L’agghiacciante esperimento di studenti danesi sull’inquinamento elettromagnetico: piante poste vicino a router wi-fi se tutto va bene non crescono, ma il più delle volte muoiono! …E voi che state leggendo quest’articolo, come vi sentite?

inquinamento elettromagnetico

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

L’agghiacciante esperimento di studenti danesi sull’inquinamento elettromagnetico: piante poste vicino a router wi-fi se tutto va bene non crescono, ma il più delle volte muoiono! …E voi che state leggendo quest’articolo, come vi sentite?

 

Studio danese sull’ inquinamento elettromagnetico: piante poste vicino a router wi-fi non crescono!

Cellulari, antenne, parabole, router wi-fi: queste ed altre tecnologie stanno riempendo il nostro pianeta di onde elettromagnetiche con le quali ormai conviviamo quotidianamente senza nemmeno farci caso. Ma se ci si pensa, la nostra esposizione a questi tipi di radiazioni è cresciuta esponenzialmente negli ultimi anni e in molti stanno iniziando a porsi una domanda fondamentale: ma queste onde sono nocive alla nostra salute?…

Recentemente in Danimarca, cinque studentesse hanno avviato delle sperimentazioni volte proprio a studiare le conseguenze del cosiddetto “elettrosmog”, ossia quella forma di inquinamento elettromagneticoprodotto dalle radiazioni non ionizzate.

L’idea di intraprendere questo tipo di studio è nato dal fatto che le studentesse avevamo riscontrato un vero e proprio calo del livello di attenzione a scuola, se la sera prima avevano dormito in prossimità del loro cellulare. Non disponendo delle attrezzature necessarie a svolgere esperimenti sull’uomo, le ragazze hanno deciso di analizzare gli effetti delle radiazioni sulle piante, con la speranza di capire se i tessuti biologici in generale, subivano delle conseguenze.

Le ragazze hanno collocato sei vasi di lepidium sativum, un tipo di pianta spesso usata per studi di laboratorio, in una stanza priva di onde elettromagnetiche ed altri sei vasi in una stanza esposta alle radiazioni di due router. Per giorni hanno analizzato, misurato, pesato e fotografato le piante, giungendo a dei risultati che sbalordirebbero anche i più scettici, ossia tutti coloro che da sempre sottovalutano la questione dell’elettrosmog, definendola solo il frutto di un allarmismo ingiustificato.

Le piante poste in prossimità del router non erano cresciute e, in alcuni casi, erano addirittura morte!

Per questo esperimento le ragazze hanno ricevuto il massimo dei voti in un concorso scientifico regionale ma, soprattutto, hanno canalizzato l’attenzione degli scienziati di tutto il mondo sull’elettrosmog, un problema fin troppo sottovalutato. Che sia la volta buona?

Perché i governi non proteggono i cittadini dalle radiazioni di cellulari e Wi-Fi?

 

radiazioni

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Perché i governi non proteggono i cittadini dalle radiazioni di cellulari e Wi-Fi?

Il romanzo “La città bianca” denuncia la pericolosità delle radiazioni emesse dai cellulari e dai ripetitori della telefonia mobile attraverso una narrazione avventurosa che si snoda intorno ad un evento reale, la classificazione della radiazione dei cellulari come “possibile cancerogeno per l’Uomo”, da parte dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), un’agenzia afferente all’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Nel romanzo emerge chiaramente che la pericolosità di queste radiazione viene sottovalutata dai governi perché gli standard di sicurezza si basano esclusivamente sugli effetti termici, prodotti cioè dal riscaldamento dei campi elettromagnetici, ignorando di fatto l’importanza degli effetti non termici, quelli causati da livelli di esposizione molto bassi, non in grado di produrre un riscaldamento della materia vivente.

Proprio in questi giorni si è occupata di questo tema la Prof.ssa Magda Havas, ricercatrice canadese della Trent University, in una pubblicazione sulla rivista Environmental Pollution.

La Havas conclude che gli standard di sicurezza per le emissioni di cellulari, Wi-Fi, contabilizzatori senza fili (smart-meter), radar e degli altri dispositivi mobili sono “fondamentalmente sbagliati” e non proteggono i cittadini dagli effetti nocivi di queste radiazioni. Questo avviene perché, nell’elaborare gli standard di sicurezza, i governi si sono basati sul modello d’azione delle radiazioni ionizzanti, come raggi X e  raggi gamma, che sono cioè in grado di causare il distacco di uno ione negativo – l’elettrone – della struttura centrale delle cellule umane, il DNA.

Le radiazioni non ionizzanti, invece, come  i campi elettromagnetici di bassa e di alta frequenza, non sono in grado di causare a basse dosi un distacco immediato di elettroni dal DNA e, per tale ragione, sono stati considerati più “sicuri”.

Sempre più evidenze scientifiche, invece, dimostrano che questi campi elettromagnetici sono tutt’altro che sicuri e sono persino in grado di provocare cancro, sterilità e altri effetti sulla salute a causa di meccanismi diversi (effetti non termici) dovuti ad un’interferenza con i meccanismi ossidativi di riparazione cellulare, all’aumento dello stress ossidativo, con danni cellulari, in particolare al DNA, che sul lungo termine possono portare al cancro.

Il danno causato dall’aumento dei radicali liberi per l’esposizione a frequenze estremamente basse (ELF), a campi elettromagnetici (EMF) e alle alte frequenze (Radiofrequenza) è ampiamente documentato da numerosi studi condotti sugli esseri umani, sugli animali, sulle piante e sui microrganismi.

“Nonostante un elevato numero di studi scientifici abbiano dimostrato che le radiazioni da microonde provocano il cancro – conclude la ricercatrice canadese – i governi si rifiutano di aggiornare le proprie linee guida. Dato che attualmente l’uso di dispositivi a radiofrequenza è in aumento e viene promosso anche per i consumatori più giovani senza alcuna precauzione, ci si può aspettare un aumento nella società di alcuni tipi di tumori tra cui il glioblastoma così come la sterilità e altri effetti sulla salute associati ai danni da radicali liberi, come in realtà sta già avvenendo.”

Francesca Romana Orlando

Fonte della notizia: Comunicato stampa del 28 novembre 2016 della Prof.ssa Magda Havas, BSc. PhD, Trent School Of The Environment, Trent University

Pubblicazione scientifica: Havas, M. 2016. When theory and observation collide: Can non-ionizing radiation cause cancer? Environmental Pollution, 219: 000-000. Pubblicazione online, 28 novembre 2016.

Per un approfondimento degli effetti non termici dei campi elettromagnetici si consulti la monografia (in inglese) della Commissione Internazionale per la Sicurezza dei Campi Elettromagentici (ICEMS), pubblicata nel 2010: “Non-Thermal Effects and Mechanisms of Interaction Between Electromagnetic Fields and Living Matter”, a monograph edited by Livio Giuliani and Morando Soffritti for the “European Journal of Oncology” – Library Vol. 5 of the National Institute for the Study and Control of Cancer and Environmental Diseases “Bernardo Ramazzini”, Bologna, Italy, 2010, Part I and Part II.
Scarica la prima parte 
Scarica la seconda parte

tratto da:
https://sciechimicheinformazionecorretta.blogspot.it/2017/04/perche-i-governi-non-proteggono-i.html