La fantastica ricetta con cui l’Islanda ha sconfitto la crisi: politici capaci, lasciate fallire le banche, sbattuti in galera i banchieri responsabili, rimborsata la gente con i soldi ricavati vendendo una banca, niente austerità!

 

Islanda

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

La fantastica ricetta con cui l’Islanda ha sconfitto la crisi: politici capaci, lasciate fallire le banche, sbattuti in galera i banchieri responsabili, rimborsata la gente con i soldi ricavati vendendo una banca, niente austerità!

 

Ancora una volta ci troviamo a raccontare quanto accade in Islanda, dove i banchieri finiscono in prigione (anziché essere salvati dal governo) e l’austerità viene rifiutata.
I risultati di questa strategia anti-sistema sono ottimi, tanto è vero che la crisi è scomparsa e la popolazione islandese – dopo un periodo molto difficile – è tornata a vivere nel benessere, come riporta un articolo di Vox.com tradotto in italiano dalla redazione di Comedonchisciotte.
Ieri (2 anni fa – Ndr) il primo ministro islandese, Sigmundur Gunnlaugsson, ha annunciato il piano che costituisce essenzialmente il capitolo conclusivo della strategia adottata dal suo paese per la gestione della crisi finanziaria – un approccio che deviava parecchio dalle preferenze delle élite finanziarie globali e che ha funzionato piuttosto bene. Invece di abbracciare l’ortodossia dei salvataggi bancari, dell’austerità e della bassa inflazione, l’Islanda ha fatto esattamente l’opposto.
E nonostante la sua economia fosse stata colpita dalla crisi bancaria forse più duramente di qualsiasi altra nel mondo, ciò non ha avuto una ripercussione poi così grande sull’occupazione che comunque è stata oggetto di una grande ripresa.
Quanto grande? Bè, è sufficiente paragonare l’evoluzione del tasso di disoccupazione in Islanda con ciò che è successo in Irlanda, il fiore all’occhiello delle Persone Molte Serie. Oppure effettuate un paragone con gli Stati Uniti.
Come ci sono riusciti?
Lasciare che le banche falliscano
Per iniziare, piuttosto che affannarsi a mobilizzare risorse pubbliche per assicurarsi che le banche non venissero meno alle proprie obbligazioni, l’Islanda ha lasciato che le banche fallissero. I dirigenti della banca più importante del paese sono stati perseguiti penalmente e sono finiti in prigione (v. seguito articolo).
Rigettare l’austerità.
Nonostante ciò, l’Islanda venne colpita da una grave recessione che diede luogo ad una crescita incontrollata del rapporto tra debito e PIL. Ma anche dopo diversi anni di costante incremento, il governo non cedette al panico. Decise invece di dare priorità alla ripresa. E quando la ripresa era ormai stata avviata e il rapporto debito – PIL aveva iniziato a ridursi, il governo fece in modo che si riducesse in modo graduale.
Svalutare e accettare l’inflazione.
Non esistono pasti gratis nella vita, e nessun paese si riprende da una grave recessione senza poter evitare che accadano anche delle brutte cose. Ma mentre la maggior parte dei paesi sviluppati ha subito anni di disoccupazione insostenibilmente elevata abbinata ad un’inflazione esageratamente bassa, l’Islanda ha fatto il contrario. Ha lasciato che il valore della propria moneta sprofondasse, il che ha condotto naturalmente a prezzi più alti.
Il risultato di ciò è stato un rapido riguadagnare terreno nei mercati internazionali delle industrie esportatrici del paese. La disoccupazione è salita, ma si è poi fermata ad un modesto 7,6% prima di scendere in modo costante fino a raggiungere livelli molto bassi. Negli Stati Uniti e in Europa, la priorità è stata data ad al mantenimento di una inflazione bassa al fine di proteggere i patrimoni dei benestanti. L’Islanda ha dato invece priorità all’occupazione ed è stata una scelta che ha funzionato.
Imporre controlli temporanei sui movimenti di capitale
In un contesto di insolvenze bancarie e valute che sprofondano, il governo islandese ha ritenuto necessario l’imposizione di un’ulteriore misura – i “capital controls”, ossia regolamentazioni che limitano l’abilità dei cittadini islandesi di portare fuori dal paese il loro denaro. Questo rappresenta una seria violazione dell’ortodossia del libero mercato. Costituisce inoltre una grossa scocciatura per le persone normali nelle loro attività ordinarie nonché un ostacolo alla creazione di nuove imprese. In alcuni paesi come l’Argentina questo tipo di controlli sul capitale ha incoraggiato il diffondersi di corruzione e malaffare.
Questo ha portato alcuni a concludere che non importa quanto bene possano funzionare da un punto di vista economico le politiche eterodosse, poiché esse sono destinate in definitiva al fallimento sul piano politico.
L’Islanda è prova del fatto che questo non è il caso. Azzeccare la giusta politica è difficile, ma può essere fatto. E il vantaggio che deriva dal fare la cosa giusta – svalutare in modo massiccio la moneta, imporre controlli ai movimenti di capitale per limitare le conseguenze negative e poi terminare i controlli una volta che l’economia si è ripresa – può essere enorme. L’Islanda ha trascorso 7 o 8 anni difficili, ma lo stesso vale per tanti altri paesi. Adesso però le cose stanno iniziando ad assumere un aspetto positivo perché i leader del paese hanno avuto la saggezza di rigettare gli elementi di quella saggezza convenzionale e compiaciuta di sé che altrove hanno dato prova di essere così nocivi.
fonte: http://siamolagente2.altervista.org/fantastica-islanda-mette-i-banchieri-in-prigione-rifiuta-lausterita-e-cosi-supera-la-crisi-sara-perche-i-loro-politici-non-sono-degli-incapaci-che-pensano-solo-ai-cazzi-loro-e-che-i-loro-m/

La civiltà? Islanda: prima hanno sbattuto in galera i banchieri che hanno provocato la crisi, ora rimborsano la gente con i soldi ricavati vendendo una banca !!

DI CLAIRE BERNISH – theantimedia.org

Per cominciare l’Islanda ha sbattuto in galera i banchieri corrotti per il loro diretto coinvolgimento nella crisi finanziaria del 2008.

Ora tutti gli Islandesi riceveranno una rendita dalla vendita di una delle tre più grandi banche d’Islanda, Islandbanki.

Se il Ministro delle Finanze Bjarni Benediktsson riuscirà nel suo intento – e probabilmente ce la farà – gli Islandesi riceveranno 30.000 corone dopo che il governo prenderà possesso della banca. Islandbanki diventerà la seconda delle tre più grandi banche sotto il controllo dello stato.

“Sto semplicemente dicendo che il governo prenderà una data porzione, il 5%, e semplicemente la distribuirà alla gente di questa nazione”, ha affermato.

Dato che gli Islandesi hanno preso il controllo del loro Governo, effettivamente controllano le banche. Benediktsson crede che ciò porterà capitale straniero nella nazione e infine spingerà l’economia – la quale, tra l’altro, è l’unica ad essersi totalmente ripresa dalla crisi del 2008. L’Islanda è persino riuscita a ripagare in toto il suo enorme debito al FMI – in anticipo rispetto alla data prevista.

Guðlaugur Þór Þórðarson, vicecapo della Commissione sul Budget, ha spiegato che questa manovra faciliterà l’alleggerimento del controllo dei capitali, benché non fosse convinto che il controllo statale fosse la soluzione più ideale. L’ex Ministro delle Finanze Steingrìmur J. Sigfùsson è dalla parte di Þórðarson, sostenendo in uno show radio “non dovremmo lasciare le banche nelle mani di folli” e che l’Islanda beneficerà da un cambio di vedute separando “le banche commerciali da quelle d’investimento”.

I piani non sono ancora stati preparati con precisione per quando avverranno la presa di possesso e il conseguente pagamento a tutti i cittadini, ma l’approccio rivoluzionario dell’Islanda al crollo finanziario mondiale del 2008 di certo merita tutta l’attenzione che si è guadagnato.

L’Islanda ha di recente sbattuto in galera il suo ventiseiesimo banchiere – 74 anni di detenzione sommando tutte le pene comminate – per aver causato il caos finanziario. I banchieri criminali statunitensi sono stati ricompensati per le loro frodi e le manipolazioni del mercato con un enorme salvataggio a spese dei contribuenti.

Claire Bernish

…………………..

Fonte: http://theantimedia.org/

29.10.2015

fonte: http://siamolagente2.altervista.org/la-civilta-islanda-prima-hanno-sbattuto-in-galera-i-banchieri-che-hanno-provocato-la-crisi-ora-rimborsano-la-gente-con-i-soldi-ricavati-vendendo-una-banca/

Il governo se ne frega dell’ambiente e nasconde i dati delle emissioni inquinanti

ambiente

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Il governo se ne frega dell’ambiente e nasconde i dati delle emissioni inquinanti

“Chi sta coprendo il Ministro Galletti con la sua omertà? L’Italia è l’unico Paese dell’Unione europa che non ha ancora comunicato alla Commissione i dati sulle emissioni inquinanti del 2015. Sul sito dell’E-Prtr, il Registro europeo del rilascio e trasferimento degli inquinanti, mancano i dati dell’Italia. Galletti non li ha comunicati.

Il registro contiene, in modo trasparente, i dati pubblici delle emissioni inquinanti di 30 mila industrie europee e degli impianti che si trovano in Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Serbia e Svizzera. Abbiamo presentato una interrogazione alla Commissione Europea sul mancato rispetto di questa scadenza e sulle sue conseguenze.

I dati sulle emissioni comprendono quelli su anidride solforosa, ossidi di azoto e polveri sottili che uccidono migliaia di italiani ogni anno e sono necessari per capire se viene rispettato il piano nazionale di riduzione delle emissioni. Al Parlamento europeo, durante la discussione sulla revisione della Direttiva sulle Emissioni Nazionali, avevamo presentato un emendamento per l’introduzione di organismi indipendenti di controllo. Questo perché i dati non possono essere oggetti di manipolazioni e/o omissioni. Purtroppo i gruppi politici che fanno gli interessi dell’industria, a discapito della salute dei cittadini, lo hanno bocciato.

Durante la stessa discussione, è stato approvato, invece, un altro nostro emendamento che, come stabilito dalla Convenzione di Aarhus, favorisce l’accesso alle informazioni, la partecipazione dei cittadini e l’accesso alla giustizia in materia ambientale. Eppure, Galletti non rispetta le regole, se ne frega della partecipazione dei cittadini nei processi decisionali e non riesce neanche a presentare un’autocertificazione sui dati degli inquinanti che la vedono prima in UE sul numero morti premature. Con la sua incompetenza Galletti mette a rischio la salute di milioni di cittadini”.

di Ignazio Corrao e Piernicola Pedicini, Efdd – MoVimento 5 Stelle Europa

fonte: http://www.movimento5stelle.it/parlamentoeuropeo/2017/10/il-governo-se-ne-fre-1.html

Stop Glifosato anzi no. A che gioco gioca il governo italiano?

Glifosato

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Stop Glifosato anzi no. A che gioco gioca il governo italiano?

 

L’Italia dirà No al glifosato. Anzi forse dirà Sì a una nuova autorizzazione. Ma non per 10 anni come propone la Ue ma “di 5 anni”Euractiv, portale di informazione molto addentro alle questioni e agli equilibri politici di Bruxelles, cita fonti italiane vicine al dossier Glifosato che contraddicono le dichiarazioni dei ministri Martina e Lorenzin che hanno detto che il governo italiano voterà No alla proposta della Ue.

“L’Italia verso una licenza di altri 5 anni”

“La posizione dell’Italia in questo momento è per il No, ma il governo sta pensando al tempo necessario per adeguarsiQuindi, è possibile che possano sostenere un’estensione dell’uso dell’erbicida per altri cinque anni “, ha spiegato una fonte a Euractiv al Foro globale dell’alimentazione organizzata a Treviso.

Una posizione in linea con quanto dichiarato da Paolo De Castro, vicepresidente della Commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale: “Dobbiamo fidarci di quello che ci dicono le agenzie Ue (Efsa e Echa, ndr) e dobbiamo andare verso una più breve approvazione ad esempio di cinque anni“. E poi ha aggiunto: “Capisco che il ministro Martina si concentri su una posizione più vicina ai consumatori ma io sono all’Europarlamento, la situazione è diversa”.

Giovedì 25 ottobre si vota. (Forse)

Domani ci sarà un voto in plenaria al Parlamento europeo sulla posizione espressa giovedi della Commissione Envi che ha chiesto l’eliminazione del glifosato al massimo entro il 2020.

Giovedì invece saranno chiamati gli Stati membri a esprimersi sulla proposta della Ue sul rinnovo per altri 10 anni. È quasi sicuro che non ci sarà una maggioranza qualificata come chiesto dalla stessa Commissione e forse potrebbe invece consolidarsi – sempre che l’Italia mantenga la parola sul No – una minoranza (Francia più Italia) per bloccare il provvedimento. A quel punto la votazione dovrebbe aggiornarsi a novembre.

 

fonte: https://ilsalvagente.it/2017/10/23/stop-glifosato-anzi-no-a-che-gioca-gioca-il-governo-italiano/27319/

Manovra: ecco la ‘tassa’ di 10 euro su tutti i concorsi. Anche il Codacons contro questo ultima vergognosa vigliaccata di un governo che specula schifosamente sulla pelle di chi non può godere di un suo diritto come quello del lavoro!

Manovra

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Manovra: ecco la ‘tassa’ di 10 euro su tutti i concorsi. Anche il Codacons contro questo ultima vergognosa vigliaccata di un governo che specula schifosamente sulla pelle di chi non può godere di un suo diritto come quello del lavoro!

MANOVRA: ‘TASSA’ 10 EURO SU TUTTI CONCORSI SCUOLA

CODACONS: BALZELLO VERGOGNOSO. GOVERNO VUOLE FARE CASSA SU DIRITTO AL LAVORO

La tassa da 10 euro da applicare su tutti i concorsi relativi alla scuola, è per il Codacons un provvedimento immorale teso a far cassa speculando sul diritto al lavoro. Lo afferma l’associazione, commentando quanto contenuto in un articolo della Bozza della Legge di Bilancio.
“Si tratta di un balzello vergognoso – spiega il presidente Carlo Rienzi – Già oggi chi affronta un concorso nel settore della pubblica istruzione è costretto a sostenere costi ingenti tra testi di preparazione, trasporti, trasferimenti, alloggi in albergo, ecc. A ciò il Governo vorrebbe aggiungere una ulteriore tassa da 10 euro a candidato, di cui non si capisce francamente il senso né cosa la giustifichi. Al contrario sembra un mero espediente per permettere allo Stato di fare cassa, con l’aggravante di pesare su un diritto fondamentale dei cittadini: quello al lavoro”.
“Per tale motivo – prosegue Rienzi – contestiamo duramente il provvedimento e siamo pronti ad impugnarlo nelle sedi opportune se dovesse essere confermato”.

fonte: https://codacons.it/manovra-tassa-10-euro-tutti-concorsi-scuola/

Inquinamento – I morti di Basilicata e Puglia che non interessano al Governo: deve tutelare Eni, Marcegaglia, Ilva e Enel!

 

Inquinamento

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Inquinamento – I morti di Basilicata e Puglia che non interessano al Governo: deve tutelare Eni, Marcegaglia, Ilva e Enel!

 

Inquinamento, da Viggiano a Brindisi: i morti che non interessano alla politica

Per la terza volta nell’ultimo anno in Italia viene presentato uno studio epidemiologico sull’impatto degli inquinanti di alcune industrie senza che ne restino tracce importanti nel dibattito politico né sui giornali. È accaduto lo scorso novembre quando la Regione Puglia ha presentato il report sull’Ilva di Taranto, quello che dimostrava come ci fossero – ed è lecito pensare ci siano ancora – aumenti di malattie respiratorie tra i bambini e un incremento fuori scala dei tumori nei quartieri più vicini allo stabilimento siderurgico. Eppure il team guidato dall’epidemiologo Francesco Forastiereindicava senza esitazioni “una connessione diretta tra aumento della mortalità per tumore e per malattie cardiovascolari, respiratorie e i picchi di innalzamento della produzione della fabbrica, anche in epoca molto recente e successiva alle contestazioni” della magistratura.

Il problema è riemerso lo scorso giugno a Brindisi, sull’altra sponda della Puglia, dove insistono un grosso polo petrolchimicogestito da società del gruppo Eni e la centrale a carbone dell’Enelquella sequestrata – per altre vicende – due giorni fa. Lo stesso team di lavoro, sempre su incarico della Regione Puglia, ha stilato un rapporto preciso: negli scorsi anni c’è stato un “raddoppio delle leucemie” e si è registrato un “60 per cento in più di infarti per emissioni industriali”. Lo studio metteva in luce come la situazione fosse migliorata dal 2012 grazie alla chiusura di un’altra centrale a carbone, quella di Edipower. Così mentre il parroco di uno dei quartieri più colpiti ha rotto il silenzio durante il funerale di un dipendente di una delle aziende sotto accusa (“Dobbiamo parlare di inquinamento che troppi danni fa alla nostra comunità”, ha detto ad agosto don Cosimo Zecca), quel dato scientifico confinato al passato è stato utilizzato come grimaldello da alcuni sindaci della provincia per archiviare la pratica. Una mossa pilatesca.

Adesso è il momento di Viggiano e Grumento Nova, i due comuni lucani più vicini al Centro Oli dell’Eni, dove avviene la prima raffinazione del greggio estratto in Val d’Agri. Dati limpidi, purtroppo, e nessuna reazione politica, nonostante un anno e mezzo fa anche l’Istituto superiore di sanità avesse delineato un quadro a tinte fosche. Dopo oltre una settimana di silenzio, il “più in alto in grado” a parlare è stato il governatore regionale Marcello Pittella. Per dire, sostanzialmente, che forse sì-forse no e quindi meglio che approfondiscano i ministeri dell’Ambiente e della Salute. Dopo quattro-anni-quattro di lavoro da parte di 29 (ven-ti-no-ve) ricercatori italiani.

La questione Taranto era stata frettolosamente archiviata, riguardo a Brindisi e ai paesi lucani, invece, tutto è rimasto confinato alla stampa locale o ai dorsi regionali dei giornali nazionali. Sul sito del Fatto Quotidiano abbia dato ampio spazio in tutti e tre i casi, anche con inchieste e reportage prima che arrivassero i dati a sostanziare gli allarmi lanciati dalle popolazioni.

Chi continua a rimanere cieco – o semplicemente si gira dall’altra parte – quando gli studiosi di epidemiologia soffiano via la propaganda di parte e restano i dati, inoppugnabili, dei danni causati (anche da) quelle emissioni è la politica. Qualche sporadica interrogazione di parlamentari eletti in quei territori, qualche dichiarazione a denti stretti contro le grosse aziende che gestiscono gli impianti e via, tutti pronti a dimenticare.

Un giochino splendido. Così, quando interviene la magistratura, spesso si parla di strumentalizzazioni e di politica trascinata ad hoc nelle inchieste (leggi il caso Guidi). Quando invece si alza forte la voce di studiosi che impiegano anni per mappare quei territori ed escludere i fattori confondenti spesso usati per minare la credibilità dei report – chi ha dimenticato quando i tarantini divennero tabagisti e alcolisti di massa? – ai nostri prodi non resta che tergiversare o il silenzio. Lo stesso nel quale decine e decine di persone continuano ad ammalarsi e morire in quelle città abbandonate a loro stesse, nonostante le evidenze scientifichesuggeriscano che è arrivato il momento di iniziare a muoversi. Non sono più le nubi nere dell’inquinamento ad avanzare. È la politica a rimanere immobile.

 

fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/09/30/inquinamento-da-viggiano-a-brindisi-i-morti-che-non-interessano-alla-politica/3881141/

Ma avete capito cosa significa il CETA che le carogne del nostro Parlamento stanno approvando con tanto zelo? Per 250 prodotti Made in Italy non esisterà alcuna forma di tutela. Tra i prodotti del Sud solo 5 potranno avere la denominazione DOP e IGP. E poi il glifosato e il Made in China…

CETA

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Ma avete capito cosa significa il CETA che le carogne del nostro Parlamento stanno approvando con tanto zelo? Per 250 prodotti Made in Italy non esisterà alcuna forma di tutela. Tra i prodotti del Sud solo 5 potranno avere la denominazione DOP e IGP. E poi il glifosato e il Made in China…

Ceta: tutelati solo 5 DOP e IGP del Sud Italia. Slitta il voto al Senato

Il voto sul CETA al Senato è slittato al 27 giugno. Intanto, tra le tante preoccupazioni legate all’accordo commerciale Ue-Canada spunta anche un blocco di quasi 250 denominazioni Made in Italy del tutto escluse da forme di tutela. E i prodotti del Sud tutelati sono soltanto 5.

Completamente assenti DOP e IGP del Sud Italia

A sollevare il problema è Colomba Mongiello, vice presidente della commissione inchiesta sulla contraffazione, prima firmataria dell’interpellanza urgente in cui si chiede al ministro delle politiche Agricole Martina di sanare l’anomalia. Con Il Ceta andrebbero in fumo tutti i percorsi di lotta alla contraffazione e all’italian sounding messi in atto finora. D’altra parte, nei mesi scorsi, da più parti si era levato un coro di protesta, purtroppo mentre il Ceta approdava in Parlamento senza il dovuto clamore. Una riflessione è d’obbligo, adesso anche alla luce di questa discriminazione verso una serie di prodotti italiani che vanno dal pistacchio di Bronte al pomodoro San Marzano.

Ogni anno entrano in Italia prodotti alimentari ‘clandestini’ e ‘pericolosi’ per oltre 2 miliardi di euro, pari al 5% della produzione agricola nazionale. Di qui le trattative tra UE e Canada per proteggere da imitazioni anche i prodotti made in Italy, prospettando vantaggi commerciali reciproci e una maggiore sensibilizzazione dei consumatori ai prodotti di qualità. Il Ceta, approvato a Bruxelles, in attesa della ratifica dei Parlamenti nazionali, prevede la tutela di 69 DOP e IGP, sulle 367 registrate in Italia. Di queste appena 5 sono quelle meridionali: 3 siciliane, 1 a testa per campane e pugliesi, nessuna della Basilicata e della Calabria”, spiega Mongiello.

Anche se trascurassimo la “questione meridionale”, resta il fatto che soltanto 69 prodotti vengono tutelati dal Ceta, nemmeno la metà di quelli tutelati in Italia. E comunque l’accordo alimenterebbe disparità tra Nord e Sud, tra prodotti e aree produttive che non possiamo permetterci.

E l’accordo con la Cina? I prodotti italiani non hanno tutele

La stessa Mongiello fa un paragone con un altro accordo commerciale, quello bilaterale con la Cina, che prevede la selezione di 100 indicazioni geografiche per area a cui garantire protezione. Ebbene, dovrebbe essere tutelata una sola DOP del Sud, la mozzarella di bufala campana. L’elenco delle indicazioni geografiche da tutelare è stato reso noto, sono 100 Ue e 100 cinesi, e l’accordo dovrà essere perfezionato entro fine anno.

Lo spettro del glifosato

Il Ceta è stato oggetto di una protesta molto aspra da parte dell’opinione pubblica, seppur poco mediatica. Mentre spuntano questioni come quella appena citata del pericolo per i prodotti del Sud, nell’aria si aggira sempre lo spettro del glifosato: con l’accordo infatti dovremmo temere le imitazioni canadesi dei nostri prodotti tipici, ma anche l’invasione di grano duro trattato in preraccolta con il glifosato, nel nostro Paese vietato, e di carne a dazio zero per circa 50.000 tonnellate di carne di manzo e 75.000 tonnellate di carni suine, spiega Mongiello.

L’allarme è stato lanciato, tra gli altri, dal vicepresidente dell’associazione Ettore Prandini durante un’audizione al Senato:

“Un impatto devastante sulla coltivazione di grano in Italia con il rischio desertificazione di intere aree del Paese e una concorrenza sleale nei confronti degli allevatori italiani, ma anche un rischio per i consumatori ed un precedente pericoloso nei negoziati internazionali. E’ necessaria quindi una valutazione ponderata e approfondita dell’argomento, soprattutto in considerazione della mancanza di reciprocità tra modelli produttivi diversi, che grava sul trattato”.

Anna Tita Gallo

 

fonte: https://www.greenme.it/informarsi/ambiente/24335-ceta-made-in-italy-voto-senato

Pasta Made in Italy fatta col grano al glifosato canadese? Per il Governo si può! Ecco il Governo prende in giro i cittadini, dice si al CETA e spiana la strada alle porcherie provenienti dall’estero!

 

Made in Italy

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Pasta Made in Italy fatta col grano al glifosato canadese? Per il Governo si può! Ecco il Governo prende in giro i cittadini, dice si al CETA e spiana la strada alle porcherie provenienti dall’estero!

 

Pasta Made in Italy fatta col grano canadese #CetaNoGrazie

Il governo prende in giro i cittadini e spiana la strada al grano canadese. Nella bozza di decreto inviata a Bruxelles, il Ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina ha proposto di inserire nelle etichette della pasta il Paese di coltivazione del grano e quello in cui viene macinato. Bene, peccato che il decreto contiene una enorme truffa: l’etichetta Made in Italy potrà essere riconosciuta anche al grano duro coltivato almeno per il 50% in Italia.

MANGIAMO PASTA CON GLIFOSATO SENZA SAPERLO
Facciamo un esempio. Con l’etichetta voluta da Martina, il pacco di pasta con 51% di grano italiano e il 49% di grano canadese porterà l’etichetta “grano proveniente da Italia e altri Paesi non UE”, senza specificare da dove proviene esattamente. Questo non è un dettaglio di poco conto visto che il grano canadese è pieno di glifosato e microtossine, quello, ad esempio, ucraino no, però sono entrambi etichettati come “Paesi non Ue”! Bisogna dare risposte ai cittadini che sono sempre più attenti all’origine dei prodotti e anche ai piccoli produttori italiani che sono danneggiati dalla confusione che generano etichettature vaghe.

LE BUGIE DEL GOVERNO
L’Italia è il primo importatore di grano in Europa. Il 23.8% viene importato esclusivamente dal Canada dove il glifosato viene regolarmente usato nelle coltivazioni. Il governo, dicendo sì al Ceta, il trattato di libero scambio con il Canada, ha di fatto autorizzato nuove e più robuste esportazioni fino a 100.000 tonnellate annue a dazio zero. Questi sono i fatti. Gli annunci di Martina sono pannicelli caldi che non aiutano il Made in Italy. Il Canada è inaffidabile. Sull’importazione di formaggi europei non sta mantenendo la parola promessa. Il settore è molto protetto e le quote non sono state ancora assegnate. L’ultimo giorno utile è il 30 giugno.

DAL M5S AZIONI E NON PAROLE
– Grazie agli emendamenti presentati da Tiziana Beghin e David Borrelli in Commissione Commercio Internazionale abbiamo evitato l’importazione selvaggia dall’Ucraina di pomodori, grano e urea. Poi in fase di trilogo la Commissione ha rinnegato il voto del Parlamento europeo e ha rimesso delle quote, anche se in misura inferiore rispetto alla proposta iniziale. Noi difendiamo il Made in Italy, gli altri lo calpestano.

– Nella Commissione Agricoltura del Parlamento europeo Marco Zullo si batte per la trasparenza alimentare e una chiara etichetta di origine dei prodotti. Rosa D’Amato ha inviato una lettera al Commissario alla Salute Vytenis Andriukaitis denunciando l’uso del glifosato nelle coltivazioni.

– Grazie a noi alla Camera dei Deputati è stata approvata una mozione per chiedere di introdurre anche per il riso, almeno in via sperimentale, l’obbligo di indicare in etichetta il Paese di origine. Vogliamo garantire nell’etichetta della pasta l’indicazione obbligatoria “100% grano italiano”, quando la semola è appunto derivante interamente da grano made in Italy.

Vogliamo una corretta informazione e non imbrogli. Per il grano serve trasparenza obbligatoria e tracciabilità totale della provenienza. Con il Ceta questa confusione aumenta. È arrivato il momento di dire #StopCeta.

In contemporanea alla votazione del testo in Commissione Esteri del Senato, il Movimento 5 Stelle annuncia la sua presenza alla mobilitazione di martedì 27 giugno alle 10, in Piazza della Rotonda a Roma (Pantheon), indetta da organizzazioni sindacali, agricole, ambientaliste e dei consumatori.

 

fonte: http://www.movimento5stelle.it/parlamentoeuropeo/2017/06/pasta-made-in-italy.html

È ufficiale – I grandi economisti del nostro Governo colpiscono ancora: manovra, autovelox come bancomat. Passa l’emendamento che massacrare la Gente di multe per coprire buchi di bilancio dei Comuni!

Governo

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

È ufficiale – I grandi economisti del nostro Governo colpiscono ancora: manovra, autovelox come bancomat. Passa l’emendamento che massacrare la Gente di multe per coprire buchi di bilancio dei Comuni!

Ve lo avevamo già anticipato:

I grandi economisti del nostro Governo colpiscono ancora: manovra correttiva, per coprire buchi di bilancio invitano i Comuni ad utilizzare gli autovelox per massacrare la Gente di multe!

Ma ora è ufficiale.

Manovra, autovelox come bancomat. Passa l’emendamento che scippa i soldi alla sicurezza stradale
Via libera nella notte a una modifica al decreto di correzione dei conti. Comuni e città metropolitane potranno utilizzare i proventi delle sanzioni per finanziare oneri di viabilità e polizia locale

Torna la temuta norma autovelox che permette a Province e Citta metropolitane di utilizzare i soldi delle multe per fare cassa. Nella notte di ieri è stato approvato un emendamento all’articolo 18, firmato da un ampio spettro di forze politiche a partire dal Pd, che inserendo il comma3-bis prevede la possibilità per le province e le città metropolitane di utilizzare i proventi delle sanzioni (le contravvenzioni) per le violazioni al Codice della Strada, comprese quelle relative all’eccesso di velocità rilevato con autovelox e dispositivi analoghi, per finanziare, nel 2017 e 2018, gli oneri relativi alle funzioni di viabilità e polizia locale per migliorare la sicurezza stradale.

Tale norma deroga alla normativa vigente che prevede l’utilizzo di una quota dei proventi delle sanzioni spettanti agli enti locali per una serie di specifiche destinazioni, tra cui gli interventi relativi alla segnaletica delle strade di proprietà dell’ente, il potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni stradali ed altre finalità connesse al miglioramento della sicurezza stradale, nonché, per i proventi da violazioni ai limiti di velocità, alla realizzazione di interventi di manutenzione e messa in sicurezza delle infrastrutture stradali.

Pronta la rivolta di consumatori e automobilisti. “Noi siamo a favore della sicurezza stradale e per multe severe nei confronti di chi non rispetta i limiti di velocità – avvisava il Codacons nei giorni scorsi quando si era ventilata la possibilità dell’emedamento -, ma questa norma, così come studiata, appare pericolosissima perché le amministrazioni, grazie a tale misura, potranno disseminare le strade di autovelox e utilizzare i soldi delle multe non per incrementare la sicurezza sulle strade, ma per coprire i buchi di bilancio, pagare straordinari e stipendi dei vigili e realizzare opere stradali per le quali i cittadini pagano già le tasse”.

Roberto Petrini, la Repubblica

Il nostro Governo, che ha tanto a cuore la nostra salute da imporci (caso unico al mondo) ben 10 vaccini, è il solo che non ha firmato contro i 12 peggiori inquinanti organici persistenti e nocivi per la salute umana, già banditi da 181 Paesi! NON TROVATE CHE C’E’ QUALCOSA CHE NON QUADRA?

Governo

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Il nostro Governo, che ha tanto a cuore la nostra salute da imporci (caso unico al mondo) ben 10 vaccini, è il solo che non ha firmato contro i 12 peggiori inquinanti organici persistenti e nocivi per la salute umana, già banditi da 181 Paesi! NON TROVATE CHE C’E’ QUALCOSA CHE NON QUADRA?

Non sembra anche a Voi che qualcosa non quadra? Cioè la nostra salute è importante sempre quando c’è una Lobby che ci guadagna?

A pernsar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca!

Il governo se ne frega della salute dei cittadini: Galletti perché non firmi contro i 12 inquinanti?

I nostri portavoce sono in Europa per difendere la salute dei cittadini. La battaglia contro il decalogo dei veleni ne è un esempio: glifosato, biocidi, nanoparticelle, olio di palma, abuso di antibiotici, furano, ractopamina e carne agli ormoni, NOx, pollo al cloro e OGM. Chi dice il contrario mente per coprire l’incapacità dei partiti.

Sono passati 13 anni dall’entrata in vigore della Convenzione di Stoccolma che vuole eliminare e diminuire l’uso dei POP, inquinanti organici persistenti e nocivi per la salute umana. Questi inquinanti uccidono. Siamo l’unico Paese in Europa a non aver ancora ratificato questa Convenzione. I politici se ne fregano della salute dei cittadini.

Se i giornali sono quotidianamente impegnati nel diffondere fake news, ricordate voi al Ministro dell’Ambiente di fare il suo dovere.

di Piernicola Pedicini, Efdd – MoVimento 5 Stelle Europa.

L’Italia è l’unico Paese europeo che non ha ancora adottato la Convenzione di Stoccolma per eliminare e diminuire l’uso dei POP, inquinanti organici persistenti e nocivi per la salute umana. La Convenzione è entrata in vigore il 17 maggio 2004 ed è stata già recepita da 181 Paesi. Per scuotere il governo italiano ho inviato una lettera al ministro Galletti.

I POP sono composti chimici con proprietà tossiche per la salute umana, che si propagano nell’aria, nell’acqua o nel terreno e, a causa della loro scarsa degradabilità, risiedono nell’ambiente per lungo tempo. Studi scientifici dimostrano che queste sostanze sono cancerogene. Della Convenzione di Stoccolma si parla proprio in questi giorni a Ginevra in occasione dell’ottava Conferenza delle parti (SC COP-8) che è in corso dal 24 aprile al 5 maggio 2017.

Gli inquinanti principali POP sono 12: aldrin, clordano, dicloro difenil tricloroetano, dieldrin, endrin, eptacloro, mirex, toxafene, esaclorofene e tre intere classi di composti: policlorobifenili (PCB), policlorodibenzodiossine (PCDD o più comunemente detta diossina) e il furano. Avevamo già presentato una interrogazione alla Commissione europea denunciando i danni di quest’ultimo composto organico.

Nel caso del dicloro difenil tricloroetano (DDT) la sua produzione non è stata vietata, ma è limitata a modeste quantità e con l’unico scopo di debellare la malaria nelle zone in cui questa malattia assume carattere endemico. Sono in seguito state incluse quattro sostanze già in discussione dal 1998: pentabromodifenolo, clordecone, esabromodifenile e esaclorocicloesano (lindano). Siamo in Europa per difendere la salute dei cittadini“.

SCARICA LA LETTERA INVIATA AL MINISTRO GALLETTI

 

fonte: http://www.movimento5stelle.it/parlamentoeuropeo/2017/05/il-governo-se-ne-fre.html

Trivelle entro le 12 miglia dalla costa? Ora si può! Il governo si rimangia le promesse pre-referendum…!

Trivelle

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

 

Trivelle entro le 12 miglia dalla costa? Ora si può! Il governo si rimangia le promesse pre-referendum…!

 

Un decreto ministeriale pubblicato pochi giorni fa in Gazzetta Ufficiale permette alle compagnie di modificare in corsa il programma di sviluppo: possibili altri pozzi. È il contrario di quanto deciso da Renzi per svuotare la consultazione del 17 aprile scorso.

Trivelle entro le 12 miglia dalla costa, ora si può. È stato pubblicato pochi giorni fa in Gazzetta ufficiale un decreto ministeriale che, di fatto, dà alle compagnie petrolifere la possibilità di modificare il programma di sviluppo previsto al momento del rilascio di una concessione e recuperare le riserve esistenti. Che significa costruire nuovi pozzi e nuove piattaforme, al contrario di quello che per mesi aveva dichiarato il Governo Renzi prima del referendum sulle trivelle del 17 aprile scorso.

Stando al testo, dunque, nuove trivellazioni saranno possibili eccome, anche nelle aree ricadenti entro le 12 miglia marine, già date in concessione. È scritto nero su bianco nel Disciplinare tipo per il rilascio e l’esercizio dei titoli minerari per la prospezione, la ricerca e la coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi in terraferma, nel mare territoriale e nella piattaforma continentale. “Fatta la legge, trovato l’inganno, altro che transizione energetica ed accordo di Parigi” ha commentano il Coordinamento No Triv. E se a ilfattoquotidiano.it Enzo Di Salvatore, costituzionalista ed estensore dei quesiti referendari, aveva già annunciato prima e dopo la consultazione del 17 aprile scorso la possibilità che la vittoria del ‘no’ al referendum potesse comportare il via libera a quelle attività necessarie per portare a termine i programmi delle compagnie petrolifereanche entro le 12 miglia, questo nuovo decreto va persino oltre. “Il nuovo Disciplinare – spiega ora Di Salvatore – consente non solo di terminare un progetto, ma persino di modificarlo, eludendo così il divieto di legge”.

IL TESTO DEL DECRETO – Al Capo III, articolo 15 si illustrano le attività consentite. “Fermo restando il divieto di conferimento di nuovi titoli minerari nelle aree marine e costiere protette e nelle 12 miglia dal perimetro esterno di tali aree e dalle linee di costa lungo l’intero perimetro costiero nazionale – recita il testo – sono consentite, nelle predette aree, le attività da svolgere nell’ambito dei titoli abilitativi già rilasciati, anche apportando modifiche al programma dei lavori originariamente approvato”. Tanto per fare un esempio: se una compagnia aveva previsto di portare a termine un’attività che necessitava di tre piattaforme e 12 pozzi, il programma andrà rispettato. Ma c’è di più. Non solo si garantisce alle compagnie petrolifere di portare a compimento i propri piani, ma si lascia aperta la possibilità di ‘varianti’. Modifiche “funzionali a garantire l’esercizio dei lavori – continua il decreto – nonché consentire il recupero delle riserve accertate, per la durata di vita utile del giacimento e fino al completamento della coltivazione, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale”.

LA REAZIONE DEI NO-TRIV – “Per titoli già rilasciati – sottolinea il Coordinamento No Triv – le compagnie potranno presentare e farsi autorizzare una qualsiasi ‘variante’ al programma originario di lavoro, che preveda la perforazione di nuovi pozzi sempre entro le 12 miglia marine dalle linee di costa e fino alla fine del ciclo di vita del giacimento”. I No Triv annunciano battaglia: “Il governo straparla di obiettivi al 2030, di ‘Winter package’ e di rispetto degli accordi di Parigi, ma nella prassi continua sistematicamente a creare corsie preferenziali per le energie fossili eludendo i divieti di legge. Con questa norma il governo ha raggirato 14 milioni di italiani e 10 regioni”.

IL COSTITUZIONALISTA: ‘SI ELUDE LA LAGGE’ – Secondo Enzo Di Salvatore in questo modo si elude il divieto di legge. Cosa dice la norma? “Prevede che entro le 12 miglia marine sia possibile solo continuare a estrarre con i pozzi esistenti e portare a termine il programma di sviluppo – spiega – mentre l’utilizzo di nuovi pozzi e nuove piattaforme è consentito solo se già previsto dal programma di sviluppo originariamente presentato”. Questo aveva confermato anche il Consiglio di Stato nel 2011, in un parere dato al Governo Berlusconi che chiedeva spiegazioni in merito ai limiti imposti dal divieto di ricerca ed estrazione entro le 5 miglia marine introdotto nel 2010. Secondo il Consiglio di Stato, per quanto riguardava i titoli già rilasciati, il divieto non comprendeva l’esecuzione del programma di sviluppo del campo di coltivazione e del programma dei lavori di ricerca, così come allegati alla domanda di concessione originaria, la costruzione di impianti e opere necessarie, gli interventi di modifica, le opere connesse e le infrastrutture indispensabili all’esercizio, oltre alla realizzazione di attività di straordinaria manutenzione degli impianti e dei pozzi che non comportino modifiche impiantistiche. “E questa è l’unica possibile interpretazione ammessa – aggiunge Di Salvatore – nonostante l’esito negativo del referendum del 17 aprile 2016. Eppure ora ci ritroveremo a fare i conti con tutti i progetti passibili di modifica. Che non sono pochi”.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/04/05/trivelle-entro-le-12-miglia-dalla-costa-ora-si-puo-di-nuovo-il-governo-annulla-le-promesse-pre-referendum/3500984/