L’accusa del M5s: il PM 2.5 è il più grande killer della storia. Ammazza 6.000.000 di persone l’anno (di cui 400.000 in Europa e 60.000 in Italia). Ma l’Unione Europea se ne frega: ad oggi non esiste nemmeno un valore limite. E continuano ad infischiarsene!

 

PM 2.5

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

L’accusa del M5s: il PM 2.5 è il più grande killer della storia. Ammazza 6.000.000 di persone l’anno (di cui 400.000 in Europa e 60.000 in Italia). Ma l’Unione Europea se ne frega: ad oggi non esiste nemmeno un valore limite. E continuano ad infischiarsene!

(a fine articolo una chiata spiegazione di cosa è il PM 2.5 tratta da Wikipedia)

Il più grande killer della storia è il PM 2.5, che l’Europa non vuole fermare

di Piernicola Pedicini, EFDD – M5S Europa

Il PM 2.5 è il primo killer mondiale tra gli inquinanti e conta 6 milioni di vittime l’anno, 400.000 solo in Europa, di cui 60 mila in Italia. Per questa ragione abbiamo presentato un’interrogazione urgente alla Commissione europea chiedendo di inserire il valore limite giornaliero del PM 2.5 nella lista degli inquinanti da combattere. Ancora oggi infatti è assente ed è inaccettabile che la Commissione europea continui ad allungare i tempi mentre migliaia di cittadini muoiono ogni giorno.

Inoltre, l’inquinamento atmosferico è la peggiore piaga per la salute umana e gli ecosistemi del nostro secolo. Il 96% della popolazione mondiale respira aria pericolosa. I ritardi sui deferimenti oggi e le multe di domani sui superamenti anche di PM 10 ed NO2 non restituiranno la salute di milioni di cittadini affetti dallo smog negli ultimi anni.

L’Europa deve cambiare marcia e andare oltre la legislazione attuale, entrare in una seconda fase dove la scienza, la tecnologia e politica si incontrano per costruire un futuro migliore partendo dall’aria che respiriamo. L’esasperato consumo di combustibili fossili nella produzione di elettricità, nei trasporti, nell’industria, nelle abitazioni, nei processi industriali, nell’utilizzo di solventi, in agricoltura, nel trattamento dei rifiuti, è la causa principale di questi effetti, che continuiamo ad incentivare invece di eliminare gradualmente.

Ecco il testo dell’interrogazione:
Premesso che, secondo l’Organizzazione mondiale sanità (OMS), il 96% della popolazione UE è a forte rischio sanitario a causa del PM2.5. Solo in UE il PM2.5 provoca 428.000 morti all´anno, 1.172 al giorno. Le relazioni tra esposizione a PM2.5 e rischio di mortalità da cardiopatia ischemica, malattia cerebrovascolare, bronco pneumopatia cronica ostruttiva, cancro del polmone e infezioni respiratorie inferiori sono state provate scientificamente (Lancet 2017).

Visto che le tecnologie ormai disponibili permettono di misurare costantemente il particolato con un diametro aerodinamico di 2,5 μm o inferiore, rendendo possibili aggiornamenti in tempo reale sui picchi di concentrazione e, dunque, allerte rapide in giornate particolarmente perniciose.

Considerato che la Direttiva 2008/50/CE stabilisce limiti di concentrazione annuali e giornalieri per gli inquinanti in esame ad eccezione del PM2.5, per il quale sono previsti solo limiti annuali.

La Commissione: non ritiene urgente modificare il limite annuo per PM2.5 =10µg/m3 ed inserire il valore limite giornaliero PM2.5 =25µg/m3 come raccomandato dall’OMS e come previsto dalla seconda fase per il PM 2.5 all’articolo 32 della Direttiva 2008/50/CE?

fonte: http://www.efdd-m5seuropa.com/2018/04/il-piu-grande-killer.html

Da Wikipedia:

Il PM 2,5 è una classificazione numerica data alle polveri sottili in base alla loro grandezza. Più il numero è minore e più sottili sono le polveri e dunque più pericolose per la salute della specie umana ed animale. Mentre il PM 10 raggiunge solo i bronchi, la trachea e vie respiratorie superiori, il PM 2,5 è in grado di penetrare negli alveoli polmonari con eventuale diffusione nel sangue. Nelle donne sembra che il PM 2,5 venga ad accumularsi nel seno causando il cancro al seno. Il PM 2,5 è dunque parte di ciò che è definito polveri sottili e si forma maggiormente tramite l’industria ed i prodotti industriali. Un esempio sono i freni degli autoveicoli che consumandosi emettono PM 2.5 ma che non sono la fonte del maggiore inquinamento. Una maggiore produzione di PM 2,5 è emersa partendo dalla produzione dei veicoli Euro 4 che utilizzano un filtro antiparticolato FAP ma che invece di bloccare il particolato emette particolato pericoloso del tipo PM 2,5 il quale è ritenuto responsabile di causare il cancro. Si calcola che per una presenza di PM 2,5 superiore di 10 punti rispetto al massimo consentito vi sia un incremento della possibilità di contrarre il cancro pari al 7%. In uno studio effettuato dal 2004 al 2008, campionando i dati di 100 giornate, in alcune città si sono verificati livelli di PM 2,5 che hanno superato fino a 3 volte il valore della soglia limite 50 µg/m3 con Torino e Milano che hanno toccato quasi il valore di 200 µg/m3 e Roma con 10 punti superiori al massimo stabilito. Gli studi effettuati variano di molto riguardo alle previsioni di un possibile cancro ed emerge da alcuni studi che la possibilità di contrarre il cancro arrivi oltre il 18% con valori che oltrepassano la soglia massima di appena 5 µg/m3.

L’accusa del M5s: il PM 2.5 è il più grande killer della storia. Ammazza 6.000.000 di persone l’anno (di cui 400.000 in Europa e 60.000 in Italia). Ma l’Unione Europea se ne frega: ad oggi non esiste nemmeno un valore limite. E continuano ad infischiarsene!ultima modifica: 2018-04-27T20:24:25+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento