Fukushima 6 anni dopo: “Non è ancora chiaro cosa stia realmente accadendo all’interno”…!

Fukushima

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Fukushima 6 anni dopo: “Non è ancora chiaro cosa stia realmente accadendo all’interno”…!

 

Le tenebre di Fukushima

di Robert Hunziker

Gli effetti delle radiazioni del triplo crollo della centrale nucleare di Fukushima Daiichi si fanno sentire in tutto il mondo. Sia che intacchino la vita marina che gli esseri umani, si accumulano nel tempo. L’impatto si sta lentamente attenuando solo per mostrare i suoi veri colori in una data futura imprevedibile. È così che funzionano le radiazioni, lente ma sicuramente distruttive; serve tempo per identificarne i rischi, nel senso che una fusione nucleare ha l’impatto, per decenni, di 1.000 incidenti industriali regolari, forse di più.

Sono passati sei anni da quando il triplo crollo totale si verificò a Fukushima Daichii l’11 marzo 2011, al giorno d’oggi soprannominato “311”. Col passare del tempo, è facile per il mondo in generale perdere la cognizione delle gravi implicazioni del più grande disastro industriale del mondo; fuori dal campo visivo funziona così.

Secondo le stime del governo giapponese e della TEPCO (Tokyo Electric Power Company), lo smantellamento andrà effettuato di decennio in decennio – molto probabilmente quattro decenni – con un costo fino a 21 trilioni di ¥ (189 miliardi di dollari). Tuttavia, questa è la parte più semplice da comprendere sulla storia del disastro nucleare di Fukushima. La parte difficile e dolorosa è in gran parte nascosta alla visione pubblica attraverso una severa restrittiva legge nazionale sulla segretezza (Legge sulla protezione dei segreti appositamente designati, legge n. 108/2013), la pressione politica a bizzeffe e la paura di esporre la verità sui pericoli inerenti le fusioni dei reattori nucleari. I potenti interessi impliciti lo vogliono nascondere.

Dopo il passaggio dell’atto di segretezza del governo del 2013 – che afferma che i funzionari o altri che “svelano segreti” dovranno affrontare fino a 10 anni di prigione, e coloro che “istigano fughe”, specialmente i giornalisti, saranno soggetti a una pena detentiva fino a 5 anni – il Giappone è sceso sotto la Serbia e il Botswana nell’indice World Press Freedom di Reporters Without Borders. L’atto di segretezza, fortemente criticato dalla Japanese Federation of Bar Association (Federazione giapponese delle associazioni di avvocati), è un atto spudorato di totalitarismo abbottonato nel momento stesso in cui i cittadini hanno bisogno e infatti richiedono trasparenza.

Lo stato attuale, secondo Mr. Okamura, un manager TEPCO, a novembre 2017 è questo: “Stiamo affrontando quattro problemi: (1) ridurre le radiazioni sul sito (2) arrestare l’afflusso di acque sotterranee (3) recuperare il fuel rod e (4) recuperare il combustibile nucleare fuso. “(Fonte: Martin Fritz, L’illusione della normalità a Fukushima, Deutsche Welle-Asia, 3 novembre 2017)

In breve, non sono cambiate molte cose in quasi sette anni negli stabilimenti, anche se decine di migliaia di lavoratori hanno ripulito la campagna di Fukushima, lavato le strutture, rimosso il terriccio e conservatolo in grandi sacchi di plastica nera, che si estendono da un capo all’altro di Tokyo e Denver, e ritorno.

Accade che, tristemente, la completa fusione nucleare sia quasi impossibile da sistemare perché, in parte, nessuno sa come reagire. Ecco perché Chernobyl ha sigillato l’area che circonda il suo tracollo nel 1986. Seguendo la stessa linea, secondo il direttore di Fukushima Daiichi Shunji Uchida: “I robot e le macchine fotografiche ci hanno già fornito preziose immagini. Ma non è ancora chiaro cosa stia realmente accadendo all’interno.”(Fonte: Martin Fritz, L’illusione della normalità a Fukushima, Deutsche Welle-Asia, 3 novembre 2017)

Sette anni e loro non sanno ancora cosa sta succedendo lì dentro. È il dilemma della Sindrome della Cina del bollente corion radioattivo fuso che scava l’interno della Terra? Sta contaminando le falde acquifere? Nessuno sa, nessuno può sapere, che è uno dei maggiori rischi della fusione nucleare, nessuno sa cosa fare. Non esiste una playbook per il 100% di disastri. Fukushima Daiichi lo dimostra.

“Quando si verifica un grave disastro radiologico e colpisce vaste aree di terreno, non può semplicemente essere ripulito riparato.” (Fonte: Hanis Maketab, Environmental Impacts of Fukushima Nuclear Disaster Will Last ‘decades to centuries’ – Greenpeace, Asia Correspondent, 4 marzo 2016).

Nel frattempo, l’industria nucleare mondiale ha piani di crescita ambiziosi, circa 50-60 reattori attualmente in costruzione, per lo più in Asia, e 400 o più piante planimetrate. I sostenitori di Nuke affermano che Fukushima è in fase di pulizia, quindi di non preoccuparsi perché le Olimpiadi arriveranno tra un paio d’anni, inclusi gli eventi che si terranno nel cuore di Fukushima, e l’economia agricola locale fornirà cibo fresco.

Le Olimpiadi sono la punta di diamante di Abe per dimostrare al mondo che tutto va bene nel più pericoloso, e fuori controllo, sito di incidenti industriali. E sì, è ancora fuori controllo. Tuttavia, il governo Abe non ne è interessato. Comunque sia, i rischi sono molteplici e probabilmente non ben compresi. Per esempio, cosa succederebbe se un altro terremoto causasse ulteriori danni a strutture nucleari già danneggiate che sono tenute precariamente insieme a speranze e preghiere, soggette a massicce esplosioni di radiazioni? Cosa succederebbe? Dopo tutto, il Giappone è un territorio sismico, che ne definisce anche i confini geografici. Il Giappone ha normalmente 400-500 terremoti in 365 giorni, o circa 1,5 terremoti al giorno.

Secondo il Dr. Shuzo Takemoto, professore del Dipartimento di Geofisica della Scuola di specializzazione in Scienze dell’Università di Kyoto: “Il problema dell’Unità 2 … Se dovesse accadere un grande terremoto, verrebbe distrutta e disperderebbe il combustibile nucleare rimanente e i suoi detriti , rendendo l’area metropolitana di Tokyo inabitabile. Le Olimpiadi di Tokyo nel 2020 saranno quindi completamente fuori questione.” (Shuzo Takemoto, Potential Global Catastrophe of the Reactor No. 2 at Fukushima Daiichi, 11 febbraio 2017).

Dato che le Olimpiadi si terranno non lontano dal luogo dell’incidente nucleare di Fukushima Daiichi, vale la pena sapere cosa aspettarsi, ovvero le ripercussioni nascoste alla vista pubblica. Dopo tutto, è altamente improbabile che il Comitato Olimpico Giapponese affronterà i fattori di rischio di radiazioni per gli atleti e per gli imminenti spettatori. Il che fa sorgere una domanda: quali criteri ha seguito l’International Olympic Committee (IOC) nel selezionare il Giappone per le Olimpiadi estive del 2020 a fronte di tre tracolli nucleari al 100% totalmente fuori controllo? Come minimo, sembra una decisione spericolata.

Questo articolo, in parte, si basa su uno studio accademico che mette in luce gravi preoccupazioni sulla trasparenza in generale, sulle condizioni di salute della forza lavoro TEPCO e sulle morti improvvise, così come sui prossimi giochi olimpici, richiamando alla mente la domanda: la decisione di organizzare le Olimpiadi in Giappone nel 2020 è un atto di follia e un rozzo tentativo di coprire le devastazioni delle radiazioni?

Quindi, un’anteprima di ciò che sta accadendo dietro le quinte, così come all’interno, è offerta dal ricercatore Adam Broinowski, PhD (autore di 25 importanti pubblicazioni accademiche e Post Doctoral Research Fellow presso l’ Australian National University): “Informal Labour, Local Citizens and the Tokyo Electric Fukushima Daiichi Nuclear Crisis: Responses to Neoliberal Disaster Management ” (Lavoro informale, cittadini locali e la crisi nucleare di Tokyo Electric Fukushima Daiichi: risposte alla gestione dei disastri neoliberali), Australian National University, 2017.

Il titolo dello studio del dott. Broinowski fornisce un indizio intrinseco nel conflitto, nonché dell’opportunismo, che pone il capitalismo neoliberale applicato ai principi della “gestione delle calamità”. (Naomi Klein ha esplorato un concetto simile in The Shock Doctrine: The Rise of Disaster Capitalism, Knopf Canada, 2007).

La ricerca del Dr. Broinowski è dettagliata, completa e complessa. Il suo studio inizia scavando nell’impatto del capitalismo neoliberale, portando alla ribalta un’equivalenza del lavoro schiavistico con l’economia giapponese, specialmente in riferimento a ciò che egli chiama “lavoro informale”. Descrive in modo preminente l’assalto del lato dell’offerta sulle tendenze neoliberali in tutta l’economia del Giappone. Le esplosioni nucleari di Fukushima portano semplicemente a galla tutte le verruche e le imperfezioni endemiche del marchio neoliberale del capitalismo.

Secondo il professor Broinowski: “Il disastro in corso alla centrale nucleare di Fukushima Daiichi (FDNPS), gestita dalla Tokyo Electric Power Company (TEPCO), dall’11 marzo 2011 può essere riconosciuto come parte di un fenomeno globale che è stato in fase di sviluppo per qualche tempo. Questo disastro si è verificato all’interno di un cambiamento sociale e politico iniziato a metà degli anni ’70 (economia dal lato dell’offerta, che si riflette fortemente sull’attuale quadro fiscale americano in esame) e che è diventato più acuto nella recessione del Giappone dei primi anni ’90 con la diminuzione della crescita economica e con una maggiore deregolamentazione e finanziarizzazione dell’economia globale. Dopo 40 anni di fedeltà aziendale in cambio di contratti a vita garantiti dai sindacati aziendali, mentre le protezioni tariffarie venivano ulteriormente innalzate e la forza lavoro era sempre più casualizzata, quelli maggiormente colpiti da un regime di benessere indebolito erano lavoratori irregolari, o quello che potremmo chiamare “lavoratori informali.”

In breve, i 45.000-60.000 lavoratori reclutati per decostruire e decontaminare Fukushima Daiichi e il luogo circostante per lo più venivano dalla strada, castoff dell’impatto del neoliberismo su “… sindacati indipendenti, resi impotenti, un numero crescente di disoccupati, giovani non qualificati e precari (liberi) insieme a lavoratori occasionali più anziani, vulnerabili e senzatetto (questi gruppi costituivano insieme circa il 38% della forza lavoro nel 2015) si sono trovati non solo (a) privi di assicurazione o (b) privi di protezione ma anche in molti casi (c) privati di bisogni primari. Con l’aumento della deindustrializzazione e della fuga di capitale, le dimostrazioni pubbliche di frustrazione e rabbia di questi gruppi si sono manifestate nei disordini di Osaka del 1992.”(Broinowski)

Le rivolte di Osaka di 25 anni fa descrivono il crollo della classe operaia nella società moderna, un problema che si è riversato nelle elezioni politiche nazionali in tutto il mondo, in quanto populismo / nazionalismo dettarono vincitori / vinti. A Osaka 1.500 lavoratori impetuosi assediarono una stazione di polizia (in qualche modo simile al film iconico di John Carpenter del 1976 Assault on Precinct 13) per l’oltraggio dei legami tra la polizia e i potenti “yakuza” giapponesi o gangster che corrompono la polizia per chiudere un occhio davanti ai sindacati, o ancora gangster che vengono pagati per reclutare, spesso con la forza, lavoratori per lavori manuali poco remunerativi per l’industria.

È così che TEPCO porta i lavoratori a lavorare in posti ad alto rischio e sensibili di radiazioni. Lungo la strada, i subappaltatori rastrellano la maggior parte del denaro stanziato per i lavoratori, determinando uno stile di vita subumano per i lavori più rischiosi e più pericolosi per la vita dei giapponesi, forse il lavoro più rischioso per la vita umana al mondo.

Il Giappone ha una lunga storia di assemblaggio e reclutamento di manodopera non qualificata a prezzi economici, il che è tipico di quasi tutti i grandi progetti industriali moderni. Il lavoro è semplicemente un’altra merce da utilizzare e poi buttare via. La Tokyo Electric Power Company (“TEPCO”) di Fukushima Daiichi aderisce a quelle pratiche di impiego feudale vecchie come il mondo. Assumono lavoratori tramite strati di subappaltatori al fine di eludere le responsabilità su incidenti, assicurazione sanitaria e standard di sicurezza, penetrando negli strati sociali inferiori che non hanno voce nella società.

In quanto tale, la TEPCO non è legalmente obbligata a segnalare incidenti industriali quando i lavoratori sono assunti tramite reti complesse o reti di subappaltatori; ci sono circa 733 subappaltatori per TEPCO. Ecco il processo: TEPCO impiega un subappaltatore “shita-uke”, che a sua volta impiega un altro subappaltatore “mago-uke” che si affida ai mediatori del lavoro “tehaishilninpu-dashi.” Alla fine della giornata, chi è responsabile per la salute e la sicurezza dei lavoratori? Chi è responsabile della segnalazione di casi di malattia da radiazioni e / o morte causati dall’esposizione alle radiazioni?

Basandosi su prove aneddotiche provenienti da fonti attendibili in Giappone, ci sono buone ragioni per ritenere che la TEPCO, così come il Governo giapponese, sopprima la conoscenza pubblica delle malattie dei lavoratori legate alle radiazioni e del loro decessso, così come la nasconde alla popolazione civile di Fukushima. In tal modo, essenzialmente, all’opinione pubblica mondiale – grazie, per esempio, anche agli entusiasti / sostenitori del pro-nuke – si sottolinea la sicurezza della produzione di energia nucleare a causa di così pochi morti segnalati in Giappone. Ma, ancora una volta, chi è responsabile della segnalazione delle morti dei lavoratori? Risposta: A parte un caso occasionale di morte da parte di fonti ufficiali, nessuno!

Inoltre, TEPCO non segnala i decessi dei lavoratori che si verificano al di fuori del luogo di lavoro, anche se la morte è un risultato diretto di eccessiva esposizione alle radiazioni sul posto di lavoro stesso. Ad esempio, se un lavoratore con malattia da radiazioni diventa troppo malato per andare a lavorare, morirà ovviamente a casa e quindi non sarà riportata come una morte correlata al lavoro. Di conseguenza, i sostenitori del pro-nucleare sostengono che Fukushima dimostra quanto sia sicura l’energia nucleare, anche quando va in tilt, perché ci sono così pochi morti – se non nessuno – da essere irrilevanti. Questa è una bugia in grassetto che viene discussa nel seguito: Fukushima Darkness – Parte 2.

“Come un lavoratore ha dichiarato a Fukushima Daiichi: ‘TEPCO è Dio. I principali appaltatori sono i re e noi siamo gli schiavi. In breve, Fukushima Daiichi illustra chiaramente la riproduzione sociale, lo sfruttamento e la disponibilità del lavoro informale nella protezione statale del capitale, delle società e dei loro beni. “(Broinowski)

In effetti, il Giappone è uno stato corporativo totalitario in cui gli interessi aziendali sono protetti dalla responsabilità di strati di subappaltatori e da interessi acquisiti di potenti organismi politici e leggi sul segreto di stato estremamente severe. Pertanto, si ritiene che le questioni di sicurezza e salute che riguardano il nucleare, inclusi i decessi, siano sottostimate e probabilmente non riportate affatto nella maggior parte dei casi. Pertanto, la visione del mondo dell’energia nucleare, rappresentata in Giappone a Fukushima Daiichi, è orribilmente distorta a favore della difesa nucleare.

Fonte: counterpunch
Tratto da: ComeDonChisciotte

via Informare per Resistere

Greenpeace: dicono che il disastro di Fukushima sia finito. Ma non è così.

 

 

Fukushima

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

 

Greenpeace: dicono che il disastro di Fukushima sia finito. Ma non è così.

 

Nucleare, dicono che il disastro di Fukushima sia finito. Ma non è così

L’11 marzo di sei anni fa più di 15mila persone morirono e la vita di altre decine di migliaia di persone cambiò per sempre. Il Giappone nord-orientale fu colpito da un violento terremoto, seguito da un enorme tsunami che spazzò via una dopo l’altra le città costiere. Poi, nei giorni successivi, arrivò la notizia sconvolgente dell’incidente ai reattori nucleari della centrale di Fukushima Daiichi.

Un disastro nucleare che continua ancora oggi. I sopravvissuti all’incidente continuano a vivere con il timore per la salute delle loro famiglie e con l’incertezza sul futuro. E sono le donne ad affrontare le conseguenze più pesanti. Donne che continuano a farsi domande senza avere risposte che siano in grado di alleviare il profondo senso di rabbia e di ingiustizia.

A partire dalle due settimane successive al disastro nucleare, e per tutti questi sei anni, Greenpeace ha condotto campagne di misura della radioattività nella regione contaminata. L’ultima indagine ha raccolto dati sia all’interno che all’esterno di alcune case selezionate nel villaggio di Iitate, situato a circa 30-50 km dalla centrale nucleare di Fukushima. In alcune di queste abitazioni, chi dovesse eventualmente tornarvi potrebbe ricevere una dose di radiazioni equivalente a una radiografia del torace a settimana. E questo assumendo che la popolazione rimanga nella parte di territorio decontaminata, visto che il 76 per cento della superficie totale di Iitate non è stato bonificato e rimane altamente contaminato.

Nonostante questo, il governo guidato da Shinzo Abe intende revocare a breve – a cavallo tra fine marzo e inizio aprile – gli ordini di evacuazione dal villaggio di Iitate e da altre aree, a un anno dalla fine dell’erogazione dei risarcimenti per le famiglie di quelle zone. Verrà inoltre annullato il sostegno per l’alloggio a chi è stato evacuato al di fuori delle zone designate. Una decisione che, per chi dipende economicamente da questo supporto, potrebbe significare il ritorno forzato in aree contaminate.

Le donne e i bambini sono i più colpiti da quanto accaduto sei anni fa. Sono infatti fisicamente più vulnerabili agli impatti del disastro e all’esposizione alle radiazioni. L’evacuazione ha inoltre smembrato comunità e famiglie, privando donne e bambini di reti sociali e fonti di sostegno e protezione. Insieme a un forte divario salariale – il Giappone è terzo nella disparità di reddito di genere, secondo le più recenti classifiche dell’Ocse – per le donne sfollate, soprattutto per le madri sole con figli a carico, il rischio povertà è molto più alto rispetto agli uomini.

Nonostante le avversità, o forse proprio per queste, le donne rappresentano la più grande speranza di cambiamento. Nonostante siano politicamente ed economicamente ai margini, le donne si sono poste in prima fila per chiedere cambiamenti al governo e all’industria nucleare.

Per proteggere i propri figli e per garantire un futuro libero dal nucleare per le future generazioni, le madri di Fukushimae dintorni sono mobilitate contro le politiche e le decisioni paternalistiche del governo. Sono alla testa dei movimenti antinucleari, organizzano manifestazioni e sit-in davanti agli uffici del governo, guidano le battaglie legali, testimoniano in tribunale, si sono unite per difendere i loro diritti.

Noi lottiamo assieme alle donne che sono in prima fila nella lotta antinucleare, per i loro diritti e per il loro futuro.

 di Yuko Yoneda – direttrice di Greenpeace Giappone
fonte: https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/03/11/nucleare-dicono-che-il-disastro-di-fukushima-sia-finito-ma-non-e-cosi/3443253/

Non solo TTIP e CETA. C’è un altro accordo in corso, forse anche peggiore, di cui nessuno parla: quello tra Unione Europea e Giappone – Negoziati segreti e disinteresse ambientale!

 

 

Giappone

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Non solo TTIP e CETA. C’è un altro accordo in corso, forse anche peggiore, di cui nessuno parla: quello tra Unione Europea e Giappone – Negoziati segreti e disinteresse ambientale!

 

L’accusa di Greenpeace, passata sotto silenzio:

Accordo Ue-Giappone, come (e peggio) del Ceta: negoziati segreti e disinteresse ambientale

Pochi giorni fa Greenpeace Olanda ha pubblicato leak di 200 pagine sulle negoziazioni segrete dell’accordo commerciale fra Unione europea e Giappone noto come Jefta. I documenti – disponibili su trade-leaks.org – mostrano ancora una volta come Commissione europea e governi nazionali stiano portando avanti negoziati commerciali in segreto, a scapito degli standard ambientali.

Così come per il Ceta (l’accordo Ue-Canada), su cui l’Italia è chiamata a esprimere un voto domani Commissione Affari Esteri del Senato, siamo in presenza di un accordo disastroso, assolutamente non accettabile fino a quando non avverrà un vero cambio di rotta. La politica commerciale europea deve infatti diventare un volano per rafforzare i nostri diritti sociali e la salvaguardia del Pianeta, non uno strumento per il commercio fine a se stesso

I documenti sul Jefta resi noti da Greenpeace Olanda sono in prevalenza datati tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017, appena precedenti al diciottesimo round di negoziati. I negoziatori sperano di concludere il nuovo accordo nelle prossime settimane. Qualora venisse siglato, l’accordo commerciale con il Giappone potrebbe essere il più grande mai sottoscritto dall’Ue e coprire un volume commerciale pari a circa il doppio del Ceta.

Le disposizioni al momento presenti nell’accordo Ue-Giappone sulle “corti speciali” per la tutela degli investimenti sono addirittura più deboli di quelle già estremamente preoccupanti previste dall’accordo commerciale con il Canada. Sia Ceta che Jefta mancano di impegni concreti e vincolanti per aspetti legati ad ambiente, sviluppo sostenibile e lavoro.

Per riuscire ad avere un sistema commerciale trasparente, giusto ed equo, la globalizzazione deve essere governata da regole. Queste regole devono rispettare i valori nazionali e culturali, consentire uno sviluppo sostenibile e attuare efficacemente gli obiettivi degli accordi delle Nazioni Unite quali l’Accordo sul clima di Parigi, la Convenzione sulla Biodiversità e gli obiettivi di sviluppo sostenibile. I trattati ambientali, gli accordi sui diritti umani e gli standard internazionali del lavoro devono avere la precedenza sulle norme commerciali. Per questo abbiamo definito dieci principi per garantire che il commercio operi a favore delle persone e del Pianeta, e non il contrario.

E per ribadire il nostro forte no al Ceta, in concomitanza con il voto in Commissione Affari Esteri, domani saremo in piazza a Romainsieme ad altre associazioni ambientaliste, agricole e sindacali, a partire dalle 10 al Pantheon.

 

fonte:https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/06/26/accordo-ue-giappone-come-e-peggio-del-ceta-negoziati-segreti-e-disinteresse-ambientale/3687166/

 

Corea del Nord – L’agghiacciante avvertimento della diplomazia Usa: “prepararsi al peggio”!

Corea del Nord

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Corea del Nord – L’agghiacciante avvertimento della diplomazia Usa: “prepararsi al peggio”!

Corea del Nord, “prepararsi al peggio”: il capo della diplomazia Usa prevede l’attacco nucleare

Dopo la minaccia della Corea del Nord all’Onu – “la guerra nucleare può scoppiare in ogni momento” (**vedi di seguito) -, dagli Stati Uniti parte uno spaventoso messaggio rivolto a Giappone e Corea del Sud. Washington, infatti, invita i due Paesi alleati a “preparasi al peggio” se la diplomazia dovesse fallire nelle trattative con Pyongyang. Secondo il vicesegretario di Stato americano John Sullivan, in visita a Tokyo, non si può escludere “la possibilità di negoziati diretti” con il regime di Kim Jong-un, ma parimenti, in caso di naufragio degli stessi negoziati, non si può escludere lo scenario peggiore. Ovvero un attacco nucleare.

 

**Corea del Nord all’Onu, la minaccia mai così grave all’Onu: “Guerra nucleare in ogni momento”

L’ultima minaccia della Corea del Nord è rivolta direttamente all’Onu. E questo la rende più credibile, violenta, terrificante: “Una guerra nucleare potrebbe scoppiare in qualsiasi momento”, ha affermato il vice ambasciatore di Pyongyang al Palazzo di Vetro. Mister Kim In Ryong, fedelissimo del dittatore pazzo Kim Jong-un, ha aggiunto: “Finché nessuno parteciperà alle azioni militari Usa contro la Corea del Nord, non useremo armi nucleari”. E ancora: “Gli Usa sono nel nostro raggio. Se invadono anche solo un centimetro del nostro sacro territorio non scamperanno alla nostra severa punizione”. Parole da pazzi. Parole da regime. Parole che sembrano essere il preludio all’attacco e, dunque, a una rovinosa guerra.

 

fonte: Libero Quotidiano

Fukushima: scoperte nuove sostanze radioattive accumulate in fondo al mare

 

Fukushima

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Fukushima: scoperte nuove sostanze radioattive accumulate in fondo al mare

 

Nuove fonti di radioattività a Fukushima. A scoprirle sono stati gli scienziati del Woods Hole Oceanographic Institution e della Seiya Nagao of Kanazawa University, che hanno scovato un luogo incredibile in cui si sono accumulate sostanza radioattive provenienti dalla centrale di Daiichi.

La radioattività si è spinta nelle sabbie e nelle acque salmastre fino a 60 miglia (circa 97 km) di distanza dalla costa. Le sabbie hanno assorbito e trattenuto il cesio radioattivo liberato nel 2011 a seguito del terremoto che colpì il Giappone e lentamente lo stanno rilasciando nell’oceano.

Il team di ricerca guidato da Virginie Sanial, Ken Buesseler e Matthew Charette ha ipotizzato che i livelli elevati di cesio-137 immessi nel 2011 siano stati trasportati lungo la costa dalle correnti oceaniche. Nelle settimane che seguirono l’incidente, onde e maree trasportano il cesio in queste acque, contaminandole. La sua corsa è poi arrivata fino alle coste dove il cesio si è “bloccato” sulla superficie dei granuli di sabbia, diventati una vera e propria spugna. Quest’ultima è rimasta sulle spiagge, spingendo pian piano il cesio nelle profondità.

Il team ha campionato otto spiagge a una distanza di quasi 100 km dalla centrale nucleare di Fukushima Daiichi tra il 2013 e il 2016 scoprendo che i livelli di cesio nelle acque sotterranee erano fino a 10 volte superiori rispetto a quelli che si trovavano nell’acqua all’interno del porto della centrale nucleare stessa.

Nessuno si aspettava di rilevare i livelli più elevati di cesio nelle acque sotterranee a molte miglia di distanza dalla centrale di Fukushima. Gli scienziati hanno stimato che la quantità di acqua contaminata che scorre nell’oceano e che proviene da questa sorgente di acqua salmastra sommersa, è grande quanto le altre due fonti conosciute.

Il cesio ha una emivita lunga e persiste nell’ambiente. Nelle loro analisi delle spiagge, gli scienziati hanno rilevato non solo il cesio-137, che potrebbe provenire da Daiichi o da armi nucleari testate negli anni ’50 e ’60, ma anche cesio-134, la cui origine è necessariamente legata all’incidente di Fukushima.

“Solo il tempo rimuoverà lentamente il cesio dalle sabbie degradandolo naturalmente” ha detto Sanial. “Ci sono 440 reattori nucleari operativi nel mondo, di cui circa la metà lungo la costa. “Nessuno è esposto a queste acque, quindi non c’è pericolo per la salute pubblica ma questo nuovo e imprevisto percorso dello stoccaggio e del rilascio di radionuclidi verso l’oceano dovrebbe essere preso in considerazione nella gestione delle aree costiere in cui si trovano le centrali nucleari”.

Fukushima, un disastro che non avrà mai fine.

Francesca Mancuso

 

fonte: https://www.greenme.it/informarsi/ambiente/25275

Attenzione – Cibo radioattivo dal Giappone: l’Unione Europea intende azzerare i controlli…!!

 

Cibo radioattivo

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Attenzione – Cibo radioattivo dal Giappone: l’Unione Europea intende azzerare i controlli…!!

 

di Piernicola Pedicini, Efdd – MoVimento 5 Stelle Europa

“La Commissione europea vuole eliminare una serie di controlli sui prodotti alimentari importati da alcune aree del Giappone. Questi controlli erano stati decisi dopo il disastro nucleare di Fukushima. Siamo sconcertati. Gli studi scientifici dicono che il tempo di dimezzamento della radioattività dopo un incidente nucleare è di ben 700 milioni di anni. Sono passati appena 6 anni da Fukushima, un lasso di tempo troppo breve per poter essere sicuri.

Nella Commissione Ambiente, Salute e Sicurezza alimentare del Parlamento europeo abbiamo espresso il nostro sdegno a questa proposta della Commissione: il cibo che mangiamo e quello che entra nel mercato europeo deve essere sicuro. Non bastano i controlli in Giappone, servono anche quelli all’ingresso in Europa. Come ha dimostrato il caso delle uova contaminate, i controlli non sono mai troppo pochi! A volte le normative non bastano: bisogna fare i conti con la realtà della corruzione e degli interessi commerciali in gioco.

Dopo l’esplosione di Fukushima tonnellate di acqua contaminata dalle radiazioni sarebbero state riversate in mare. I principali alimenti a rischio sono i pesci, il tonno e le vongole. Sotto attenzione anche il riso. I controlli speciali, decisi all’indomani del disastro nucleare, non devono essere rimossi.

I cittadini italiani sanno chi difende davvero la salute dei loro salute. Noi non dimentichiamo che pochi anni fa il governo Berlusconi propose un decreto per il ritorno al nucleare dell’Italia, seguiti a ruota dalla Lega. Questi disastri e le conseguenze che portano devono essere da monito. Per questo, in più di una circostanza, il popolo italiano si è espresso contro l’utilizzo del nucleare. Il futuro sono le fonti rinnovabili. Noi continuiamo a lavorare per costruire e realizzare un Paese diverso“.

di Piernicola Pedicini, Efdd – MoVimento 5 Stelle Europa

VIDEO. Ecco l’intervento di Piernicola Pedicini in Commissione. Sol il gruppo Efdd difende davvero la salute dei cittadini.

fonte: http://www.movimento5stelle.it/parlamentoeuropeo/2017/09/cibo-radioattivo-dal.html

Anonymous lancia l’allarme: la più grande minaccia per l’umanità e la Terra sono le fughe radioattive di Fukushima!

Anonymous

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Anonymous lancia l’allarme: la più grande minaccia per l’umanità e la Terra sono le fughe radioattive di Fukushima!

 

In un breve video, informativo,Anonymous ha spiegato perché è importante essere consapevoli di ciò che sta avvenendo presso la centrale nucleare di Fukushima Daiichi.

E questo messaggio non poteva venire in un momento migliore, a causa del fatto che i recenti livelli di radiazione del reattore numero due sono stati riportati come “inimmaginabili “.

Dopo sei anni da quando è avvenuto il disastro nucleare di Fukushima Daiichi, dopo uno tsunami che ha colpito il Giappone, la radiazione continua a inquinare l’ambiente e sta prendendo strada nella catena alimentare.

Non solo, ma secondo diversi rapporti, la radiazione sta aumentando piuttosto che estinguersi.

Secondo Anonymous:

Il pianeta Terra è contaminato da elementi radioattivi velenosi. E, di conseguenza, il DNA degli esseri viventi con il deterioramento, accelerano l’estinzione della specie e del pianeta, compresi noi.  Centinaia di milioni di persone dovranno morire di tumori e malattie causate dall’esposizione alla radiazione “. Inoltre, affermano che ” Milioni di mamme subiranno aborti, a causa delle deformazioni dei loro bambini “.

Continuano a spiegare come i media mainstream siano rimasti quasi silenziosi dall’evento, per quanto riguarda l’incidente . Durante un periodo di tempo molto breve, il video continua a mostrare vari incidenti di fallout fino dal disastro 2011.

Essi mostrano come i media, americani e non , hanno continuato a distrarre la popolazione da ciò che deve seguire a questo disastro.

Si prega di condividere questo video con tutti quelli che sono conosci, è di fondamentale importanza che cominciamo a premere sui poteri istituzionali per fare qualcosa prima che sia troppo tardi.

La radiazione del reattore nucleare di Fukushima è al livello più elevato dalla sua fusione del 2011 
Le straordinarie letture dei livelli radioattivi pongono pressione sull’operatore Tepco nei suoi sforzi per la disattivazione della centrale nucleare, i livelli di radiazione estremamente elevati sono stati registrati all’interno di un reattore danneggiato presso la centralenucleare di FukushimaDaiichi, da quasi sei anni da quando l’impianto ha subito una tripla fusione.

L’operatore dell’impianto, Tokyo Electric Power (Tepco), ha detto che le letture registrate atmosferiche, raggiungono fino a 530 sieverts l’ora, all’interno del recipiente di contenimento del reattore n. 2, uno dei tre reattori che hanno provocato una crisi quando l’impianto è stato paralizzato da un enorme tsunami che ha colpito la costa nordorientale del Giappone nel marzo 2011.

Le straordinarie letture di radiazioni evidenziate dalla scala dei valori che affrontano migliaia di lavoratori , in quanto l’aumento di pressione  basata da Tepco per avviare la decommissioning o disattivazione dell’impianto , è un processo che dovrebbe durare circa quattro decadi.

Anche se viene preso in considerazione un margine di errore del 30 per cento, la lettura recente, descritta da alcuni esperti come “inimmaginabile“, è molto superiore al record precedente di 73 segmenti l’ora rilevati dai sensori nel 2012.

Tepco ha sottolineato, tuttavia, che la fotocamera che aveva esplorato più profondamente all’interno del reattore si era concentrato su un solo punto. I livelli di radiazione in altri punti filmati dalla fotocamera sono stimati  essere molto più bassi, hanno aggiunto.

Una singola dose di uno sievert è sufficiente a causare malattie e nausea da radiazioni ; 5 sieverts ucciderebbe metà degli esposti entro un mese e una singola dose di 10 sieverts sarebbe fatale entro poche settimane.

Tepco ha anche detto che l’analisi delle immagini aveva rivelato un foro in una grata metallica sotto lo stesso recipiente di pressione del reattore. Il foro di un metro è stato probabilmente creato dal combustibile nucleare  fuso e che poi è penetrato nello scafo dopo che lo tsunami ha bloccato il sistema di raffreddamento di sostegno di Fukushima Daiichi.

Può essere stato causato dal combustibile nucleare che si sarebbe fuso e ha generato un buco nel vaso, ma è solo un’ipotesi in questo stadio“, afferma il portavoce della Tepco Tatsuhiro Yamagishi ad AFP.

Crediamo che le immagini catturate forniscano informazioni molto utili, ma abbiamo ancora bisogno di indagare dato che è molto difficile comprendere pienamente la condizione reale all’interno“.

La presenza di radiazioni pericolosamente elevate complicherà gli sforzi per smantellare in sicurezza l’impianto.

Un robot a controllo remoto che la Tepco intende inviare nel contenitore di contenimento del reattore No 2 è stato progettato per resistere all’esposizione a un totale di 1000 sievert , il che significa sopravvivere per meno di due ore prima che inizi a malfunzionare.

La ditta ha dichiarato che le radiazioni non sono fuoriuscite al di fuori del reattore, aggiungendo che il robot sarebbe ancora utile perché si sposta da un punto all’altro e incontra radiazioni di diversi livelli.

Tepco e la sua rete di società partner di Fukushima Daiichi devono ancora identificare la posizione e la condizione del combustibile fuso nei tre reattori più gravi. La rimozione in modo sicuro rappresenta una sfida senza precedenti nella storia del nucleare.

Si ritiene che le quantità di combustibile fuso accumulato nella parte inferiore dei contenitori di contenimento dei reattori danneggiati, ha una radiazione pericolosamente elevata e ha impedito agli ingegneri di misurarne con precisione lo stato dei depositi di carburante.

All’inizio di questa settimana, l’utility ha rilasciato immagini di grumi scuri che si trovano al di sotto del reattore n. 2 che ritiene possa essere carburante di uranio fuso – la prima scoperta del genere dopo il disastro.

Nel mese di dicembre, il governo ha dichiarato che il costo stimato per la disattivazione dell’impianto e la decontaminazione dell’area circostante, nonché il pagamento di compensazioni e la conservazione dei rifiuti radioattivi, era salito a 21,5 tn yen (150 miliardi di euro), quasi il doppio di una stima pubblicata nel 2013.

Vergognoso – Unione Europea complice del massacro delle balene – L’accordo commerciale fra con il Giappone, consente alla Norvegia di sterminare migliaia di balene …Le preferite? Femmine incinte, il 90% del massacro!

 

balene

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Vergognoso – Unione Europea complice del massacro delle balene – L’accordo commerciale fra con il Giappone, consente alla Norvegia di sterminare migliaia di balene …Le preferite? Femmine incinte, il 90% del massacro!

L’accordo commerciale fra Unione europea e Giappone, siglato il 5 luglio, porta con se una grande ombra: il massacro delle balene. Dai porti europei passa infatti la carne di balene che dalla Norvegia arriva – senza controlli – direttamente in Giappone. La Norvegia caccia circa1.000 esemplari di balene ogni anno. Secondo un documentario trasmesso in Norvegia nel marzo 2017, oltre il 90% degli esemplari uccisi legalmente era di sesso femminile, la quasi totalità delle quali in gravidanza. Le ripercussioni ambientali sono enormi per l’ecosistema marino: più balene ci sono migliore è infatti lo stato di salute degli oceani. Le balene infatti forniscono nitrogeno e ferro che sono necessari per la vita del fitoplancton. Il fitoplancton è diminuito del 40% dal 1950 principalmente a causa della diminuzione della popolazione delle balene.

L’accordo commerciale siglato con il Giappone – che ha molti aspetti positivi – non deve indebolire la lotta al traffico illecito di carne di balena. Chiediamo più controlli. In Europa la caccia alle balene e la tratta delle sue carni sono vietate. Dobbiamo essere coerenti senza prestarci a nessuna complicità.

Il gruppo Efdd – MoVimento 5 Stelle sta lottando al Parlamento europeo per difendere le balene e i nostri mari in tutte le Commissioni competenti: Ambiente, Pesca e Commercio internazionale.

VIDEO
L’Intervento di Eleonora Evi durante la plenaria di Strasburgo.

di Eleonora Evi, Efdd – MoVimento 5 Stelle (Commissione Ambiente)
“Cari colleghi, che gli oceani ed i loro abitanti non versino in condizioni ottimali è un dato di fatto oggettivo e conosciuto. Tra tutti, i mari artici sono quelli a maggior rischio e quelli dove si stanno manifestando in maniera più evidente gli effetti dei cambiamenti climatici. Purtroppo c’è chi dalla fusione dei ghiacci artici vede solo le grandi opportunità di guadagno dall’estrazione di combustibili fossili, dalle attività minerarie, dall’apertura di nuove zone di pesca e di rotte di navigazione. Questo scenario impone a tutti noi di fare del nostro meglio per evitare che al degrado globale si aggiunga le dannosa e inutile caccia alle balene. Circa il 90% delle balenottere uccise finora dai balenieri norvegesi erano femmine, quasi tutte gravide. La loro uccisione rappresenta un danno enorme per le capacità di sopravvivenza delle popolazioni di balenottere del Nord Est Atlantico. Chiediamo pertanto che gli Stati membri siano allertati del possibile traffico illecito di carne di balena norvegese verso il Giappone ed attuino tutti i necessari controlli di legge. Chiediamo anche che la Commissione europea individui misure di pressione verso la Norvegia nella sua dimensione di membro dell’EEA (European Economic Area) a cui si applica la normativa comunitaria”.

di Rosa D’Amato, Efdd – MoVimento 5 Stelle (Commissione Pesca)

“La Norvegia ha ucciso più di 350.000 balene tra il 1946 e il 1986 e ha votato contro la moratoria commerciale di caccia alle balene nel 1982 rifiutandone i vincoli. Il Paese dei fiordi pratica la caccia alle balene con delle quote autoassegnate, attualmente 999 per la stagione di caccia del 2017 (da 880 nel 2016 e 1.286 per il tutto il periodo 2010-2015 incluso). La scusa era quella della caccia scientifica di piccole balene poi ha ripreso la caccia alle balene commerciali in virtù della «obiezione» alla moratoria commerciale. Oggi la Norvegia è la nazione con il maggior fatturato derivante dalla caccia alle balene al mondo, più di Islanda e Giappone messi insieme. Oltre la metà del prodotto di questa caccia viene esportato in Giappone.

La caccia alle balene ha anche delle ripercussioni ambientali significative per l’ecosistema marino: più balene ci sono migliore è lo stato di salute degli oceani. Inoltre, questi cetacei affrontano già una serie di minacce, non per ultima quella relativa ai cambiamenti climatici e ai rifiuti marini, ma nonostante l’opposizione degli scienziati la Norvegia va avanti con la caccia alla balene, sebbene sempre meno norvegesi gradiscano la sua carne che è per lo più destinata al mercato giapponese. Il Parlamento europeo non poteva non opporsi a questa situazione e ha presentato un’interrogazione alla Commissione europea chiedendo cosa di fatto questa sta facendo per, da un lato far rispettare alla Norvegia gli accordi internazionali e dall’altro evitare che la carne di balena destinata all’esportazione (la maggior parte!) transiti nei nostri porti europei. Questa è l’ennesima ipocrisia made in Europe, per la serie “fatta la legge trovato l’inganno”. All’interno della nostra area commerciale si commercializzano quasi indisturbati prodotti vietati dalle norme europee!”

di Tiziana Beghin, Efdd – MoVimento 5 Stelle (Commissione Commercio Internazionale)
“La caccia alle balene in Norvegia è legata al redditizio commercio della carne verso il Giappone dove viene venduta a prezzi da capogiro. Il problema è che per arrivare fin lì le navi passano spesso per i porti dell’Unione europea. Nell’ottobre del 2016, ad esempio, sono transitate circa 3 tonnellate in almeno tre porti europei. In Europa la caccia alle balene è vietata, gli Stati membri aderiscono alla Convenzione internazionale per il commercio di specie animali e vegetali in pericolo (CITES), quindi chiediamo che il transito di carne di balena possa avvenire solo in presenza di certificati di autorizzazione che devono essere presentati alle autorità portuali. Se non possiamo obbligare la Norvegia a interrompere i suoi programmi di caccia alle balenottere possiamo però applicare le norme riconosciute a livello EU. L’importanza dell’interrogazione orale discussa al Parlamento europeo va al di là della generica denuncia della caccia alle balene, ma riguarda il ruolo che possono e devono svolgere le autorità portuali degli Stati membri nell’impedire il commercio illegale della carne di balena. Per questa con l’interrogazione vogliamo avviare un processo che dovrà svilupparsi ulteriormente affinché la Commissione verifichi il rispetto degli obblighi derivanti dalla CITES nei porti europei e individui strumenti di pressione verso la Norvegia affinché si decida a riconoscere e mettere in atto la moratoria del 1986”.

fonte: http://www.movimento5stelle.it/parlamentoeuropeo/2017/07/leuropa-e-complice-d.html

 

Uno studio norvegese ha quantificato le radiazioni che ci hanno colpiti dopo Fukushima: ecco i risultati – agghiacciante!

Fukushima

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Uno studio norvegese ha quantificato le radiazioni che ci hanno colpiti dopo Fukushima: ecco i risultati – agghiacciante!

 

Il problema dei giorni nostri è che pensiamo erroneamente che le notizie esistano fintantoché ne si sente parlare al telegiornale, sui quotidiani e sui social. In altre parole, nel momento in cui nessuno pone più al centro dell’attenzione un problema questo viene considerato come se fosse stato magicamente risolto. Purtroppo non è la realtà, e così la questione ambientale di Fukushima esiste ancora, nonostante a nessuno venga più in mente di farne un servizio da mandare in onda. L’Istituto Norvegese per lo Studio dell’Aria non ha mai smesso di tenere gli occhi puntati sulla centrale esplosa nel 2011, e negli ultimi giorni ha pubblicato gli effetti sulla popolazione del disastro nucleare.

Gli studiosi norvegesi hanno esaminato i dati raccolti dal Comprehensive Nuclear-Test-Ban Treaty Organisation, un gruppo di ricerca che studia gli effetti sulla popolazione umana e sull’ambiente delle esplosioni o incidenti nucleari avvenuti in tutto il mondo. I dati tracciano l’attività sismica e la quantità di particelle radioattive nell’atmosfera: nel caso specifico di Fukushima è stato preso in esame il cesio-137, un elemento pesante in grado di spostarsi su lunghe distanze grazie alla sua solubilità in acqua.

Prima di passare a conoscere le quantità effettive di radiazioni che la popolazione ha subito, è necessario capire il significato dell’unità di grandezza con cui si misura l’attività radioattiva: si chiama sieverts e corrisponde alla quantità di energia radioattiva che un corpo riceve dalla radiazione stessa. 0,1 millisievert è quello che subiamo dopo una radiografia.

Gli studiosi hanno rilevato che solo il 23% del cesio-137 rilasciato dalle esplosioni è rimasto in Giappone, mentre il resto si è riversato negli oceani. “Più dell’80% della radiazione si è depositata nelle acque degli oceani e ai poli, pertanto la popolazione globale ha subito solo una minima esposizione“, ha affermato un ricercatore del team alla conferenza europea di Geoscienza tenutasi a Vienna.

È stato ovviamente il Giappone ad essere stato investito da radiazioni consistenti, soprattutto nei giorni seguenti al disastro: nei successivi 3 mesi i livelli di radiazione gamma, nella zona limitrofa a Fukushima, hanno toccato quota 5 millisievert.  Il resto del paese è stato colpito da 0,5 millisievert, corrispondente più o meno ad una tomografia computerizzata.

Il resto del mondo è stato interessato solo da 0,1 millisievert, al pari di una lastra a raggi X in più.

Non bisogna dimenticare inoltre che ognuno di noi è soggetto ad una quantità di radiazioni annuale che oscilla tra 1,5 mSv and 3 mSv: tra i fattori che aumentano l’esposizione sono lunghi viaggi in aereo, l’assunzione di cibo contaminato e l’inquinamento ambientale.

Stando ai risultati dello studio sembra che possiamo tirare un sospiro di sollievo, ma non cadiamo in un pensiero troppo egoistico e non dimentichiamo la fauna e la flora circostanti il territorio di Fukushima, seriamente interessate dalle radiazioni. Non sarà stato un disastro paragonabile a quello di Chernobyl del 1986, ma è chiaro che ancora abbiamo da imparare sulla gestione delle centrali nucleari… A scapito dell’ambiente.

fonte: http://www.curioctopus.it/video/13237/uno-studio-norvegese-ha-quantificato-le-radiazioni-che-ci-hanno-colpiti-dopo-fukushima:-ecco-i-risultati

A Fukushima il reattore n. 2 sta salendo a un livello “inimmaginabile” di radiazioni. È un pericolo per l’intera l’umanità. Perchè non ci fanno sapere niente?

Fukushima

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

A Fukushima il reattore n. 2 sta salendo a un livello “inimmaginabile” di radiazioni. È un pericolo per l’intera l’umanità. Perchè non ci fanno sapere niente?

livelli di radiazione hanno raggiunto un livello record in uno dei reattori nucleari di Fukushima gravemente danneggiati dal terremoto e tsunami che nel 2011 ha colpito il Giappone.

I valori del reattore numero 2 della centrale nucleare di Fukushima Daiichi sono così alti che minacciano di distruggere la sonda utilizzata per monitorare il sito mentre è in fase di smantellamento. I livelli di radiazioni sono i più alti mai avuti in 6 anni e il pericolo è serio.

La società che si occupa dello smantellamento della struttura, la Tokyo Electric Power (Tepco), ha riferito che il reattore numero 2, uno dei tre reattori gravemente danneggiati, mostra un livello “inimmaginabile” di gran lunga superiore al record precedente di 73 sievert/ora (Sv/h). Il valore di radioattività è di 530 sievert/ora è enorme. Per comprenderlo basta considerare che 1 sievert/ora è sufficiente a causare nausea e danni all’organismo; 5 sievert/ora uccidono entro un mese nel 50% delle persone esposte e 10 sievert/ora sono fatali in poche settimane.

Dopo il  triplo crollo catastrofico della centrale nucleare di Fukushima nel 2011, il governo giapponese e la società che gestiva la struttura, la Tokyo Electric Power Company (TEPCO), hanno lavorato per coprire il danno fatto e minimizzare la quantità di radiazioni che il disastro aveva rilasciato nell’ambiente. Anche se molti impatti del disastro sono stati sospettosamente assenti dai resoconti dei media, la radiazione dei reattori danneggiati non ha mai smesso di fuoriuscire in tutti questi anni. Fino ad oggi, 300 tonnellate di acqua radioattiva contaminata, usata per il raffreddamento dei reattori ed evitare l’esplosione, sono state riversate ogni giorno nell’Oceano Pacifico dato che molte delle perdite non può essere sigillato a causa del calore estremo.

A dicembre 2016, ovvero pochi mesi fa, è stato reso noto ufficialmente che la radiazione di Fukushima, in particolare il cesio 134, è stato rilevato sulle coste del pacifico degli USA, segnando una nuova era pericolosa per i residenti e la fauna selvatica lungo la regione costiera del Pacifico.

La TEPCO ha anche mostrato l’analisi delle immagini del reattore numero 2 che rivela un buco sul reticolo metallico sotto il recipiente a pressione dello stesso reattore. Il buco, largo un metro, è stato probabilmente creato dal combustibile nucleare fuso e poi penetrato dal recipiente e gli altissimi livelli di radiazione rendono difficile ogni operazione.

La TEPCO  ha quindi intenzione di inviare all’interno del reattore un robot telecomandato che è progettato per sopportare l’esposizione a un totale di 1.000 sieverts, e che potrebbe sopravvivere per meno di due ore prima di rompersi.

L’azienda ha riferito che le radiazioni non escono al di fuori del reattore numero 2. Nel mese di dicembre, il governo giapponese ha comunicato inoltre che il costo stimato della disattivazione della centrale e la decontaminazione della zona circostante, così come il pagamento dei risarcimenti e lo stoccaggio dei rifiuti radioattivi, era salito a 21.5tn yen (180 miliardi di euro), quasi il doppio della stima rilasciata nel 2013.

Ai cittadini giapponesi è stato detto che non c’era nulla di cui preoccuparsi, nonostante il fatto che i tassi di cancro negli ultimi 6 anni sono aumentati esponenzialmente. Il vero e non dichiarato pericolo è quello della bio-accumulazione. La bio-accumulazione si riferisce al graduale accumulo nel tempo di sostanze chimiche in un organismo, che assorbe la sostanza a un ritmo più veloce di quello che viene escreto. Ora, che la radiazione di Fukushima ha raggiunto gli Stati Uniti, anche coloro che vivono sulla costa occidentale o consumano pesce da quella regione potrebbero essere a rischio dato che il cesio consumato rimarrebbe nel corpo, causando continuamente danni fino a quando non viene escreto.

Riferimenti
– Fukushima nuclear reactor radiation at highest level since 2011 meltdown. The Guardian
– Fukushima reactor hit by 2011 tsunami shows record radiation levels. Sky News
– Fukushima Radiation Makes Landfall On US West Coast – And It’s Only The Beginning. TrueActivist
– It’s Finally Here: Radioactive Plume From Fukushima Makes Landfall on America’s West Coast. Environews

fonte: https://www.extremetech.com/extreme/243904-fukushimas-reactor-2-far-radioactive-previously-realized-no-sign-containment-breach