Dedicato a Beatrice Lorenzin: “Io medico scappo in Germania, in Italia è mafia!”

 

medico

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Dedicato a Beatrice Lorenzin: “Io medico scappo in Germania, in Italia è mafia!”

Ci Teniamo a dedicare quest’articolo al nostro stimatissimo e lungimirante Ministro Della Sanità Beatrice Lorenzin…

“Io medico scappo in Germania, in Italia è mafia”

Preferiscono fare i pizzaioli o i gelatai a mezzo servizio in Germania pur di poter un giorno lavorare come medici nel Paese della Merkel. Il sogno per cui hanno studiato tanto e che in Italia sembra sempre più lontano. Metà giornata dedicata allo studio della lingua e l’altra dietro un banco a servire i clienti e a praticare il nuovo idioma. Negli ultimi anni c’è stato un ‘boom’ di giovani laureati in Medicina, ma anche infermieri, che hanno scelto la terra tedesca per specializzarsi, lavorare e mettere su famiglia. Secondo l’Istat, i professionisti del settore sanitario che hanno chiesto al ministero della Salute la documentazione utile per esercitare all’estero sono passati da 396 nel 2009 a 2.363 nel 2014 (+ 596%).

Con la Brexit, è oggi la Germania ad attrarre questi ragazzi. Complice anche un sistema italiano della formazione che fa acqua da tutte le parti. Basti pensare che il bando per il concorso per le scuole di specializzazione è uscito con grande ritardo solo pochi giorni fa e la prova si farà il 28 novembre. Da mesi in attesa ci sono circa 15mila candidati. E alla fine solo uno su tre entrerà. Pochi posti per specializzarsi e pochissimi contratti di lavoro stabile nel Sistema sanitario nazionale.

‘Ogni giorno ci arrivano 4-5 richieste – afferma all’Adnkronos Davide Civita (28 anni), presidente del gruppo Facebook ‘Medici italiani in Germania’ (3400 membri) e specializzando in Cardiologia in Germania – Stimiamo in circa 6mila unità, tra medici, infermieri e studenti, le persone che cercano fortuna qui. In Italia ho lavorato, senza stipendio, a Milano all’ospedale S.Raffaele come medico volontario in cardiologia. La beffa – osserva Civita – è che continuo a pagare i contributi previdenziali in Italia: 1.800 euro l’anno. La mia posizione non la posso chiudere altrimenti perdo tutto. Una vera e propria ‘mafia’. Scrivilo pure – chiosa – perché io in questi anni per pagarmi la scuola di tedesco ho fatto il gelataio, la mattina i corsi e il pomeriggio nel negozio per 8-10 euro l’ora come vengono pagati gli immigrati appena arrivati“.

Ad insegnare il tedesco a chi arriva nella terra del premio Nobel per la Medicina Rober Koch, ci pensa un quarantenne italiano: Paolo Andreocci, Dopo un dottorato ha avuto la lungimiranza di fondare a Friburgo l’Internationales Sprachzentrum Dialogo (Isd). E di connazionali ‘dottorini’ in fuga Andreocci ne ha conosciuti molti. “Nella nostra scuola organizziamo dal 2009 corsi per l’apprendimento e il perfezionamento del tedesco medico finalizzati all’approvazione del titolo di studio – spiega Andreocci, direttore dell’Isd di Friburgo – Negli ultimi anni abbiamo registrato un forte incremento di richieste e di partecipanti. E ora, grazie ai nuovi corsi organizzati dall‘ISD per conto del Ministero, c’è un ‘boom’ di domande ogni giorno. Proprio lunedì (25 settembre n.dr.) è partita la didattica per l’anno 2017-2018 “.

Ho scelto la Germania perché in Italia ci sono poche possibilità. A luglio ho preso l’abilitazione e il mio sogno era fare la specializzazione in Neurologia – racconta Alessandro C. (26 anni). Ma le date del concorso per le Scuole di specializzaizone tardavano e non potevo aspettare. In Germania si riesce a lavorare con serietà e continuità. Io non sono riuscito a fare l’Esasmus ma ho fatto la tesi a Berlino e ora ho un livello di tedesco C1. Sono ormai 3-4 anni che studio questa lingua e ho svolto alcuni tirocini come medico di base ad Hannover. Qui si lavora di più che in Italia e tutto è organizzato molto meglio. Ora sono a Friburgo per frequentare il corso di tedesco medico-scientifico, una volta finito non credo di trovare grosse difficoltà per un posto in ospedale. Qui c’è molta richiesta. A casa che dicono? Mi mamma – risponde Alessandro – avrebbe preferito avermi vicino casa a Padova, ma entrambi i miei genitori hanno capito la situazione. Sì, sono contento di essere venuto a fare il medico in Germania“.

Come funzionano i corsi e come può un laureato in Medicina in Italia farsi riconoscere la laurea e lavorare in Germania? “Vista la carenza di dottori del sistema sanitario tedesco, il Governo da febbraio 2017 ha deciso di aprire un bando per l’accredito di scuole di lingua specializzate in corsi di tedesco medico-scientifico per stranieri – spiega Andreocci – Noi abbiamo partecipato e vinto perché avevamo tutti i requisiti, ad oggi in Germania non ci sono molte strutture che possono dare questo servizio. La scelta del Governo permette di promuovere corsi gratuiti (durata 400-600 unità didattiche, valore cicrca 2.500 euro) per medici e infermieri di altri Paesi che conoscono l’idioma ma devono perfezionarlo. La frequenza – prosegue il direttore della Scuola – non è obbligatoria ma è chiaro che aiuta per la preparazione all’esame di lingua C1-Medico. Questo certificato è necessario per il passo successivo: ottenere il riconoscimento della laurea italiana da parte di un ufficio preposto. L‘esame consiste in una prova scritta e orale, una anamnesi del paziente, la presentazione del caso clinico davanti ai colleghi e la redazione di una lettera di dimissioni”.

Non sempre i giovani laureati che cercano fortuna in Germania conoscono già il tedesco. “Abbiamo due tipologie di studenti – prosegue – chi ha già un certificato B2-Tedesco e chi parte da zero o quasi. Va ricordato che C1-Tedesco è l‘ultimo livello prima del ‘madre lingua’. Se uno ha già un B2 per arrivare ad un C1 deve frequentare 4-600 ore di lezioni, quantificabili con 8 ore al giorno, diciamo dai 2 ai 3 mesi e mezzo. Se si parte da zero invece si può arrivare ad un livello B1 in 6 mesi di studio e al C1, lavorando sodo, con un anno”.

I corsi dell’Internationales Sprachzentrum Dialogo sono tenuti da docenti accreditati dal ministero e certificati da continui aggiornamenti. “Noi invitiamo anche degli ospiti – racconta Andreocci – medici tedeschi che raccontano la loro prospettiva, come vedono i colleghi stranieri. Non ci sono solo italiani, ma chi frequenta la nostra scuola arriva da tutto il mondo. I non europei specialmente da Asia e Sudamerica. Questi devono fare anche un esame ulteriore di conoscenze mediche. Questo, come dicevamo, perché il ministero tedesco si fida di più degli atenei italiani (europei). Il 75% di chi ha frequentato il nostro istituto ha trovato lavoro abbastanza presto, indipendentemente dal campo di specializzazione. Poi c’è un 25% che ha trovato difficoltà con la lingua o con la vita in Germania”.

Il giovane medico che entra nel mondo professionale tedesco è considerato da subito “medico a tutti gli effetti – riporta un documento del Segretariato italiano giovani medci (Sigm) – e quindi responsabilizzato, pur all’interno di una organizzazione gerarchica, che in Germania, a differenza che in Italia, esiste ancora e che distingue tra ‘Assistenzarzt’ (medico assistente) ‘Oberarzt’ (medico capo reparto) e ‘Chefarzt’ (primario). Ma è tutto oro quello che luccicca? ”Qui in Germania la situazione dei piccoli ospedali non è buona, spesso le strutture si riuniscono in gruppi e non è raro per i medici ritrovarsi in cassa integrazione – avverte Davide Civita – Il lato positivo? sono le retribuzione, qui i medici arrivano a prendere il doppio rispetto all’Italia. Ma si lavora anche di più e con molte più responsabilità anche se sei uno specializzando. Si eseguono molte più operazioni, spesso lavoro anche in medicina d’urgenza e la notte sono solo’Le difficoltà? ‘Il fatto che in Germania gli ospeldai posso fallire – ricorda il medico – quindi si deve sempre avere un piano B. Fare colloqui e essere sempre pronto a nuove esperienze. Poi la burocrazia, per qualsiasi cosa si devono presentare molte carte; le tasse molto alte e un poi il clima, a volte può essere davvero ostico“.

Ad inizio settembre la Sigm ha promosso una manifestazione a piazza Montecitorio per #GioveniMediciDay . Proteste e appelli per risolvere le problematiche di un percorso post laurea assai tortuoso e che condiziona l’ascesa professionale di tanti ragazzi. La Conferenza delle Regioni, come ha spiegato in una recentissima seduta Antonio Saitta, coordinatore della Commissione Salute della Conferenza, ha preso in carico il problema. ”Dobbiamo lavorare con il Governo per prevedere l’accesso dei medici al Servizio sanitario nazionale anche subito dopo la laurea e l’abilitazione, quindi anche senza specializzazione. A tal riguardo peraltro è in discussione in Parlamento un disegno di legge delega che definisce alcuni precisi indirizzi su cui varrebbe la pena – ha concluso Saitta – riprendere il confronto magari in un organismo paritetico di indirizzo e coordinamento che coinvolga i diversi attori istituzionali interessati (Regioni, Ministero della salute e Miur)”. Il tempo corre e i camici bianchi con le valigie pronte aumentato di giorno in giorno.

di Francesco Maggi

fonte: http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2017/09/30/medico-scappo-germania-italia-mafia_hZYZg9kKMHeKzgFGURduKP.html?refresh_ce

Le uova italiane sono sicure, lo ha garantito qualche giorno fa il Ministro Lorenzin. E infatti ne siamo invasi! Non solo, ecco che spunta anche un nuovo pesticida… E ricordiamo che è lo stesso ministro che ha imposto 10 “sicurissimi” vaccini ai nostri figli!!

 

uova

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Le uova italiane sono sicure, lo ha garantito qualche giorno fa il Ministro Lorenzin. E infatti ne siamo invasi! Non solo, ecco che spunta anche un nuovo pesticida… E ricordiamo che è lo stesso ministro che ha imposto 10 “sicurissimi” vaccini ai nostri figli!!

La Ministra Lorenzin sul caso delle uova al Fipronil ha dato notizie false ed è stata smentita dai fatti (e dai Nas). Le sue bugie sono preoccupanti perché il Ministero in questione è quello della Salute, la nostra. La realtà è che le uova al Fipronil sono arrivate anche in Italia, nonostante le rassicurazioni della Lorenzin.

Infatti mentre lei dichiarava che le uova prodotte in Italia (ed i loro derivati) sono perfettamente sane, che le uova contaminate “non ci sono”“non ci sono casi in Italia”“abbiamo già fatto i controlli”, “le uova italiane sono sicure”, i controlli a tappeto sulle aziende produttrici italiane dicevano esattamente il contrario. Davanti all’evidenza dei fatti il Ministero della nostra Salute ha iniziato timidamente ad ammettere che alcune uova contaminate sono state trovate, ma provenivano dall’estero.

Nel frattempo però i Nas continuano il loro lavoro e si scopre che alcune aziende italiane hanno prodotto e distribuito uova al Fipronil. I sequestri, ad oggi, cifre alla mano, sono pari a oltre 90 mila kg di uova e siamo solo all’inizio.

(vedi fonte)

Non si fermano i ritiri e i sequestri di uova al fipronil in Italia e il lavoro degli Istituti zooprofilattici (soprattutto quello di Roma sulle uova e quello di Teramo sulla carne) prosegue in una sorta di lotta contro il tempo per cercare di togliere dal mercato i prodotti contaminati.

E dopo il fipronil ecco spuntare anche l’invermectina.

Di cosa si tratta? Di una classe di antiparassitari ad amplissimo spettro molto utilizzata (le avermectine), in grado di uccidere 85 specie diverse di parassiti dei mammiferi domestici, del pollame, dei pesci e delle piante. Il pericolo di questi pesticidi, è legato innazitutto alla lunga persistenza e agli effetti nell’ambiente. Escrete soprattutto con le feci degli animali sottoposti a trattamento, restano nell’ambiente per settimane e perfino per alcuni mesi dove divengono un pericolo per numerose specie di invertebrati.

(vedi fonte)

Ma di cosa Vi proccupate? Il Ministro Lorenzin ha già dichiarato che “non ci sono”“non ci sono casi in Italia”“abbiamo già fatto i controlli”, “le uova italiane sono sicure”…

Forse però è il caso di stare attenti alle uova. Ma o vaccini fateli ai vostri figli, anche perchè sono obbligatori. E comunque il Ministro Lorenzin ha garantito che sono “sicuri”… E se lo dice lei…

by Eles

“Niente vaccini monodose, le aziende non hanno interesse a produrli” …Non lo ha detto un manager di Big Pharma, l’ha detto in aula il nostro Ministro della Sanità… E credete ancora che questo decreto sia per la salute della gente e non per gli incassi delle lobby dei farmaci?

vaccini

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

“Niente vaccini monodose, le aziende non hanno interesse a produrli” …Non lo ha detto un manager di Big Pharma, l’ha detto in aula il nostro Ministro della Sanità… E credete ancora che questo decreto sia per la salute della gente e non per gli incassi delle lobby dei farmaci?

 

Ma questo decreto era per immunità di gregge e la salute dei cittadini o per gli incassi delle aziende farmaceutiche?
A noi il dubbio viene… E a voi?

Anche i Codacons sospetta qualcosa:

VACCINI MONODOSE: CODACONS CRITICA IL MINISTRO LORENZIN

SONO AZIENDE FARMACEUTICHE A NON VOLERLI. DA VACCINI UNIFICATI PROFITTI MILIARDARI PER INDUSTRIA DEI FARMACI

Dure critiche del Codacons al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che si è schierata oggi contro la possibilità di vaccini monocomponenti in Italia.
“L’unica verità è che sono le aziende farmaceutiche produttrici a non volere vaccini monocomponenti – spiega il presidente Carlo Rienzi – Questo lo hanno affermato le stesse industrie del farmaco, spiegando in modo inequivocabile come l’accorpamento di più vaccini permetta loro di fare profitti enormi e annullare la concorrenza nel settore. Non a caso l’ex Ministro della Sanità De Lorenzo è stato condannato in via definitiva per aver intascato una tangente da 600 milioni di lire dopo aver unificato due vaccini su richiesta di una casa farmaceutica”.
“Contrastare il vaccino monocomponente equivale a favorire le industrie del farmaco a totale svantaggio delle famiglie, aumentando le sostanze tossiche iniettate nei bambini ed impedendo in modo violento ai genitori di scegliere quali vaccinazioni somministrare ai propri figli” – aggiunge Rienzi.
E che l’accorpamento dei vaccini sia un business miliardario lo afferma in modo chiaro il Direttore della Glaxo SmithKline, Jean Stèphane, nel video pubblicato sul web alla pagina www.youtube.com/watch?v=TJWIINm52v0 dove spiega come la combinazione di più vaccini faccia arricchire le aziende farmaceutiche a danno della concorrenza.

da: https://codacons.it/vaccini-monodose-codacons-critica-ministro-lorenzin/

Ma VOI veramente pensate di votare ancora questa gente?

by Eles

 

 

La Cassazione rigetta ricorso del padre di un minore autistico: non provato il nesso tra vaccini e autismo. Tutti i Tg riportano la notizia con tanto di Lorenzin che esulta… Ma dove erano i Tg tutte le volte che la Magistratura HA CONDANNATO il Ministero?

Cassazione

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

La Cassazione  rigetta ricorso del padre di un minore autistico: non provato il nesso tra vaccini e autismo. Tutti i Tg riportano la notizia con tanto di Lorenzin che esulta… Ma dove erano i Tg tutte le volte che la Magistratura HA CONDANNATO il Ministero?

 

E’ notizia di ieri, 25 luglio, che la Suprema Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso di un padre di un minore autistico che chiedeva un risarcimento al ministero della Salute ipotizzando il nesso causale tra #vaccini e autismo stesso. La sesta sezione civile non ha infatti riscontrato una relazione certa tra la somministrazione e l’invalidità successiva. Il ministro #Lorenzin ha dichiarato che dopo la smentita della scienza sull’argomento, anche la legge finalmente ne ha preso atto. Tuttavia pesano quelle sentenze di opposta visione nelle quali il ministero è stato condannato a risarcire chi sosteneva che ci fosse invece una relazione tra vaccini e deficit neurologici.

Legame vaccini, autismo e danni cerebrali, ecco le cause perse dal ministero

Se entro agosto il ministero della salute non pagherà il risarcimento ad Agrigento di 250 mila euro, sarà commissariato: e il Codacons si prepara.

Nel dibattito sulla libertà di scelta contro il decreto Lorenzin, cioè quello che impone l’obbligo di vaccinazione pena l’esclusione dalla scuola materna e dal nido, uno dei temi maggiormente discussi è quello del nesso causale tra vaccini e danni indotti da essi. Il nesso causale, cioè a cosa segue cosa, è anche il principio che regola la giustizia. Questo vuol dire che se un tribunale condanna il ministero a risarcire una persona che a seguito di una vaccinazione ha sviluppato un danno cerebrale, significa che il tribunale ha stabilito, al di là di ogni ragionevole dubbio, che al vaccino è seguita la malattia.

La sentenza più recente in Sicilia, 250 mila euro ad un ragazzo di Agrigento

Sentenze alla mano, l’ultima in termini di tempo è quella che a fine giugno ha visto il ministero della salute perdere dinanzi al TAR.

La storia vede un ragazzo di Agrigento sottoporsi al vaccino tetravalente nel 2000. Nel 2014 il tribunale aveva stabilito un nesso causale tra #Autismo sviluppato dal ragazzo e vaccino. Aveva anche liquidato il risarcimento stabilendo che il ministero doveva pagare alla famiglia del ragazzo 250 mila euro. Non sembra che il ministero ad oggi abbia ottemperato al debito, o almeno sugli organi di stampa non se ne fa menzione. Se non lo farà entro la fine di agosto con tutti gli interessi si procederà con il commissariamento ad acta.

A Milano il ministero non impugna la sentenza, non si andrà in appello. Altra causa persa

Un’altra storia arriva da Vigevano, dove il ministero della salute ha scelto di non ricorrere in appello, cioè in sostanza si attiene alla decisione del tribunale. La causa riguardava una donna, oggi 42enne, che all’età di 6 mesi era stata vaccinata con il tetravalente.

Successivamente aveva sviluppato un’encefalopatia con crisi epilettiche. Il suo avvocato, Giuseppe Romeo, dopo tutti questi anni, è riuscito a stabilire un nesso causale tra quel vaccino e la malattia, dato che i rischi si conoscevano ma la famiglia non era stata informata adeguatamente.

Il Codacons istituisce il numero telefonico sui vaccini e prepara un esposto contro l’Aifa

Sul sito dell’associazione consumatori si legge oggi 18 luglio, dell’istituzione di numeri telefonici ad hoc per la corretta informazionealle famiglie. Il Codacons sottolinea di non essere affatto contro i vaccini, ma contro la mancanza di informazioni esaustive. Dal lunedì al venerdì esperti e legali risponderanno alle domande dei cittadini. Dalle pagine de La Stampa, il Codacons si rifà proprio alla sentenza di Milano per sottolineare come le informazioni emanate dall’Agenzia Italiana per il farmaco non siano chiare ed esaustive, dato che la sentenza ha riconosciuto proprio questo vizio nel prendere la propria decisione.

Per questo il Codacons annuncia un nuovo esposto alla magistratura. Secondo la banca dati europea, infatti, sarebbero più di 8.000 i casi di sospette reazioni avverse tra il 2012 e il 2017.

Non tutte le cause finiscono con una condanna

La comunità scientifica si oppone al nesso di causa effetto tra vaccini danni cerebrali, e diverse sentenze seguono questo orientamento. Solo poche settimane fa infatti la procura di Trani ha archiviato un esposto relativo a due bambini autistici, il cui legale sosteneva la causalità tra malattia e vaccini. C’è invece attesa di nuovo a Milano dove tra pochi mesi ci sarà l’appello contro la sentenza di primo grado che aveva riconosciuto ad un bambino autistico vaccinato con l’esavalente un vitalizio.

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sugli argomenti che ti stanno a cuore e ricevere tutte le news di questo autore, clicca sul tasto SEGUI che vedi in alto accanto al nome. E se ti è piaciuto l’articolo vota con le stelle e lascia un commento, ci aiuterai a far sentire ancora di più la nostra voce. #decreto Lorenzin

 

fonte:

http://it.blastingnews.com/cronaca/2017/07/case-farmaceutiche-corrompono-medici-per-esperimenti-illegali-e-vendite-farmaci-001861489.html

http://it.blastingnews.com/cronaca/2017/07/legame-vaccini-autismo-e-danni-cerebrali-ecco-le-cause-perse-dal-ministero-001852989.html

L’Aifa pubblica il rapporto biennale sulle segnalazioni di “eventi avversi” ai vaccini. Il rapporto era già stato anticipato dal Codacons qualche giorno prima, ma nel frattempo sono misteriosamente “sparite” 4.120 segnalazioni…!!

Aifa

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Leggi anche:

Il Codacons denuncia il Ministro Lorenzin: non ha tenuto conto dei gravissimi dati sui Vaccini, riportati nel rapporto dell’Agenzia Italiana del Farmaco!

Vaccini: il Codacons rende pubblici i dati dell’Aifa sulle reazioni avverse (22.000 casi in 3 anni!) e denuncia il Ministro Lorenzin per abuso d’ufficio, omesso controllo e favoreggiamento alle case farmaceutiche!!

L’Aifa pubblica il rapporto biennale sulle segnalazioni di “eventi avversi” ai vaccini. Il rapporto era già stato anticipato dal Codacons qualche giorno prima, ma nel frattempo sono misteriosamente “sparite” 4.120 segnalazioni…!!

 

 

Aifa pubblica il rapporto biennale già condiviso da Codacons, scomparse le 4.120 segnalazioni di eventi avversi

Sul sito dell’AIFA da oggi potrete trovare il famoso rapporto biennale postmarketing sui vaccini.

SPARITE LE 4.120 SEGNALAZIONI DI EVENTI AVVERSI (NEL RAPPORTO OSMED 2015 ERANO 7.890; NEL RAPPORTO POSTMARKETING APPENA USCITO SONO 3.772, SEMPRE RIFERITE AL 2015)”.

Ovviamente in maniera mesta , gli addetti ai lavori AIFA non hanno esistato a condividerlo senza correggere almeno qualcosa; questo grazie al Codacons ed al suo operato del quale noi tutti rendiamo grazie. Ma siamo solo noi a pensarla in questa maniera? Assolutamente no e di seguito, riportiamo le considerazioni del dr.Fabio Franchi il quale ringraziamo per la sua collaborazione.

“Le cifre sono agghiaccianti nonostante l’Agenzia Giornalistica Italiana, si è affrettata a riportare dichiarazioni rassicuranti che riporto più sotto. Meno male. Eravamo preoccupati. Per fortuna c’è stato un grosso calo di segnalazioni di eventi avversi e questi probabilmente non hanno nessun rapporto causale con le vaccinazioni.

Nel giro di due anni si sono addirittura dimezzate: sono passate da 7.890 a 3.772, sempre nello stesso anno, il 2015. Non avete letto male: sono infatti sparite 4.120 segnalazioni di eventi avversi (nel rapporto OSMED 2015 erano 7.890; nel rapporto postmarketing appena uscito sono 3.772, sempre riferite al 2015)”.

VACCINI: AIFA, IN 2 ANNI SEGNALATI 78 MORTI MA NO CORRELAZIONE (AGI)

– Roma, 1 giu. – Nel biennio 2014-15 sono giunte all’Agenzia del Farmaco oltre 12mila segnalazioni di altrettante sospette reazioni avverse ai vaccini, con 78 decessi. È quanto si legge nel report di sorveglianza dell’Aifa, pubblicato oggi, che indica un trend in calo nei due anni, gli ultimi disponibili: nel 2014 le presunte reazioni avverse erano 8.873 con 69 decessi, nel 2015 sono state 3.772 con 9 morti. Ovviamente, specifica l’Aifa, «le reazioni avverse segnalate» rappresentano «dei sospetti, e non la certezza di una relazione causale tra prodotto medicinale (vaccino) ed evento avverso». Soprattutto nel caso dei decessi, la correlazione è solo temporale (il soggetto è morto poco dopo la somministrazione di un vaccino) ma in tutti i casi c’erano situazioni pregresse sufficienti a spiegare il decesso. Nel 2014 il vaccino con più segnalazioni è stato quello contro il morbillo (5.217 presunti eventi avversi), mentre l’anno dopo prevalgono i vaccini meningococcici (1.135 segnalazioni). Le reazioni considerate più gravi (decessi compresi) sono state in tutto 940 nel 2014 e 535 nel 2015. Quanto ai decessi, 67 dei 69 casi segnalati nel 2014 riguardano anziani, con età media 83 anni, vaccinati contro l’influenza (tranne uno vaccinato con antipmeumococco, a cui si aggiungono due bambini di 2 e tre mesi, entrambi vaccinati con esavalente e antipneumococco 13. In nessuno di questi casi è stato accertato un nesso causale con il vaccino. I due bimbi, in particolare, si sospetta siano stati colpiti dalla Sids, ossia la sindrome della morte in culla. Nel 2015 si sono registrati 6 decessi tra adulti (tutti vaccinati contro l’influenza, e tutti tra i 77 e i 92 anni) e tre tra i bambini (2 mesi, 2 mesi e 13 anni). Anche in questi casi i decessi vengono considerati non correlabili ai vaccini. (AGI) Pgi 011741 GIU 17

 

fonte: http://www.vacciniinforma.it/2017/06/02/aifa-pubblica-il-rapporto-biennale-gia-condiviso-da-codacons-i-dati-sono-agghiaccianti/5188

Il Codacons denuncia il Ministro Lorenzin: non ha tenuto conto dei gravissimi dati sui Vaccini, riportati nel rapporto dell’Agenzia Italiana del Farmaco!

Ministro Lorenzin

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Il Codacons denuncia il Ministro Lorenzin: non ha tenuto conto dei gravissimi dati sui Vaccini, riportati nel rapporto dell’Agenzia Italiana del Farmaco!

 

Vaccini, il Codacons denuncia Lorenzin: non ha tenuto conto del rapporto Aifa

Il Codacons denuncia Beatrice Lorenzin in merito alla questione vaccini: il Ministro non ha tenuto conto dei gravi dati riportati nel rapporto dell’ Agenzia Italiana del Farmaco. La Procura di Roma dovrà accertare se a Lorenzin sia stato illustrata la relazione dell’ Aifa prima che venisse approvato il decreto sull’ obbligatorietà vaccinale per i bambini da 0 a 6 anni. In caso questo risulti comprovato, il Codacons chiede che si proceda contro il Ministro per omissione di atti d’ ufficio. I dati di cui parla il coordinamento per la difesa dei diritti degli utenti verranno presentati il 30 maggio nel corso di una conferenza stampa presso lo Stadio Domiziano, a cui sono chiamate a partecipare alcune famiglie italiane contrarie al decreto sugli obblighi vaccinali. Il Codacons ci ha tenuto a precisare che l’ associazione non è contraria ai vaccini, ma al nuovo decreto e pretende trasparenza da parte delle istituzioni. Una delegazione consegnerà al Capo dello Stato Sergio Mattarella e al Presidente del Senato Pietro Grasso il rapporto segreto dell’ Aifa poco prima della conferenza prevista per mezzogiorno e mezza. Tags: lorenzin vaccini codacons aifa salute.

fonte: https://codacons.it/vaccini-codacons-denuncia-lorenzin-non-tenuto-conto-del-rapporto-aifa/