È allarme Sanità: 12,2 milioni di italiani rinunciano alle cure per motivi economici. Ora non è essere pro o contro i VACCINI, ma credete veramente che uno Stato che consente tutto questo possa avere a cuore la vostra salute?

Sanità

 

Sanità

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

È allarme Sanità: 12,2 milioni di italiani rinunciano alle cure per motivi economici. Ora non è essere pro o contro i VACCINI, ma credete veramente che uno Stato che consente tutto questo possa avere a cuore la vostra salute?

Qui non si tratta più di essere pro o contro i VACCINI.

Ma uno Stato che consente a 12,2 milioni di cittadini (1 su 5) di rinunciare alle cure per motivi economici, che poi è lo stesso Stato che ha detto SI alla Legge Fornero, che ha voluto il Jobs Act e che si è inventato il Salvabanche (N.b. andate a leggere il Vostro estratto conto: ci troverete una sorpresa da 24 Euro e qualche centesimo. E’ la Vostra quota per salvare le banche rovinate da tizi che ora sorseggiano champagne alle Maldive alla faccia vostra), ma credete veramente che uno Stato del genere, uno Stato che consente tutto questo, possa avere a cuore la vostra salute?

Pensateci…

By Eles

ALLARME SANITÀ: 12,2 MILIONI DI ITALIANI RINVIANO LE CURE PER MOTIVI ECONOMICI

Ben 12,2 milioni di italiani nell’ultimo anno hanno rinunciato o rinviato almeno una prestazione sanitaria per ragioni economiche: 1,2 milioni in più rispetto all’anno precedente.

Lo rileva il settimo Rapporto Rbm-Censis sulla sanità pubblica, privata e intermediata. Inoltre, continua a crescere la spesa sanitaria privata che nel 2016 è arrivata a 37,3 miliardi di euro ed è sostenuta in grandissima parte direttamente dalle famiglie.

L’Italia continua ad avere una spesa sanitaria pubblica in rapporto al Pil inferiore a quella di altri grandi Paesi europei. Nel nostro Paese è pari al 6,8% del Pil, in Francia all’8,6%, in Germania al 9%.

In questi anni il recupero di sostenibilità dei servizi sanitari regionali non è stato indolore e ha impattato sulla copertura per i cittadini.

Aumentate le difficoltà di accesso al sistema pubblico – Le liste d’attesa sono sempre più lunghe. I dati del Rapporto RBM-Censis indicano che per una mammografia si attendono in media 122 giorni (60 in più rispetto al 2014) e nel Mezzogiorno l’attesa arriva in media a 142 giorni.

Per una colonscopia l’attesa media è di 93 giorni (6 giorni in più rispetto al 2014), ma al Centro di giorni ce ne vogliono mediamente 109.

Per una risonanza magnetica si attendono in media 80 giorni (6 giorni in più rispetto al 2014), ma al Sud sono necessari 111 giorni.

Per una visita cardiologica l’attesa media è di 67 giorni (8 giorni in più rispetto al 2014), ma l’attesa sale a 79 giorni al Centro.

Per una visita ginecologica si attendono in media 47 giorni (8 giorni in più rispetto al 2014), ma ne servono 72 al Centro.

Per una visita ortopedica 66 giorni (18 giorni in più rispetto al 2014), con un picco di 77 giorni al Sud.

Fonte: http://www.tgcom24.mediaset.it/salute/sanita-censis-12-2-mln-italiani-rinviano-cure-per-motivi-economici_3086943-201702a.shtml

 

 

È allarme Sanità: 12,2 milioni di italiani rinunciano alle cure per motivi economici. Ora non è essere pro o contro i VACCINI, ma credete veramente che uno Stato che consente tutto questo possa avere a cuore la vostra salute?ultima modifica: 2017-07-31T21:24:07+00:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento