Benzina alle stelle, in autostrada fino a 2 Euro! Ci dicono “colpa di sanzioni a Iran e tensioni in Libia” …Ma ci prendono in giro? Oggi un barile di petrolio costa 66 dollari, nel 2014 toccò 105 dollari e la benzina arrivò a costare 1,80 Euro. In proporzione oggi la benzina dovrebbe costare 1,13 euro. Non trovate che c’è qualcosa che non quadra?

 

 

Benzina

 

 

.

 

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

 

.

 

Benzina alle stelle, in autostrada fino a 2 Euro! Ci dicono “colpa di sanzioni a Iran e tensioni in Libia” …Ma ci prendono in giro? Oggi un barile di petrolio costa 66 dollari, nel 2014 toccò 105 dollari e la benzina arrivò a costare 1,80 Euro. In proporzione oggi la benzina dovrebbe costare 1,13 euro. Non trovate che c’è qualcosa che non quadra?

Leggiamo dal sito del Codacons:

In aumento i prezzi dei carburanti. Dopo l’inasprimento delle sanzioni Usa all’Iran e le tensioni in Libia, le quotazioni del greggio e quindi dei prodotti petroliferi sono in rialzo. E sulle autostrade, alla vigilia del ponte del 25 aprile, i prezzi arrivano anche a superare i 2 euro al litro per la benzina: sull’A1 Milano-Napoli, è il caso dei 2,041 euro al litro segnalati nell’area Lucignano est (Arezzo) al servito; 2,051 euro al litro ad Arno ovest (Firenze); 2,071 a San Pietro (Napoli); 2,020 San Zenone est (Milano), come emerge dall’Osservatorio carburanti del Mise.

A segnalare gli aumenti anche il Quotidiano energia: i prodotti petroliferi nel Mediterraneo segnano un nuovo passo avanti e le compagnie si muovono di conseguenza. Oggi, segnala, tocca a Eni, Ip e Italiana Petroli ritoccare i prezzi raccomandati di benzina e diesel, con rialzi di 1 centesimo per entrambi i carburanti. Sul territorio si estende di conseguenza l’andamento in salita dei prezzi praticati, che sulle autostrade possono anche superare in qualche caso i 2 euro al litro.

“Prosegue la corsa dei carburanti – sostiene il Codacons – con le compagnie petrolifere che nelle ultime ore hanno ritoccato al rialzo i listini di benzina e gasolio alla pompa, aggravando la spesa per i rifornimenti a carico di chi si sposterà in auto nei prossimi giorni. Un pieno di gasolio costa oggi circa 5,5 euro in più rispetto ad aprile 2018 (+4 euro la benzina) e il rincaro alla pompa raggiunge quota +7% su base annua”, spiega il Codacons, sottolineando che si tratta di “aumenti che rendono sempre più salati i ponti degli italiani del 25 aprile e dell’1 maggio, e che rischiano di determinare speculazioni legate alle vacanze delle famiglie e al maggiore consumo di carburante nelle prossime ore”.

………………………….

Quindi anche il Codacons sembra esserci arrivato… UNA SPECULAZIONE!

L’inasprimento delle sanzioni Usa all’Iran e le tensioni in Libia non hanno che provocato l’aumento di qualche dollaro per barile di petrolio. Un aumento che non giustifica affatto quello che la gente riscontra alla pompa.

Un esempio:

In occasione dell’ultima crisi petrolifera, nel 2014, il barile di petrolio toccò l’esorbitante cifra di 105 dollari. All’epoca la benzina arrivò a costare fino a 1,80 Euro al litro…

Fatte le debite proporzioni, oggi, col barile di petrolio a 66 Euro, la benzina non dovrebbe costare più di 1,13 Euro al litro…

Non trovate che c’è qualcosa che non quadra?

E menomale che Salvini ha mantenuto la promessa elettorale di eliminare le accise, altrimenti sai dove saremmo arrivati…

 

By Eles

 

 

Benzina alle stelle, in autostrada fino a 2 Euro! Ci dicono “colpa di sanzioni a Iran e tensioni in Libia” …Ma ci prendono in giro? Oggi un barile di petrolio costa 66 dollari, nel 2014 toccò 105 dollari e la benzina arrivò a costare 1,80 Euro. In proporzione oggi la benzina dovrebbe costare 1,13 euro. Non trovate che c’è qualcosa che non quadra?ultima modifica: 2019-04-24T21:34:02+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento