Acquisti sul web, attenzione alla “truffa nigeriana”

web

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Acquisti sul web, attenzione alla “truffa nigeriana”

Vi è mai capitato di inserire un annuncio on line per la vendita di un oggetto e di essere contattati da acquirenti interessati che risiedono in Costa d’Avorio? Ecco, se vi è successo siete inceppati in quella che viene chiamata “la truffa nigeriana”. A mettere in guardia gli utenti è proprio un sito di vendita tra privati, Subito.it, che ha realizzato anche il video che vi mostriamo di seguito.

Il sistema è semplice e collaudato. La truffa è un banale tentativo, di natura fraudolenta, di ottenere denaro tramite lo sblocco di un finto bonifico. Come? Il truffatore va alla ricerca su internet di annunci di vendita regolari, cioè persone che realmente hanno messo in vendita oggetti di un certo valore. Una volta trovata la potenziale vittima, il truffatore passa alla fase successiva ovvero contatta il venditore mostrando un particolare interesse per il suo annuncio. L’intenzione è quella di portare a termine l’acquisto tramite bonifico. Naturalmente, all’interno della mail troverai descritta una situazione verosimile, che possa rendere ancora più convincente l’acquisto.

Dopo aver ottenuto la fiducia dell’acquirente, il truffatore spiega che effettuerà il pagamento tramite bonifico bancario dalla Costa d’Avorio. Aggiungerà che, purtroppo, per confermare la transazione è necessario pagare una tassa nazionale, pari a una percentuale sul valore del bonifico. A questo punto comincia a saltare fuori la truffa, ma a renderla ancora più evidente è il metodo di pagamento che viene chiesto per pagare questa tassa, ovvero un trasferimento di denaro verso un paese estero tipicamente tramite Western Union o MoneyGram. Con questi due metodi è impossibile risalire a chi ha riscosso i soldi.

A questo punto il truffatore farà di tutto per convincere a pagare la tassa per sbloccare il bonifico compreso l’invio via email dei documenti in Pdf di un fantomatico funzionario della Costa d’Avorio che confermerà che è necessario pagare questa tassa. Inutile dirlo: è tutto falso.

Come difendersi

Ma un modo per non cadere nella rete di questi truffatori esiste e basta avere attenzione ai campanelli d’allarme. Eccoli

  • Le email e gli Sms (con prefisso della Costa d’Avorio) ricevuti sono strani: i testi sono scritti in un italiano scadente e richiedono di essere contattati a un indirizzo alternativo rispetto a quello fornito da noi.
  • Nella risposta all’annuncio non viene richiesta nessuna informazione aggiuntiva sull’oggetto che hai messo in vendita.
  • Il metodo di pagamento richiesto per la fantomatica tassa è tramite servizi di pagamento come Western Union oppure MoneyGram. Ricorda che questi due metodi non permettono di risalire alla persona che ha incassato il denaro.

Obsolescenza programmata – Smartphone e pc fatti per durare poco: Apple e Samsung tra i peggiori – Ecco le pagelle di Greenpeace, utilissime se dovete fare un nuovo acquisto.

 

Obsolescenza programmata

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Obsolescenza programmata – Smartphone e pc fatti per durare poco: Apple e Samsung tra i peggiori – Ecco le pagelle di Greenpeace, utilissime se dovete fare un nuovo acquisto.

 

Smartphone e pc fatti per durare poco: Apple e Samsung tra i peggiori

Greenpeace contro l’obsolescenza programmata (e le sue nefaste ricadute sull’ambiente) di smartphone, tablet e pc portatili. Da uno studio pubblicato appena due giorni fa dall’associazione ambientalista, alcune grandi marche di apparecchi elettronici escono con le ossa rotte.

La classifica è stata stilata in collaborazione con gli esperti del sito iFixit, che hanno valutato la possibilità dei congegni elettronici di essere riparati: Samsung, Microsoft e Apple non fanno una bella figura.

44 i prodotti sotto osservazione, venduti tra il 2015 e il 2017, cui sono stati attribuiti punteggi da 1 a 10 secondo più fattori: facilità di sostituire le batterie o lo schermo, disponibilità dei pezzi di ricambio e del manuale di riparazione, possibilità di intervento senza il bisogno di strumenti specifici.

 

 

I MIGLIORI E I PEGGIORI SECONDO GREENPEACE

Smartphone

Tra i 21 smartphone valutati è Samsung che ottiene i voti peggiori: 3 per i suoi Galaxy S7 e S7 Edge, 4 per il Galaxy S8, bocciati in tutte le voci considerate. Così come lo smartphone LG G6, che racimola un magro 5 su 10.

Conquistano appena la sufficienza (voto 6) lo Xiaomi MI 5, il Lenovo K5 Note, il Huawei Mate 8, il Vivo X7, l’Asus Zenfone 3 Max e il Sony Xperia Z5 Compact.

Gli iPhone 7+ e 7 della Apple ottengono 7. Stesso voto per: Google Pixel XL, Oppo R9M, Lenovo Moto Z, Huawei P9 e Vivo X7+.

Un punto in più (voto 8) è andato agli smartphone LG G4 e G5 e allo Xiaomi Redmi Note 3.
Il migliore? Il Fairphone 2, l’unico a conquistare un 10 pieno.

Tablet

Anche tra i 14 tablet, solo uno conquista la palma del migliore con il punteggio di 10: l’HP Elite X2 1012 G1.
A seguire, con punteggio di 8, si piazzano: l’LG G Pad 7.0, l’Acer Iconia One 7 e l’Amazon Paperwhite.
Voto 7, invece, ai tablet Huawei Mediapad M2 10.0, HP Elitepad 1000 G2 e Amazon New Fire. Con la sufficienza (voto 6) se la cava il Huawei Mediapad T2 7.0.

Bocciati il Sony Xperia Z4 (voto 5), il Samsung Galaxy Tab S3 e il Google Pixel C (entrambi con voto 4), l’Apple iPad Pro 9.7” e iPad 5 (voto 2) e, a chiudere la classifica, l’MS Surface Pro 5 (con voto 1).

PC portatili

Infine, tra i 9 laptops valutati si registra uno scarto enorme tra i migliori e i peggiori.

Se in due – il Dell Latitude E5270 e l’HP elite book 840 G3 – conquistano il massimo punteggio (10), e altri 4 sono abbondantemente sopra la sufficienza (Samsung Series 9 15” ed LG Gram 15” con voto 9; l’Acer Predator 17.3 con voto 8; e il Dell XPS 13, con voto 7), in 3 chiudono la classifica con il minimo punteggio, 1 su 10.

I tre “nemici dell’ambiente” sono: l’MS Surface Book, e i due laptops della Apple, Macbook Pro 13” e Retina Macbook 2017.

COS’È L’OBSOLESCENZA PROGRAMMATA

La tecnologia di cui ci serviamo ogni giorno ha una data di scadenza. Telefonini, computer, ma anche i grandi elettrodomestici, non hanno vita lunga. E si guastano spesso appena scaduta la garanzia.

E se vogliamo “aggiustarli” dobbiamo fare letteralmente i conti con eventuali riparazioni: spesso costose, non risolutive, o con pezzi di ricambio difficili da reperire. Si fa prima, insomma, a comprare un prodotto nuovo.

Realizzare dispositivi facilmente riparabili e progettati per durare è il passo più significativo che le aziende possono intraprendere per ridurre gli impatti ambientali dei prodotti elettronici. È quello che chiede Greenpeace con la sua campagna di sensibilizzazione, con l’invito a firmare la petizione sul sito www.rethink-it.org.