GranoSalus: i risultati delle analisi su pasta Barilla, Voiello, De Cecco, Divella, Garofalo, La Molisana, Coop e Granoro: sono pieni di Don, Glifosate e Cadmio… E a noi queste porcherie ce le fanno mangiare…!!

denuncia

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

GranoSalus: i risultati delle analisi su pasta Barilla, Voiello, De Cecco, Divella, Garofalo, La Molisana, Coop e Granoro: sono pieni di Don, Glifosate e Cadmio… E a noi queste porcherie ce le fanno mangiare…!!

 

Lo dicono le analisi: Don, Glifosate e Cadmio presenti negli spaghetti

Ormai lo dicono le analisi, quelle vere che non mettono le stellette, come fa Altroconsumo, ma attribuiscono dei numeri reali ai contaminanti più pericolosi presenti quotidianamente sulle nostre tavole. In tutte le marche sono presenti Don, Glifosate e Cadmio entro i limiti di legge per gli adulti. Almeno due marche di spaghetti superano i limiti di Don per la tutela della salute dei bambini. Confermata attività di miscelazione tra grani esteri e nazionali. Solo il piombo è risultato assente dalle analisi.Dubbi sul marchio di Puglia: garantisce per davvero il 100% dell’ origine del grano?

Se le marche più blasonate e diffuse nel Paese contengono tracce di questi contaminanti, sia pur entro i limiti di legge, vuol dire che ogni italiano ne assume piccole dosi giornaliere attraverso pasta e altri derivati del grano. E non c’è affatto da stare tranquilli specie se si considera l’effetto combinato che queste sostanze potrebbero provocare insieme, anche a bassi dosaggi. Cosa prevede il principio di precauzione? Ci sono prove che l’effetto sinergico di più contaminanti a basse dosi non faccia danni alla salute?

Dal Test GranoSalus, almeno due marche, Divella e La Molisana, superano i limiti che la legge impone per i bambini sul DON. Ma la coopresenza di Don, Glifosate e Cadmio negli spaghetti Barilla, Voiello, De Cecco, Divella, Garofalo, La Molisana, Coop e Granoro 100% Puglia, rivela un’attività di miscelazione tra grani esteri e grani nazionali vietata dai regolamenti comunitari.

I grani duri del Sud non dovrebbero presentare queste sostanze pericolose! Il condizionale è d’obbligo, perché se un marchio come Granoro 100% Puglia presenta tracce di questi contaminanti, beh, c’è qualcosa che non funziona nel disciplinare della Regione Puglia che ha concesso in licenza d’uso il marchio alla ditta Granoro e negli stessi controlli della Regione.

La prassi di miscelare grani contaminati con grani privi di contaminazione al fine di ottenere partite mediamente contaminate (sia pur entro i limiti di legge) è vietata dall’ Europa.

Il Reg. CE 1881/2006 al comma 2 dell’ art 3 prevede che:

I prodotti alimentari conformi ai tenori massimi di cui all’allegato non possono essere miscelati con prodotti alimentari in cui tali tenori massimi siano superati”.

Tale divieto opera anche nei confronti della detossificazione. Il comma 3 dell’ art 3 recita:

I prodotti alimentari da sottoporre a cernita o ad altri trattamenti fisici per abbassare il livello di contaminazione non possono essere miscelati con prodotti alimentari destinati al consumo umano diretto, né con prodotti alimentari destinati a essere impiegati come ingredienti alimentari”.

Ecco la prima tabella delle analisi realizzate da GranoSalus presso primari laboratori europei accreditati, che dimostra quanto sia ancora lontana una politica zero residui da parte dell’ industria italiana. Con la raccolta fondi avviata dalla nostra associazione realizzeremo altre analisi su altri contaminanti. Ecco perché è necessario sostenere GranoSalus

Le analisi sono state effettuate sugli spaghetti.

Barilla & Voiello. La pasta Barilla e la pasta Voiello, che sono due paste dello stesso gruppo, presentano, rispettivamente, per ciò che riguarda la micotossina DON 161 ppb (parti per miliardo) e 180 ppb.

Per ciò che riguarda il Glifosate – sempre con riferimento alla Barilla e alla Voiello – presentano, rispettivamente, 0,102 milligrammi per chilogrammo e 0,050 milligrammi per chilogrammo.

Per ciò che riguarda il Cadmio – ancora con riferimento alla Barilla e alla Voiello – presentano 0,032 milligrammi di Cadmio per chilogrammo e 0,036 sempre di questo metallo pesante.

Il piombo, per fortuna, non è presente.

Questo significa che Barilla e Voiello utilizzano grani duri esteri, anche se Voiello dichiara di utilizzare solo grani italiani (varietà Aureo e Svevo).

De Cecco. Gli spaghetti della De Cecco presentano 80 ppb di micotossine DON, 0,052 milligrammi per chilogrammo di glifosate e 0,042 milligrammi per chilogrammo di Cadmio. Anche la De Cecco utilizza grano duro straniero.

Divella. Gli spaghetti Divella presentano 381 ppb di micotossine DON, 0,110 milligrammi per chilogrammo di glifosate e 0,044 milligrammi per chilogrammo di Cadmio. Anche la Divella usa grano duro estero e questi spaghetti sono fuori norma per i bambini.

Garofalo. Gli spaghetti della Garofalo presentano 199 ppb di micotossine DON, 0,062 milligrammi per chilogrammo di glifosate e 0,021 milligrammi per chilogrammo di Cadmio. Anche la Garofalo acquista grano duro estero.

La Molisana. Gli spaghetti de La Molisana presentano 253 ppb di DON, 0,033 milligrammi per chilogrammo di glifosate e 0,035 di Cadmio. Anche la Molisana acquista grano duro estero e si presenta fuori norma per l’alimentazione dei bambini.

Spaghetti a marchio Coop. Questi spaghetti presentano 128 ppb di micotossine DON, 0,013 di glifosate e 0,027 di Cadmio. Stessa musica: anche la catena di distribuzione Coop si fa preparare la pasta fatta con grano duro estero.

Granoro 100% Puglia. Anche questa pasta presenta 99 ppb di micotossine DON, 0,039 di glifosate e 0,018 di Cadmio. Come sopra: anche questa pasta si sospetta sia fatta con l’aggiunta di grano duro estero.

Ma cosa sono questi contaminanti?

Il DON

E’ un composto tossico prodotto da alcuni funghi appartenenti al genere Fusarium. In particolari condizioni ambientali, quando la temperatura e l’umidità sono favorevoli, questo fungo può produrre micotossine. Avviene nel Canada e in tutte quegli areali umidi al di sopra del 45° parallelo, dove non ci sono le condizioni naturali per la coltivazione del grano duro. Infatti, questa micotossina entra nella filiera alimentare attraverso grano contaminato quasi sempre di provenienza estera. La presenza di DON negli alimenti e nei mangimi può essere nociva per la salute umana e degli animali poiché può causare effetti diversi di vario tipo. Secondo lo IARC, il Don è stato catalogato a livello 2B come probabile sostanza cangerogena.

Di solito la pasta realizzata esclusivamente con i grani del Sud è priva di questa micotossina, grazie alle condizioni climatiche seccagne.

Mentre dai dati forniti dalla U.S. Weath Associates oltre il 50% del grano (CWAD Canadese) prodotto nel 2016 ha un livello di DON pari a 4700 ppb e dai dati forniti dal Canadian Grain Commission circa il 73,6% del loro grano (CWAD N° 3) presenta danni da fusarium.

Il Glifosate

E’ uno degli erbicidi disseccanti più diffuso al mondo.

Il glifosato viene ampiamente usato in preraccolta negli USA e Canada nelle coltivazioni di grano duro, per favorirne la maturazione artificiale, con conseguente presenza di residui nel grano raccolto e nelle farine che ne derivano.

La legislazione europea dal mese di agosto 2016 vieta l’uso di glifosato in pre-raccolta per il grano duro, ma dal Test GranoSalus emerge la presenza di Glifosate nella pasta, a dimostrazione che il divieto operante in Italia viene bypassato dai pastifici ricorrendo alla miscelazione con grani contaminati extra-Ue, di cui si celebrano solo gli aspetti reologici (tenori proteici, indice di glutine, indice di giallo,etc).

Di solito la pasta realizzata esclusivamente con i grani del Sud è priva di questo erbicida, grazie alle condizioni climatiche seccagne che fanno maturare naturalmente il nostro grano.

L’Agenzia per la ricerca sul cancro IARC (OMS) di Lione ha classificato il principio attivo come un “probabile cangerogeno per l’uomo”.

Il Cadmio

Il cadmio è un metallo pesante che penetra nell’ambiente sia da fonti naturali, come le emissioni vulcaniche e l’erosione delle rocce, sia dalle attività industriali e agricole. Si trova nell’aria, nel suolo e nell’acqua e, in un secondo tempo, può accumularsi nelle piante e negli animali. Il cadmio è tossico innanzitutto per i reni, ma può causare anche demineralizzazione ossea ed è stato classificato come cancerogeno per gli esseri umani dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro[1]. Gli alimenti rappresentano la principale fonte di esposizione al cadmio per la popolazione di non fumatori. Cereali e prodotti a base di cereali, verdure, noci e legumi, radici amidacee e patate, come pure carne e prodotti a base di carne sono quelli che contribuiscono maggiormente all’esposizione umana. Alti livelli sono stati riscontrati anche in altri alimenti (ad es. alghe, pesci e frutti di mare, integratori alimentari, funghi e cioccolato), ma siccome essi vengono consumati in minor quantità, non vengono considerati fonti importanti di esposizione.

Il gruppo di esperti scientifici sui contaminanti nella catena alimentare dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha ridotto la dose settimanale ammissibile (TWI)[2] per il cadmio a 2,5 microgrammi per chilogrammo di peso corporeo (µg/kg pc), basandosi sull’analisi di nuovi dati. Il TWI è la dose alla quale non sono previsti effetti avversi.

Da dove arriva il grano contaminato?

Il Canada, grazie al Canada Grain Act (CGA) e alla Canadian Grain Commission (CGC), che riporta direttamente al Ministero dell’ Agricoltura, ha sviluppato una legislazione e una politica strutturale per coltivare ed esportare grano duro ed altri cereali, gestendo così l’offerta a livello mondiale. Il Canada consapevole delle probabili difficoltà, in termini qualitativi-sanitari, ha investito sia in logistica che in altri servizi aggiuntivi per supportare quello che possiamo definire un vero e proprio sistema commerciale, liberalizzato in parte solo da pochi anni, e teso ad esportare nel mondo cereali con seri problemi per la salute pubblica. La Commissione stabilisce qualità e standard del grano; regola la manipolazione, il trasporto e lo stoccaggio di grano in Canada; fornisce servizi di protezione al produttore e intraprende iniziative di ricerca sul grano e sui prodotti derivati.

Del resto sono gli stessi dati doganali a confermare che da questo Paese arriva sui nostri porti solo grano scadente come vi abbiamo spiegato in questo articolo qui.

_________________________________

[1] IARC (Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro), 1993. Berillio, cadmio, mercurio ed esposizioni nell’industria vetraria. Monografie IARC sulla valutazione del rischio carcinogenico delle sostanze chimiche per l’uomo, vol. 58. Lione, Francia, pag 444.

[2] Il livello tollerabile di assunzione settimanale (TWI) è il quantitativo di una determinata sostanza che può essere consumato ogni settimana per tutto l’arco della vita senza provocare effetti apprezzabili sulla salute dei consumatori. Nel 1988 il comitato congiunto FAO/OMS di esperti sugli additivi alimentari (JECFA) aveva fissato un TWI provvisorio per il cadmio di 7 µg/kg pc.

fonte: http://www.granosalus.com/2017/02/26/lo-dicono-le-analisi-don-glifosate-e-cadmio-presenti-negli-spaghetti/

 

 

Agricoltura: è tutto Italiano il primo eco – diserbante! “Tutto è nato per salvare le api”…!

 

Agricoltura

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Agricoltura: è tutto Italiano il primo eco – diserbante! “Tutto è nato per salvare le api”…!

Si tratta di un composto a base di scarti di malvasia, lana e olio d’oliva scoperto da un team di ricercatori e imprese capitanato da Daniela Ducato, responsabile della filiera “Edizero Architecture for peace”. L’idea, maturata dopo anni di sperimentazioni e ricerche, è nata da un’esigenza molto concreta: salvare le api che morivano a causa degli agenti chimici dei diserbanti tradizionali.

Niente additivi chimici, glifosati e sostanze che avvelenano l’ambiente. Dall’Italia, e in particolare dalla Sardegna, arriva il primo eco-diserbante che promette di sostituire i tradizionali preparati sintetici considerati nocivi per coltivazioni, animali e anche per l’uomo. Il segreto? Un composto a base di scarti di malvasia, lana e olio d’oliva scoperto da un team di ricercatori e imprese capitanato da Daniela Ducato, responsabile della filiera “Edizero Architecture for peace”, che da anni lavora nel campo della bioedilizia e dell’agricoltura con innovazioni a zero impatto

da Il Fatto Quotidiano

 

…E GranoSalus chiede: Che fine ha fatto il grano contaminato arrivato a Bari il 13 aprile scorso?

grano contaminato

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

…E GranoSalus chiede: Che fine ha fatto il grano contaminato arrivato a Bari il 13 aprile scorso?

Che fine ha fatto il grano contaminato arrivato a Bari il 13 aprile scorso?

Vi raccontiamo una storia, una storia vera. La storia di una nave che doveva essere respinta – secondo l’Unione europea – mentre i fatti del Belpaese dimostrano il contrario. A che serve l’allerta rapida se vi sono falle nel sistema? Che grano siamo costretti a mangiare ogni giorno nella pasta e nel pane? Possibile che le multinazionali debbano sempre farla franca? Il silenzio dei sindacati

Quasi un anno fa, il 13 aprile arriva al porto di Bari una nave che in sette stive trasporta più di 59mila tonnellate di grano duro proveniente dall’Argentina. Dai controlli degli ispettori dell’Ufficio di Sanità marittima (Usmaf) effettuati a campione in due stive, viene fuori che in una delle due il grano è contaminato da Dichlorvos, un pesticida vietato dall’Unione Europea, in una concentrazione di 0.34 milligrammi per chilogrammo (il limite massimo è di 0,01). La stiva contaminata contiene oltre 12 mila tonnellate di grano, secondo le notizie riportate da un articolo apparso su la Repubblica in data 8 marzo 2017 che attribuisce un valore al carico, a conti fatti, di circa 8 euro al quintale! Grano di pessima qualità che in partenza sarà costato nemmeno la metà, al netto dei costi di trasporto. Dai sindacati agricoli? Nemmeno una parola.

Il Ministero della Salute blocca la partita e ne vieta ogni trattamento, esistendo il ragionevole dubbio che il prodotto una volta commercializzato possa contenere un principio attivo non autorizzato” e non potendo, dunque, escludere rischi per i consumatori. Infatti, secondo il Ministero possono essere trattate solo partite con contaminanti non vietati dall’UE.

Dunque questo grano non può essere utilizzato? Non proprio purtroppo, perché l’importatore, la Casillo Commodities, non si rassegna e ricorre al TAR ottenendo un provvedimento cautelare con cui viene sospeso il diniego all’importazione.

Nel provvedimento del TAR tuttavia si specifica che:

  • l’ammissione al trattamento speciale non comporta l’autorizzazione alla trasformazione e alla commercializzazione del frumento, che dovrà in ogni caso essere sottoposto, concluso il trattamento, a rigorosi controlli di legge;
  • non sussiste, allo stato, un pericolo di danno per la salute pubblica, mentre la merce contaminata è soggetta a naturale deperimento.

Secondo i giudici del TAR l’eventuale via libera sarebbe, dunque, legato alla possibilità di effettuare nuove analisi prima della vendita.

L’autorità competente dovrebbe assicurare che i trattamenti speciali siano eseguiti in stabilimenti sotto il suo controllo o sotto il controllo di un altro Stato membro e conformemente alle condizioni previste secondo la procedura di cui all’articolo 62, paragrafo 3 del regolamento CE 882/04) o, in mancanza di tali condizioni, alle norme nazionali.


Allerta rapida

In realtà il carico era stato oggetto di allerta, come si può notare nel documento qui affianco riportato in cui si invitava a respingerlo al mittente. In tale documento viene segnalato, tuttora, un livello di rischio “serious” ed una notifica classificata come “border rejection“, ovvero respingimento alla frontiera. Insomma quel grano secondo l’autorità europea andava restituito al mittente argentino (c.d. action taken).

Ma cosa è successo poi? Questo grano contaminato non è stato affatto respinto, come la normativa Europea prevedeva e lo stesso Ministero della Salute Italiano affermava, ma invece sottoposto, dopo una rassicurante sentenza del TAR di Bari (che non ha competenze in maniera sanitaria), ad un processo di ventilazione.

Tuttavia, attraverso la ventilazione si potrebbe forse bonificare il carico dalla polvere ma senza togliere l’insetticida: il principio attivo è un citotropico e sistemico che non può evaporare.

Ecco perché il mancato reinvio al mittente argentino lascia una zona d’ombra sull’intera vicenda.  Il timore è che tecnicamente questo grano possa essere miscelato per diluire la presenza dell’ insetticida .

Questa (non)soluzione sarebbe una scorciatoia, un po’ pasticciata e sospetta.

La decontaminazione è cosa ben diversa dalla diluizione (che risulta vietata dall’art 20 dello stesso regolamento CE 882/04 e anche dall’ art 3 del regolamento CE 1881/06)!

Qual’è la conclusione di questa vicenda? In Italia sembra perfettamente legale importare food contenente una sostanza tossica  non autorizzata e sembra che un giudice amministrativo abbia più competenza sulla salute pubblica delle Autorità Europee e del Ministero della Salute Italiano.

Oltretutto di trattamenti speciali di ventilazione sul Dichlorvos, materialmente effettuati, in tutta Europa non vi è traccia. Dal database RASFF non risulta che questi siano mai stati ammessi sul Dichlorvos!

Nei casi di partite di alimenti contaminati con Dichlorvos (più di 100) in Europa, le azioni intraprese sono state di distruzione o di respingimento alla frontiera, mai nessun trattamento speciale, fisico o chimico, ne tantomeno alcuna ventilazione.

E’ necessario che le autorità europee facciano luce su questa vicenda evitando che la decontaminazione si tramuti in diluizione.

Ed è necessario che il Ministro della Sanità invochi il principio di precauzione e la CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA Art. 23 Direttiva 2001/18/CE.

Non si possono fare sconti alle multinazionali sulla pelle dei cittadini per tutelare il profitto! La salute viene prima dell’ economia.

fonte: http://www.granosalus.com/2017/03/20/fine-carico-grano-contaminato-arrivato-bari-13-aprile-scorso/

 

La fantastica soluzione dell’Unione Europea: troppo mercurio nel pesce? Raddoppiare i limiti consentiti e problema risolto! …Così loro possono continuare a vendere il loro tonno. E chissenefrega se poi la gente crepa!

 

mercurio

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

La fantastica soluzione dell’Unione Europea: troppo mercurio nel pesce? Raddoppiare i limiti consentiti e problema risolto! …E chissenefrega se poi la gente crepa!

La Commissione europea vuole allentare i limiti di mercurio per alcune specie di pesci. L’Ong tedesca Foodwatch ha appreso da addetti ai lavori del settore che la decisione arrivare a breve. Per alcune specie ittiche sarebbe previsto addirittura un aumento del 100 percento, cioè due volte di più rispetto alla quantità di mercurio tollerata fin’ora. Il mercurio è altamente tossico, soprattutto per le donne incinte e per i bambini allattati da madri sovraesposte a questa sostanza. Per questo già alcuni tipi di pesce sono sconsigliati per le donne incinte. Con dei valori limite più alti, molti dei pesci contaminati che oggi vengono ritirati dal mercato, potrebbero rimanere in bella vista sul banco della pescheria.

Tutto per vendere più pescespada e tonno

“Perché la Commissione europea vuole allentare i limiti di mercurio?” si chiede l’Ong, che prova a rispondere così: “Ci sono ragioni prevalentemente economiche”. Al momento, la soglia per i grandi pesci predatori come tonno e pescespada (1 milligrammo per chilogrammo di pesce) che sono quelli che accumulano più mercurio, fa sì che circa la metà di questi pesci non possa essere venduta. “La soluzione della Commissione europea: La soglia viene semplicemente incrementata a due milligrammi per kg di pesce, e così la maggior parte dei pesci possono essere venduti legalmente” aggiungono gli attivisti tedeschi. In cambio, il limite per alcune specie di pesci, soprattutto quelle più piccole, verrà ridotto. “Un chiaro specchietto per le allodole: Dato che questi pesci sono comunque meno accusati contenere mercurio” afferma FoodWatch.

La lettera di protesta

Foodwatch aveva, già nel 2015 svelato i piani della Commissione europea per allentare i limiti di mercurio in alcune specie ittiche. Già più di 40.000 persone provenienti da Germania e Paesi Bassi hanno scritto alla Commissione europea e hanno chiesto di abbandonare questo piano. Adesso che la decisione appare immimente, l’Ong invita tutti a partecipare alla protesta inviando una lettera alla Commissione Ue attraverso il form messo a disposizione sul sito di Foodwatch.

Per rinfrescarVi la memoria – Tagli alla sanità: Policlinico di Chieti non ha soldi per i farmaci salvavita – Vorremmo solo ricordarvi che i politici che ci stanno condannando a morte con questi tagli, LORO e i loro familiari hanno tutti gli esami gratis !!

Tagli alla sanità

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Tagli alla sanità: Policlinico di Chieti non ha soldi per i farmaci salvavita – Vorremmo solo ricordarvi che i politici che ci stanno condannando a morte con questi tagli, LORO e i loro familiari hanno tutti gli esami gratis !!

CHIETI. L’azienda farmaceutica dell’ospedale Santissima Annunziata non ha più i soldi per garantire farmaci salvavita per diabetici e pazienti affetti da tumori o malattie cardiovascolari. Ma non è una novità.

Sono da diversi anni – scrive IlCentro,  che a settembre l’azienda esaurisce il budget destinato a questi tipi di servizi, quello erogato dalla Regione. E fino a dicembre è tradizione continuare ad andare aventi a tentoni, aspettando che arrivino nuove risorse.

A spiegarci la situazione è il medico di base e consigliere comunale del gruppo Chieti per Chieti, Diego Ferrara: «Ci sono tanti pazienti che non sanno più cosa fare. L’azienda farmaceutica dell’ospedale non riesce più a rifornire i malati di anti-diabetici, anti-tumorali e anti-coagulanti contro le malattie cardiovascolari». È una situazione che ha raggiunto l’apice della gravità: «Da tempo si arriva a settembre e puntualmente si verifica tutto ciò. Le risorse regionali non bastano più, dopo i diversi tagli operati nella sanità a livello nazionale. Tuttavia, sono state davvero tante le segnalazioni del problema nel corso del tempo».

Una fase emergenziale acuita, ricorda sempre Ferrara, da una platea sempre più ampia di utenti e dal fatto che le farmacie esterne e i depositi non riescono più a sopperire alla richiesta. Ma i tagli strutturali nella sanità operati dai piani alti, sostiene il consigliere di “Chieti per Chieti”, sono frutto di una chiara scelta politica: «Non possiamo scaricare il peso della crisi sulle spalle delle persone affette da patologie così gravi». Anche perché i farmaci salvavita devono essere somministrati giornalmente, dunque qualsiasi tipo di attesa non può far altro che peggiorare una realtà già di per sé drammatica.

tratto da: Ma lo volete saperehttp://www.stopeuro.org/tagli-alla-sanita-policlinico-di-chieti-non-ha-soldi-per-i-farmaci-salvavita/

 

Tagliano la sanità pubblica ma si godono quella privata (TOMMASO RODANO – Il Fatto Quotidiano)
zzz1
Privilegi Ecco le garanzie mediche per deputati, senatori, ex onorevoli, parenti e conviventi (anche omosessuali)   L’assistenza integrativa dei parlamentari vale 17 milioni di euro di rimborsi all’anno.
Non abbiamo bisogno di dare altre garanzie ai parlamentari, ma di farli diventare sempre più normali”.Firmato Matteo Renzi, il 14 febbraio 2013: era ancora rottamatore (e sindaco di Firenze). È passata un po’ di acqua sotto i ponti: il giovane rampante che contestava i privilegi di deputati e senatori si è fatto largo a spallate fino a Palazzo Chigi. Ma i parlamentari, nel frattempo,non sono diventati “più normali” di prima. Nei giorni in cui lo stesso Renzi,da presidente del Consiglio, annuncia altri due miliardi di tagli al servizio sanitario nazionale, da aggiungere ai 2,3 pattuiti a luglio, può essere utile ricordare quanto sia profonda la differenza tra l’accesso alle cure di un cittadino comune e quello di un onorevole.  
A votare sulla dieta della sanità pubblica, infatti, sono le stesse persone che godono di un sistema di assistenza sanitaria integrativa. Una sorta di “mutua privata”, costosa, efficiente e molto distante dalle esperienze di chi frequenta gli ospedali pubblici. A scanso di equivoci:il discorso potrebbe essere esteso adiverse categorie professionali che godono dello stesso beneficio,a cominciare dai giornalisti. Un privilegio resta un privilegio.Diventa meno sopportabile, però, quando riguarda le persone che decidono le politiche pubbliche.   Cure per tutti:   anche conviventi gay   Funziona così: una parte del corposo stipendio dei parlamentari serve a coprire l’iscrizione all’Asi. La quota è proporzionale all’indennità degli onorevoli. È molto alta, quindi: 526,66 euro al mese per i deputati e 540,27 per i senatori. In compenso, il piccolo sacrificio – rispetto alla busta paga, che tra le varie voci è vicina agli 11 mila euro   – consente di farsi rimborsare quasi per intero (il 90 per cento) qualsiasi tipo di prestazione, dal ricovero ospedaliero fino a l l e l e n t i a contatto.  Deputati e senatori son o i s c r i t t i d’ufficio al fondo integrativo (per r i n u n c i a r e devono fare richiesta) e possono estendere la copertura a coniugi, figli e semplici conviventi con un sovrapprezzo di 50 euro al mese. La legge sulle unioni civili viene rimandata di continuo, le coppie gay per lo Stato italiano non esistono, ma in Parlamento – e solo in Parlamento – quest’ingiustizia è sanata: dal 2013 gli onorevoli omosessuali possono mettere al riparo i propri compagni dalle incertezze della sanità pubblica. Il fondo riguarda anche e soprattutto gli ex parlamentari: quelli cessati dal mandato (insieme ai familiari), fanno come al solito la parte del leone. Oltre a loro, la sanità integrativa spetta a giudici della Corte costituzionale, giudici emeriti e famiglie a carico. A differenza dei costi delle prestazioni sanitarie, che continuano a crescere, la quota associativa è la stessa da quasi 10 anni, come si legge nel rendiconto della Camera per l’anno 2014: “Il calcolo delle quote di contribuzione è basato sulla misura dell’indennità parlamentare vigente nell’anno 2006 e non più aggiornato”.   I rimborsi, nel 2014, sono costati 11 milioni e 150 mila euro per la Camera e 6 milioni e 100 mila euro per il Senato. Intutto fanno oltre 17 milioni di euro di prestazioni sanitarie in un solo anno, da dividere per circa 5.600 iscritti, tra parlamentari ed ex. Le casse delle Asi, in ogni caso, sono in equilibrio: le quote versate coprono i costi per intero.   L’assistenza integrativa copre davvero qualsiasi tipo di intervento medico: ricovero, parto, prestazioni odontoiatriche , protesi e apparecchiature, accertamenti diagnostici, sedute psicoterapeutiche e persino cure termali (che però, almeno, sono rimborsate solo a chi soffre di cardiopatia o ha subito lesioni fisiche o cerebrali).   Gesso, lenti, elettroshock Il tariffario è completo   Ogni voce ha una tariffa rimborsabile: occhiali da vista e lenti a contatto arrivano fino a 350 euro l’anno, per l’impianto di un dente si ha diritto a 387,34 euro, per l’“ablazione del tartaro” fino a 51,65. Il deputato che non chiude occhio può farsi rimborsare una “cura del sonno” da 516 euro e addirittura l’“elettroshock con narcosi”, fino a 154 euro. Per farsi togliere il gesso, si possono riavere indietro 51,65 euro.   Le spese per le cure, oltre ad essere rimborsate, a fine anno possono essere portate in detrazione sui redditi.

Articolo intero su Il Fatto Quotidiano del 04/10/2015.

 

Gino Strada senza freni: “No alla sanità privata, uno schifo trarre profitto dal dolore” !!

Gino Strada

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

Gino Strada senza freni: “No alla sanità privata, uno schifo trarre profitto dal dolore” !!

 

“Se io diventassi ministro della Salute farei tre cose: basta convenzioni con il privato, quelle in atto a scadenza non le rinnoverei, rivisiterei quelle in essere e se non portano beneficio alle persone, si annullano”. Lo ha detto Gino Strada, fondatore di Emergency, nel corso dell’incontro con gli studenti della Scuola di Medicina e Chirurgia, presieduta da Luigi Califano, dell’Universita’ di Napoli Federico II. La medicina deve essere pubblica, di alta qualita’ e gratuita per tutti. Non ho mai preso un euro ne’ mai fatto una visita a pagamento”. Lo ha detto Gino Strada, fondatore di Emergency, nel corso dell’incontro con gli studenti della Scuola di Medicina e Chirurgia, presieduta da Luigi Califano, dell’Universita’ di Napoli Federico II. “La medicina deve essere una zona sacra – ha affermato – libera dal profitto. E’ aberrante che esista un banco dei farmaci la dice lunga sul degrado”. “Non ho mai chiesto a nessuno chi fosse, di quale partito – ha aggiunto – per me sei una persona che soffre e ha bisogno di cure”. “In Italia non abbiamo piu’ un sistema sanitario nazionale ma regionale – ha sottolineato – quindi 20 sistemi diversi, una idea geniale”. “Mi dispiace per i direttori generali, 19 su 20 si troverebbero disoccupati – ha aggiunto – Questo sistema, a mio modo di vedere, e’ stato oggetto di una specie di macelleria sociale perche’ quando ci si mette di mezzo la politica e’ inevitabile”. “E’ successo che si sono spalancate le porte al profitto – ha concluso – e credo che se vogliamo essere societa’ dobbiamo darci qualche regola perche’ ci sono aree che non possono essere sottoposte a profitto”.

Sassari, scoperto un pesticida del tutto naturale – le lobby insabbieranno anche questo?

 

pesticida

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Sassari, scoperto un pesticida del tutto naturale – le lobby insabbieranno anche questo?

 

Sassari, scoperto un pesticida naturale

Individuato potere di un batterio che protegge le colture

Un team di ricercatori dell’Università di Sassari ha individuato il potere pesticida naturale di un batterio, il “brevibacillus laterosporus”, che protegge le colture e salvaguarda l’ambiente. Approdata sulle pagine della rivista “Scientific Reports” del gruppo “Nature”, la ricerca ha portato allo sviluppo di un brevetto internazionale a firma dell’ateneo sassarese.

La crescita della popolazione globale impone l’incremento delle produzioni agrarie e zootecniche, rendendo necessario lo sviluppo di tecnologie per aumentare le produzioni, in linea con i principi di salvaguardia ambientale. La tutela dai parassiti delle colture e degli animali in allevamento deve basarsi più sull’uso di pesticidi a basso impatto ambientale, e la comunità scientifica e industriale è da anni impegnata nello sviluppo di nuovi bio-pesticidi naturali. Così nasce lo studio del gruppo coordinato dal ricercatore di Entomologia Luca Ruiu e composto dai dottori di ricerca Maria Giovanna Marche, Maria Elena Mura e Giovanni Falchi.

I ricercatori hanno scoperto nuovi fattori di virulenza di origine proteica prodotti dal batterio, che colpiscono gli insetti nocivi e sono letali per i parassiti delle piante ma innocui per l’uomo e per gli animali a sangue caldo. Lo studio è il frutto di due progetti, finanziati uno dal Por Fesr Sardegna 2007-2013 e l’altro dal Prin del ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca. “Il know how e gli sforzi dei ricercatori universitari possono portare a risultati importanti dal punto di vista accademico – sottolinea Luca Ruiu – e a risvolti significativi nel trasferimento tecnologico delle conoscenze in campo industriale”.

Fonte ANSA

http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2017/03/18/sassari-scoperto-un-pesticida-naturale_62b131ee-f27a-4eb2-9284-2229b44404dd.html

L’Allarme di Coldiretti: + 680% import di pomodoro da Cina!! …Rendiamoci conto di quali porcherie ci rifilano come Made in Italy tutti i giorni!!

 

Coldiretti

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

L’Allarme di Coldiretti: + 680% import di pomodoro da Cina!! …Rendiamoci conto di quali porcherie ci rifilano come Made in Italy tutti i giorni!!

Sono aumentate del 680 % le importazioni di concentrato di pomodoro dalla Cina che hanno raggiunto circa 70 milioni di chili nel 2015, pari a circa il 10 per cento della produzione nazionale in pomodoro fresco equivalente. E’ l’allarme lanciato dalla Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi ai primi undici mesi del 2015, nel denunciare il rischio concreto che venga spacciato come Made in Italy sui mercati nazionali ed esteri per la mancanza dell’obbligo di indicare in etichetta la provenienza. Dalla Cina – sottolinea la Coldiretti – si sta assistendo ad un crescendo di navi che sbarcano fusti di oltre 200 chili di peso con concentrato di pomodoro da rilavorare e confezionare come italiano poiché nei contenitori al dettaglio è obbligatorio indicare solo il luogo di confezionamento, ma non quello di coltivazione del pomodoro. Un commercio che va reso trasparente – continua la Coldiretti – con l’obbligo ad indicare in etichetta l’origine degli alimenti che attualmente vale in Italia solo per la passata di pomodoro ma non per il concentrato o per i sughi pronti. A rischio – sostiene la Coldiretti – c’è uno dei settori simbolo del Made in Italy nel mondo a causa della concorrenza sleale del prodotto importato.  Al nord come al sud – spiega la Coldiretti – non sono ancora state definite le condizioni contrattuali per il raccolto 2016 perché insieme ad un contenimento delle superfici coltivate viene proposta anche una riduzione anche superiore del 10-15% del prezzo pagato agli agricoltori che non è sostenibile. Aumento record delle importazioni riduzioni dei prezzi pagati agli agricoltori e taglio delle superfici – continua la Coldiretti – prefigurano uno scenario preoccupante per il prodotto simbolo della dieta mediterranea.

Peraltro l’84 per cento degli italiani peraltro ritiene – precisa la Coldiretti – che sia molto importante che l’etichetta riporti la provenienza della materia prima impiegata per la frutta e verdura trasformata come i derivati del pomodoro, secondo la consultazione pubblica on line sull’etichettatura dei prodotti agroalimentari condotta dal ministero delle Politiche Agricole, che ha coinvolto 26.547 partecipanti sul sito del Mipaaf dal novembre 2014 a marzo 2015. Un risultato che, sulla base del regolamento comunitario n.1169 del 2011, entrato in vigore il 13 dicembre del 2014, consente all’Italia – sostiene la Coldiretti – di introdurre norme nazionali in materia di etichettatura obbligatoria di origine geografica degli alimenti.

 

La Cina – riferisce la Coldiretti – ha iniziato la coltivazione di pomodoro per l’industria nel 1990 e oggi, dopo aver superato l’Unione Europea, rappresenta il secondo bacino di produzione dopo gli Stati Uniti. Ma il gigante asiatico – ricorda la Coldiretti – anche nel 2015 ha conquistato il primato nel numero di notifiche per prodotti alimentari irregolari perché contaminati dalla presenza di micotossine, additivi e coloranti al di fuori dalle norme di legge, da parte dell’Unione Europea, secondo una elaborazione della Coldiretti sulla base della Relazione sul sistema di allerta per gli alimenti. Su un totale di 2967 allarmi per irregolarità segnalate in Europa ben 386 (13%) – precisa la Coldiretti – hanno riguardato la Cina.

 

Il pomodoro è il condimento maggiormente acquistato dagli italiani. Nel settore del pomodoro da industria – conclude la Coldiretti – sono impegnati in Italia oltre 8mila imprenditori agricoli che coltivano su circa 72.000 ettari, 120 industrie di trasformazione in cui trovano lavoro ben 10mila persone, con un valore della produzione superiore ai 3,3 miliardi di euro.
fonte: http://www.coldiretti.it/News/Pagine/176-%E2%80%93-6-Marzo-2016.aspx

…E ancora una domanda: nei supermercati troviamo solo le mandorle californiane a 14,5 Euro al chilo! Ma che fine hanno fatto le nostre insuperabili mandorle siciliane?

mandorle

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

…E ancora una domanda: nei supermercati troviamo solo le mandorle californiane a 14,5 Euro al chilo! Ma che fine hanno fatto le nostre insuperabili mandorle siciliane?

Siamo alla follia! Dopo i limoni a 3,5 Euro al chilogrammo ecco le mandorle califoniane a 14,5 Euro al chilogrammo. Con questi prezzi i nostri agricoltori che producono mandorle sarebbero miliardari! Invece a loro li stanno facendo fallire, perché fino a qualche anno fa le mandorle siciliane erano così deprezzate che nemmeno valeva la pena di raccoglierle. Oggi, mentre i nostri agricoltori sono al fallimento ci propinano le mandorle americane e chissà di quali altri Paesi. Mandorle ‘estere’ che presentano aflatossine. Mentre le nostre mandorle totalmente prive di veleni – rimangono sugli alberi… E la regione siciliana che fa? Distribuisce mance del PSR!

Dopo i limoni a 3 Euro e mezzo al chilogrammo della pazza estate che ci siamo lasciati alle spalle (vicenda sulla quale il Codacons ha presentato un esposto, come potete leggere qui), ci tocca sorbirci un’altra assurdità: le mandorle californiane vendute nei supermercati di Palermo a 14,5 Euro al chilogrammo! Vi sembra normale che in Sicilia – che insieme con la Puglia è la regione mandorlicola per eccellenza – i cittadini debbano acquistare le mandorle americane a 14,5 Euro al chilogrammo? Vi sembra normale che questo succede perché gli agricoltori siciliani hanno abbandonato questa coltura – che fa parte della nostra storia e della nostra tradizione – perché i prezzi delle mandorle, fino a qualche anno fa, erano troppo bassi, e ora scopriamo che la grande distribuzione organizzata vende ai Siciliani le mandorle californiane a un prezzo esorbitante?

Intanto per quale motivo dobbiamo acquistare mandorle californiane? Possibile che in Sicilia non dobbiamo mangiare le nostre mandorle? Se la grande distribuzione avesse venduto le mandorle siciliane – che non hanno nulla da invidiare alle mandorle californiane – allo stesso prezzi, i nostri agricoltori produttori di mandorle sarebbero miliardari! Altro che abbandono degli alberi di mandorlo!

Credeteci: quello che sta succedendo con il mandorlo in Sicilia non è normale: è, lo ribadiamo, un’assurdità. Per i Siciliani acquistare mandorle californiane è una pura follia!

Nel 2010, in Sicilia, si contavano ancora 48 mila ettari di superficie coltivata a mandorlo. Forse la stima era un po’ eccessiva: magari aree agricole consociate con altre colture (per esempio, con l’olivo e con la vite) sono state considerate zone a mandorlo. Chissà. Ma il Coordinamento regionale delle aziende siciliane della filiera mandorlicola, beh, questo è stato costituito per davvero. Un’iniziativa del Consorzio della mandorla di Avola (forse la varietà di mandorla siciliana più nota: di certo la più ricercata per la produzione dei tradizionali confetti) e degli agricoltori di Agrigento, altra provincia mandorlicola per antonomasia (insieme con le province di Caltanissetta, di Enna e, naturalmente, di Siracusa).

Insomma, un’iniziativa concreta per tutelare e rilanciare la mandorla siciliana, sei anni fa, è stata messa in piedi. Con il patrocinio dell’assessorato regionale delle risorse agricole e alimentari, filiera frutta secca (come potete leggere qui). Tenete conto che in queste quattro province – Siracusa, Agrigento, Caltanissetta ed Enna si concentra l’82% circa delle piantagioni di mandorle della Sicilia.

Sei anni fa il quadro era chiaro: già allora si sapeva che le mandorle siciliane erano letteralmente “aggredite dalla concorrenza straniera”. Una concorrenza che gli agricoltori siciliani e la stessa Regione siciliana conoscevano bene, se è vero che, dalla fine degli anni ’80 del secolo passato, la superficie a mandorli della Sicilia aveva subito un tracollo, con il dimezzamento degli impianti.

Già anche allora si parlava di assurdità: la domanda mondiale di mandorle cresceva mentre la Sicilia dimezzava la superficie investita a mandorle. Perché? Perché in Sicilia, agli agricoltori, le mandorle venivano pagare a prezzi stracciati!

E’ evidente che, già allora, era in corso una manovra per fare fuori la mandorlicoltura siciliana. I risultati li possiamo ‘apprezzare’ oggi. Ecco le mandorle californiane che la grande distribuzione organizzata ci vende a 14,5 Euro. La ‘colonizzazione’ è perfettamente riuscita.

Noi, ieri, sempre a Palermo, ci siamo fatti il giro tra i supermercati. E abbiamo scoperto quanto segue. Che si possono acquistare mandorle non californiane a 6-7 Euro al chilogrammo. Prezzo che, attenzione, sarebbe già remunerativo per gli agricoltori siciliani. Infatti, se i produttori di mandorle di Siracusa, di Agrigento, di Caltanissetta e di Enna (volendo, anche i produttori di Palermo, Ragusa, Catania Messina e Trapani, che rappresentano il 18% della produzione siciliana) potessero vendere le propria mandorle ai commercianti a 3,5-4 Euro al chilogrammo non avrebbero certo di che lamentarsi.

Ma, a quanto pare, non è così. Anche perché le mandorle che si vendono a 6-7 Euro al chilogrammo non sono ‘tracciabili’: cioè non è possibile stabilire da dove arrivano. Magari sono anche siciliane: ma nella dicitura questo non viene indicato. Viceversa, le mandorle californiane sono ‘tracciabli’: infatti c’è scritto, per l’appunto, che sono mandorle californiane.

Siamo all’ennesima assurdità: le mandorle californiane sono riconoscibili, quelle siciliane, no. Tutto questo in Sicilia!

Non è finita. Molte delle mandorle che arrivano dall’universo mondo – comprese quelle californiane – sono coltivate e, soprattutto conservate in presenza di umidità. Risultato: sono mandorle che contengono tossine molto pericolose per la salute umana: le aflatossine.

Un europarlamentare siciliano eletto in Sicilia (precisazione d’obbligo, perché ormai, sia al parlamento nazionale, sia al parlamento europeo abbiamo anche i parlamentari e gli europarlamentari eletti in Sicilia, ma non siciliani!) – Giovanni La Via – già da qualche anno sta provando a fare introdurre nelle mandorle siciliane l’etichettatura “senza aflatossine”.

Infatti le mandorle prodotte in Sicilia e in Puglia, grazie al clima tipico del nostro Sud Italia, non presentano aflatossine, perché i funghi che li producono (Aspergillus) crepano ‘cotti’ dal sole. E’ lo stesso discorso del nostro grano duro, che non presenta le micotossine perché le alte temperature lo impediscono.

fonte: http://www.inuovivespri.it/2016/11/03/le-mandorle-californiane-a-145-euro-al-chilogrammo-che-fine-hanno-fatto-le-mandorle-siciliane/#more-16345

Per non dimenticare. Perchè se dimentichiamo vincono “loro”: 23 anni fa ucciso dalla camorra Don Peppe Diana – La sua accusa “Per amore del mio popolo non tacerò”, fu anche la sua condanna a morte!

Don Peppe Diana

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

 

Per non dimenticare. Perchè se dimentichiamo vincono “loro”: 23 anni fa ucciso dalla camorra Don Peppe Diana – La sua accusa “Per amore del mio popolo non tacerò”, fu anche la sua condanna a morte!

 

“PER AMORE DEL MIO POPOLO”

Il documento diffuso a natale del 1991 in tutte le chiese di Casal di Principe e della zona aversana da don Peppino Diana e dai parroci della forania di Casal di Principe.

Siamo preoccupati

Assistiamo impotenti al dolore di tante famiglie che vedono i loro figli finire miseramente vittime o mandanti delle organizzazioni della camorra. Come battezzati in Cristo, come pastori della Forania di Casal di Principe ci sentiamo investiti in pieno della nostra responsabilità di essere “segno di contraddizione”. Coscienti che come chiesa “dobbiamo educare con la parola e la testimonianza di vita alla prima beatitudine del Vangelo che é la povertà, come distacco dalla ricerca del superfluo, da ogni ambiguo compromesso o ingiusto privilegio, come servizio sino al dono di sé, come esperienza generosamente vissuta di solidarietà”.

La Camorra

La Camorra oggi é una forma di terrorismo che incute paura, impone le sue leggi e tenta di diventare componente endemica nella società campana. I camorristi impongono con la violenza, armi in pugno, regole inaccettabili: estorsioni che hanno visto le nostre zone diventare sempre più aree sussidiate, assistite senza alcuna autonoma capacità di sviluppo; tangenti al venti per cento e oltre sui lavori edili, che scoraggerebbero l’imprenditore più temerario; traffici illeciti per l’acquisto e lo spaccio delle sostanze stupefacenti il cui uso produce a schiere giovani emarginati, e manovalanza a disposizione delle organizzazioni criminali; scontri tra diverse fazioni che si abbattono come veri flagelli devastatori sulle famiglie delle nostre zone; esempi negativi per tutta la fascia adolescenziale della popolazione, veri e propri laboratori di violenza e del crimine organizzato.

Precise responsabilità politiche

E’ oramai chiaro che il disfacimento delle istituzioni civili ha consentito l’infiltrazione del potere camorristico a tutti i livelli. La Camorra riempie un vuoto di potere dello Stato che nelle amministrazioni periferiche é caratterizzato da corruzione, lungaggini e favoritismi. La Camorra rappresenta uno Stato deviante parallelo rispetto a quello ufficiale, privo però di burocrazia e d’intermediari che sono la piaga dello Stato legale. L’inefficienza delle politiche occupazionali, della sanità, ecc; non possono che creare sfiducia negli abitanti dei nostri paesi; un preoccupato senso di rischio che si va facendo più forte ogni giorno che passa, l’inadeguata tutela dei legittimi interessi e diritti dei liberi cittadini; le carenze anche della nostra azione pastorale ci devono convincere che l’Azione di tutta la Chiesa deve farsi più tagliente e meno neutrale per permettere alle parrocchie di riscoprire quegli spazi per una “ministerialità” di liberazione, di promozione umana e di servizio. Forse le nostre comunità avranno bisogno di nuovi modelli di comportamento: certamente di realtà, di testimonianze, di esempi, per essere credibili.

Impegno dei cristiani

Il nostro impegno profetico di denuncia non deve e non può venire meno. Dio ci chiama ad essere profeti. – Il Profeta fa da sentinella: vede l’ingiustizia, la denuncia e richiama il progetto originario di Dio (Ezechiele 3,16-18); – Il Profeta ricorda il passato e se ne serve per cogliere nel presente il nuovo (Isaia 43); – Il Profeta invita a vivere e lui stesso vive, la Solidarietà nella sofferenza (Genesi 8,18-23); – Il Profeta indica come prioritaria la via della giustizia (Geremia 22,3 -Isaia 5) Coscienti che “il nostro aiuto é nel nome del Signore” come credenti in Gesù Cristo il quale “al finir della notte si ritirava sul monte a pregare” riaffermiamo il valore anticipatorio della Preghiera che é la fonte della nostra Speranza.

NON UNA CONCLUSIONE: MA UN INIZIO

Appello

Le nostre “Chiese hanno, oggi, urgente bisogno di indicazioni articolate per impostare coraggiosi piani pastorali, aderenti alla nuova realtà; in particolare dovranno farsi promotrici di serie analisi sul piano culturale, politico ed economico coinvolgendo in ciò gli intellettuali finora troppo assenti da queste piaghe” Ai preti nostri pastori e confratelli chiediamo di parlare chiaro nelle omelie ed in tutte quelle occasioni in cui si richiede una testimonianza coraggiosa; Alla Chiesa che non rinunci al suo ruolo “profetico” affinché gli strumenti della denuncia e dell’annuncio si concretizzino nella capacità di produrre nuova coscienza nel segno della giustizia, della solidarietà, dei valori etici e civili (Lam. 3,17-26). Tra qualche anno, non vorremmo batterci il petto colpevoli e dire con Geremia “Siamo rimasti lontani dalla pace… abbiamo dimenticato il benessere… La continua esperienza del nostro incerto vagare, in alto ed in basso,… dal nostro penoso disorientamento circa quello che bisogna decidere e fare… sono come assenzio e veleno”.

Forania di Casal di Principe (Parrocchie: San Nicola di Bari, S.S. Salvatore, Spirito Santo – Casal di Principe; Santa Croce e M.S.S. Annunziata – San Cipriano d’Aversa; Santa Croce – Casapesenna; M. S.S. Assunta – Villa Literno; M.S.S. Assunta – Villa di Briano; SANTUARIO DI M.SS. DI BRIANO ).