Smog: l’assassino silenzioso

 

Smog

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Smog: l’assassino silenzioso

Sono giorni terribili per la qualità dell’aria nel Piemonte.
Anche se nella mia Vercelli, la qualità dell’aria di ieri (lunedì 30 ottobre) era in leggero miglioramento con valori di PM10 di 57 µg/m³, i giorni passati sono stati caratterizzati da valori record che hanno toccato i 146 µg/m³ lo scorso sabato. Non va affatto meglio a Torino dove, complici i disastrosi incendi in val di Susa, la centralina di Beinasco ha raggiunto numeri simili a quelli delle inquinatissime metropoli cinesi: 354 µg/m³, 7 volte il valore massimo consentito dalla norma.
La terribile situazione della qualità dell’aria non è solo un disastro per i nostri martoriati polmoni, costretti a respirare un cocktail di sostanze pericolose, ma anche un grave problema sociale ed economico.  Secondo OMS e OCSE gli oltre 90 mila decessi prematuri annui causati della pessima qualità dell’aria ci costano moltissimo: 88,5 miliardi di euro ogni anno, quasi il 5% del PIL. A queste cifre folli rischiamo di dover aggiungere a breve le sanzioni dovute alle tre procedure di infrazione Europee dovute ai continui superamenti dei valori limite degli inquinanti in cui è coinvolto il nostro Paese, con una multa che potrebbe ammontare a oltre 1 Miliardo di Euro.

L’Italia non rispetta i limiti della qualità dell’aria da oltre 10 anni e presenta tassi di mortalità più alti delle altre principali economie Europee: oltre 1.500 decessi prematuri per milione di abitante, contro una media dell’Unione europea di poco più di mille decessi prematuri. Un problema che tocca in particolare i bambini molto piccoli, estremamente sensibili all’inquinamento atmosferico. La letteratura scientifica collega la presenza di inquinanti atmosferici, come l’esposizione al particolato atmosferico, ad effetti negativi sullo sviluppo funzionale dei polmoni, con possibile riduzione cronica del loro tasso di crescita, oltre a complicanze dell’asma e aumento della prevalenza e dell’incidenza di tossi e bronchiti.

Nessuno può chiamarsi fuori da questa emergenza.

fonte: http://mirkobusto.net/inquinamento-aria-piemonte/

È ovvio che a questo problema contribuiscano tutta una serie di attività come il traffico, il riscaldamento domestico e il settore industriale, ma non possiamo fare finta di dimenticare che sulla qualità dell’aria incidano anche in maniera importante agricoltura e allevamento.

Non a caso qualche giorno fa la Regione ha finalmente deciso di fare un primo timido passo per contrastare l’emergenza, elaborando, con il DGR n. 42-5805, le ‘prime misure di attuazione dell’Accordo di Programma per l’adozione coordinata e congiunta di misure di risanamento della qualità dell’aria nel Bacino Padano’. Tra le attività proibite non appena il livello di legge di 50 μg/m3 sia stato superato per 4 giorni consecutivi troviamo, oltre alle ovvie limitazioni della circolazione per le auto diesel e per il riscaldamento a biomassa, il divieto assoluto di qualsiasi tipologia di combustioni all’aperto (anche relativamente alle deroghe consentite) e il divieto di spandimento dei liquami zootecnici.

In relazione a questo, colgo l’occasione per spendere due parole sulla polemica tutta Vercellese dell’abbruciamento delle stoppie. Credo che stiamo parlando di un minimo di sano buon senso, non capisco il senso di continuare a bruciare le paglie quando la moderna letteratura agronomica testimonia che non ha effetti apprezzabili sulle infestanti, non ha effetti rilevanti sul contenimento delle malattie fungine, non ha effetti, in genere, di accumulo di tipo dannoso di sostanza organica. Si brucia solo utile materia organica che poi va reintegrata con concimi. A dirlo sono svariati i lavori e ricerche: invito a consultare quella svolta per più di un decennio consecutivo alla Cascina Sperimentale Boschine (prima che essa venisse miseramente alienata dalla Provincia di Vercelli per far cassa), ed altri innumerevoli lavori sono consultabili circa il beneficio della paglia trinciata ed incorporata direttamente nel suolo e del suo ruolo utile al mantenimento della fertilità. Nessuno vuole criminalizzare gli agricoltori, ma anzi, li si vuole sensibilizzare affinché a loro volta stimolino i loro colleghi più distratti e meno attenti a contribuire alla risoluzione di un problema che ci riguarda tutti.

Ridurre l’inquinamento atmosferico nelle nostre aree deve essere una priorità politica.

È indecente assistere allo spettacolo di una politica che ‘tira a campare’ aspettando le piogge per paura di pestare i piedi a uno o all’altro settore (agricoltori, industriali dell’auto e dell’energia) oppure di scontentare i cittadini con i blocchi del traffico.

In pianura padana si muore di smog, questa è la realtà. Dobbiamo avviarci rapidamente verso l’abbandono del diesel, stimolando al contempo lo sviluppo di tecnologie pulite e la diffusione di veicoli ibridi ed elettrici. Dobbiamo fare in modo che ciò si accompagni a politiche per abbandonare l’uso del mezzo privato in favore del potenziamento e dell’efficientamento della mobilità pubblica. Dobbiamo abbandonare i progetti e gli investimenti sulle grandi infrastrutture che devastano il territorio senza rispondere ai veri bisogni dei cittadini portati avanti dalla vecchia politica.

Il M5S ha le idee chiare e, una volta al governo, avrà il coraggio di portarle avanti con determinazione. Abbiamo il diritto di respirare aria pulita e dobbiamo preservarlo, nelle nostre città, per noi e per le generazioni che verranno.

Attenzione – Studio Usa: mortalità più alta per i pazienti seguiti da medici ultrasessantenni

 

mortalità

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Attenzione – Studio Usa: mortalità più alta per i pazienti seguiti da medici ultrasessantenni

Il lavoro scientifico ha valutato l’assistenza a 730 anziani. “Ma se i professionisti hanno casistica alta le differenze d’età si annullano”. In Italia circa 26mila camici bianchi hanno più di 60 anni.

I PAZIENTI ospedalieri curati da medici più anziani hanno una mortalità più alta di quelli seguiti da professionisti più giovani. Alla conclusione arriva uno studio del British Medical Journal pubblicato ieri. C’è però un’eccezione, dice sempre il lavoro scientifico, e riguarda i professionisti con una casistica ampia. In quel caso l’esito delle cure è in linea con la media anche per i dottori in là con gli anni.

La ricerca. Lo studio è stato condotto da Yusuke Tsugawa della Harvard T. H. Chan school of public health ed è osservazionale. E’ stata analizzata la mortalità a 30 giorni dal ricovero di circa 730mila pazienti dai 65 anni in su seguiti da 19mila medici, in un arco di tempo compreso tra il 2011 e il 2014 in vari ospedali statunitensi. La mortalità media è stata dell’11,1% ed è salita di circa l’1% nei malati seguiti da medici con più di 60 anni (nella fascia di età under 40 il dato è del 10,8%, in quella tra 40 e 49 dell’11,1, in quella tra 50 e 59 dell’11,3 e in quella over 60, appunto, del 12,1). I risultati “sono stati raggiunti – è scritto dai ricercatori – considerando medici con bassi o medi volumi di pazienti ma non con quelli che li hanno alti”. Lavorare su tanti casi rende l’efficacia dell’assistenza simile tra i professionisti più giovani e quelli anziani. Sono state anche osservate le riammissioni, che vengono utilizzate come spie del fatto che qualcosa non abbia funzionato nel primo ricovero. Su queste però non ci sono differenze a seconda dell’età del medico che ha seguito il malato poi rientrato in ospedale.

L’Italia. La ricerca riguarda gli Stati Uniti ma fa riflettere anche in Italia, dove per vari fattori, ma principalmente per i blocchi del turn over e i problemi di reclutamento, l’età media dei camici bianchi è in crescita. “Nel nostro Paese ci sono oltre 26mila medici del servizio sanitario ultrasessantenni su circa 100mila – dice Massimo Cozza della Cgil medici – E’ ora di stabilizzare i precari e sbloccare le assunzioni. E in più abbiamo fatto la richiesta insieme a Cisl e Uil di dare la possibilità di non fare le guardie notturne ai professioniti di oltre 60″. Inoltre c’è il discorso della casistica. “Su questo abbiamo sempre che detto le attività devono essere concentrate in centri che hanno un adeguato numero di malati perché è ormai chiaro che lavorare poco è lavorare male”. Il riferimento è anche ai tanti piccoli ospedali ancora aperti nel nostro Paese.

fonte: http://www.repubblica.it/salute/2017/05/17/news/studio_usa_mortalita_piu_alta_per_i_pazienti_seguiti_da_medici_ultrasessantenni-165647001/?ref=fbp5