Attenzione – Studio Usa: mortalità più alta per i pazienti seguiti da medici ultrasessantenni

mortalità

 

mortalità

.

seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping

.

.

Attenzione – Studio Usa: mortalità più alta per i pazienti seguiti da medici ultrasessantenni

Il lavoro scientifico ha valutato l’assistenza a 730 anziani. “Ma se i professionisti hanno casistica alta le differenze d’età si annullano”. In Italia circa 26mila camici bianchi hanno più di 60 anni.

I PAZIENTI ospedalieri curati da medici più anziani hanno una mortalità più alta di quelli seguiti da professionisti più giovani. Alla conclusione arriva uno studio del British Medical Journal pubblicato ieri. C’è però un’eccezione, dice sempre il lavoro scientifico, e riguarda i professionisti con una casistica ampia. In quel caso l’esito delle cure è in linea con la media anche per i dottori in là con gli anni.

La ricerca. Lo studio è stato condotto da Yusuke Tsugawa della Harvard T. H. Chan school of public health ed è osservazionale. E’ stata analizzata la mortalità a 30 giorni dal ricovero di circa 730mila pazienti dai 65 anni in su seguiti da 19mila medici, in un arco di tempo compreso tra il 2011 e il 2014 in vari ospedali statunitensi. La mortalità media è stata dell’11,1% ed è salita di circa l’1% nei malati seguiti da medici con più di 60 anni (nella fascia di età under 40 il dato è del 10,8%, in quella tra 40 e 49 dell’11,1, in quella tra 50 e 59 dell’11,3 e in quella over 60, appunto, del 12,1). I risultati “sono stati raggiunti – è scritto dai ricercatori – considerando medici con bassi o medi volumi di pazienti ma non con quelli che li hanno alti”. Lavorare su tanti casi rende l’efficacia dell’assistenza simile tra i professionisti più giovani e quelli anziani. Sono state anche osservate le riammissioni, che vengono utilizzate come spie del fatto che qualcosa non abbia funzionato nel primo ricovero. Su queste però non ci sono differenze a seconda dell’età del medico che ha seguito il malato poi rientrato in ospedale.

L’Italia. La ricerca riguarda gli Stati Uniti ma fa riflettere anche in Italia, dove per vari fattori, ma principalmente per i blocchi del turn over e i problemi di reclutamento, l’età media dei camici bianchi è in crescita. “Nel nostro Paese ci sono oltre 26mila medici del servizio sanitario ultrasessantenni su circa 100mila – dice Massimo Cozza della Cgil medici – E’ ora di stabilizzare i precari e sbloccare le assunzioni. E in più abbiamo fatto la richiesta insieme a Cisl e Uil di dare la possibilità di non fare le guardie notturne ai professioniti di oltre 60″. Inoltre c’è il discorso della casistica. “Su questo abbiamo sempre che detto le attività devono essere concentrate in centri che hanno un adeguato numero di malati perché è ormai chiaro che lavorare poco è lavorare male”. Il riferimento è anche ai tanti piccoli ospedali ancora aperti nel nostro Paese.

fonte: http://www.repubblica.it/salute/2017/05/17/news/studio_usa_mortalita_piu_alta_per_i_pazienti_seguiti_da_medici_ultrasessantenni-165647001/?ref=fbp5

Attenzione – Studio Usa: mortalità più alta per i pazienti seguiti da medici ultrasessantenniultima modifica: 2017-07-02T22:27:23+00:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento