Attenzione: ci vendono le mele dell’anno scorso facendole passare per fresche, e ce le fanno pagare anche di più!

mele

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Attenzione: ci vendono le mele dell’anno scorso facendole passare per fresche, e ce le fanno pagare anche di più!

 

Ci vendono le mele dell’anno scorso facendole passare per fresche, e costano anche di più

Con l’arrivo dell’autunno sono arrivate le prime mele nei supermercati, ma bisogna prestare molta attenzione al tipo di prodotto che si sta acquistando. Potrebbero essere, infatti, mele dello scorso anno, la cui vendita non sembra nemmeno vietata.

A parlarne è Carlo Bogliotti su La Stampa che spiega come il 2017 sia stato un pessimo anno per la raccolta delle mele a causa delle avverse condizioni meteo: prima due gelate a maggio e poi una lunga siccità estiva, questo ha comportato un basso numero di prodotti da vendere. Lo scorso anno, invece, la produzione è stata decisamente maggiore a quella dell’offerta e i frutti non sono stati buttati, ma conservati in appositi magazzini, per evitarne il deterioramento, e ora vengono riproposti sul mercato.

Non si tratta di prodotti “cattivi”, ma semplicemente di prodotti vecchi, a fronte della situazione sopra riportata. Il problema sembrerebbe non esserci, ma lo diventa quando però l’etichetta dei prodotti non rivela questo dettaglio, come invece dovrebbe per correttezza. Non esiste però un obbligo legale che imponga scrivere sull’etichetta la data di raccolta delle mele e quindi al consumatore resta il dubbio, che in questo caso ha anche il sapore di inganno.

A mostrare ancora di più la poca correttezza di alcuni commercianti sono i prezzi: se infatti la raccolta del 2017 è stata più scarsa, ha un senso un prezzo più elevato, ma non lo è se la mela è in realtà del 2016. Come scoprirlo? Impossibile, bisogna solo fidarsi dell’onestà del commerciante.

tratto da: http://www.leggo.it/alimentazione/news/mele_grande_inganno_vendono_prodotti_dello_scorso_anno_scambiandoli_freschi_ed_tutto_legale-3276304.html

Non solo olio, formaggio e agrumi – Ecco che l’Unione Europea, con la complicità di Renzi e Di Martina, attacca anche il nostro vino.

vino

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Non solo olio, formaggio e agrumi – Ecco che l’Unione Europea, con la complicità di Renzi e Di Martina, attacca anche il nostro vino.

 

Continuano i criminosi attacchi europei alla nostra agricoltura con la complicità di Renzi e Di Martina.Dopo i formaggi,limoni ecc,anche i nostri vini.

Di Guido Rossi per lintellettualedissidente.it:

All’Europa non bastava voler abbassare gli standard qualitativi nella produzione dei prodotti caseari. Non le basta dunque ammettere la circolazione di formaggi e simili realizzati con oscenità come il latte in polvere. Adesso quella stessa Europa, un abominio burocratico e infame, vuole distruggere i nostri vini. La Direzione generale Agricoltura e Sviluppo Rurale della Commissione europea ha ipotizzato infatti – come fa sapere Coldiretti – “di liberalizzare l’uso nell’etichettatura di tutti i vini, compresi quelli senza indicazione geografica, di quei nomi di varietà che oggi sono riservati in virtù delle norme comunitarie vigenti”.

Detto altrimenti la Unione Europea vorrebbe consentire l’uso di denominazioni anche laddove non vi sia alcun riferimento geografico e territoriale; in pratica chiunque ed in qualunque parte del mondo potrebbe, in questo modo, mettere in etichetta il nome del vitigno coltivato. Significa che se questo ripugnante testo dovesse passare, potremmo ritrovarci a bere zibibbo, verdicchio, moscato d’asti, falanghina, nebbiolo, primitivo, nero d’avola e non si sa più quanti altri vini che invece di provenire da territori nostrani storici e tradizionali, curati con l’amore di intere generazioni, siano invece stati prodotti in Brasile, Spagna e perfino in Cina.

Il danno maggiore ancora una volta andrebbe, fra tutte le nazioni europee, proprio all’Italia, che è il primo Paese al mondo per produzione vitivinicola, con ben più di cinquecento (!) fra vini a denominazione di origine controllata (Doc), a denominazione di origine controllata e garantita (Docg) e a identificazione geografica tipica (Igt); questo ovviamente senza contare le migliaia di produzioni locali diffuse sul territorio nazionale. Il tutto per un fatturato stimato di circa 12 miliardi, che dà lavoro ad 1,25 milioni di persone.

La colpa più grave in tutto ciò è del nostro Presidente del Consiglio e del suo esecutivo, in particolare il ministro delle politiche agricole Martina, in generale una banda di castrati incapace di difendere il nostro territorio, la nostra agricoltura e dunque la nostra identità. Ma in fondo non c’è da stupirsi, il Pd è lo stesso che ha votato favorevolmente all’accesso temporaneo supplementare dell’Unione a 35.000 tonnellate (!), di olio d’oliva tunisino, senza far pagare a Tunisi un euro di dazio. Attenzione poi perché vi è un’enorme differenza fra “olio extra vergine di oliva” ed “olio di oliva”. Il primo è prodotto direttamente estraendo l’olio dalle olive raccolte (ed in Italia siamo famosi per la sua eccellenza), il secondo è invece un processo chimico mostruoso; viene infatti estratto dalla sansa di olive (ossia lo scarto), tramite solvente, un qualcosa di vagamente edibile, al quale viene aggiunta un’infima percentuale di olio extra vergine della peggior qualità.Oltre a ciò si ricordino altri vergognosi precedenti, come le oltre 200.000 tonnellate di riso cambogiato riversato nella distribuzione europea, anche questo senza pagare dazio alcuno. Inutile ricordare che anche nella produzione del riso siamo i primi in Europa, con oltre 150 varietà coltivate.

Tutto ciò come sempre ricorda sempre più il tremendo trattato transatlantico (TTIP), un patto finanziario tra U.S.A e Ue di solo vantaggio alle multinazionali, favorevoli ovviamente alla liberalizzazione totale e di ogni settore, dalla sanità all’edilizia, dall’allevamento all’agricoltura.Fa dunque ridere –diciamo così- che tanto l’olio tunisino quanto il riso cambogiano rientrino in un piano “di aiuto e solidarietà” verso Paesi disastrati economicamente. Giusto. Ma agli agricoltori italiani invece chi ci pensa?

Di Guido Rossi

Fonte: lintellettualedissidente.it

Ricordate in ns. articolo: “Indicare l’origine del grano sulla pasta? La Barilla dice NO… Chiedetevi Perchè, soprattutto quando fate la spesa”? Beh, la norma alla fine è solo una presa per i fondelli. I produttori potranno ancora fare come gli pare a nostra insaputa!

grano

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Ricordate in ns. articolo: “Indicare l’origine del grano sulla pasta? La Barilla dice NO… Chiedetevi Perchè, soprattutto quando fate la spesa”? Beh, la norma alla fine è solo una presa per i fondelli. I produttori potranno ancora fare come gli pare a nostra insaputa!

Ricordate il  nostro articolo dell’aprile scorso sull’opposizione di Barilla (e di altri grandi marchi) a segnalare sulle confezioni l’origine del grano?

Potete rileggerlo qui:

Indicare l’origine del grano nelle confezioni di pasta? La Barilla dice NO… Chiedetevi Perchè, soprattutto quando al supermercato fate la spesa!!

Non Vi sfuggirà che il solo fatto di opporsi, la dice lunga su quali porcherie contengono le paste industriali…

La nuova normativa avrebbe dovuto rendere obbligatoria indicazione di origine del grano a partire dal febbraio 2018.

Ma la norma che hanno partorito è una porcata. Tutela ancora una volta i produttori che potranno ancora fare quello che gli pare ed è solo una presa per i fondelli per i consumatori che, ancora, non potranno sapere cosa cavolo mangiano.

Riportiamo di seguito il nostro articolo al riguardo di qualche giorno fa:

Grano – La grande beffa dell’ obbligo di origine in etichetta. Ancora una presa per i fondelli per i consumatori. I produttori potranno ancora fare come gli pare a nostra insaputa!

Grano. Gagnarli: “La beffa della nuova etichettatura d’origine”

L’indicazione obbligatoria dal febbraio 2018 è destinata a non essere applicata e non garantisce i consumatori sulla reale presenza di grano nazionale nei pacchi di pasta italiani.

Con i nuovi decreti sull’etichettatura della pasta e del riso, dal prossimo febbraio sarà obbligatorio esplicitare sia la provenienza del grano, ovvero il suo Paese di coltivazione, sia il luogo della sua molitura. In pratica, se il grano duro è coltivato almeno per il 50% in un solo Paese, come ad esempio l’Italia, si potrà usare la dicitura “Italia e altri Paesi UE e/o non UE” in funzione dell’origine comunitaria o meno della restante metà. Idem per l’etichetta del riso dove dovranno essere chiaramente indicati sia il Paese di coltivazione sia quello di lavorazione e confezionamento. Il provvedimento ha diviso la filiera, da una parte i pastai che hanno sempre avuto ritrosia nel dichiarare apertamente che il 20-40% del grano utilizzato proviene da Australia, Canada, Francia o Stati Uniti, difendendosi dietro l’insufficienza della produzione italiana e la sua scarsa qualità proteica, dall’altra le associazioni di categoria degli agricoltori a difesa delle coltivazioni nazionali.

“Ma nel braccio di ferro tra Ministero delle Politiche Agricole e Ministero dello Sviluppo Economico il più grande sconfitto è, purtroppo, il consumatore – dichiara la deputata cortonese Chiara Gagnarli, vice-presidente della commissione Agricoltura alla Camera – L’etichetta, infatti, rischia di essere assolutamente ingannevole perché nessuna verifica può garantire che il grano italiano presente nel pacco di pasta che compriamo sia presente al 50% o all’1%. Il limite della percentuale inserita dal Governo non fa altro che raggirare i consumatori italiani. Sarebbe stata più onesta una generica dicitura ‘miscele di grani Ue/non Ue’ piuttosto che illudere tutti dell’acquisto di un prodotto in gran parte tricolore ma che, nei fatti, rischia di non esserlo. Per questo – continua Gagnarli (M5S) – presenteremo una interrogazione parlamentare per chiedere come il Governo intenda verificare la veridicità di ciò che verrà dichiarato in etichetta. Da sempre ci battiamo per una etichetta più trasparente ma questo provvedimento, che peraltro non ha rispettato le tempistiche indicate da Bruxelles, sembra essere più uno specchietto per le allodole che uno strumento in mano ai consumatori e alla filiera cerealicola nazionale”.

Le imprese italiane avranno 180 giorni di tempo per adeguarsi alla normativa nonché per smaltire le etichette e le confezioni già prodotte. I provvedimenti, nelle intenzioni del Governo, intendono anticipare la completa ed effettiva entrata in vigore del Regolamento comunitario 1169 del 2011 ma rischia, al contempo, di aprire una procedura d’infrazione da parte di Bruxelles ai danni dell’Italia.

fonte: http://www.arezzonotizie.it/politica/grano-gagnarli-la-beffa-della-nuova-etichettatura-dorigine/

Grano – La grande beffa dell’ obbligo di origine in etichetta. Ancora una presa per i fondelli per i consumatori. I produttori potranno ancora fare come gli pare a nostra insaputa!

 

Grano

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Grano – La grande beffa dell’ obbligo di origine in etichetta. Ancora una presa per i fondelli per i consumatori. I produttori potranno ancora fare come gli pare a nostra insaputa!

Grano. Gagnarli: “La beffa della nuova etichettatura d’origine”

L’indicazione obbligatoria dal febbraio 2018 è destinata a non essere applicata e non garantisce i consumatori sulla reale presenza di grano nazionale nei pacchi di pasta italiani.

Con i nuovi decreti sull’etichettatura della pasta e del riso, dal prossimo febbraio sarà obbligatorio esplicitare sia la provenienza del grano, ovvero il suo Paese di coltivazione, sia il luogo della sua molitura. In pratica, se il grano duro è coltivato almeno per il 50% in un solo Paese, come ad esempio l’Italia, si potrà usare la dicitura “Italia e altri Paesi UE e/o non UE” in funzione dell’origine comunitaria o meno della restante metà. Idem per l’etichetta del riso dove dovranno essere chiaramente indicati sia il Paese di coltivazione sia quello di lavorazione e confezionamento. Il provvedimento ha diviso la filiera, da una parte i pastai che hanno sempre avuto ritrosia nel dichiarare apertamente che il 20-40% del grano utilizzato proviene da Australia, Canada, Francia o Stati Uniti, difendendosi dietro l’insufficienza della produzione italiana e la sua scarsa qualità proteica, dall’altra le associazioni di categoria degli agricoltori a difesa delle coltivazioni nazionali.

“Ma nel braccio di ferro tra Ministero delle Politiche Agricole e Ministero dello Sviluppo Economico il più grande sconfitto è, purtroppo, il consumatore – dichiara la deputata cortonese Chiara Gagnarli, vice-presidente della commissione Agricoltura alla Camera – L’etichetta, infatti, rischia di essere assolutamente ingannevole perché nessuna verifica può garantire che il grano italiano presente nel pacco di pasta che compriamo sia presente al 50% o all’1%. Il limite della percentuale inserita dal Governo non fa altro che raggirare i consumatori italiani. Sarebbe stata più onesta una generica dicitura ‘miscele di grani Ue/non Ue’ piuttosto che illudere tutti dell’acquisto di un prodotto in gran parte tricolore ma che, nei fatti, rischia di non esserlo. Per questo – continua Gagnarli (M5S) – presenteremo una interrogazione parlamentare per chiedere come il Governo intenda verificare la veridicità di ciò che verrà dichiarato in etichetta. Da sempre ci battiamo per una etichetta più trasparente ma questo provvedimento, che peraltro non ha rispettato le tempistiche indicate da Bruxelles, sembra essere più uno specchietto per le allodole che uno strumento in mano ai consumatori e alla filiera cerealicola nazionale”.

Le imprese italiane avranno 180 giorni di tempo per adeguarsi alla normativa nonché per smaltire le etichette e le confezioni già prodotte. I provvedimenti, nelle intenzioni del Governo, intendono anticipare la completa ed effettiva entrata in vigore del Regolamento comunitario 1169 del 2011 ma rischia, al contempo, di aprire una procedura d’infrazione da parte di Bruxelles ai danni dell’Italia.

fonte: http://www.arezzonotizie.it/politica/grano-gagnarli-la-beffa-della-nuova-etichettatura-dorigine/

Grano estero, record di arrivi: è invasione al porto di Bari. Oltre 2 milioni di quintali!

Grano

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

 

Grano estero, record di arrivi: è invasione al porto di Bari. Oltre 2 milioni di quintali!

Continua la vera e propria invasione dell’Italia da parte di grano estero di dubbia qualità. Ogni mese è un nuovo record di arrivi, mentre il grano italiano viene snobbato e sottoquotato dagli importatori italiani. Nel mese di settembre le gru portuali avranno un bel da fare. Si prevede infatti uno scarico record di oltre 2 milioni di quintali per garantire le miscelazioni con il grano salus italiano. Sono in arrivo tre navi solo dal Canada! Ma il glifosate questa volta sarà analizzato? Perché la Lorenzin non fa intervenire direttamente l’ Istituto Superiore di Sanità? 

Il record del mese di settembre rimarrà un record storico. Al porto di Bari ormai è invasione di navi transoceaniche, quasi un anticipo di quei trattati che l’Europa vorrebbe avviare da subito pur senza l’approvazione dei Parlamenti. Australia, Stati Uniti, ma soprattutto Canada. In questi primi giorni di settembre sta arrivando di tutto e di più per obbligare gli agricoltori italiani a vendere sottocosto il grano di qualità. Il listino di Foggia, infatti, in previsione di questi arrivi mercoledì scorso ha operato una diminuzione di venti centesimi con sole tre fatture. Ma a preoccupare tutti noi è la dubbia qualità della merce che i nostri industriali comprano a basso costo.

E’ noto a tutti che l’Italia sia meta preferita di grano estero delle categorie di qualità inferiori. Lo confermano i dati delle Agenzie delle Dogane,  gli analisti canadesi e naturalmente le analisi tossicologiche commissionate da GranoSalus, che nei tribunali di Roma e Trani sono state legittimate.

Come difendersi dall’ invasione?

In Italia purtroppo non ci sono controlli analitici, se non a campione sul 5% delle navi. Il glifosate non è incluso tra gli analiti da ricercare. Non ci sono laboratori pubblici accreditati e non esiste nemmeno uno strumento di valutazione della qualità del grano coerente con gli standard internazionali. In tal modo diventa difficile difendersi dall’ invasione di merce straniera. L’ unica arma sono le analisi sui prodotti finiti.

L’ istituzione della Commissione unica nazionale-CUN, potrebbe aiutarci a classificare correttamente la qualità, e a difendere la salute dei consumatori, ma i sindacati agricoli purtroppo non hanno ancora inoltrato la richiesta al Mipaaf, mentre la Camera di Commercio di Foggia ha riconosciuto ufficialmente i suoi limiti funzionali.

Il mercato italiano, insomma, è allo sbando! Una giungla pericolosa per consumatori e produttori! Mentre gli industriali traggono vantaggi e profitti sulla pelle dei consumatori e dei produttori italiani.

Il ritardo sulla CUN è a dir poco vergognoso! Eppure c’è una legge dello stato, c’è un decreto attuativo, c’è una risoluzione parlamentare che impegna il governo ad istituire una griglia di qualità a tutela della salute pubblica, che consentirebbe la difesa dall’ invasione, ma manca purtroppo la volontà politica di tutte quelle organizzazioni sindacali in ostaggio delle industrie di prima e seconda trasformazioneColdiretti, Cia, Confagricoltura e Copagri sono ormai solo organismi burocratici…

E’ bene che lo sappiano anche i consumatori in modo da diffidare dalle loro “campagne amiche”…e da tutti gli altri slogan! Punire questa gente si può, basta non comprare i prodotti sventolati nei loro mercatini e consorzi, nelle loro sagre, fiere e convegni farlocchi! Per gli agricoltori invece sarebbe ancora più semplice togliere loro il proprio fascicolo aziendale. Ci sono tanti studi privati che potrebbero svolgere lo stesso servizio.

La nave australiana


Nave australiana al porto di Bari

La prima nave arrivata a settembre proviene dall’ Australia. Si tratta della ERGINA LUCK una BULK CARRIER IMO 9207443 MMSI 636016139 costruita nel 1999, battente bandiera LIBERIA(LR) con una stazza lorda di 38530 ton, summer DWT 73976 ton. La portarinfuse è partita da Newcastle (Australia) il 29 luglio 2017 alle ore 19:25 ed è arrivata al porto di Bari il 7 settembre alle ore 12:53. La nave ha sette stive con un carico stimato di oltre 500 mila quintali di grano.

Le navi canadesi


Nave canadese al porto di Bari

La seconda nave è arrivata oggi e proviene dal Canada. Si tratta della MYRTO una BULK CARRIER IMO 9752383 MMSI 354644000 costruita nel 2017, battente bandiera PANAMA(PA) con una stazza lorda di 44029 ton, summer DWT 81011 ton. La portarinfuse è partita da Port Cartier (Canada) il 26 agosto 2017 alle ore 20:14 ed è arrivata a Bari il 9 settembre alle ore 12:00. La nave ha sette stive con un carico stimato di oltre 500 mila quintali di grano ed è ferma a poche miglia dal porto sino a lunedì.

Sempre dal Canada si prevede l’ arrivo di una terza nave cargo da sette stive di nome PYXIS OCEAN che è partita il 16 agosto scorso da Vancouver e arriverà a Bari il 25 di settembre.


Nave canadese partita da Vancouver

Dal Canada si prevede inoltre l’ arrivo a Bari di una quarta nave da sette stive. Si tratta della Bulk Carrier di nome DRAWSKO, partita il 9 settembre scorso da Port Weller che arriverà a Bari il 26 di settembre.


Nave canadese partita da Port Weller

 

La nave americana


Nave americana prevista in arrivo a Bari

Nei prossimi giorni è previsto l’arrivo di una quinta nave dagli Stati Uniti da circa 300 mila quintali. La Bulk Carrier di nome BELMEKEN è partita da Corpus Christi (USA) il 18 agosto scorso e si prevede che arrivi a Bari il 12 settembre.

Cosa possiamo fare concretamente?

Se ognuno di noi inviasse una email al Ministro Lorenzin, adesso che ha finito le vacanze, non sarebbe male.

Sul fipronil nelle uova ha disposto controlli a tappeto in tutti gli allevamenti avicoli, sia pur in ritardo. Ma sui contaminanti del grano estero quando disporrà controlli a tappeto?

Vogliamo ricordare al Ministro che c’è un divieto sul glifosate nel grano che l’ Italia non fa rispettare nei confronti del grano che arriva nei porti e che è molto più pericoloso per la salute rispetto al fipronil. Se ci fossero dubbi in merito al divieto, il Ministro – a tutela della salute pubblica – potrebbe chiedere l’emanazione di una sentenza interpretativa alla Corte di Giustizia europea.

Nel frattempo, in ossequio al principio di precauzione, il ministro potrebbe disporre controlli a tappeto su tutte le navi di grano estero, e per non correre rischi potrebbe incaricare direttamente l’ Istituto Superiore di Sanità.

 

tratto da:http://www.granosalus.com/2017/09/09/grano-estero-record-di-arrivi-e-invasione-al-porto-di-bari-oltre-2-milioni-di-quintali/

Il ciclone CETA spazzerà l’agricoltura italiana

CETA

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

 

Il ciclone CETA spazzerà l’agricoltura italiana

 

di Tiziana Beghin, Efdd – MoVimento 5 Stelle Europa. 

“Il Ceta entrerà provvisoriamente in vigore il 21 settembre senza aspettare il sì definitivo dei Parlamenti nazionali dei 28 Stati membri. E questo dice già tutto di quanto democratico sia questo Trattato commerciale firmato da Europa e Canada. Il Ceta è un pericolo soprattutto per la nostra agricoltura, nonostante la disinformazione di alcune associazioni di categoria che lo difendono. Questa è la verità sul Ceta. Ci dispiace che la Confederazione italiana agricoltori (Cia) nasconda la testa sotto la sabbia. Anche Coldiretti ha definito l’accordo con il Canada “un regalo alle lobby industriali”. Ecco punto per punto un po’ di chiarezza sulle conseguenze del Ceta:

PRINCIPIO DI PRECAUZIONE
Il principio di precauzione stabilisce che qualora vi sia un ragionevole dubbio sulla pericolosità di un prodotto, le autorità possono comunque limitarne la circolazione o richiedere modifiche nella sua produzione anche in assenza di una inconfutabile prova scientifica.

L’idea di base è che la scienza non debba essere il solo ed unico fattore da considerare quando si valuta la pericolosità potenziale di un bene. In Canada, invece, solo un rischio scientificamente dimostrabile comporta la messa al bando di un prodotto. La CIA afferma, erroneamente che il principio di precauzione non sarà intaccato dal CETA. Questa affermazione, tuttavia, è falsa per i seguenti motivi:

1) Il campo di applicazione del CETA si estende ad ambiti in cui l’UE applica normalmente il principio di precauzione.

2) Il CETA, ad esempio, incorpora le norme sanitarie e fitosanitarie (SPS) dell’organizzazione mondiale del commercio (OMC), che pur prevedendo alcune flessibilità non hanno impedito all’Europa di perdere le dispute relative agli OGM e all’importazione di carne trattata con ormoni.

3) Lo stesso vale per il capitolo relativo alle barriere tecniche al commercio (TBT). Anche qui sono state incorporate le norme dell’OMC, senza però risolvere l’ambiguità che sta alla base di queste disposizioni riguardo il principio di precauzione.

Il principio di precauzione si è già mostrato inservibile in dispute avvenute secondo gli stessi principi giuridici su cui è stato basato il CETA. E’ ragionevole pensare che la medesima situazione possa riprodursi.

MISURE SANITARIE E FITOSANITARIE
La CIA afferma che, poiché il principio di precauzione è contenuto nei trattati costituitivi dell’UE e difeso nelle dichiarazioni di accompagnamento al CETA, esso non può essere disatteso. Purtroppo anche questa affermazione può essere facilmente confutata dal momento che tramite le procedure di reciproco riconoscimento (per quanto riguarda il capitolo TBT) e equivalenza degli standard (per il capitolo SPS) un prodotto commercializzabile in Canada ed approvato secondo regolamentazioni canadesi sarà vendibile anche sul mercato europeo senza essere prima stato sottoposto a un processo di approvazione basato sul principio di precauzione.

Ovviamente, questo non significa che le norme europee che vietano un prodotto diventino automaticamente inutili e come afferma correttamente la CIA, “prodotti trattati con additivi attualmente vietati nell’UE non potranno essere importati”. Tuttavia le norme europee che limitano questi prodotti potranno essere più facilmente indebolite, anche grazie alle procedure di cooperazione regolamentare incluse nel trattato.

Un possibile spunto per capire come il CETA possa indebolire nella pratica il principio di precauzione può essere individuato nel caso del regolamento sugli interferenti endocrini. Per facilitare l’entrata in vigore di CETA e (possibilmente) TTIP la Commissione Europea nel 2015 ha posposto l’entrata in vigore di criteri basati sul principio di precauzione per rendere operativa la legislazione europea in materia di interferenti endocrini.

UTILIZZO DEGLI ORMONI
Il CETA non comporta automaticamente l’entrata in commercio di carne trattata con ormoni, ma potrebbe renderla più facile. Esso non rinforza la posizione europea di blocco alla carne trattata con ormoni, ma anzi assume come riferimento il quadro normativo secondo cui la posizione europea è stata ritenuta non conforme alle regole dell’Organizzazione Mondiale del Commercio e per cui l’UE ha dovuto compensare Stati Uniti e Canada importando quote senza dazi di carne americana e canadese.

INDICAZIONI GEOGRAFICHE
La CIA insiste sulla precedente assenza di tutela per le IG in Canada per difendere il magro risultato del trattato in termini di tutela dei nostri prodotti tipici sul mercato canadese, che non riguarda tanto la quantità delle IG protette, quanto la qualità della protezione offerta.

Se è vero che 41 IG italiane hanno ottenuto protezione, i principali prodotti canadesi che imitano formaggi italiani (Parmesan, Asiago, Fontina, Gorgonzola…) o salumi (prosciutto di Parma) potranno continuare ad essere presenti sul mercato canadesi accanto al prodotto originale italiano. E’ facile immaginare che il consumatore canadese opterà per le marche che conosce da tempo, che risulteranno anche meno care. La denominazione (-simil, -stile, -tipo) sarà obbligatoria solo per i produttori entrati nel mercato di un determinato prodotto dopo il 2013.

fonte: http://www.movimento5stelle.it/parlamentoeuropeo/2017/08/il-ciclone-ceta-spaz.html

Il ciclone CETA spazzerà l’agricoltura italiana

 

CETA

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Il ciclone CETA spazzerà l’agricoltura italiana

“Il Ceta entrerà provvisoriamente in vigore il 21 settembre senza aspettare il sì definitivo dei Parlamenti nazionali dei 28 Stati membri. E questo dice già tutto di quanto democratico sia questo Trattato commerciale firmato da Europa e Canada. Il Ceta è un pericolo soprattutto per la nostra agricoltura, nonostante la disinformazione di alcune associazioni di categoria che lo difendono. Questa è la verità sul Ceta. Ci dispiace che la Confederazione italiana agricoltori (Cia) nasconda la testa sotto la sabbia. Anche Coldiretti ha definito l’accordo con il Canada “un regalo alle lobby industriali”. Ecco punto per punto un po’ di chiarezza sulle conseguenze del Ceta:

PRINCIPIO DI PRECAUZIONE
Il principio di precauzione stabilisce che qualora vi sia un ragionevole dubbio sulla pericolosità di un prodotto, le autorità possono comunque limitarne la circolazione o richiedere modifiche nella sua produzione anche in assenza di una inconfutabile prova scientifica.

L’idea di base è che la scienza non debba essere il solo ed unico fattore da considerare quando si valuta la pericolosità potenziale di un bene. In Canada, invece, solo un rischio scientificamente dimostrabile comporta la messa al bando di un prodotto. La CIA afferma, erroneamente che il principio di precauzione non sarà intaccato dal CETA. Questa affermazione, tuttavia, è falsa per i seguenti motivi:

1) Il campo di applicazione del CETA si estende ad ambiti in cui l’UE applica normalmente il principio di precauzione.

2) Il CETA, ad esempio, incorpora le norme sanitarie e fitosanitarie (SPS) dell’organizzazione mondiale del commercio (OMC), che pur prevedendo alcune flessibilità non hanno impedito all’Europa di perdere le dispute relative agli OGM e all’importazione di carne trattata con ormoni.

3) Lo stesso vale per il capitolo relativo alle barriere tecniche al commercio (TBT). Anche qui sono state incorporate le norme dell’OMC, senza però risolvere l’ambiguità che sta alla base di queste disposizioni riguardo il principio di precauzione.

Il principio di precauzione si è già mostrato inservibile in dispute avvenute secondo gli stessi principi giuridici su cui è stato basato il CETA. E’ ragionevole pensare che la medesima situazione possa riprodursi.

MISURE SANITARIE E FITOSANITARIE
La CIA afferma che, poiché il principio di precauzione è contenuto nei trattati costituitivi dell’UE e difeso nelle dichiarazioni di accompagnamento al CETA, esso non può essere disatteso. Purtroppo anche questa affermazione può essere facilmente confutata dal momento che tramite le procedure di reciproco riconoscimento (per quanto riguarda il capitolo TBT) e equivalenza degli standard (per il capitolo SPS) un prodotto commercializzabile in Canada ed approvato secondo regolamentazioni canadesi sarà vendibile anche sul mercato europeo senza essere prima stato sottoposto a un processo di approvazione basato sul principio di precauzione.

Ovviamente, questo non significa che le norme europee che vietano un prodotto diventino automaticamente inutili e come afferma correttamente la CIA, “prodotti trattati con additivi attualmente vietati nell’UE non potranno essere importati”. Tuttavia le norme europee che limitano questi prodotti potranno essere più facilmente indebolite, anche grazie alle procedure di cooperazione regolamentare incluse nel trattato.

Un possibile spunto per capire come il CETA possa indebolire nella pratica il principio di precauzione può essere individuato nel caso del regolamento sugli interferenti endocrini. Per facilitare l’entrata in vigore di CETA e (possibilmente) TTIP la Commissione Europea nel 2015 ha posposto l’entrata in vigore di criteri basati sul principio di precauzione per rendere operativa la legislazione europea in materia di interferenti endocrini.

UTILIZZO DEGLI ORMONI
Il CETA non comporta automaticamente l’entrata in commercio di carne trattata con ormoni, ma potrebbe renderla più facile. Esso non rinforza la posizione europea di blocco alla carne trattata con ormoni, ma anzi assume come riferimento il quadro normativo secondo cui la posizione europea è stata ritenuta non conforme alle regole dell’Organizzazione Mondiale del Commercio e per cui l’UE ha dovuto compensare Stati Uniti e Canada importando quote senza dazi di carne americana e canadese.

INDICAZIONI GEOGRAFICHE
La CIA insiste sulla precedente assenza di tutela per le IG in Canada per difendere il magro risultato del trattato in termini di tutela dei nostri prodotti tipici sul mercato canadese, che non riguarda tanto la quantità delle IG protette, quanto la qualità della protezione offerta.

Se è vero che 41 IG italiane hanno ottenuto protezione, i principali prodotti canadesi che imitano formaggi italiani (Parmesan, Asiago, Fontina, Gorgonzola…) o salumi (prosciutto di Parma) potranno continuare ad essere presenti sul mercato canadesi accanto al prodotto originale italiano. E’ facile immaginare che il consumatore canadese opterà per le marche che conosce da tempo, che risulteranno anche meno care. La denominazione (-simil, -stile, -tipo) sarà obbligatoria solo per i produttori entrati nel mercato di un determinato prodotto dopo il 2013.

fonte: http://www.movimento5stelle.it/parlamentoeuropeo/2017/08/il-ciclone-ceta-spaz.html

TRENTO: agricoltori vogliono passare al Biologico, ma qualcuno avvelena i frutteti

Biologico

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

TRENTO: agricoltori vogliono passare al Biologico, ma qualcuno avvelena i frutteti

Bolzano (TN) : Agricoltori locali volevano convertire le loro coltivazioni in “biologico“, producendo così merce più sana, ma a qualcuno questa “conversione” non è andata giù a qualcuno che ha pensato bene di spargere il potente erbicida Glisfosato (sospettato di essere cancerogeno) in diversi meleti della zona.

Chi e perché è contrario alla conversione di un agricoltura più sana? E perché spargere proprio quel potente erbicida?

Forse perché così facendo i nostri agricoltori “convertiti” a metodi più sani e naturali, dovranno attendere altri 2-3 anni perché nel terreno avvelenato non ci sia più traccia di Glifosato?

2-3 anni a cui ne andranno aggiunti altri 2 per “conversione al biologico“….in cui i contadini non potranno vendere i loro prodotti, mentre però pagheranno la certificazione biologica.

fonte: http://ilnuovomondodanielereale.blogspot.it/2017/08/trento-agricoltori-vogliono-passare-al.html

Lo scandalo dell’agricoltura biologica siciliana: “Uccisa nella culla”

 

agricoltura biologica

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Lo scandalo dell’agricoltura biologica siciliana: “Uccisa nella culla”

5300 aziende ancora aspettano i pagamenti del 2015. Gli agricoltori annunciano una diffida nei confronti della Regione e proteste eclatanti. “Se è vero che la colpa è dell’AGEA, l’assessore all’agricoltura, Antonello Cracolici, si sarebbe dovuto incatenare davanti ai suoi uffici per pretendere il dovuto. La verità è che ai nostri politici il biologico interessa solo per fare propaganda…”

Sono allo stremo. Finanziariamente e psicologicamente. Finanziariamente perché aspettano dal 2015 le compensazioni previste dal bando del Piano di Sviluppo Rurale (PSR) sull’agricoltura biologica. Che, in quanto tali, dovrebbero arrivare entro l’anno in cui si registrano l’impegno e le perdite per l’abbandono dell’agricoltura convenzionale. Psicologicamente perché si sentono presi per i fondelli da una politica che usa l’agricoltura biologica come propaganda, ma che lascia morire ‘dissanguati’ quegli agricoltori che ci credono.

Questa è la storia delle 5300 aziende agricole siciliane che ancora aspettano i pagamenti del bando 2015 sui contributi destinati all’agricoltura biologica. Parliamo del PSR 2014-2020.  Per 1800 di loro è già arrivata qualcosa, ma si tratta di pagamenti parziali che non coprono minimamente le spese sostenute. Tra l’altro, non si capisce neanche quali criteri siano stati utilizzati per selezionare le aziende e gli importi. E se la colpa sia della Regione siciliana o dell’AGEA, l’ente pagatore, che ha sede a Roma. Cosa che accresce la rabbia degli agricoltori che devono assistere al teatrino dello scaricabarile, ma che sono sul piede di guerra. Così si stanno coordinando per inviare una diffida alla Regione e per chiedere i danni.

Sono pronti anche a manifestazioni plateali: “Il governo regionale si fa bello parlando di agricoltura biologica, ma la verità è che la stanno uccidendo in culla”, dice a I Nuovi Vespri uno di questi imprenditori agricoli. E aggiunge: “Se è vero che la colpa è dell’AGEA, l’assessore all’agricoltura, Antonello Cracolici, si sarebbe dovuto incatenare davanti ai suoi uffici per pretendere il dovuto, invece dice che è tutto a posto. Siamo alla frutta e speriamo che i giovani non caschino nel tranello di questi politicanti che li invitano a darsi all’agricoltura, perché andrebbero incontro solo alla rovina. Evidentemente non hanno alcun interesse reale a fare crescere l’agricoltura biologica, né a garantire ai consumatori prodotti a chilometro zero”.

E, in effetti, a giudicare da quello che fanno contro i prodotti contraffatti  o contro le navi che continuano a scaricare in Sicilia grano avvelenato, cioè nulla, le cose sembrano stare davvero così.

Che dire dell’AGEA? Da sempre sosteniamo che anche lì di tutti si fanno gli interessi tranne che degli agricoltori. Qualche mese una dura presa di posizione della presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani:

“Il ritardo di AGEA nei pagamenti dei fondi che spettano ai nostri agricoltori regionali fin dal 2015 è inaccettabile”.

“L’attività di AGEA non risponde più ai bisogni dei nostri cittadini e in particolare dei nostri agricoltori”.  E ancora: “I nostri agricoltori stanno abbandonando l’interesse verso le misure di sviluppo rurale nelle quali la Regione ha investito tanto e che servono tremendamente alla nostra economia e alle nostre politiche agricole”.

Dalla Sicilia il solito, scandaloso silenzio dei nostri politicanti mercenari, o ascari chiamateli come volete, la sostanza non cambia. Se ne fregano e non disturbano il potere romano anche se in ballo c’è un settore che per la nostra Isola dovrebbe essere fondamentale. 

Sull’AGEA nel 2014 aveva aperto un fascicolo la Procura di Roma. Che aveva acceso i fari sulla SIN spa partecipata per il 51 per cento da AGEA (società del ministero dell’Agricoltura) e per il 49 per cento da un raggruppamento temporaneo di imprese. Che dal 2007 gestisce il sistema dei pagamenti agli agricoltori per conto del Ministero: il SIAN (Sistema Informativo Agricolo Nazionale).

“Dal 2010 ad oggi sono stati prodotti almeno dieci dossier, tra relazioni di collaudo, audit interni, perizie legali che dimostrano come il SIAN sia un costosissimo colabrodo, un sistema che ha drenato fino ad oggi dalle ‘casse’ dello Stato la bellezza di 780 milioni di euro” scriveva Repubblica in questo articolo.

Altro che sostegno all’agricoltura…

 

 

ndr

La Regione siciliana aveva una propria Agenzia regionale per il pagamento degli interventi in agricoltura. Su input del solito Governo regionale di Rosario Crocetta, grosso modo ad inizio di questa legislatura – complice una strana campagna mediatica – è stato deciso che questa agenzia regionale era ‘inutile’.

Insomma, bisognava eliminare gli ‘sprechi’. E, guarda caso, hanno eliminato l’Agenzia regionale che erogava finanziamenti e contributi agli agricoltori siciliani a valere sui fondi europei.

Così gli agricoltori siciliani, che avevano una linea amministrativa diretta per percepire i fondi del Piano di Sviluppo Rurale, sono finiti in coda alle altre Regioni italiane.

L’eliminazione dell’agenzia regionale siciliana per i pagamenti agli agricoltori ha dato modo al governo nazionale – allora alla presidenza del Consiglio c’era Matteo Renzi – di trattenere per un certo tempo (scopriamo ora per due anni!) i fondi che dovrebbero essere corrisposti agri agricoltori siciliani.

In pratica – questa è l’amara verità – lo Stato lucra due anni di interessi sui fondi europei destinati agli agricoltori siciliani. E questo grazie ai deputati regionali della Sicilia che hanno voluto e votato questo provvedimento ascaro. 

Chi debbono ‘ringraziare’ gli agricoltori siciliani di questo ‘regalo’?

In primo luogo, il presidente della Regione, Rosario Crocetta, e l’assessore regionale all’Agricoltura del tempo (non ricordiamo il nome: speriamo lo farà qualche nostro lettore).

Ma debbono ringraziare anche i deputati dell’Assemblea regionale siciliana che hanno votato in favore della soppressione dell’Agenzia regionale che erogava agli agricoltori siciliani i fondi europei.  

fonte: http://www.inuovivespri.it/2017/08/08/lo-scandalo-dellagricoltura-biologica-siciliana-uccisa-nella-culla/

L’Italia sta per finanziare i nuovi Ogm, ma i Tg MUTI…!!!

 

Ogm

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

L’Italia sta per finanziare i nuovi Ogm, ma i Tg MUTI…!!!

 

L’Italia sta per finanziare i nuovi Ogm ma nessuno ne parla

Tra due giorni la Commissione Agricoltura della Camera si esprimerà su un decreto che stanzia milioni. Ma la Corte di Giustizia dell’UE potrebbe dichiararli illegali a settembre

L’Unione Europea non ha ancora deciso se le nuove tecniche di manipolazione geneticaproducano colture Ogm a tutti gli effetti, oppure se legalmente queste possano aggirare la direttiva comunitaria che disciplina i prodotti transgenici e quindi entrare nei campi di tutta Europa. Per conoscere il destino di questi nuovi OGM, ottenuti con metodi sviluppati dopo l’entrata in vigore della direttiva, bisognerà aspettare una sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, investita dal Consiglio di Stato francese del ruolo di fare chiarezza. Il giudizio sulla natura di questi nuovi organismi è atteso nei prossimi mesi, eppure l’Italia si sta muovendo per approvare un decreto  del Ministero dell’Agricoltura che stanzia 21 milioni di euro per ricerche in questo campo. La commissione Agricoltura della Camera dei Deputati dovrà dare un parere, entro venerdì, sul piano di finanziamento straordinario sulle “Biotecnologie sostenibili per l’agricoltura italiana” presentato dal Ministero su input del CREA (Consiglio di ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria), senza sapere se sta spendendo denaro nella promozione di OGM illegali.

Secondo l’Associazione Rurale Italiana (ARI), il decreto «contiene di fatto una serie di decisioni politiche destinate ad avere un forte impatto normativo, poiché stabilisce che i prodotti che risultano dall’applicazione delle cosiddette nuove tecniche di creazione varietale (NBT), in particolare da cisgenesi e genome editing, non siano considerati OGM».

Gli obiettivi del progetto stilato dal CREA si basano su un parere favorevole dell’EFSA (l’Agenzia UE per la sicurezza alimentare) e puntano a «costituire nuovi genotipi più resistenti agli stress abiotici, alle malattie e ai parassiti, dotati di nuovi caratteri di qualità nutrizionali e tecnologiche e più idonei alle nuove esigenze di coltivazione».

Il 3 luglio scorso, tuttavia, il commissario europeo Vytenis Andriuakitis, convocato al Parlamento UE per rispondere ad una interrogazione, ha ammesso che «malgrado anni di dibattiti e lavori di esperti, nessuna decisione è stata ancora presa relativamente al quadro giuridico applicabile alle “nuove tecniche di selezione” nell’Unione Europea. Non esiste nessuna misura specifica di valutazione, di biosicurezza, di tracciabilità o di etichettatura ai prodotti ottenuti con questi procedimenti».

Nonostante questo vuoto normativo l’Italia sembra già sicura del fatto che i cosiddetti nuovi OGM non rientreranno nel perimetro della direttiva europea, al punto da impegnare decine di milioni di euro nel loro sviluppo. Del resto, lo stesso Ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, ha dichiarato che «se l’Europa deciderà, come spero, che cisgenesi e genome editing sono distinguibili dalle vecchie tecnologie OGM su basi scientifiche, dobbiamo prepararci ad affrontare questa nuova frontiera».

La battaglia, anche se si svolge in punta di diritto, è di natura profondamente politica. Si scontrano due modelli agricoli differenti, uno fondato sull’agroecologia e la riconversione ecologica mediante tecniche naturali, l’altro figlio di un approccio tecnologico e industriale.

Le nuove tecniche (New Breeding Techniques – NBT) tentano di dare slancio a quest’ultimo, consentendogli di sfuggire alla regolamentazione grazie ad una caratteristica specifica: nessun DNA estraneo finisce nelle piante create in laboratorio, perché i ricercatori sono riusciti a sopprimere i geni presenti nel genoma dei vegetali senza ricorrere ad un vettore batterico. Così, chi li sostiene afferma che non si tratti di OGM, mentre chi si oppone ritiene che sia solo un altro escamotage per far rientrare dalla finestra le colture transgeniche in un continente che finora è riuscito a vietarle quasi completamente.

 

fonte: http://www.globalist.it/economy/articolo/2009163/l039italia-sta-per-finanziare-i-nuovi-ogm-ma-nessuno-ne-parla.html