I politici li chiamano termovalorizzatori, sono inceneritori e provocano cancro

termovalorizzatori

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

I politici li chiamano termovalorizzatori, sono inceneritori e provocano cancro

Chiamare “termovalorizzatori” gli inceneritori è un modo per farli percepire meno dannosi ai cittadini… l’unica cosa che valorizzano è il CANCRO e le DIOSSINE, visto che bruciando i rifiuti questi vengono immessi nell’aria sotto forma di “polveri sottili” dannosissime per la salute e cancerogene.   Ma come sappiamo intorno a questo business ci girano fior di miliardi, pertanto c’è chi li difende a spada tratta,come molti politici italiani e molte organizzazioni criminali…

Se tutti potessero vedere questo video scoppierebbe una rivoluzione domani mattina!
Vivi nei pressi di un inceneritore?Ecco cosa respiri,cosa mangi, a cosa sei soggetto ogni giorno insieme ai tuoi figli,ma soprattutto che fine farai……

guarda QUI il video

Analizziamo di seguito le menzogne più gravi in materia di inceneritori, a cura di fiorigialli.itIl termine “termovalorizzatore” è inappropriato e fuorviante tanto che anche la Comunità Europea è intervenuta sull’argomento diffidando le amministrazioni del nostro Paese a utilizzare una simile locuzione. Ben sanno a Bruxelles che in un inceneritore viene valorizzato ben poco … e tu? I^ Bugia: dalla combustione dei rifiuti con gli inceneritori, si recupera energia elettrica. Smentita: Questi impianti hanno un rendimento energetico molto basso e di conseguenza anche il recupero di energia è molto basso. Ciò è dovuto al fatto che il combustibile (i rifiuti) utilizzato dagli inceneritori è molto eterogeneo e per mantenere elevata la temperatura del forno è necessario immettere del combustibile fossile. In Italia 52 inceneritori attivi producono solo lo 0,85% dell’energia immessa in rete (Fonte Enel). Troppo poco se si dovesse fare una seria analisi dei costi/benefici. Non dimentichiamo, per esempio, che il mancato recupero di materiale, l’elevato livello di inquinamento prodotto dalla combustione con relativi costi sanitari a carico della popolazione basterebbero per far precipitare in un profondo “rosso” la gestione economica di questi impianti. Caso unico in Europa i costi di produzione con questa tecnica sono mascherati dai forti stanziamenti pubblici e senza questi contributi (i CIP6… una vera manna) gli inceneritori diventerebbero subito “archeologia industriale”. II^ Bugia: se non si utilizzano gli inceneritori occorre aprire nuove discariche. Smentita: posta in questi termini la questione, che ha un vago sapore ricattatorio, denota invece una notevole debolezza di pensiero perché non tiene in alcun conto che il riciclaggio è una realtà nota oramai da parecchi anni. E’ stato ampiamente dimostrato che i cittadini si sono fatti carico del problema passando in tempi rapidissimi da una raccolta pressoché indifferenziata ad un sistema porta-a-porta con risultati di eccellenza vicini al 75%. Adesso tocca ai politici-amministratori dar prova di essere all’altezza della situazione attuando dei piani di riciclo che possono raggiungere livelli attorno al 95% come dimostrato dal Comune di Ponte nelle Alpi. L’obiettivo finale è quello di raggiungere, nel volgere di pochi anni, il traguardo dei “Rifiuti Zero” che consentirebbe di eliminare le discariche se anche le industrie cominciassero a fare la propria parte progettando imballaggi e sistemi totalmente riciclabili.
III^ Bugia: gli inceneritori risolvono definitivamente il problema dei rifiuti togliendo dalla vista lo spettacolo indecoroso di materiali putrescenti.

Smentita: “Nulla si crea, Nulla si distrugge, Tutto si trasforma”. Anche i rifiuti non sfuggono a questa legge e quindi … si “trasformano” in qualcosa di molto inquietante. L’atmosfera viene usata come discarica a cielo aperto e grazie alle sue caratteristiche i fumi contaminanti (6300 mc/ton) si possono diffondere in un’area vastissima con buona pace di tutti coloro che abitando ad una certa distanza da questi impianti pensano di esserne risparmiati. Inoltre le ceneri della combustione, pari ad un terzo dei rifiuti in entrata, sono tossico nocive e devono essere poste in discariche speciali oppure inviate in appositi impianti di trattamento che in una infernale girandola di camion alla fine si ritroveranno sempre delle scorie pericolosissime da smaltire. Ne consegue che affermare pubblicamente che gli inceneritori eliminano le discariche è “millantato credito” (reato penale) perché è esattamente vero il contrario…

IV^ Bugia: siamo in emergenza: se non si fanno inceneritori le discariche si esauriranno nel giro di poco tempo.

Smentita: se emergenza c’è stata, c’è o ci sarà, è in buona parte dovuta a coloro che adesso vogliono gli inceneritori, che hanno visto e continuano a vedere nei rifiuti una ghiotta occasione di guadagno e di carriera. Guardando i telegiornali tutti hanno avuto modo di constatare che il fenomeno dell’emergenza si è verificato in zone geograficamente vessate dalla malavita e dal malgoverno. L’emergenza è quindi un chiaro segnale che indica la presenza di una infiltrazione criminale nel territorio. C’è un altro particolare non insignificante che denota la malafede di simili argomentazioni: per costruire un inceneritore ci vogliono diversi anni quindi non è di certo una soluzione indicata per risolvere emergenze a cui non si dovrebbe mai arrivare se viene subito adottata una corretta politica di gestione come già descritto.

V^ Bugia: Gli inceneritori di ultima generazione sono talmente sofisticati da non emettere sostanze tossiche. Infatti il monitoraggio all’uscita dal camino con le apparecchiature più sofisticate non rivela tali sostanze. Smentita: Questa è una favola bella e buona. Come già spiegato, con la combustione i rifiuti non svaniscono nel NULLA e materiali inerti, come la plastica, si trasformano in sostanze tossiche (es. diossina). Poiché non esistono filtri che possano fermare del tutto queste sostanze, una buona parte (non una piccola parte) viene immessa in atmosfera con buona pace di tutte le apparecchiature disponibili. Difatti se non vuoi rilevare una sostanza metti degli apparecchi di misurazione poco sofisticati e sensibili che non sono in grado di rilevare la presenza di sostanze pericolose all’uscita dai camini poiché sono diluite in enormi quantità di gas; se invece utilizzate le stesse apparecchiature poco sensibili a controllare l’accumulo di sostanze nocive nelle vicinanze degli inceneritori vi accorgerete che ne potrete rilevare la cospicua presenza. Ciò è risaputo da chi dovrebbe tutelare la salute della popolazione ed è stato confermato dai rilevamenti eseguiti dall’ARPAV a Pederobba (TV). VI^ Bugia: i comitati ambientalisti terrorizzano i cittadini sulla questione degli inceneritori. Smentita: i comitati reputano di dover supplire a quanto non viene fatto dalle istituzioni per contrastare le informazioni inesatte e ambigue, se non mendaci, che riguardano gli inceneritori e su cui poggia l’incastellatura politica ed economica che sostiene la loro costruzione adducendo il pretesto dell’emergenza. I comitati reputano principalmente che il “Principio di Precauzione” sia un diritto irrinunciabile su questioni che riguardano la salute di centinaia di migliaia di persone … chi prenderà delle decisioni “irreversibili” quali l’incenerimento dovrà essere considerato come persona informata sui fatti e di conseguenza ne dovrà rispondere prima o poi. VII^ Bugia: molto si sta facendo per il problema dei rifiuti, anche in termini di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, al fine di minimizzare la quantità dei rifiuti e le dimensioni degli impianti di incenerimento. Smentita: il danaro pubblico viene stanziato per piani in cui la spesa più grossa è quella destinata all’incenerimento, una minore (spesa) alle tecniche di riciclaggio, ed una assolutamente nulla nelle tecniche di informazione e di produzione di beni durevoli, considerate, invece, primarie dalla Comunità Europea. Le cifre della bugia: ben l’80% della cifra stanziata è destinata agli inceneritori attraverso i contributi CIP6 e quant’altro … Solo il resto, considerato invece obiettivo primario dalla CE, è destinato alle tecniche di riduzione dei rifiuti da smaltire. NULLA è destinato alla ricerca medica in questo settore. NULLA è destinato ai piani di monitoraggio della salute dei cittadini posti nelle vicinanze degli inceneritori. NULLA è destinato all’istituzione di un fondo per le spese mediche eventualmente sostenute dai cittadini. I banchetti di informazione ed eventuali conferenze vengono realizzati esclusivamente su base VOLONTARIA e con esborsi quasi sempre personali. VIII^ Bugia (molto grave): gli inceneritori non nuocciono alla salute. Smentita: è la principale menzogna che viene detta da cinquanta anni a questa parte quando si vuole costruire un inceneritore proponendolo come una novità tecnologica. Molte ricerche sull’impatto sanitario provocato dagli inceneritori sono state fatte anche in Italia. Nel 2006 il Notiziario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale riportava: “Gli inceneritori producono ceneri e immettono nell’atmosfera milioni di metri cubi al giorno di fumi inquinanti, contenenti polveri costituite da nanoparticelle di metalli pesanti, idrocarburi policiclici, policloro-bifenili, benzene, diossine estremamente pericolose perché persistenti ed accumulabili negli organismi viventi”. Per questioni di spazio ne ho citato solo una ma una raccolta di dozzine di pubblicazioni, i cui titoli sono stati inviati ai Ministri dell’Ambiente e della Sanità, smentisce la più grossa e pericolosa bugia: quella che gli inceneritori sicuramente non fanno male. Problemi di respirazione, asma e cancro non sono certo resi minimi con la presenza di inceneritori. Questa bibliografia è a disposizione di tutti, sanitari, cittadini e politici. IX^ Bugia: molti studiosi di prestigio sostengono che non esiste alcuna correlazione tra inceneritori e tumori. Smentita: attualmente gli studiosi favorevoli all’incenerimento traggono il vantaggio di occupare le posizioni di prestigio nei consigli di amministrazione di enti ed istituzioni che si occupano e controllano l’ambiente; per contro occorre far notare che chi è contrario senza ambiguità, non e’ mai presente in modo significativo in queste posizioni. I siti su cui costruire gli inceneritori sono i più dannosi per la salute. Infatti l’iter burocratico legato alle leggi attuali identifica i siti in aree senza interesse agro-silvo-pastorale, dove siano già presenti servizi (acqua, luce, gas, etc.) e viabilità, in zone industriali preferibilmente dismesse. Ciò corrisponde, nella maggior parte dei casi, nelle periferie delle città o nelle grandi cinture cittadine, in aree fortemente abitate ma soprattutto inquinate. E’ facile in questi casi addossare di volta in volta la colpa di emissioni nocive al traffico, al riscaldamento domestico e a fabbriche con forte impatto ambientale. I criteri di correttezza e trasparenza sono solo legati agli atti pubblici che , come abbiamo già visto non contemplano il principio di precauzione né tantomeno l’accumulo delle sostanze nocive nel terreno.

X^ Bugia: comunque in ogni momento la popolazione è invitata a controllare i progetti e verificare l’efficienza e la sicurezza degli impianti.

Smentita: Qui rasentiamo l’ipocrisia perché il controllo dei progetti, dell’efficienza e della sicurezza, è effettuato da istituzioni che non sono tenute in alcun caso a sottoporlo a chiunque ne faccia richiesta ed è dimostrato dal fatto che molti incidenti verificatesi hanno trovato impreparati perfino gli addetti ai lavori. E’ già molto difficile immaginare un cittadino che in una visita guidata possa porre delle domande pertinenti, figuriamoci lo stesso cittadino che si metta a controllare i progetti e verificare gli impianti. Poche persone accuratamente selezionate vi sono ammesse a queste visite. Tale tecnica di persuasione è oggetto di approfonditi studi di psicologia e scienze politiche ed è adottata comunemente al solo fine dell’approvazione burocratica degli impianti. Anche ammesso che fossero ritenuti pericolosi dalla popolazione durante il funzionamento, non esiste ALCUN strumento giuridico in grado di fermare un inceneritore neanche per pochi giorni. Ad hoc è stata approvata una legge che punisce coloro che denunciano la pericolosità addebitando loro tutti i costi di fermata dell’impianto. Quindi una volta innescato un inceneritore si è vincolati a non spegnerlo più dati gli enormi interessi in gioco. Ciò ci fa capire che il profitto fine a se stesso è di gran lunga più importante della salute dei cittadini. D’altronde questa è la tipica mentalità del capitalismo all’italiana che privatizza i profitti e socializza le perdite. Questo è il futuro che alcuni politici e patrioti nostrani immaginano per noi.

Chiamiamoli con il loro nome: INCENERITORI! 

Fonte : http://www.nocensura.com/2012/02/dossier-le-bugie-sui-termovalorizzatori.html

Marco Travaglio – “Così hanno truffato Di Bella” – Dosi sballate e farmaci scaduti, la sperimentazione viziata da gravissime irregolarità !!

Marco Travaglio

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

 

Marco Travaglio – “Così hanno truffato Di Bella” – Dosi sballate e farmaci scaduti, la sperimentazione viziata da gravissime irregolarità !!

 

Travaglio: ‘Così hanno truffato Di Bella’

Dosi sballate e farmaci scaduti, la sperimentazione della cura Di Bella sarebbe viziata da gravi irregolarità!

 

A quindici anni dalla fine della sperimentazione il Metodo Di Bella sta tornando a far parlare. Migliaia di pazienti si stanno rivolgendo a Giuseppe Di Bella, che sta portando avanti la terapia inventata dal padre Luigi, per essere curati. Ci sono, inoltre, migliaia di casi di guarigione e i tribunali di diverse città hanno imposto alle ASL locali di rimborsare le cure ad alcuni malati. La sperimentazione di questa terapia alternativa era stata bocciata a fine anni ’90, ma da un’indagine del PM Raffaele Guariniello era emerso che c’erano stati gravi errori nella sperimentazione. È significativo un articolo di Marco Travagliopubblicato su Repubblica nel settembre del 2000, in cui il giornalista raccontava i lati oscuri della vicenda. Lo riportiamo di seguito:

La sperimentazione della cura Di Bella sarebbe viziata da gravi irregolarità. Peggio: alcuni dei 386 malati di cancro che provarono la “multiterapia” (Mdb) del medico modenese sarebbero stati usati come cavie, trattati con farmaci “guasti e imperfetti”, non si sa con quali effetti sulla salute. E l’ Istituto superiore di Sanità, pur sapendolo, non avrebbe avvertito 50 dei 51 ospedali d’ Italia che sperimentavano i protocolli. Sono queste le conclusioni della lunga e minuzionsa indagine aperta due anni fa dal procuratore aggiunto di Torino Raffaele Guariniello, in seguito ad alcune denunce, sulla sperimentazione nei 4 “centri di riferimento” di Torino (Molinette, San Giovanni antica sede, Mauriziano e Sant’ Anna) e nei 4 della provincia (gli ospedali di Chivasso, Orbassano, Chieri e Cirè). Un’ indagine che non entra nel merito dell’ efficacia o meno della cura, ma si limita ad analizzare la regolarità della sperimentazione. Quattro gli accusati, tutti dirigenti dell’ Istituto superiore di sanità (Iss): Roberto Raschetti e Donato Greco, coordinatori della sperimentazione del 1998, Stefania Spila Alegiani, responsabile dei preparati galenici, ed Elena Ciranni, che curava i rapporti con i vari centri clinici. Grave l’ ipotesi di reato: “somministrazione di medicinali guasti o imperfetti” (punibile, secondo l’ articolo 443 del codice penale, con la reclusione fino a 3 anni). Il direttore Giuseppe Benagiano, a suo tempo indagato, è stato poi archiviato. Nessuna responsabilità per l’ ex ministro della Sanità Rosi Bindi, sentita come testimone in gran segreto, a Roma, all’ inizio dell’ anno. I 4 indagati hanno ricevuto l’ “avviso di chiusura indagini”. Una sorta di preannuncio di rinvio a giudizio, che poi però non è arrivato: grazie alla legge Carotti, i difensori hanno chiesto e ottenuto dal Pg della Cassazione Nino Abbate il trasferimento dell’ inchiesta a Firenze. Con la curiosa motivazione che i farmaci “incriminati” li produce l’ Istituto farmacologico militare fiorentino. Inutile l’ opposizione di Guariniello il quale, sentenze della Cassazione alla mano, ha ribattuto che il 443 non punisce la produzione o la detenzione, ma la somministrazione di farmaci guasti (avvenuta, appunto, a Torino). Spetterà dunque alla Procura di Firenze – che l’ anno scorso aveva già archiviato un’ altra inchiesta sui protocolli Di Bella – trarre le conclusioni: rinviare a giudizio o chiedere l’ archiviazione. Tutto dipenderà dall’ interpretazione delle irregolarità emerse a Torino: errori in buona fede o condotte dolose? Per Guariniello, la prova del dolo sarebbe in una lettera inviata nel ‘ 98 a un ospedale romano, che chiedeva lumi sulla conservazione e la composizione delle “soluzioni ai retinoidi” previste per i protocolli 1 e 9. Nella lettera i dirigenti dell’ Iss precisavano che quelle sostanze hanno una “validità” di soli 3 mesi, dopo di che “scadono” e vanno buttate. Peccato che la stessa direttiva non sia stata diramata agli altri 50 ospedali che sperimentavano la cura. E che infatti continuarono, ignari di tutto, a somministrare quelle soluzioni ampiamente scadute (addirittura vecchie di 4, 5, 9 mesi) e “deteriorate”. Non solo: un gravissimo errore tecnico avrebbe dimezzato il quantitativo di un componente, un principio attivo, fondamentale per l’ efficacia di quelle soluzioni: l’ “axeroftolo palmitato”. In pratica, per i due protocolli, quella sperimentata non era la multiterapia Di Bella, ma una “variazione sul tema” non dichiarata. Così com’ era emerso nel ‘ 98 per altri due protocolli, frettolosamente ritirati dopo che Guariniello vi aveva scoperto alcune sostanze mancanti e alcune altre (come il tamoxifene del professor Umberto Veronesi) aggiunte da una mano misteriosa. Ma quel capitolo è ancora aperto. A Torino.”

 

tratto da: http://lapillolarossa15.altervista.org/marco-travaglio-cosi-hanno-truffato-di-bella-dosi-sballate-e-farmaci-scaduti-la-sperimentazione-viziata-da-gravissime-irregolarita/

Attenzione – Mangi OGM senza saperlo – in Italia divieto di coltivazione ma ammessa l’importazione – Ecco la lista di alimenti e additivi che contengono o possono contenere Ogm e che tutti i giorni ci ritroviamo a tavola!

OGM

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Attenzione – Mangi OGM senza saperlo – in Italia divieto di coltivazione ma ammessa l’importazione – Ecco la lista di alimenti e additivi che contengono o possono contenere Ogm e che tutti i giorni ci ritroviamo a tavola!

 

Ci sono OGM nei nostri piatti?
Ebbene si.. il rischio è alto perchè entrano legalmente con i limiti concessi ma anche attraverso truffe o importazioni da paesi dove sono ammessi ed i controlli sono al minimo.
Purtroppo non è uscito indenne neppure il biologico dalla truffa OGM con cereali proveniente dall’Ucraina.

Contro le truffe non è facile difendersi anche perchè tutto si risolve all’italiana con troppa facilità e dopo pochi giorni tutto torna come prima.
Ciò che è importante sapere che seppur non è ammessa la coltivazione nei nostri piatti l’OGM è di portata.
Un esempio fra i tanti: in diversi Paesi europei tra cui l’Italia (gli altri paiono essere Francia, Svezia, Germania, Austria, Gran Bretagna e Olanda) il riso OGM della Bayer viene venduto illegalmente. E’ sul mercato. Sulla tavola, in quello che si mangia, tenendo presente che sulla base di quel riso vengono fatte gallette, farine..etc etc..
Greenpeace rivela subito o meglio urla, come sempre inascoltata, che il riso OGM della Bayer, proveniente dagli Stati Uniti, è in vendita nei supermercati europei. Questo riso transgenico è illegale, non essendo stato approvato per il consumo umano o la coltivazione in alcun Paese.

1) Divieto di coltivazione ma ammessa l’importazione

Questa la prima contraddizione, inoltre le etichettature sono del tutto inesistenti.
L’Italia è uno dei maggiori importatori di cereali ed ultimamente di miele.. i quali vengono importati da paesi che usano OGM, quindi con molta probabilità se io importo cereali da questi paesi, questi sono OGM, non sempre ma è molto probabile. L’indicazione della provenienza del paese d’origine d’ ingredienti sulle etichette è stata molto contestata dalle aziende in sede dell’Unione Europea, mentre invece l’indicazione della provenienza della materia prima sarebbe un ottimo aiuto per i consumatori. Greenpeace tempo fa aveva trovato circa venti prodotti presenti nei supermercati con OGM non dichiarati.

L’ Europa consente l’utilizzo di 19 OGM
(organismi geneticamente modificati) per alimenti o mangimi. Si tratta di mais, soia, colza, cotone, barbabietola da zucchero e patate (Amflora) Salmone OGM, Patata OGM, pomodori.
OGM si ma coltivato fuori dal mio paese, l’ipocrisia dell’Unione Europea
Il fatto che molti paesi europei si siano schierati contro gli OGM o per lo meno contro la coltivazione sul loro territorio non vuole dire che questi non arrivano e che non siano presenti sulla nostra tavola.

2) Etichettature non chiare
L’etichettatura dei prodotti alimentari come OGM è obbligatoria per ogni ingrediente che contiene più dello 0,9%

I regolamenti europei prevedono SOGLIE DI TOLLERANZA.

I prodotti costituiti o contenenti o derivati da OGM, sia alimenti che mangimi, sono soggetti ai requisiti di etichettatura e tracciabilità stabiliti con i Regolamenti comunitari n. 1829/2003 e n. 1830/2003. Ciò garantisce che vengano fornite informazioni ai consumatori e utilizzatori di tali prodotti, permettendo loro di effettuare una scelta consapevole.
Il Regolamento (CE) n. 1829/2003 stabilisce requisiti specifici in materia di etichettatura e fissa le soglie di tolleranza della presenza accidentale o tecnicamente inevitabile di OGM, per cui anche gli alimenti derivati da OGM, destinati al consumatore finale o ai fornitori di alimenti per la collettività, devono riportare in etichetta la dicitura relativa alla presenza di OGM.

Tale obbligo non si applica tuttavia agli alimenti che contengono OGM autorizzati, oppure sono costituiti o prodotti a partire da OGM autorizzati in proporzione non superiore allo 0.9% degli ingredienti alimentari, purché tale presenza sia accidentale o tecnicamente inevitabile (art. 12, comma 2 del Regolamento).
La definizione della soglia di tolleranza sopra indicata scaturisce dalla impossibilità nell’Unione europea, come nei Paesi terzi, di impedire la presenza accidentale o tecnicamente inevitabile di OGM nei prodotti convenzionali durante le fasi di coltivazione, manipolazione, stoccaggio, trasporto.

In America è in onda come sto riportando da tempo la Dark Act che impedisce in pratica la libera etichettatura degli OGM.. chi lo fa va incontro alla giurisdizione federale e quindi ritiro del prodotto come provvedimento base.
Il peggio della legge è che va ad equiparare i prodotti OGM e derivati con i prodotti naturali!!
Tante infatti sono le petizioni dei singoli stati contro questa imposizione governativa.

 

In Italia avviene uguale ma in modo più subdolo.. sventoliamo come Italia Europa la salvaguardia ma li facciamo entrare sotto il tavolo con mille cavilli.
Vedi no coltivazione si importazione, vedi limiti, vedi etichettatura non conforme..
Imponiamo una giusta etichettatura chiara e leggibile, non come in  America che chi vuole sapere deve scannerizzare il codice QR!

Lasciamo fare  una scelta ai consumatori, sarebbe più semplice e senza sotterfugi, lasciate decidere al mercato, se la gente lo compra bene se non lo compra non lo importate più però… ma questo comporterebbe grandi perdite non trovate?.. e soprattutto il terreno di preparazione al TTIP verrebbe meno..


3) Mangimi OGM agli animali…

La maggior parte dei prodotti OGM sono adoperati per dare da mangiare al bestiame come i semi di soia, questo non vuole dire che mangiamo OGM, pur tuttavia alcuni ricercatori hanno sostenuto che frammenti di DNA transgenico si possono trovare in uova, latte e carne, argomento molto dibattuto in ambito scientifico.

Agricoltura bio esclude gli OGM, come comportarsi?

Attualmente, la mancanza d’ etichettatura, non è possibile stabilire se i prodotti sono derivati da animali nutriti con o senza OGM. Possiamo trovare OGM nel biologico? L’agricoltura biologica esclude completamente l’uso di OGM. , ma questa non è una garanzia assoluta, a causa di possibili dispersioni.

Le importazioni sono tante ed i controlli molto deboli, per non parlare delle leggi che prevedono soluzioni poco deterrenti per i truffatori.

La soluzione? cercare di autoprodursi il più possibile, in molte città esiste anche la possibilità di affitto di terreni da coltivare .. da soli o in comunità.
Volere è potere .. tuttavia acquistare prodotti biologici e locali può essere un ottima garanzia, anche se non basta. Il biologico costa ancora molto e va saputo calibrare con scelte giuste per una famiglia media.

4)GENE-EDITING: OGM che escono dalla porta e rientrano dalla finestra?

Così Green peace denuncia la imminente truffa legalizzata dell’Europa.
(Pubblicazione – 21 gennaio, 2016)

L’Ue dovrà presto decidere se la normativa europea sugli OGM si applica anche alle nuove tecniche di gene-editing (New Breeding Techniques – NBT). In questo briefing Greenpeace sottolinea come per molte di queste tecniche non esistano informazioni sufficienti per un’adeguata valutazione dei rischi.

Le moderne tecniche di gene-editing, anche se potrebbero essere più precise – rispetto all’ingegneria genetica tradizionale – nel disporre le alterazioni volute all’interno del materiale genetico, possono portare a effetti indesiderati e imprevedibili, con possibili implicazioni per alimenti, mangimi e ambiente. L’ipotesi di escludere queste nuove tecniche dalla normativa Ue sugli Organismi geneticamente modificati (OGM) comporterebbe l’eliminazione di qualunque obbligo di rilevamento delle modifiche involontariamente introdotte e di valutazione dei potenziali effetti negativi per la salute. Verrebbe meno anche l’obbligo della tracciabilità e etichettatura di questi prodotti, anche se comportano una modifica diretta del genoma.

Lista ufficiale degli OGM autorizzati dentro gli additivi alimentari

ovviamente nei limiti consentito dalle norme vigenti, elenco di additivi che potrebbero contenere OGM, non è detto che tutti necessariamente lo contengano, ne è stato solo autorizzato il contenuto

Derivati della lavorazione del mais
E 1404 amido ossidato
E 1410 fosfato di monoamido
E 1412 fosfato d’amido
E 1414 fosfato d’amido
E 1420 starch acetate
E 1422 amido acetato (Adipato di diamido acetilato)
E 1450 Ottenilsuccinato di amido e sodio
E 1451 Acetylated Oxidised Starch
E 150a Caramello
E 150b Caramello
E 150c Caramello
E 150d Caramello
E 420   Sorbitolo
E 421   Mannitolo
E 953   Isomalto
E 965   Maltitolo
E 966   Lattitolo
E 967   Xilitolo
E 575   Gluconedeltalattone
E 315   Acido eritorbico
E 316   Eritorbato di sodio

derivati della lavorazione della soia

E 322   Lecitine
E 479b Prodotto di reazione dell’olio di soia ossidato termicamente con mono-e Digliceridi degli acidi grassi

Lista autorizzata di OGM dentro all’alimentazione

Anche in questo caso ne è stato autorizzanto il contenuto e le aziende sono ritenute ad rispettarne la quantità stabilita dalle norme.

a base di mais: farina e semola di mais, olio di mais, chips di mais salate, petali di mais per la prima colazione
a base di soia: olio di soia, tonyu, tofu, creme dessert a base di soia, salse di soia
a base di colza: olio di colza
a base di barbabietola dolce: zucchero

Ingredienti:

Farine di mais: Panificazione, Cereali per la prima colazione, biscotti salati per aperitivi
Fiocchi di mais per le barre di cereali
Semola di mais dentro i biscotti salati
Amido di mais e altri amidacei dentro piatti già pronti, salse, salumi, creme dessert, preparazioni per dessert disidratate, zupper, prodotti per pasticceria
Derivati di amido di mais come lo sciroppo di glucosio, destrosio, maltodestrine che possiamo trovare in salse, biscotti, barre cereali, zuppe, biscotti salati e preparazioni alla frutta dentro yogurt, dessert freschi o creme e nei gelati
Farina di soia. pane, prodotti per la panificazione e la pasticceria
Proteine della soia, piatti pronti e salumi
Materia grassa vegetale (colza, mais, soia) in particolare sulle creme da spalmare
Olio di cotone per fritture

Secondo GreenPeace:

Possiamo quindi stilare una lista di operatori del mercato alimentare, che sono soliti utilizzare OGM per la realizzazione dei loro prodotti:

Società di produzione Kellog “s
Corn Flakes (cereali)
Frosted Flakes (cereali)
Rice Krispies (cereali)
Corn Pops (fiocchi)
Schiaffi (fiocchi)
Froot Loops (anelli di cereali colorati)
Di Apple Jacks (cereali-ring con il gusto di mela)
All-Bran Apple Cinnamon / Blueberry (crusca sapore di mela, cannella, mirtillo)
Gocce di cioccolato (gocce di cioccolato)
Pop Tarts (sfoglia ripiena di tutti i gusti)
Nutri-grain (brindisi pieno di tutti i tipi)
Crispix (biscotti)
Smart Start (fiocchi)
All-Bran (Flakes)
Just Right Fruit & Nut (fiocchi)
Miele Crunch Corn Flakes (cereali)
Raisin Bran Crunch (cereali)
Cracklin “crusca di avena (fiocchi)

Produzione società Hershey “s

Toblerone (cioccolata, tutti i tipi)
Mini Baci (cioccolatini)
Kit-Kat (barretta di cioccolato)
Baci (cioccolatini)
Chips di cottura semi-dolci (biscotti)
Chocolate Chips di latte (biscotti)
Reese “s Peanut Butter Cups (burro di arachidi)
Scuro speciale (cioccolato fondente)
Cioccolato al latte (cioccolato al latte)
Sciroppo di cioccolato (sciroppo di cioccolato)
Dark Chocolate Syrup speciale (sciroppo di cioccolato)
Strawberry Syrop (sciroppo di fragola)

Casa di produzione Mars

M & M “s
Snickers
Via Lattea
Twix
Nestle
Crunch (fiocchi di riso al cioccolato)
Cioccolato al latte Nestle (cioccolato)
Nesquik (bevanda al cioccolato)
Cadbury (Cadbury / Hershey “s)
Fruit & Nut

Casa di produzione Heinz

Ketchup (regolare e senza sale) (ketchup)
Chili Sauce (salsa di peperoncino rosso)
Heinz 57 Steak Sauce (con sugo di carne)

Società di produzione Hellman “s

Reale Maionese (maionese)
Maionese Light (maionese)
Maionese Low-Fat (maionese)

Società di produzione Coca-Cola

Coca-Cola
Sprite
Cherry Coca
Minute Maid Arancione
Minute Maid Uva

Casa di produzione PepsiCo

Pepsi
Pepsi Cherry
Mountain Dew

Società di produzione Frito-Lay / PepsiCo (componenti GM possono essere presenti nel petrolio e altri ingredienti)

Stabilisce Potato Chips (tutti)
Cheetos (tutti)

Società di produzione Cadbury / Schweppes

7-Up
Dr. Pepe

Produzione Pringles (Procter & Gamble)

Pringles (patatine fritte con sapori originali, Magro, Pizza-licious, Sour Cream & Onion, Salt & Vinegar, Cheezeums)

E come alimentazione OGM in Russia per prodotti:

Kellogg (Kellogg) – produce cereali per la colazione, tra fiocchi di mais
Nestlé (Nestlé) – produce cioccolato, caffè, bevande caffè, alimenti per l’infanzia
Unilever (Unilever) – produce alimenti per l’infanzia, maionese, salse, ecc
Heinz Foods (Hayents Foods) – produce ketchup, salse
Hershey (Hershis) – produce cioccolato, bibite
Coca-Cola (Coca-Cola) – Coca-Cola, Sprite, Fanta, Tonic “Denali”
McDonald (McDonald) – una rete di “ristoranti” fast food
Danon (Danone) – produce yogurt, kefir, ricotta, alimenti per l’infanzia
Similac (Similac) – produce alimenti per l’infanzia
Cadbury (Cadbury) – produce cioccolato, cacao
Marte (Mars) – produce cioccolato Mars, Snickers, Twix
PepsiCo (Pepsi-Cola) – Pepsi, Mirinda, Seven-Up

Luigi Di Bella – In Italia è morto da ciarlatano, in Inghilterra ne riconoscono il valore degli studi!

