Deforestazione & Multinazionali: la grande foresta pluviale spazzata via da Nestlè e Unilever

 

Deforestazione

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

 

 

Deforestazione & Multinazionali: la grande foresta pluviale spazzata via da Nestlè e Unilever

 

All’inizio di quest’anno, l’organizzazione di Greenpeace ha filmato una foresta pluviale in Indonesia rivelando una deforestazione senza precedenti.
Oltre alle altre foreste pluviali, l’Amazzonia è pericolosamente vicina al punto di “non ritorno” se la deforestazione supera il 20% della sua area originaria, secondo due rinomati biologi della Fondazione delle Nazioni Unite.
Il fatto che stiamo deforestando il nostro pianeta a un ritmo allarmante non è nuovo.
La deforestazione della Foresta Amazzonica
In un articolo di Phys.org, vediamo che la deforestazione dell’ Amazzonia è vicino al punto di svolta. Secondo gli esperti, la deforestazione che si sta verificando in alcune parti dell’Amazzonia sta per raggiungere un punto senza ritorno, una soglia oltre la quale la foresta pluviale tropicale potrebbe subire cambiamenti irreversibili al paesaggio.
Questo deriva da uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances, co-autore di Thomas Lovejoy, professore alla George Mason University negli Stati Uniti, e Carlos Nobre, presidente del National Institute of Science & Technology (INCT) del Brasile per il cambiamento climatico.
“Il sistema Amazzonia è vicino a un punto di svolta”, ha detto Lovejoy.
Secondo i rapporti, la foresta pluviale amazzonica produce circa la metà delle precipitazioni dell’ intero pianeta Terra riciclando l’umidità mentre l’aria si sposta dall’Atlantico, attraverso il Sud America e verso ovest.
Queste precipitazioni e umidità sono di grande importanza in quanto alimentano il ciclo idrico terrestre in modo più ampio, il che a sua volta influenza il benessere umano, l’agricoltura, le stagioni secche e il comportamento della pioggia in molti paesi del Sud America.
Ma questo problema non è solo presente in Amazzonia. di quest’anno, l’organizzazione di Greenpeace ha filmato una foresta pluviale in Indonesia rivelando una deforestazione senza precedenti.
Oltre alle altre foreste pluviali, l’Amazzonia è pericolosamente vicina al punto di “non ritorno” se la deforestazione supera il 20% della sua area originaria, secondo due rinomati biologi della Fondazione delle Nazioni Unite.
Il fatto che stiamo deforestando il nostro pianeta a un ritmo allarmante non è nuovo.
La deforestazione della Foresta Amazzonica
In un articolo di Phys.org, vediamo che la deforestazione dell’ Amazzonia è vicino al punto di svolta. Secondo gli esperti, la deforestazione che si sta verificando in alcune parti dell’Amazzonia sta per raggiungere un punto senza ritorno, una soglia oltre la quale la foresta pluviale tropicale potrebbe subire cambiamenti irreversibili al paesaggio.
Questo deriva da uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances, co-autore di Thomas Lovejoy, professore alla George Mason University negli Stati Uniti, e Carlos Nobre, presidente del National Institute of Science & Technology (INCT) del Brasile per il cambiamento climatico.
“Il sistema Amazzonia è vicino a un punto di svolta”, ha detto Lovejoy.
Secondo i rapporti, la foresta pluviale amazzonica produce circa la metà delle precipitazioni dell’ intero pianeta Terra riciclando l’umidità mentre l’aria si sposta dall’Atlantico, attraverso il Sud America e verso ovest.
Queste precipitazioni e umidità sono di grande importanza in quanto alimentano il ciclo idrico terrestre in modo più ampio, il che a sua volta influenza il benessere umano, l’agricoltura, le stagioni secche e il comportamento della pioggia in molti paesi del Sud America.
Ma questo problema non è solo presente in Amazzonia.
La deforestazione in Indonesia
All’inizio di quest’anno, l’organizzazione di Greenpeace ha filmato una foresta pluviale in Indonesia rivelando una distruzione senza precedenti in misura inimmaginabile.
Per la produzione di olio di palma, un’importante società ha distrutto diversi ettari di terreni forestali, al fine di fornire forniture a Nestlé, Mars, PepsiCo e Unilever, tra gli altri.
Secondo i rapporti, solo in Indonesia sono stati distrutti 5.000 ettari di foresta pluviale. Per avere un’idea di quanto sia piccola, è una zona grande la metà di Parigi.

 

 

 

 

 

Deforestazione & Multinazionali: la grande foresta pluviale spazzata via da Nestlè e Unileverultima modifica: 2018-10-28T13:02:05+01:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento