Altro che palma sostenibile! Le promesse tradite di Nestlè e Mars

 

palma

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Altro che palma sostenibile! Le promesse tradite di Nestlè e Mars

 

Nestlé, Mars and Hershey hanno ripetutamente ingannato i consumatori promettendo loro di rendere più sostenibile la filiera di approvvigionamento dell’olio di palma. Un miglioramento che non sono mai riusciti a portare a compimento come denuncia la Rainforest Action Network. In particolare, le tre aziende hanno più volte promesso di evitare la deforestazione delle zone dove si approvvigionano senza mai centrare gli obiettivi.  

Spiega la portavoce del Ran, Laurel Sutherlin, al The Guardian: “Per molti anni Nestlé, Marte e Hershey si sono impegnati a rendere più sostenibile l’approvvigionamento di olio di palma. Quando arriva il momento di applicare le promesse, non fanno nulla e continuano a far scomparire oranghi, tigri e elefanti nella penisola di Sumatra”. Per fare un esempio, in seguito della campagna di Greenpeace GreenTech KitKat nel 2010, Nestlé si è impegnata a utilizzare olio di palma certificato solo sostenibile entro il 2015. Salvo poi nel 2015 rimandare l’impegno al 2020.

Qualche ammissione arriva da Hershey che non ha raggiunto la soglia del 27% di olio di palma sostenibile fallendo l’obiettivo: “Ci siamo resi conto che era più difficile raggiungere questi obiettivi – ha fatto sapere l’azienda al quotidiano britannico – che originariamente avevamo sperato”.

 

fonte: https://ilsalvagente.it/2017/10/31/altro-che-palma-sostenibile-le-promesse-tradite-di-nestle-e-mars/27625/

Nestlé ammette: “Non possiamo garantire assenza di lavoro minorile per il nostro cacao” …e se ammettono questo, figuratevi un po’ cosa c’è dietro…!

Nestlé

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Nestlé ammette: “Non possiamo garantire assenza di lavoro minorile per il nostro cacao” …e se ammettono questo, figuratevi un po’ cosa c’è dietro…!

 

“Non è possibile garantire che il 100% del cacao di Nestlé non è stato prodotto con lavoro minorile“. A dirlo è il direttore degli affari pubblici della multinazionale Usa, Christian Frutiger. In occasione della presentazione del rapporto “Affrontare il lavoro minorile”, il responsabile della Nestlé ha dichiarato a ConfectioneryNews che il sistema di prevenzione del lavoro infantile di Nestlé nel suo piano di cacao coprirà circa la metà dell’offerta dell’azienda entro il 2020, ma il pieno raggiungimento non sarà mai possibile.

Il 70% dei fornitori senza monitoraggio

Secondo la multinazionale, il sistema di monitoraggio del lavoro minorile (CLMRS) che ha adottato in una parte della sua catena di approvvigionamento di cacao in Costa d’Avorio e Ghana dal 2012 sta riducendo gli incidenti di lavoro minorile del 51%, per cui il colosso alimentare ha subito anche una class action nel 2015Nestlé ha scoperto circa 7.000 bambini impegnati nelle peggiori forme di lavoro minorile dopo l’inizio del monitoraggio, la maggior parte dei quali ora sono fuori dal lavoro di cacao. Eppure quasi il 70% dei volumi di cacao di Nestlé non dispone del sistema CLMRS. Il sistema di prevenzione si basa su circa 1.200 funzionari di collegamento comunitari, che rilevano incidenti di lavoro minorile e riportano all’International Cocoa Initiative (ICI) il partner delle Ong. “Il 100% delle aziende – spiega Frutiger – probabilmente non sarà mai coperto dal sistema di monitoraggio, ma è un percorso continuo. Stiamo lavorando per arrivare fino al 50% e continuare il viaggio verso il 100%”.

“Ci possono essere casi di lavoro minorile”

Nel 2011, Nestlé ha commissionato alla Fair Labour Association di riesaminare la propria catena di approvvigionamento di cacao e sviluppare ulteriormente l’CLMRS in base alle sue raccomandazioni. Ma Frutiger ammette: “Non possiamo aver capito pienamente la completa complessità della questione del lavoro minorile” prima che la relazione venisse commissionata. Il dirigente Nestlé ha aggiunto: “Non possiediamo aziende agricole, perciò la prima cosa che abbiamo dovuto fare è accorciare la filiera di approvvigionamento” per rendere più facili i controlli. Non basta, secondo le stesse parole Di Frutiger: “Non c’è mai la garanzia del 100% che non esista il lavoro minorile … ci possono essere casi di lavoro minorile. Il lavoro minorile è un fenomeno di povertà e questo fenomeno ha bisogno di un approccio multiplo”. Anche se il problema del lavoro minorile nella catena di approvvigionamento di cacao è conosciuto da decenni, si stimano ancora due milioni di bambini che lavorano nelle aziende di cacao in Costa d’Avorio e in Ghana.

 

fonte: https://ilsalvagente.it/2017/10/19/nestle-non-possiamo-garantire-assenza-di-lavoro-minorile-per-il-nostro-cacao/27229/