Di Bella

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Luigi Di Bella – In Italia è morto da ciarlatano, in Inghilterra ne riconoscono il valore degli studi!

 

Dall’Inghilterra riconoscimento agli studi del prof. Luigi Di Bella

Riguardo il tema della prevenzione dei tumori è appena stato pubblicato su una rivista scientifica inglese uno studio sul ruolo delle vitamine (retinoidi) già usate dal defunto professor Luigi Di Bella

di Vincenzo Brancatisano

Riguardo il tema della prevenzione dei tumori è appena stato pubblicato su una rivista scientifica inglese uno studio sul ruolo delle vitamine (retinoidi) già usate dal defunto professor Luigi Di Bella nella sua contestata multiterapia contro il cancro.

Lo studio, intitolato “Solution of retinoids in vitamin E in the Di Bella Method biological multitherapy”, porta la firma del figlio Giuseppe, medico a Bologna, che continua le ricerche del fisiologo di origini siciliane ma attivo per tanti anni a Modena. È Giuseppe Di Bella a comunicare che «sono stati evidenziati e dimostrati  i molteplici meccanismi biochimici e molecolari con cui i tre retinoidi del Metodo Di Bella, solubilizzati in  vitamina E, sinergicamente  alla  vitamina D, esercitano un fondamentale ruolo scientificamente testato primario e vitale nella prevenzione e cura dei tumori». Lo studio, apparso sulla rivista “Neuro Endocrinol Letter”, mette in luce l’attività terapeutica dei retinoidi e di altre vitamine ma anche il ruolo delle medesime sul piano della prevenzione: «Ora – spiega Di Bella – manca una reale e scientificamente documentata  prevenzione farmacologica dei tumori. L’oncologia definisce impropriamente prevenzione la diagnostica, i vari screening, le ecografie, gli esami strumentali, ematochimici che si limitano a prendere atto più o meno precocemente dell’insorgenza e della presenza di una neoplasia, ma non possono intervenire sulle cause di induzione, crescita e diffusione della neoplasia stessa». Lo stesso Luigi Di Bella, che già nella tesi di laurea aveva dedicato lunghi studi al ruolo straordinario della vitamina A, ha sempre puntato sulla prevenzione, indirizzando i pazienti e le loro famiglie verso l’assunzione di un preparato costituito da estere palmitato della vitamina A, betacarotene, acido tutto trans Retinoico, sciolti in vitamina E, secondo una composizione e una posologia che è agli atti del Ministero della salute poiché nel 1998 la soluzione ai retinoidi fu sottoposta a una infruttuosa sperimentazione assieme ad altri componenti, tra i quali la melatonina, la bromocriptina e la somatostatina.

Gli esiti negativi di quella sperimentazione, che coinvolse 316 pazienti in tutta Italia, non furono mai accettati dall’autore della terapia né dalle migliaia di pazienti che invece hanno continuato a curarsi con i farmaci e le sostanze galeniche le quali a loro volta hanno continuato a essere vendute nelle farmacie con risultati che, stando

alle tante testimonianze rinvenibili anche in rete, non sarebbero da disprezzare. Si sono poi moltiplicate le pubblicazioni, come l’ultima citata, che potrebbero consentire alla comunità scientifica di dibattere sull’utilità delle sostanze sul piano della prevenzione e della cura dei tumori.

fonte: http://gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/2016/02/15/news/dall-inghilterra-riconoscimento-agli-studi-del-prof-luigi-di-bella-1.12965283

Giuseppe Di Bella shock: quello che ci nascondono sulle cause dei tumori – I maggiori, più pericolosi e documentati FATTORI DI RISCHIO sono nascosti alla gente…!

Di Bella

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Giuseppe Di Bella shock: quello che ci nascondono sulle cause dei tumori – I maggiori, più pericolosi e documentati FATTORI DI RISCHIO sono nascosti alla gente…!

 

Frequenti, gravi e nascoste cause dei tumori

di Giuseppe Di Bella

I maggiori, più pericolosi e documentati fattori di rischio di induzione neoplastica, nascosti al pubblico

 

Nella mia recente intervista a Telecolor ho evidenziato le più frequenti cause dei tumori, tra cui  i maggiori, più pericolosi e documentati fattori di rischio di induzione neoplastica, nascosti al pubblico:

  • A)    L’ elevato  incremento della radioattività atmosferica

Questa è causata dall’ indiscriminato uso bellico di grandi quantitativi di uranio impoverito  in Serbia, nel Kosovo , in medio oriente, soprattutto in Iraq  , e nei poligoni militari .Le radiazioni ionizzanti ,mutagene, da elementi radioattivi, rappresentano sicuramente uno dei massimi rischi di malattie neoplastiche oltre che degenerative, causando anche malformazioni e gravi danni all’equilibrio biologico e alle funzioni vitali. Si calcola che i bombardamenti nucleari americani di Hiroshima e Nagasaki, oltre al milione di morti provocato al momento dell’esplosione e nei giorni immediatamente successivi, abbiano causato un numero almeno doppio  di decessi per l’induzione di tumori solidi e leucemie (APPROFONDISCI QUI).

Le radiazioni ionizzanti ,mutagene, da elementi radioattivi, rappresentano sicuramente uno dei massimi rischi di malattie neoplastiche oltre che degenerative, causando anche malformazioni e gravi danni all’equilibrio biologico e alle funzioni vitali.

Oggi l’unica possibile ,efficace e scientificamente documentata difesa dai danni dalla radioattività atmosferica, dall’inquinamento elettromagnetico, dai danni di ordine chimico e fisico, sono le elevate dosi sinergicamente e fattorialmente interattive dei retinoidi solubilizzati in vitamina E della soluzione multivitaminica formulata dal Prof Luigi Di Bella . La documentazione scientifica e i meccanismi d’azione biochimici e molecolari  sono pubblicati , e da tutti verificabili, sulla massima banca dati medico scientifica mondiale:  www.pubmed.gov

  • B)    La crescente dispersione nell’ambiente  di notevoli quantitativi di chemioterapici

Per il continuo estendersi delle patologie neoplastiche aumenta progressivamente  l’uso    di chemioterapici  ,tra cui  quelli somministrati ad alte dosi in vena , come i derivati del Platino, Vincristina, Taxani, Topotecani, ecc… che si possono considerare  tra le sostanze tossiche a più alto rischio  mutageno ( il tumore nasce da una mutazione ) e pertanto oncogene , disperse poi senza alcuna precauzione nell’ambiente. Infatti gli escrementi di quanti sono sottoposti a chemio non sono trattati come rifiuti tossici speciali, ma eliminati  attraverso  la comune rete fognaria. Significativo il rapporto N°02/16 (2002) dell’Istituto Superiore di Sanità  sull’induzione di tumore da parte dei chemioterapici :-

“Esposizione professionale a chemioterapici antiblastici” che ha preso in considerazione i danni a breve e/o a lungo termine causati dall’esposizione professionale ai chemioterapici antiblastici (CA)  . «Proprio a causa delle loro proprietà citotossiche e immunosoppressive – si legge nel Rapporto – gli antibastici possono paradossalmente causare tumori secondari. Infatti, non solo sono in grado di innescare la trasformazione di cellule normali in maligne, ma tendono a ridurre le difese endogene contro l’insorgenza di neoplasie». E ancora: «Mentre per i pazienti tali effetti tossici sono considerati ‘accettabili’ in vista dei possibili (palliativi) benefici terapeutici, essi non dovrebbero mai colpire i medici, i farmacisti, gli infermieri e gli altri possibili operatori. Invece, a partire dagli anni ‘70, numerosi studi hanno dimostrato la pericolosità per gli operatori sanitari». «Alcuni degli effetti tossici che colpiscono i pazienti sono stati osservati anche in operatori sanitari e in particolare in infermieri dei reparti oncologici (…) sono stati rilevati disturbi a livello oculare, cutaneo e respiratorio causati da chemioterapici vescicanti; reazioni allergiche da composti del platino (…). Possibili tumori causati da chemioterapici cancerogeni; effetti sull’apparato riproduttivo, aumento degli aborti spontanei e delle malformazioni congenite. I danni risultano anche trasmissibili all’apparato riproduttivo, aumento degli aborti spontanei e delle malformazioni congenite. I danni risultano anche trasmissibili all’apparato riproduttivo dei figli degli operatori sanitari » dei figli degli operatori sanitari »

L’induzione tumorale da chemioterapici è ormai scientificamente documentata .La prestigiosa rivista medico scientifica Nature,( ai massimi livelli dell’ Impact Factor) ha pubblicato uno studio intitolato: “Treatment-induced damage to the tumor microenvironment promotes prostate cancer therapy resistance through WNT16B” . Gli autori  hanno spiegato i meccanismi biochimici e molecolari per cui la somministrazione di chemioterapici può indurre il cancro. Questo studio spiega che la chemioterapia, usata per combattere il cancro, in realtà può stimolare, nelle cellule sane circostanti, la secrezione di una proteina che sostiene la crescita e rende ‘immune’ il tumore a ulteriori trattamenti. Analizzando gli effetti di un tipo di chemioterapia su tessuti raccolti da pazienti affetti da tumore alla prostata, sono state scoperti “evidenti danni nel DNA” nelle cellule sane intorno all’area colpita dal cancro.

Queste ultime producevano quantità maggiori della proteina WNT16B che favorisce la sopravvivenza delle cellule tumorali. La scoperta che “l’aumento della WNT16B…interagisce con le vicine cellule tumorali facendole crescere, propagare e, più importante di tutto, resistere ai successivi trattamenti anti-tumorali…era del tutto inattesa”, ha spiegato il co-autore della ricerca Peter Nelson del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, nello stato di Washington. “I nostri risultati , hanno spiegato i ricercatori, indicano che il danno nelle cellule benigne può direttamente contribuire a rafforzare la crescita cinetica’ del cancro, e questo ha trovato conferma anche nei tumori al seno e alle ovaie. “In pratica è un meccanismo generalizzato , esteso ad ogni tipo di varietà istologica di tumore.

Se è pertanto documentato che i chemioterapici  possono eliminare un certo quantitativo di cellule neoplastiche , è altrettanto documentato e incontestabile che possono indurre raffiche di mutazioni ,ognuna delle quali seleziona cloni tumorali più aggressivi e resistenti in soggetti debilitati dall’effetto tossico e immunosoppressivo della chemio , creando così le premesse di disseminazioni tumorali generalizzate e inarrestabili.

Ovviamente queste non sono che vili calunnie e basse insinuazioni dei soliti biechi complottisti contro gli immacolati e disinteressati circoli di potere globali, che gestiscono con la massima e nota onestà e trasparenza, economia, politica, finanza e informazione.

Solution of retinoids in vitamin E in the Di Bella Method biological multitherapy. Di Bella L, Di Bella G. Neuro Endocrinol Lett. 2015 Dec;36(7):661-76.

Queste proprietà preventive e terapeutiche  della  soluzione dei retinoidi  in Vitamina E sono potenziate dalla vitamina D3  The Di Bella Method (DBM). Di Bella G. Neuro Endocrinol Lett. 2010;31 Suppl 1:1-42. Review.

E dalla  melatonina idrosolubile in legame di Adenosina, stabilizzata con Glicina  formulata dal Prof Di Bella :

Melatonin anticancer effects: review. Di Bella G, Mascia F, Gualano L, Di Bella L. Int J Mol Sci. 2013 Jan 24;14(2):2410-30.

Giuseppe Di Bella shock: quello che ci nascondono sulle cause dei tumori – I maggiori, più pericolosi e documentati FATTORI DI RISCHIO sono nascosti alla gente!

 

Di Bella

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Giuseppe Di Bella shock: quello che ci nascondono sulle cause dei tumori – I maggiori, più pericolosi e documentati FATTORI DI RISCHIO sono nascosti alla gente!

 

Frequenti, gravi e nascoste cause dei tumori

di Giuseppe Di Bella

I maggiori, più pericolosi e documentati fattori di rischio di induzione neoplastica, nascosti al pubblico

 

Nella mia recente intervista a Telecolor ho evidenziato le più frequenti cause dei tumori, tra cui  i maggiori, più pericolosi e documentati fattori di rischio di induzione neoplastica, nascosti al pubblico:

  • A)    L’ elevato  incremento della radioattività atmosferica

Questa è causata dall’ indiscriminato uso bellico di grandi quantitativi di uranio impoverito  in Serbia, nel Kosovo , in medio oriente, soprattutto in Iraq  , e nei poligoni militari .Le radiazioni ionizzanti ,mutagene, da elementi radioattivi, rappresentano sicuramente uno dei massimi rischi di malattie neoplastiche oltre che degenerative, causando anche malformazioni e gravi danni all’equilibrio biologico e alle funzioni vitali. Si calcola che i bombardamenti nucleari americani di Hiroshima e Nagasaki, oltre al milione di morti provocato al momento dell’esplosione e nei giorni immediatamente successivi, abbiano causato un numero almeno doppio  di decessi per l’induzione di tumori solidi e leucemie (APPROFONDISCI QUI).

Le radiazioni ionizzanti ,mutagene, da elementi radioattivi, rappresentano sicuramente uno dei massimi rischi di malattie neoplastiche oltre che degenerative, causando anche malformazioni e gravi danni all’equilibrio biologico e alle funzioni vitali.

Oggi l’unica possibile ,efficace e scientificamente documentata difesa dai danni dalla radioattività atmosferica, dall’inquinamento elettromagnetico, dai danni di ordine chimico e fisico, sono le elevate dosi sinergicamente e fattorialmente interattive dei retinoidi solubilizzati in vitamina E della soluzione multivitaminica formulata dal Prof Luigi Di Bella . La documentazione scientifica e i meccanismi d’azione biochimici e molecolari  sono pubblicati , e da tutti verificabili, sulla massima banca dati medico scientifica mondiale:  www.pubmed.gov

  • B)    La crescente dispersione nell’ambiente  di notevoli quantitativi di chemioterapici

Per il continuo estendersi delle patologie neoplastiche aumenta progressivamente  l’uso    di chemioterapici  ,tra cui  quelli somministrati ad alte dosi in vena , come i derivati del Platino, Vincristina, Taxani, Topotecani, ecc… che si possono considerare  tra le sostanze tossiche a più alto rischio  mutageno ( il tumore nasce da una mutazione ) e pertanto oncogene , disperse poi senza alcuna precauzione nell’ambiente. Infatti gli escrementi di quanti sono sottoposti a chemio non sono trattati come rifiuti tossici speciali, ma eliminati  attraverso  la comune rete fognaria. Significativo il rapporto N°02/16 (2002) dell’Istituto Superiore di Sanità  sull’induzione di tumore da parte dei chemioterapici :-

“Esposizione professionale a chemioterapici antiblastici” che ha preso in considerazione i danni a breve e/o a lungo termine causati dall’esposizione professionale ai chemioterapici antiblastici (CA)  . «Proprio a causa delle loro proprietà citotossiche e immunosoppressive – si legge nel Rapporto – gli antibastici possono paradossalmente causare tumori secondari. Infatti, non solo sono in grado di innescare la trasformazione di cellule normali in maligne, ma tendono a ridurre le difese endogene contro l’insorgenza di neoplasie». E ancora: «Mentre per i pazienti tali effetti tossici sono considerati ‘accettabili’ in vista dei possibili (palliativi) benefici terapeutici, essi non dovrebbero mai colpire i medici, i farmacisti, gli infermieri e gli altri possibili operatori. Invece, a partire dagli anni ‘70, numerosi studi hanno dimostrato la pericolosità per gli operatori sanitari». «Alcuni degli effetti tossici che colpiscono i pazienti sono stati osservati anche in operatori sanitari e in particolare in infermieri dei reparti oncologici (…) sono stati rilevati disturbi a livello oculare, cutaneo e respiratorio causati da chemioterapici vescicanti; reazioni allergiche da composti del platino (…). Possibili tumori causati da chemioterapici cancerogeni; effetti sull’apparato riproduttivo, aumento degli aborti spontanei e delle malformazioni congenite. I danni risultano anche trasmissibili all’apparato riproduttivo, aumento degli aborti spontanei e delle malformazioni congenite. I danni risultano anche trasmissibili all’apparato riproduttivo dei figli degli operatori sanitari » dei figli degli operatori sanitari »

L’induzione tumorale da chemioterapici è ormai scientificamente documentata .La prestigiosa rivista medico scientifica Nature,( ai massimi livelli dell’ Impact Factor) ha pubblicato uno studio intitolato: “Treatment-induced damage to the tumor microenvironment promotes prostate cancer therapy resistance through WNT16B” . Gli autori  hanno spiegato i meccanismi biochimici e molecolari per cui la somministrazione di chemioterapici può indurre il cancro. Questo studio spiega che la chemioterapia, usata per combattere il cancro, in realtà può stimolare, nelle cellule sane circostanti, la secrezione di una proteina che sostiene la crescita e rende ‘immune’ il tumore a ulteriori trattamenti. Analizzando gli effetti di un tipo di chemioterapia su tessuti raccolti da pazienti affetti da tumore alla prostata, sono state scoperti “evidenti danni nel DNA” nelle cellule sane intorno all’area colpita dal cancro.

Queste ultime producevano quantità maggiori della proteina WNT16B che favorisce la sopravvivenza delle cellule tumorali. La scoperta che “l’aumento della WNT16B…interagisce con le vicine cellule tumorali facendole crescere, propagare e, più importante di tutto, resistere ai successivi trattamenti anti-tumorali…era del tutto inattesa”, ha spiegato il co-autore della ricerca Peter Nelson del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, nello stato di Washington. “I nostri risultati , hanno spiegato i ricercatori, indicano che il danno nelle cellule benigne può direttamente contribuire a rafforzare la crescita cinetica’ del cancro, e questo ha trovato conferma anche nei tumori al seno e alle ovaie. “In pratica è un meccanismo generalizzato , esteso ad ogni tipo di varietà istologica di tumore.

Se è pertanto documentato che i chemioterapici  possono eliminare un certo quantitativo di cellule neoplastiche , è altrettanto documentato e incontestabile che possono indurre raffiche di mutazioni ,ognuna delle quali seleziona cloni tumorali più aggressivi e resistenti in soggetti debilitati dall’effetto tossico e immunosoppressivo della chemio , creando così le premesse di disseminazioni tumorali generalizzate e inarrestabili.

Ovviamente queste non sono che vili calunnie e basse insinuazioni dei soliti biechi complottisti contro gli immacolati e disinteressati circoli di potere globali, che gestiscono con la massima e nota onestà e trasparenza, economia, politica, finanza e informazione.

Solution of retinoids in vitamin E in the Di Bella Method biological multitherapy. Di Bella L, Di Bella G. Neuro Endocrinol Lett. 2015 Dec;36(7):661-76.

Queste proprietà preventive e terapeutiche  della  soluzione dei retinoidi  in Vitamina E sono potenziate dalla vitamina D3  The Di Bella Method (DBM). Di Bella G. Neuro Endocrinol Lett. 2010;31 Suppl 1:1-42. Review.

E dalla  melatonina idrosolubile in legame di Adenosina, stabilizzata con Glicina  formulata dal Prof Di Bella :

Melatonin anticancer effects: review. Di Bella G, Mascia F, Gualano L, Di Bella L. Int J Mol Sci. 2013 Jan 24;14(2):2410-30.