Cibo e pesticidi, se le “dosi tollerabili” non sono poi così sicure – Soprattutto se stabilite a gentile richiesta dei produttori di veleni (leggi Monsanto & C.)…!

pesticidi

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Cibo e pesticidi, se le “dosi tollerabili” non sono poi così sicure – Soprattutto se stabilite a gentile richiesta dei produttori di veleni (leggi Monsanto & C.)…!

Tolleranza di glifosato nell’avena – Monsanto chiede e l’Epa, l’Agenzia fissa i livelli di tolleranza, obbedisce: limite aumentato di 200 volte. Ed è solo uno degli esempi!

 

Da Il Salvagente:

Erbicidi in cracker di grano e cereali, insetticidi nel succo di mela e un mix di pesticidi multipli in spinaci, fagiolini e altre verdure: fanno tutti parte delle diete quotidiane di molti americani. E non solo: le analisi cui mensilmente Il Salvagente sottopone gli alimenti che fanno parte della nostra dieta dimostrano che anche nel nostro paese non è poi così difficile trovare alimenti contaminati.  Per decenni, i funzionari federali hanno dichiarato che  minime tracce di questi contaminanti sono sicuri e non creano problemi alla salute. Ma una nuova ondata di controllo scientifico sta sfidando quelle asserzioni.

Anche se molti consumatori potrebbero non rendersene conto, ogni anno gli scienziati governativi documentano come centinaia di sostanze chimiche utilizzate dagli agricoltori nei loro campi e colture lasciano residui in alimenti ampiamente consumati. Oltre il 75% dei frutti e oltre il 50% degli ortaggi campionati ha portato residui di pesticidi nell’ultimo campionamento segnalato dalla Food and Drug Administration. Persino i residui del DDT chimico che uccide gli insetti è strettamente correlato agli alimenti, insieme a una serie di altri pesticidi noti agli scienziati per essere collegati a una serie di malattie.

I regolatori degli Stati Uniti e le società che vendono le sostanze chimiche agli agricoltori insistono sul fatto che i residui di pesticidi non rappresentano una minaccia per la salute umana. La maggior parte dei livelli di residui trovati nel cibo rientrano nei livelli di “tolleranza” stabiliti dalla Environmental Protection Agency (Epa). Peccato, però, che sulle modalità con cui l’Agenzia fissa i livelli di tolleranza ci sia più di qualche dubbio. E’, ad esempio, il caso del glifosato su cui pesa più di qualche dubbio. Il sospetto (fondato) è che Monsanto, la multinazionale che produce il RoundUp, abbia manipolato le decisioni dell’Epa portato ad un progressivo innalzamento dei livelli di tolleranza. Nel 1993, ad esempio, l’Epa aveva una tolleranza per il glifosato nell’avena a 0,1 parti per milione (ppm), ma nel 1996 la Monsanto chiese all’Agezia di aumentare la tolleranza a 20 ppm e l’Epa fece come richiesto. Nel 2008, su suggerimento di Monsanto, l’Epa ha nuovamente cercato di aumentare la tolleranza per il glifosato nell’avena, questa volta a 30 ppm.

Tuttavia, recenti studi scientifici hanno spinto molti scienziati ad avvertire che anni di dichiarazioni rassicuranti potrebbero essere sbagliati. Mentre nessuno si aspetta che cada morto mangiando una ciotola di cereali contenenti residui di pesticidi, ripetute esposizioni di basso livello per tracciare quantità di pesticidi nella dieta potrebbero contribuire a una serie di problemi di salute, in particolare per i bambini, dicono gli scienziati.
“Ci sono probabilmente molti altri effetti sulla salute; non li abbiamo ancora studiati ”

Un gruppo di scienziati di Harvard ha pubblicato un commento in ottobre affermando che ulteriori ricerche sui potenziali legami tra la malattia e il consumo di residui di pesticidi sono “urgentemente necessarie” poiché oltre il 90 percento della popolazione statunitense ha residui di pesticidi nelle urine e nel sangue. La via principale di esposizione a questi pesticidi è attraverso il cibo che le persone mangiano, ha detto il team di ricerca di Harvard.

“Chiaramente gli attuali livelli di tolleranza ci proteggono dalla tossicità acuta, il problema è che non è chiaro fino a che punto l’esposizione a basso livello a lungo termine ai residui di pesticidi attraverso il cibo possa o meno essere pericolosa per la salute”, ha affermato Jorge Chavarro, professore associato dei Dipartimenti di Nutrizione ed Epidemiologia presso l’Harvard TH Chan School of Public Health e uno degli autori dello studio.

In un’intervista Linda Birnbaum, che dirige U.S. National Institute of Environmental Health Sciences (Niehs) ha affermato che i residui di pesticidi nel cibo e nell’acqua sono tra i tipi di esposizione che necessitano di un maggiore controllo normativo.

“Penso che i livelli attualmente impostati siano sicuri? Probabilmente no”, ha detto Birnbaum. “Abbiamo persone di diversa suscettibilità, sia a causa della loro genetica, sia della loro età, qualunque cosa possa renderle più sensibili a queste cose.”

 

fonte: https://ilsalvagente.it/2019/01/12/cibo-e-pesticidi-se-le-dosi-tollerabili-non-sono-poi-cosi-sicure/46177/

 

Cibo e pesticidi, se le “dosi tollerabili” non sono poi così sicure – Soprattutto se stabilite a gentile richiesta dei produttori di veleni (leggi Monsanto & C.)…!ultima modifica: 2019-01-12T20:11:25+01:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento