L’intervento shock di Gino Strada. La sanità Italiana era una delle migliori e l’hanno distrutta per interessi, sprechi, corruzione e fatturato, altro che tutelare la salute. Insomma, hanno cancellato la Costituzione!

Gino Strada

 

Gino Strada

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

L’intervento shock di Gino Strada. La sanità Italiana era una delle migliori e l’hanno distrutta per interessi, sprechi, corruzione e fatturato, altro che tutelare la salute. Insomma, hanno cancellato la Costituzione!

Correva l’anno 2013. Intervento shock di Gino Strada in tv. La sanità? Interessi, sprechi, corruzione e fatturato, altro che tutela della salute. Un’azienda e non un servizio pubblico per il cittadino.

Secondo Gino Strada la sanità è un’azienda dove l’interesse non è più la salute delle persone ma il fatturato,ciò è dimostrato dall’introduzione del “rimborso a prestazione” (ogni medico viene sovvenzionato in base alle prestazioni svolte).Qual’è allora la differenza tra ospedali e medici pubblici e privati?Nessuna.Il rimborso a prestazione spinge secondo Strada i medici alla delinquenza portandoli a fare sempre più interventi, anche se non sempre necessari, in modo da aumentare il fatturato.In questo modo curare definitivamente un paziente non rientra nel loro interesse.

Senza tale rimborso invece il discorso è ben diverso in quanto, essendo pagati sempre allo stesso modo, ai medici conviene curare definitivamente un paziente in modo da lavorare sempre di meno per prendere lo stesso stipendio.Questo ed altri dettagli nell’intervento di Gino strada, il quale fa anche una proposta coraggiosa alla fine del video.

 

fonte: https://myrebellion.blog/2017/04/06/lintervento-shock-di-gino-strada/

L’intervento shock di Gino Strada. La sanità Italiana era una delle migliori e l’hanno distrutta per interessi, sprechi, corruzione e fatturato, altro che tutelare la salute. Insomma, hanno cancellato la Costituzione!ultima modifica: 2017-11-20T22:58:27+01:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento