ridurre la risposta del sistema immunitario dopo la vaccinazione e negli adulti possono essere un fattore di sindrome metabolica, che comprende obesità, ipertensione e diabete, secondo Kolossa -Gehring.

L’obiettivo è aiutare le autorità di regolamentazione a garantire che i consumatori europei non siano esposti a sostanze chimiche dannose e che possano ottenere le informazioni di cui hanno bisogno per prendere decisioni informate sugli acquisti. Una buona politica chimica richiede azioni su scala europea, afferma il dott. Kolossa-Gehring, informato da una buona scienza. Un totale di 117 gruppi scientifici e agenzie in 28 paesi stanno collaborando a questo progetto.

Un esempio citato dalla dottoressa Kolossa-Gehring è il glifosato, il controverso agrofarmaco il cui uso è stato rinnovato per altri cinque anni nel 2017.

Le proprietà chimiche di questo diserbante sono note, ma sembrano essere diverse da quelle che vediamo una volta nella miscela in cui è spruzzata, dice Kolossa-Gehring. “Queste differenze devono essere studiate per proteggere meglio le persone in Europa”.

Kolossa-Gehring afferma che la legislazione europea, denominata REACH , attribuisce la responsabilità della sicurezza dei prodotti all’industria, ma i soggetti governativi devono verificare che il sistema di controllo funzioni abbastanza bene da proteggere i consumatori.

“CON IL PROBLEMA DELL’EFFETTO COCKTAIL , SEMBRA CHE STIAMO SOTTOVALUTANDO SISTEMATICAMENTE L’IMPATTO DELL’ESPOSIZIONE CHIMICA (IN PRIMO LUOGO),” HA AFFERMATO LA DOTTORESSAKOLOSSA-GEHRING. 

Il dott. Kolossa-Gehring afferma che il progetto fornirà anche informazioni tramite schede informative per i consumatori per imparare come possono ridurre il proprio carico di sostanze chimiche e miscele. “Le persone devono essere consapevoli di quali comportamenti sono legati alla forte esposizione alle sostanze chimiche”, ha affermato.

 

fonte: https://ilsalvagente.it/2019/05/16/stiamo-sottovalutando-leffetto-cocktail-di-pesticidi-e-interferenti-endocrini/58593/

 

 

Stiamo sottovalutando l’effetto cocktail di pesticidi e interferenti endocriniultima modifica: 2019-05-16T20:27:47+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento