L’Italia – lo strano Paese dove nessuno si suicida più, ma la popolazione è decimata dal Morbillo… O almeno così ci fanno credere i media del Regime…

Morbillo

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

L’Italia – lo strano Paese dove nessuno si suicida più, ma la popolazione è decimata dal Morbillo… O almeno così ci fanno credere i media del Regime…

Avete notato che in Italia non si suicida più nessuno? Da quando? Dagli ultimi dati di due anni fa quando i disastri del Governo Renzi portarono la gente alla disperazione!

Quindi i media di Regime hanno deciso, per dare una mano al cazzaro di stato, di uccidere ancora una volta i 350 DISPERATI CHE OGNI MESE SI AMMAZZANO IN ITALIA.

350 al mese, ma per i media NIENTE DI NIENTE…!

Ma in fondo che sono 350 morti al mese di fronte alla più sanguinosa epidemia della storia, in confronto alla quale la Manzoniana Peste era solo un gioco: IL MORBILLO!!

Per i media il MORBILLO sta devastando l’Italia… Non li vedete intorno a voi? Di continuo in strada, proprio intorno a voi, c’è gente che stramazza al suolo stroncata da un attacco acuto di Morbillo. Interi paesi azzerati. La popolazione decimata…

È quello che ci dicono i media perchè chi di dovere deve compiacere le lobby del Farmaco, Glaxxo in primis, e meritarsi i Rolex che ostentano.

Orwell quando si inventò il Grande Fratello di “1984” era solo un ingenuo…

Continuate così… Continuate a farvi prendere per il culo…

(N.b. i casi di Morbillo di questo 2017 sono in linea con la media degli ultimi 10 anni)

by Eles

Esempio di notizia che IL REGIME ha vietato di diffondere:

LAVORATORE ITALIANO LICENZIATO DALLA DITTA, SI IMPICCA (LASCIA MOGLIE E 2 FIGLI)

BRESCIA – Un quarantenne bresciano si e’ tolto la vita all’interno dell’azienda che proprio pochi giorni fa lo aveva licenziato. Avrebbe dovuto lasciare il lavoro a fine mese anche se non sembra ci sia solo questo alla base del tragico gesto. L’uomo ha infatti lasciato un biglietto dove spiegherebbe di essersi suicidato perche’ in crisi con la moglie. Era padre di due figli, un maschio di 16 anni e una bambina di otto. E’ accaduto a Villanuova sul Clisi, in provincia di Brescia. L’uomo si e’ impiccato prima delle otto di questa mattina ed e’ stato trovato dai colleghi. Tuttavia, sono in aumento i gesti disperati di italiani che perdono il lavoro e vengono abbandonati dalle istituzioni pubbliche, invece prodighe di denaro e aiuti concreti nei confronti degli africani che continuano ad essere portati in italia dalla Libia. Nel 2017 il governo Pd ha stanziato almeno 4,5 miliardi di euro per loro. Solo per loro.

Il disastro in Val d’Agri che Eni, Politica e Media stanno disperatamente tentando di censurare!

 

Val d’Agri

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Il disastro in Val d’Agri che Eni, Politica e Media stanno disperatamente tentando di censurare!

 

Il disastro di ENI in Val d’Agri: composti cancerogeni nelle falde ben oltre il COVA

Vi alleghiamo alcune analisi pubblicate marginalmente, come sempre, sul sito della Regione Basilicata. Arpab in alcuni piezometri fuori il COVA rileva sforamenti da: manganese, ferro, sommatoria policiclici aromatici, benzopirene, dibenzo – antracene, indeno pirene, dicloroetilene, benzofluorantene ed altro. Sostanze cancerogene e tossiche ad ampio spettro, ma questo non lo dicono. Manca la georeferenziazione dei dati, le profondità, la modellistica di dispersione in falda, insomma difronte al disastro ambientale sta uscendo fuori tutta la miseria della regione Basilicata.

La barriera idraulica pare argini solo un versante del COVA, e non sapendo come sono fatte le falde non si conosce esattamente ancora la dinamica della contaminazione e la sua profondità, nonchè entità visto che Arpab non rileva tutte le sostanze che dovrebbe rilevare, infatti manca la ricerca di decine e decine di inquinanti previste per legge ed altre a scopo precauzionale

L’Arpab  solo adesso inizia a riportare in maniera sistemica e precisa, dopo 19 anni di omissioni, il giudizio di non conformità dei campioni, e nessuno spiega come sia naturalmente spiegabile, come i tenori di ferro e manganese arrivino in alcuni campioni a 13mila o 3300 mcg/l, superando di decine di volte la soglia di legge, prova che ferro e manganese non sono sempre contaminanti esclusivamente naturali come dicono da anni politici e tecnici proni alla politica. E chi inquina sa come giocare con i limiti di legge e con la presuntà “petrogenicità” dei metalli abbondanti in falda.

Ciò che la Regione Basilicata sta mettendo in campo è sempre sottodimensionato rispetto al problema: il disastro è più esteso e pericoloso di quello che ci stanno comunicando e le contromisure messe in campo sono comunque insufficienti. Come Cova Contro ci sentiamo di dire soprattutto alla popolazione locale, di consumare solo previa estesa, imparziale ed accreditata analisi i prodotti locali, dall’acqua agli alimenti, perchè le istituzioni locali non sono tecnicamente in grado di dirlo in maniera accurata, nè libere dal comunicare esiti gravi. Diffidate da chi, pezzo del sistema e finto oppositore, asserisce il contrario, tradendo il proprio territorio. E poi chi aiuta Arpab nelle analisi? L’Ispra, guidata da un condannato, amico storico del PD lucano, che collabora con ENI in altri progetti ambientali.

 

fonte: http://analizebasilicata.altervista.org/blog/il-disastro-di-eni-in-val-dagri-composti-cancerogeni-nelle-falde-ben-oltre-il-cova/

Trovo a dir poco vergognoso che una notizia del genere sia del tutto ignorata dai nostri media: L’ITALIA È CAMPIONE DEL MONDO DI CALCIO A 5 PER RAGAZZI CON SINDROME DI DOWN

CAMPIONE DEL MONDO

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Trovo a dir poco vergognoso che una notizia del genere sia del tutto ignorata dai nostri media: L’ITALIA È CAMPIONE DEL MONDO DI CALCIO A 5 PER RAGAZZI CON SINDROME DI DOWN

E’ successo alcuni giorni fa. Ma tg e giornali non ne hanno parlato affatto, dando precedenza a notizie di “maggior peso” come le beghe dell’isola dei famosi… Una bellissima notizia, offuscata però dal vergognoso comportamento dei media!

Leggiamo da deejay.it:

TUTTO VERO: L’ITALIA È CAMPIONE DEL MONDO DI CALCIO A 5 PER RAGAZZI CON LA SINDROME DI DOWN

“Abbracciamoci forte e vogliamoci tanto bene”: l’Italia del calcio è di nuovo campione del mondo. Non stiamo parlando della Nazionale di Buffon, Bonucci e Belotti, ma di una squadra ancora più speciale: quella di calcio a cinque formata da ragazzi affetti dalla sindrome di Down.

Gli azzurri della Fisdir – Federazione Italiana Disabilità Intellettivo Relazionale – hanno battuto in finale il favoritissimo Portogallo con un secco 4-1, con tripletta di Riccardo Piggio e la firma di Marco Sfreddo.

“Che bello vederli giocare a calcio – ha dichiarato a Torino Sportiva il tecnico Roberto Signoretto, allenatore degli azzurri insieme a Gianluca Oldani edEdoardo Scopigno – Vincere il mondiale è stata la classica ciliegina sulla torta, un’emozione immensa, ma soprattutto un evento che garantirà l’ulteriore sviluppo del nostro settore calcistico riservato ad atleti con sindrome di Down. I ragazzi sono stati magnifici, il gruppo unito fin da subito alla ricerca di un risultato importante, che ci eravamo prefissati alla vigilia e che siamo riusciti con forza a raggiungere. Sono orgoglioso dei miei ragazzi”.

I primi Mondiali di Calcio FIFDS si sono tenuti dall’8 al 15 aprile 2017 a Viseu, in Portogallo. Oltre alla gloria del primo posto, l’Italia si è aggiudicata due premi individuali: Francesco Leocata miglior portiere del torneo, e Riccardo Piggio miglior marcatore con 7 reti, 3 delle quali hanno deciso la finalissima contro i padroni di casa lusitani.

Ecco i nomi dei campioni del mondo: Francesco Leocata, Marco Fasanella, Luca Magagna, Davide Vignando, Cristian Palaia, Simone Di Giovanni, Carmelo Messina, Marco Sfreddo, Matteo Simoni, Riccardo Piggio, Amedeo Alessi, Luca Casciotti.

Dopo il trionfo sul campo, negli spogliatoi è scattata la festa per tutta la squadra.

Guardate QUI

fonte: http://www.deejay.it/news/tutto-vero-litalia-e-campione-del-mondo-di-calcio-a-5-per-ragazzi-con-la-sindrome-di-down/519354/